karin-valenzano-rossi-interrogata-oltre-2-ore-come-imputata
Ti-Press/Foto Samuel Golay
L’ingresso in Procura di Karin Valenzano Rossi con il suo avvocato, Elio Brunetti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
6 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
6 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
6 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
6 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
7 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
7 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
7 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
7 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
7 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
7 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
8 ore

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
8 ore

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
01.12.2021 - 12:02
Aggiornamento: 19:30

Karin Valenzano Rossi interrogata oltre 2 ore come imputata

La capodicastero Sicurezza di Lugano ha dato l’ordine di demolire l’ex Macello? È il chiarimento su cui si sarebbe concentrata l’audizione davanti al pg

Da persona informata sui fatti a imputata. Ha fatto ingresso stamane a palazzo di giustizia, accompagnata dall’avvocato Elio Brunetti e seguita, pochi istanti dopo, dall’avvocato Costantino Castelli, rappresentante legale degli autogestiti. Si è presentata verso le 9.15 davanti al procuratore generale, Andrea Pagani, la municipale di Lugano, Karin Valenzano Rossi.

La capodicastero Sicurezza è stata interrogata nell’ambito dell’inchiesta sulla demolizione parziale dell’ex Macello, sede degli autogestiti, dopo che il magistrato la scorsa settimana ha accolto parzialmente la richiesta di supplemento di indagini avanzata dall’avvocato Costantino Castelli, rappresentante dell’accusatore privato.

L’inchiesta promossa dal Ministero pubblico per far luce sulla fatidica notte delle ruspe entrate in azione tra il 29 e il 30 maggio scorsi che hanno abbattuto la ventennale sede del Centro sociale autogestito il Molino, conosce dunque un seguito, dopo che il Pg a ottobre ha prospettato un decreto d’abbandono e l’imminente chiusura dell’istruzione.

Quella fatidica notte di maggio

Karin Valenzano Rossi quella fatidica notte ha dato l’ordine alla polizia di procedere alla demolizione parziale dell’ex Macello? Sarebbe questa, nuovamente, la richiesta di chiarimento su cui si sarebbe concentrato l’interrogatorio della municipale di Lugano, il terzo per la municipale dall’inizio delle indagini.

La capodicastero Sicurezza è stata interrogata sia dal procuratore generale, Andrea Pagani, sia dall’avvocato degli autogestiti e rappresentante degli accusatori privati, Costantino Castelli, che in questa fase dell’inchiesta ha facoltà di porre domande all’imputata.

Come noto, l’inchiesta penale avviata in seguito alla denuncia dei Verdi riguarda le ipotesi di reato di abuso d’autorità; abuso di violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia; infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente; e danneggiamento.

Il Municipio, a maggioranza (si sono distanziati Cristina Zanini Barzaghi e Roberto Badaracco) aveva deciso lo sgombero dell’ex Macello e, dopo l’occupazione dell’ex Istituto Vanoni da parte di un gruppo di autogestiti, nella notte sono giunte le ruspe che hanno abbattuto l’edificio che ospitava il dormitorio degli autonomi. Un’azione, come hanno ricostruito in questi mesi le diverse inchieste giornalistiche, che sarebbe già stata pianificata con largo anticipo, lasciando aperti numerosi interrogativi sull’operato della maggioranza del Municipio.

Tra le diverse versioni a legittimazione dell’agire dell’autorità cittadina, la clausola d’urgenza invocata dopo l’inattesa occupazione dell’ex Istituto Vanoni al termine di una manifestazione pacifica.

La possibile via di ricorso

Il pg, Andrea Pagani, dovrà ora decidere se vi siano sufficienti indizi a carico della municipale di Lugano eletta lo scorso aprile in seno all’Esecutivo cittadino per promuovere nei suoi confronti l’accusa o se invece propendere per un decreto di abbandono, epilogo, quest’ultimo, già preannunciato dal magistrato a metà novembre e che scriverebbe la parola “end” all’inchiesta.

L’avvocato Elio Brunetti la scorsa settimana aveva evidenziato in un comunicato stampa che la sua assistita resta “serenamente in attesa di conoscere le motivazioni della decisione di abbandono del procedimento”. Fatta salva la possibilità di ricorso davanti al neogiudice della Corte dei reclami penali, Nicola Respini, della quale l’avvocato Costantino Castelli potrà ancora avvalersi.

Castelli: ‘I chiarimenti sono venuti meno’. Brunetti: ’Ha chiarito’

Da noi interpellata all’uscita dall’interrogatorio, durato oltre due ore, la municipale Karin Valenzano Rossi ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

Dal canto suo, l’avvocato Costantino Castelli, a nostra domanda su come si sia svolto l’interrogatorio, ha semplicemente lasciato intendere generale insoddisfazione. Il legale ritiene, in estrema sintesi, che i chiarimenti richiesti siano venuti meno.

Di avviso diverso l’avvocato Elio Brunetti, che ha affidato a un comunicato stampa la sintesi dell’audizione:

“In occasione dell’interrogatorio odierno l’avv. Costantino Castelli ha potuto porre all’On. Karin Valenzano Rossi le sue numerose domande che si riferivano tutte a fatti già chiariti dalla mia assistita nelle sue due precedenti audizioni a eccezione di un paio di domande su fatti non noti o non di competenza della mia mandante. L’On. Karin Valenzano Rossi ha quindi potuto riferirsi a quanto aveva già esaurientemente dichiarato in occasione delle sue precedenti verbalizzazioni. Il procuratore generale avv. Andrea Pagani non aveva invece altre domande da porre”.

Leggi anche:

Ex Macello, Valenzano Rossi sarà sentita come imputata

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
capodicastero sicurezza ex macello karin valenzano rossi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved