molino-municipio-di-lugano-un-anno-di-braccio-di-ferro
Ti-Press
Un lungo muro contro muro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
4 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
4 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
4 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
5 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
5 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
5 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
5 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
6 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
6 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
6 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
6 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
6 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
6 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
6 ore

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
7 ore

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
7 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
7 ore

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
9 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
9 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
9 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
29.12.2021 - 21:44
Aggiornamento: 22:52

Molino-Municipio di Lugano: un anno di braccio di ferro

Dopo anni di incomunicabilità, gli episodi di scontro sono iniziati nell’autunno 2020, passando dallo zenit della demolizione, fino agli ultimi sviluppi

Dura ormai da più di un anno il braccio di ferro fra Municipio di Lugano e autonomi. Quest’ultimi storceranno probabilmente il naso, avendo smentito il coinvolgimento nell’episodio, ma di fatto le attenzioni di politica, mass media e opinione pubblica sull’autogestione risalgono alla manifestazione indetta nell’autunno del 2020 in piazza Molino Nuovo sfociata in una testata data a una giornalista. Certo, i problemi c’erano già prima: era da circa un lustro che la comunicazione fra le parti si era praticamente interrotta e accuse incrociate e manifestazioni si ripetevano con regolarità. Tuttavia, complice una campagna elettorale interminabile e particolarmente aspra, è da ottobre 2020 che i toni si alzano pericolosamente.

A marzo la goccia che ha fatto traboccare il vaso

Per arrivare a parlare apertamente di sgombero bisognerà aspettare il marzo di quest’anno. L’8 viene organizzata un’altra manifestazione non autorizzata, stavolta alla Stazione Ffs, che degenera in scontri con la polizia: lanci di sassi e bottiglie contro agenti già arrivati in loco in tenuta antisommossa. «È la goccia che ha fatto traboccare il vaso», per gli allora sindaco e vice Marco Borradori e Michele Bertini. Un’occasione, a poco più di un mese dalle elezioni, per il Municipio per risolvere quello che considera a tutti gli effetti un problema: dieci giorni dopo i tafferugli viene notificata la disdetta alla convenzione sottoscritta nel 2002 fra Municipio, Consiglio Stato e, in rappresentanza degli autonomi, associazione Alba. Agli occupanti dell’ex Macello le autorità concedono venti giorni per lasciare lo stabile. L’esecutivo, nonostante l’intimazione, assicura di restare aperto al dialogo per trovare una soluzione alternativa. Dialogo però mai instaurato, tanto che le due diffide recapitate a cavallo delle elezioni, non sortiscono effetti.

Il weekend di fuoco

In piena procedura di sfratto, gli ultimi due arrivati a Palazzo civico tentano la carta del dialogo: Karin Valenzano Rossi, diventata capodicastero Sicurezza, e Filippo Lombardi si recano all’ex Macello parlando con alcuni autogestiti. Incontro che avviene pochi giorni prima del tumultuoso weekend del 29 e 30 maggio. Sabato pomeriggio una manifestazione –pacifica – viene seguita dall’occupazione – evidentemente illegale, ma simbolica spiegheranno poi gli autori – dell’ex istituto Vanoni. Vengono attuati lo sgombero dell’ex Macello e la demolizione parziale della struttura. Le ruspe intervengono nel cuore della notte: una sorpresa per tutti. Il caso crea una forte frattura. Il finesettimana successivo una nuova manifestazione mobilita oltre 2’000 persone, la maggior parte delle quali non sono autogestiti. Il Municipio intanto, dopo una prima, e poco chiara, difesa dell’operato si chiude dietro il silenzio stampa. A causa di una denuncia penale contro ignoti presentata dai Verdi, del tema non può infatti parlare. Ma le domande sono molteplici e le testate giornalistiche ricostruiscono, faticosamente e gradualmente, parti del puzzle.

Fratture e polemiche

Lo storico episodio crea una frattura anche all’interno dell’esecutivo: Roberto Badaracco (Plr) e Cristina Zanini Barzaghi (Ps) si smarcano dalla decisione e, a differenza dei cinque colleghi, non sono chiamati il 22 giugno dal procuratore generale Andrea Pagani a deporre in quanto persone informate sui fatti. La capodicastero Valenzano Rossi sarà interpellata dal titolare dell’inchiesta anche altre due volte, l’ultima delle quali in qualità di imputata. I dubbi riguardano soprattutto la procedura edilizia – la licenza per demolire non c’era – e la presenza di amianto. Il 2 luglio si saprà poi che questo era effettivamente presente tra le macerie, anche se non in misura sufficiente per minacciare la salute degli abitanti del quartiere: un sollievo. Il tempo passa, ma le polemiche non si spengono. Ad alimentarle contribuiscono anche scelte poco assennate del Municipio, come quella di far tenere l’allocuzione del 1° agosto proprio alla neomunicipale, sebbene fosse stata annunciata una protesta con fischi. Questa, e il discorso di Valenzano Rossi con numerosi riferimenti ai fischi e agli autonomi, trasformano piazza della Riforma in una piccola arena ben lontana dallo spirito della Festa nazionale.

Decreto d’abbandono e ricorso

Le polemiche si placano, ma solo momentaneamente, pochi giorni dopo con la scomparsa del sindaco Marco Borradori. Con l’autunno riprendono anche le manifestazioni e i presidi, ma la partecipazione è minore rispetto alla primavera. E intanto arriva al termine l’inchiesta giudiziaria. Anticipato a fine ottobre, il decreto d’abbandono firmato dal pg viene posticipato a dicembre, in quanto nel frattempo l’avvocato degli autonomi, Costantino Castelli, ha ottenuto la richiesta di supplemento di indagini che ha trasformato provvisoriamente lo status giuridico della municipale. E le conclusioni di Pagani – errori sì, ma non penalmente perseguibili – non accontentano il legale, che presenta ricorso contro il decreto. Restano intanto aperti il fronte amministrativo, con una segnalazione alla Sezione enti locali, quello politico e – come testimoniano i fatti di oggi – quello sociale: la questione dell’autogestione è tutt’altro che risolta e un dibattito pubblico vero e proprio non c’è ancora stato.

Leggi anche:

Una testata come scusa della disobbedienza

Manifestazione alla stazione, scontri conclusi senza arresti

Lugano agli autogestiti: 20 giorni per sgomberare

Le ruspe hanno demolito il Molino

Dal corteo degli oltre 2000: 'Il Molino difeso con la forza'

Demolizione Molino, Municipio di Lugano denunciato in Procura

Borradori sentito 5 ore: sono tranquillo, la verità uscirà

Karin Valenzano Rossi interrogata oltre 2 ore come imputata

Fischi a Lugano per Karin Valenzano Rossi

Marco Borradori è morto

Ex Macello, il Pg prospetta il decreto di abbandono

Ex Macello, ‘gli errori emersi non hanno rilevanza penale’

Ex Macello di Lugano, ricorso contro il decreto d’abbandono

Demolizione ex Macello, Ghisletta (Ps) invia un'istanza d'intervento

Gli autogestiti rioccupano l’ex Macello

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autogestione ex macello lugano molino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved