borradori-sentito-5-ore-sono-tranquillo-la-verita-uscira
Il sindaco di Lugano Marco Borradori appena uscita dall'interrogatorio in Procura (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
1 ora

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
5 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
20 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
21 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
22.06.2021 - 16:26
Aggiornamento: 18:39

Borradori sentito 5 ore: sono tranquillo, la verità uscirà

S'indaga anche su abuso di autorità. Cinque municipali davanti ai magistrati in contemporanea oggi per rendere conto sulla demolizione dell'ex Macello

Sono le 15 quando il sindaco di Lugano, Marco Borradori, dopo oltre cinque ore di interrogatorio quale persona informata dei fatti davanti al Pg, Andrea Pagani, titolare dell'inchiesta penale avviata per far luce sulla demolizione dell'ex Macello di Lugano, sede degli autogestiti, la notte di sabato 29 maggio, lascia il palazzo di giustizia dall'ingresso principale. 

Come è andata?, chiediamo. «È stata lunga, il procuratore pubblico è stato molto puntuale e puntiglioso nelle domande e penso di essere stato anch'io preciso nelle mie risposte. A me è parso che sia andata bene». Non appare un bel giorno per le istituzioni: un Municipio quasi in corpore chiamato in Procura a deporre. «La ricerca della verità e della giustizia è talmente importante che può richiedere - ed è giusto che richieda - lo spostamento di cinque municipali (oggi la Procura ha sentito tutti i membri dell'Esecutivo, tranne Roberto Badaracco e Cristina Zanini, che si erano opposti alla decisione di demolire l'ex Macello, ndr.).

«Anch'io sono alla ricerca della verità» - prosegue il sindaco. Tra le diverse dichiarazioni rilasciate si è palesata una certa discrepanza nelle versioni del Municipio. «Credo che le nostre dichiarazioni sono chiarissime, con un comunicato stampa inequivocabile. Quello che è stato il primo giorno, non ci aspettavamo tutto quello che è successo (...). Il tetto è sempre stata la ragione prima. È chiaro che alla base di tutto c'è stato la questione di sicurezza. Valeva prima, come vale adesso. 

'Noi non abbiamo demolito un bel niente. Ci siamo trovati di fronte a una scelta drastica' 

Ma - domanda - la notte del 29 maggio la situazione vi è allora sfuggita di mano? «Non ci è sfuggito di mano assolutamente niente». Volevate demolire il tetto ed è stato abbattuto l'intero stabile? «Noi non abbiamo demolito un bel niente». Il soggetto dell'azione, allora chi è? «Questo è una cosa che salterà fuori. Fa parte della verità. Ma io non dico niente di più di quello che voglio dire, di quello che posso dire e di quello che so. Quello che posso dire di sicuro è che io non ho buttato giù niente. E neanche il tetto ho buttato giù. Semplicemente ci siamo trovati di fronte a una scelta drastica, urgente, immediata. E abbiamo preso una decisione, l'unica che prenderei ancora adesso. Perché se qualcuno mi viene a dire che è urgente io mi fido fino a prova del contrario».

'Colpa della polizia? Io non ho detto questo. Staremo a vedere, c'è un'inchiesta' 

Quindi sarebbe colpa della polizia? «Io non ho detto questo. Staremo a vedere, c'è un'inchiesta che appurerà che tipo di colpe hanno, eventualmente, le forze dell'ordine, che colpe abbiamo avuto noi, se ne abbiamo avute. Semplicemente credo importante che comunque dei municipali vengano in Procura - e ci mancherebbe altro - e si mettano a disposizione per un certo numero di ore alla ricerca della verità, che sapremo fra X mesi, quale che sia. Io sono tranquillo. Quello che dovevo fare e quello che pensavo fosse giusto fare l'ho fatto. Poi saranno altri che diranno se ho sbagliato. Non scappo di certo, sia chiaro» - dichiara Borradori, che fa sapere inoltre di aver lasciato al procuratore generale i suoi tabulati telefonici.«Li ho lasciati spontaneamente», dice, prima di congedarsi dai giornalisti. 

Il primo a lasciare gli uffici della Procura è stato il vicesindaco, Michele Foletti 

Intanto, il primo a lasciare gli uffici della Procura, alle 13, è stato il vicesindaco di Lugano, Michele Foletti. «Non posso dire nulla», ripete come un mantra il capo dicastero finanze alle domande dei giornalisti sulla successione degli eventi e delle decisioni che hanno portato l'autorità cittadina, a maggioranza (senza l'approvazione di Roberto Badaracco e di Cristina Zanini) a dare luce verde alle ruspe la notte di sabato 29 maggio e a demolire l'ex Macello, sede degli autogestiti.  Mentre Foletti è uscito dall'ingresso laterale del palazzo di giustizia - nel luogo in cui si tengono gli incanti - venti minuti più tardi, alle 13.20, dall'angolo di via Bossi è uscito Filippo Lombardi. Un'uscita così fugace che solo i flash del fotografo sono riusciti a immortalare. Poco più tardi è la volta del municipale Lorenzo Quadri, che sostiene di non poter dire nulla, ma offre una notizia: «Almeno fino a novembre», data che potrebbe quindi segnare ipoteticamente la fine dell'inchiesta. Non ci è invece stato possibile finora raggiungere la capo dicastero polizia, Karin Valenzano Rossi. 

I cinque municipali, tutti sentiti quali persone informate dei fatti, sono stati convocati attorno alle 9. Interrogatori fiume, dunque, e durati ore. Tutti svolti in simultanea, per decisione del procuratore generale, Andrea Pagani e il procuratore pubblico capo, Arturo Garzoni, titolari della laboriosa inchiesta penale aperta nei confronti di ignoti. Rappresentante legale dell'autorità cittadina, l'avvocato Elio Brunetti. 

Nel procedimento penale aperto contro ignoti anche l'ipotesi di abuso di autorità

L'inchiesta penale sulla demolizione dell'ex Macello di Lugano, sede degli autogestiti, avvenuta la notte di sabato 29 maggio, dovrà fare luce su eventuali responsabilità penali. All'indomani dell'intervento effettuato con le ruspe nel cuore della notte, il procuratore generale, Andrea Pagani e il procuratore pubblico capo, Arturo Garzoni, hanno avviato le indagini contro ignoti con le seguenti ipotesi di reato: violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell'arte edilizia e infrazione alla legge federale sulla protezione dell'ambiente. E se prima era una eventualità oggi si apprende pure - come riferito dalla Rsi - che la Procura indaga anche sull'ipotesi di reato di abuso di autorità. L'inchiesta è sostanziata anche da una denuncia dei Verdi di Lugano per analoghe ipotesi accusatorie. 

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
borradori cinque municipali ex macello inchiesta procura
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved