borradori-sentito-5-ore-sono-tranquillo-la-verita-uscira
Il sindaco di Lugano Marco Borradori appena uscita dall'interrogatorio in Procura (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
3 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
7 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
7 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
7 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
7 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
8 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
8 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
8 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
8 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
8 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
8 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
8 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
8 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
8 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
9 ore

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
9 ore

Giudici di pace riuniti a Losone

L’Assemblea annuale si terrà sabato al Centro la Torre
22.06.2021 - 16:26
Aggiornamento : 18:39

Borradori sentito 5 ore: sono tranquillo, la verità uscirà

S'indaga anche su abuso di autorità. Cinque municipali davanti ai magistrati in contemporanea oggi per rendere conto sulla demolizione dell'ex Macello

Sono le 15 quando il sindaco di Lugano, Marco Borradori, dopo oltre cinque ore di interrogatorio quale persona informata dei fatti davanti al Pg, Andrea Pagani, titolare dell'inchiesta penale avviata per far luce sulla demolizione dell'ex Macello di Lugano, sede degli autogestiti, la notte di sabato 29 maggio, lascia il palazzo di giustizia dall'ingresso principale. 

Come è andata?, chiediamo. «È stata lunga, il procuratore pubblico è stato molto puntuale e puntiglioso nelle domande e penso di essere stato anch'io preciso nelle mie risposte. A me è parso che sia andata bene». Non appare un bel giorno per le istituzioni: un Municipio quasi in corpore chiamato in Procura a deporre. «La ricerca della verità e della giustizia è talmente importante che può richiedere - ed è giusto che richieda - lo spostamento di cinque municipali (oggi la Procura ha sentito tutti i membri dell'Esecutivo, tranne Roberto Badaracco e Cristina Zanini, che si erano opposti alla decisione di demolire l'ex Macello, ndr.).

«Anch'io sono alla ricerca della verità» - prosegue il sindaco. Tra le diverse dichiarazioni rilasciate si è palesata una certa discrepanza nelle versioni del Municipio. «Credo che le nostre dichiarazioni sono chiarissime, con un comunicato stampa inequivocabile. Quello che è stato il primo giorno, non ci aspettavamo tutto quello che è successo (...). Il tetto è sempre stata la ragione prima. È chiaro che alla base di tutto c'è stato la questione di sicurezza. Valeva prima, come vale adesso. 

'Noi non abbiamo demolito un bel niente. Ci siamo trovati di fronte a una scelta drastica' 

Ma - domanda - la notte del 29 maggio la situazione vi è allora sfuggita di mano? «Non ci è sfuggito di mano assolutamente niente». Volevate demolire il tetto ed è stato abbattuto l'intero stabile? «Noi non abbiamo demolito un bel niente». Il soggetto dell'azione, allora chi è? «Questo è una cosa che salterà fuori. Fa parte della verità. Ma io non dico niente di più di quello che voglio dire, di quello che posso dire e di quello che so. Quello che posso dire di sicuro è che io non ho buttato giù niente. E neanche il tetto ho buttato giù. Semplicemente ci siamo trovati di fronte a una scelta drastica, urgente, immediata. E abbiamo preso una decisione, l'unica che prenderei ancora adesso. Perché se qualcuno mi viene a dire che è urgente io mi fido fino a prova del contrario».

'Colpa della polizia? Io non ho detto questo. Staremo a vedere, c'è un'inchiesta' 

Quindi sarebbe colpa della polizia? «Io non ho detto questo. Staremo a vedere, c'è un'inchiesta che appurerà che tipo di colpe hanno, eventualmente, le forze dell'ordine, che colpe abbiamo avuto noi, se ne abbiamo avute. Semplicemente credo importante che comunque dei municipali vengano in Procura - e ci mancherebbe altro - e si mettano a disposizione per un certo numero di ore alla ricerca della verità, che sapremo fra X mesi, quale che sia. Io sono tranquillo. Quello che dovevo fare e quello che pensavo fosse giusto fare l'ho fatto. Poi saranno altri che diranno se ho sbagliato. Non scappo di certo, sia chiaro» - dichiara Borradori, che fa sapere inoltre di aver lasciato al procuratore generale i suoi tabulati telefonici.«Li ho lasciati spontaneamente», dice, prima di congedarsi dai giornalisti. 

Il primo a lasciare gli uffici della Procura è stato il vicesindaco, Michele Foletti 

Intanto, il primo a lasciare gli uffici della Procura, alle 13, è stato il vicesindaco di Lugano, Michele Foletti. «Non posso dire nulla», ripete come un mantra il capo dicastero finanze alle domande dei giornalisti sulla successione degli eventi e delle decisioni che hanno portato l'autorità cittadina, a maggioranza (senza l'approvazione di Roberto Badaracco e di Cristina Zanini) a dare luce verde alle ruspe la notte di sabato 29 maggio e a demolire l'ex Macello, sede degli autogestiti.  Mentre Foletti è uscito dall'ingresso laterale del palazzo di giustizia - nel luogo in cui si tengono gli incanti - venti minuti più tardi, alle 13.20, dall'angolo di via Bossi è uscito Filippo Lombardi. Un'uscita così fugace che solo i flash del fotografo sono riusciti a immortalare. Poco più tardi è la volta del municipale Lorenzo Quadri, che sostiene di non poter dire nulla, ma offre una notizia: «Almeno fino a novembre», data che potrebbe quindi segnare ipoteticamente la fine dell'inchiesta. Non ci è invece stato possibile finora raggiungere la capo dicastero polizia, Karin Valenzano Rossi. 

I cinque municipali, tutti sentiti quali persone informate dei fatti, sono stati convocati attorno alle 9. Interrogatori fiume, dunque, e durati ore. Tutti svolti in simultanea, per decisione del procuratore generale, Andrea Pagani e il procuratore pubblico capo, Arturo Garzoni, titolari della laboriosa inchiesta penale aperta nei confronti di ignoti. Rappresentante legale dell'autorità cittadina, l'avvocato Elio Brunetti. 

Nel procedimento penale aperto contro ignoti anche l'ipotesi di abuso di autorità

L'inchiesta penale sulla demolizione dell'ex Macello di Lugano, sede degli autogestiti, avvenuta la notte di sabato 29 maggio, dovrà fare luce su eventuali responsabilità penali. All'indomani dell'intervento effettuato con le ruspe nel cuore della notte, il procuratore generale, Andrea Pagani e il procuratore pubblico capo, Arturo Garzoni, hanno avviato le indagini contro ignoti con le seguenti ipotesi di reato: violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell'arte edilizia e infrazione alla legge federale sulla protezione dell'ambiente. E se prima era una eventualità oggi si apprende pure - come riferito dalla Rsi - che la Procura indaga anche sull'ipotesi di reato di abuso di autorità. L'inchiesta è sostanziata anche da una denuncia dei Verdi di Lugano per analoghe ipotesi accusatorie. 

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
borradori cinque municipali ex macello inchiesta procura
Guarda 3 immagini e 2 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved