ex-macello-di-lugano-ricorso-contro-il-decreto-d-abbandono
La macerie dell’edificio abbattuto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 min

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
22 min

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
26 min

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
38 min

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
42 min

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
55 min

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
1 ora

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
1 ora

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
20.12.2021 - 20:06
Aggiornamento: 22:12

Ex Macello di Lugano, ricorso contro il decreto d’abbandono

L’avvocato Costantino Castelli conferma: ‘Le conclusioni alle quali è giunto il procuratore generale Andrea Pagani non sono convincenti’

L’avvocato Costantino Castelli ha inviato oggi il ricorso contro il decreto di abbandono sull’inchiesta penale relativa allo sgombero e all’abbattimento di un edificio dell’ex Macello di Lugano. Un ricorso che era nell’aria, siccome, spiega il legale, «le conclusioni alle quali è giunto il procuratore generale Andrea Pagani nel suo decreto di abbandono, non ci hanno convinto, per cui il ricorso ci è parso come un atto dovuto per avere chiarimenti su quanto capitato nella notte fra il 29 e il 30 maggio». La ‘palla’ passa ora alla Corte dei reclami penali. La contestazione era attesa perché l’avvocato Castelli non era rimasto soddisfatto nemmeno dall’ultimo interrogatorio alla municipale di Lugano Karin Valenzano Rossi. Un interrogatorio, al termine del quale, lo stesso avvocato ha lasciato intendere una generale insoddisfazione, evidenziando, in estrema sintesi, di non aver ottenuti i chiarimenti richiesti. Il pg ha tuttavia spiegato i motivi che l’hanno portato al decreto di abbandono in relazione alle ipotesi di reato di abuso di autorità, di violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia, di infrazione alla Legge federale sulla protezione dell’ambiente e di danneggiamento. Il magistrato non ha individuato l’intenzionalità, per quanto riguarda l’ipotesi di reato più grave, ossia l’abuso di autorità. L’inchiesta, ha precisato Pagani, ha consentito di stabilire che il Capo impiego dello Stato Maggiore e un ufficiale della Polizia comunale di Lugano hanno chiesto alle 21.20 (del 29 maggio scorso, ndr.) alla titolare del Dicastero sicurezza della Città l’autorizzazione all’abbattimento del tetto ed eventualmente di una parete dello stabile. E Valenzano Rossi, in seguito, ha ottenuto telefonicamente il consenso da altri tre colleghi d’esecutivo cittadino (Marco Borradori, Michele Foletti e Filippo Lombardi, mentre non sono stati interpellati Lorenzo Quadri, Cristina Zanini Barzaghi e Roberto Badaracco). La decisione sulla demolizione parziale di un edificio riguardava un bene giuridico di valore inferiore rispetto al bene giuridico minacciato dal pericolo, ossia l’incolumità fisica dei protagonisti, secondo Pagani che ha peraltro criticato il pasticcio comunicativo avvenuto quella notte di fine maggio, fra chi era al fronte e ha ricevuto via WhatsApp la planimetria del sedime e ha capito che andava demolito tutto, quando invece era interessata dalla misura soltanto una parte dello stabile.

Leggi anche:

Ex Macello, confermato il decreto di abbandono

Le ruspe hanno demolito il Molino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved