manifestazione-alla-stazione-scontri-conclusi-senza-arresti
(Rescue Media)
+5
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
35 min

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
1 ora

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
1 ora

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
1 ora

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
1 ora

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
2 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
2 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
2 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
2 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
2 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
3 ore

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
3 ore

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
08.03.2021 - 19:52
Aggiornamento : 22:32

Manifestazione alla stazione, scontri conclusi senza arresti

Non era autorizzata, i partecipanti circondati dal cordone della polizia in tenuta antisommossa. Ammanettati, identificati e rilasciati

Doveva essere una manifestazione pacifica - quale è stata nei suoi inizi, verso le 18.30 - ma poi è degenerata negli scontri con la polizia. Una sessantina di manifestanti si sono radunati al piazzale della stazione (perlopiù con mascherina indossata) per attirare l'attenzione su tre tematiche: il diritto delle donne, nella giornata dell'8 marzo; contro l'islamomofobia, all'indomani dell'iniziativa anti-burqua e del divieto votato in Svizzera, infine contro il razzismo. 

La polizia in tenuta antisommossa era presente sin dall'inizio della manifestazione, dal momento che l'evento era stato preannunciato venerdì ma non era autorizzato. La tensione è salita gradualmente, in un costante crescendo. Dapprima una provocazione da parte di un passante e quindi la reazione dei manifestanti. Poi il gruppo ha iniziato a spostarsi verso i binari della ferrovia, forse per guadagnare un varco per raggiungere il centro cittadino. A quel momento dai megafoni delle forze dell'ordine è stato intimato ai partecipanti di, braccia alzate, farsi identificare e interrompere l'azione. In controcanto, megafoni dei manifestanti hanno inveito contro la polizia e gli stessi hanno lanciato sassi e bottiglie contro gli agenti. Di qui la carica delle forze dell'ordine che con manganelli e spray al pepe hanno cercato di dissuadere l'offensiva. 

Nessun fermo, ma gli scontri saranno posti al vaglio degli inquirenti 

"Sul posto sono intervenuti agenti della polizia cantonale e, in supporto, delle polizie comunali della regione 3 del Luganese e della oplizia dei trasporti" - ha informato dopo le 21 un comunicato stampa del Ministero pubblico. "Alcuni manifestanti hanno creato disordini e lanciato a più riprese oggetti in direzione degli agenti. Tutti i manifestanti sono stati controllati e in seguito rilasciati e la loro posizione è al vaglio degli inquirenti. La situazione si è normalizzata poco dopo le 20.30".

Dal luogo degli scontri, le voci di chi ha assistito alla protesta. «Era una manifestazione ma è finita male. Si sono scontrati con la polizia e adesso non lasciano più passare nessuno. Anch’io dovrei andare a casa ma non posso andare a prendere il treno”. È regnata la confusione in stazione a Lugano, dopo gli scontri fra alcuni manifestanti e la polizia cantonale in tenuta anti-sommossa. Fermate del bus soppresse o traslate: al viavai di viaggiatori ignari e spaesati si è aggiunta l’incredulità dei molti presenti. Adolescenti al telefono con i genitori preoccupati, adulti che condannano la violenza dei manifestanti: “Lanciare i sassi è normale? Viva la Polizia di Lugano!” esclama una donna. E poi ci sono loro, i manifestanti, rinchiusi dietro il cordone che non hanno risparmiato insulti all’indirizzo delle forze dell’ordine. La manifestazione, veniamo a sapere, è stata organizzata come conseguenza del voto sull'iniziativa contro la dissimulazione del voto accettata ieri alle urne, e non era autorizzata.

Aggiornamento 19.50: la Polizia ordina ai manifestanti, che non vogliono disperdersi, di andarsene entro due minuti, in caso contrario verranno tutti presi in consegna. La tensione cresce. I manifestanti non demordono, denunciano il ferimento di una ragazza, sostengono che la polizia abbia utilizzato spray al pepe e manganelli, informazioni al momento non confermate. Diversi manifestanti hanno il volto coperto con maschere in segno di protesta.

Diversi manifestanti ammanettati dalla polizia 

Ore 20.00: riscoppia la violenza. La polizia inizia a caricare alcuni manifestanti che non vogliono andarsene. Ad ogni azione della polizia, l'azione dei manifestanti, che genera ogni volta ulteriori scontri. «Sono qui dalle 17, ho visto tutto» - ci dice una giovane. «Era partita come manifestazione pacifica contro il razzismo e la nuova legge anti-burqa. Poi si sono spostati verso i binari ed è scoppiata la violenza con la polizia che ha cercato di impedirgli di raggiungere il centro. Loro hanno iniziato a lanciargli sassi e bottiglie e la polizia ha riposto con manganelli e spray al peperoncino. Una ragazza era completamente rossa di sangue in faccia». 

Identificati e rilasciati 

Alle 20.30 la tensione inizia a placarsi: quelli rimasti fra la sessantina di manifestanti iniziali stanno venendo identificati uno per uno e rilasciati. La polizia ha inoltre ispezionando il materiale dei manifestanti. Una serata di tensioni che sin dalla serata sono approdate al vaglio del Ministero pubblico. 

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano manifestazione polizia scontri
Guarda 7 immagini e 2 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved