MIN Wild
2
NAS Predators
5
2. tempo
(0-3 : 2-2)
CHI Blackhawks
2
Detroit Red Wings
5
2. tempo
(1-1 : 1-4)
manifestazione-alla-stazione-scontri-conclusi-senza-arresti
(Rescue Media)
+5
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Fiamme da un quadro elettrico in una palazzina a Locarno

Intervento dei pompieri questa sera in via San Jorio: una persona è rimasta leggermente intossicata. Inquilini presi in consegna dalla Protezione civile
Gallery
Locarnese
5 ore

Monte Salmone, si uniscono le forze per la capanna

Dopo l’abbandono del progetto contemplato dal Parco nazionale, i Municipi di Terre di Pedemonte e Onsernone e il Patriziato ne studiano il rilancio
Ticino
6 ore

Maxi riciclaggio di denaro, processo aggiornato di un mese

Tra gli imputati per un vasto giro di commercio illegale di oro ci sono anche quattro ticinesi e sei comaschi residenti in Svizzera.
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona, cena classe 1943

Appuntamento per giovedì 28 ottobre al ristorante Penalty
Bellinzonese
7 ore

Daro, assemblea della Musica

Appuntamento per giovedì 28 ottobre nella sala del Consiglio patriziale
Locarnese
8 ore

Tenero, autista polacco ne combina di tutti i colori

Sabato sera in pochi minuti ha collezionato una serie incredibile d’infrazioni e causato danni con il suo camion. Fermato in extremis da un passante
Luganese
8 ore

Melide, il bell’autunno di Cantiamo Sottovoce

Il gruppo ha ripreso l’attività con diversi concerti anche alla Festa d’autunno a Lugano e in terra friburghese per la Bénichon
Gallery
Bellinzonese
8 ore

Il giorno del ricordo a 20 anni dalla tragedia del San Gottardo

Una cinquantina di persone si è radunata oggi al portale sud per commemorare le 11 vittime dell’incidente all’interno del tunnel del 24 ottobre 2001
Ticino
9 ore

Matrimoni con minori, sempre nulli anche a distanza di anni

La modifica del codice civile proposta da Berna trova il consenso del governo ticinese che invita a verificare legalmente quelli celebrati all’estero
Locarnese
9 ore

Locarno: arresto cardiaco, corso Bls-Dae col Salva

Il Servizio ambulanza lo organizza mercoledì prossimo nella sede in via Peschiera. Al termine verrà rilasciato un certificato
Grigioni
10 ore

Donna causa diversi incidenti sulla A13 nei Grigioni

La Polizia cantonale è riuscita a fermare la 31enne nella galleria del San Bernardino e ha lanciato un appello a eventuali testimoni
Ticino
10 ore

Norman Gobbi ha incontrato gli ufficiali professionisti ticinesi

Durante la riunione si è parlato del ruolo dei media nella gestione delle crisi e della presenza dell’Esercito al Sud delle Alpi
Luganese
08.03.2021 - 19:520
Aggiornamento : 22:32

Manifestazione alla stazione, scontri conclusi senza arresti

Non era autorizzata, i partecipanti circondati dal cordone della polizia in tenuta antisommossa. Ammanettati, identificati e rilasciati

Doveva essere una manifestazione pacifica - quale è stata nei suoi inizi, verso le 18.30 - ma poi è degenerata negli scontri con la polizia. Una sessantina di manifestanti si sono radunati al piazzale della stazione (perlopiù con mascherina indossata) per attirare l'attenzione su tre tematiche: il diritto delle donne, nella giornata dell'8 marzo; contro l'islamomofobia, all'indomani dell'iniziativa anti-burqua e del divieto votato in Svizzera, infine contro il razzismo. 

La polizia in tenuta antisommossa era presente sin dall'inizio della manifestazione, dal momento che l'evento era stato preannunciato venerdì ma non era autorizzato. La tensione è salita gradualmente, in un costante crescendo. Dapprima una provocazione da parte di un passante e quindi la reazione dei manifestanti. Poi il gruppo ha iniziato a spostarsi verso i binari della ferrovia, forse per guadagnare un varco per raggiungere il centro cittadino. A quel momento dai megafoni delle forze dell'ordine è stato intimato ai partecipanti di, braccia alzate, farsi identificare e interrompere l'azione. In controcanto, megafoni dei manifestanti hanno inveito contro la polizia e gli stessi hanno lanciato sassi e bottiglie contro gli agenti. Di qui la carica delle forze dell'ordine che con manganelli e spray al pepe hanno cercato di dissuadere l'offensiva. 

Nessun fermo, ma gli scontri saranno posti al vaglio degli inquirenti 

"Sul posto sono intervenuti agenti della polizia cantonale e, in supporto, delle polizie comunali della regione 3 del Luganese e della oplizia dei trasporti" - ha informato dopo le 21 un comunicato stampa del Ministero pubblico. "Alcuni manifestanti hanno creato disordini e lanciato a più riprese oggetti in direzione degli agenti. Tutti i manifestanti sono stati controllati e in seguito rilasciati e la loro posizione è al vaglio degli inquirenti. La situazione si è normalizzata poco dopo le 20.30".

Dal luogo degli scontri, le voci di chi ha assistito alla protesta. «Era una manifestazione ma è finita male. Si sono scontrati con la polizia e adesso non lasciano più passare nessuno. Anch’io dovrei andare a casa ma non posso andare a prendere il treno”. È regnata la confusione in stazione a Lugano, dopo gli scontri fra alcuni manifestanti e la polizia cantonale in tenuta anti-sommossa. Fermate del bus soppresse o traslate: al viavai di viaggiatori ignari e spaesati si è aggiunta l’incredulità dei molti presenti. Adolescenti al telefono con i genitori preoccupati, adulti che condannano la violenza dei manifestanti: “Lanciare i sassi è normale? Viva la Polizia di Lugano!” esclama una donna. E poi ci sono loro, i manifestanti, rinchiusi dietro il cordone che non hanno risparmiato insulti all’indirizzo delle forze dell’ordine. La manifestazione, veniamo a sapere, è stata organizzata come conseguenza del voto sull'iniziativa contro la dissimulazione del voto accettata ieri alle urne, e non era autorizzata.

Aggiornamento 19.50: la Polizia ordina ai manifestanti, che non vogliono disperdersi, di andarsene entro due minuti, in caso contrario verranno tutti presi in consegna. La tensione cresce. I manifestanti non demordono, denunciano il ferimento di una ragazza, sostengono che la polizia abbia utilizzato spray al pepe e manganelli, informazioni al momento non confermate. Diversi manifestanti hanno il volto coperto con maschere in segno di protesta.

Diversi manifestanti ammanettati dalla polizia 

Ore 20.00: riscoppia la violenza. La polizia inizia a caricare alcuni manifestanti che non vogliono andarsene. Ad ogni azione della polizia, l'azione dei manifestanti, che genera ogni volta ulteriori scontri. «Sono qui dalle 17, ho visto tutto» - ci dice una giovane. «Era partita come manifestazione pacifica contro il razzismo e la nuova legge anti-burqa. Poi si sono spostati verso i binari ed è scoppiata la violenza con la polizia che ha cercato di impedirgli di raggiungere il centro. Loro hanno iniziato a lanciargli sassi e bottiglie e la polizia ha riposto con manganelli e spray al peperoncino. Una ragazza era completamente rossa di sangue in faccia». 

Identificati e rilasciati 

Alle 20.30 la tensione inizia a placarsi: quelli rimasti fra la sessantina di manifestanti iniziali stanno venendo identificati uno per uno e rilasciati. La polizia ha inoltre ispezionando il materiale dei manifestanti. Una serata di tensioni che sin dalla serata sono approdate al vaglio del Ministero pubblico. 

 

 

 

Guarda 7 immagini e 2 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved