ex-macello-gli-errori-emersi-non-hanno-rilevanza-penale
Ti-Press/Pablo Gianinazzi
Il procuratore generale Andrea Pagani, titolare dell’inchiesta sull’ex Macello di Lugano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
5 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
5 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
5 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
5 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
6 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
6 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
6 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
6 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
6 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
6 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
7 ore

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
7 ore

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
Locarnese
7 ore

Il Castello incantato fa tappa a Muralto, Frasco e Contone

Giovedì 18 agosto al Burbaglio l’Antico circo de madera, sabato in Valle Verzasca e domenica a Gambarogno anche i laboratori di costruzione di burattini
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, eventi di fine agosto in arrivo

Si potrà scegliere tra film, mostre e letture. Ottime occasioni per passare del tempo in compagnia
Mendrisiotto
8 ore

Antiquariato e arte tornano ad animare il cuore di Mendrisio

Appuntamento con la Fiera dedicata ad appassionati e collezionisti, giunta alla sua edizione numero 35
Locarnese
8 ore

83enne scomparso nel Verbano, le ricerche riprendono mercoledì

La navigazione, gli sport acquatici e la pesca saranno vietate dalle 7.30 alle 20 per un chilometro quadrato di fronte alla zona Vignascia nel Gambarogno
Mendrisiotto
9 ore

A Pedrinate torna la Festa della costina

In programma per tre serate specialità culinarie e alla griglia e musica nella cornice dei vigneti
Mendrisiotto
9 ore

La Coop di Arzo si rifà il trucco

Ristrutturazione in vista per il negozio del quartiere di Mendrisio. Il cantiere è previsto fra l’inverno prossimo e la primavera 2023
Luganese
9 ore

Un sabato al Mercato artigianale a Canobbio

La manifestazione metterà in luce anche i prodotti locali. Appuntamento in piazza per il 27 agosto
Locarnese
9 ore

Cugnasco Gerra e Lavertezzo, lavori stradali

Interventi notturni su più punti della cantonale nel comprensorio
Bellinzonese
10 ore

Sbanda con l’auto, che si rovescia: una donna rischia la vita

L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
10 ore

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
10.12.2021 - 16:44
Aggiornamento: 17:54

Ex Macello, ‘gli errori emersi non hanno rilevanza penale’

Il procuratore generale Andrea Pagani intima alle parti il decreto di abbandono e ricostruisce i fatti sulla base di una trentina di interrogatori

Dalle macerie dell’ex Macello non sono emersi fatti di rilevanza penale. Questa, in estrema sintesi, è la conclusione alla quale è giunto, dopo l’ultimo interrogatorio alla municipale di Lugano Karin Valenzano Rossi, il procuratore generale Andrea Pagani che, ieri, ha intimato alle parti un decreto di abbandono in relazione alle ipotesi di reato di abuso di autorità, di violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia, di infrazione alla Legge federale sulla protezione dell’ambiente e di danneggiamento. Oggi, a Palazzo di giustizia, abbiamo incontrato il magistrato inquirente che ha difeso l’esito delle indagini effettuate sulla scorta di una minuziosa ricostruzione dei fatti basata su una trentina di interrogatori, su analisi chimiche dei detriti, su una perizia tecnica circa la pericolosità concreta delle sostanze nocive riscontrate, su fotografie e filmati dell’accaduto e su un attento esame di ogni atto acquisito all’incarto. Ebbene, alla fine non sono risultati adempiuti gli elementi costitutivi dei reati ipotizzati.

Abbandono già scritto? ‘Tesi offensiva’

Cominciamo dalle critiche di chi sostiene la tesi secondo cui il decreto d’abbandono era già scritto. Cosa risponde? «Chi parla dell’inchiesta in questi termini sostiene qualcosa di molto offensivo – ribatte Pagani –. L’inchiesta è stata eseguita rigorosamente senza lasciare nulla di non accertato. Questo non significa che quella sera (il 29 maggio scorso) non siano stati fatti degli errori. Errori che tuttavia non hanno rilevanza penale». Ha subito pressioni? «No. Non ho ricevuto nessuna telefonata né uno scritto che mi abbia fatto sentire sotto pressione. La prova sta nel fatto che nelle 27 pagine dell’inchiesta non ho fatto sconti a nessuna delle persone interrogate. Nei verbali di interrogatorio durati giornate intere ho posto domande scomode a tutti i protagonisti della vicenda. In 19 anni di lavoro come procuratore pubblico, non ho mai avuto un impegno così importante per una singola inchiesta. Ritengo di aver effettuato un lavoro serio che mi ha condotto alla decisione di abbandonare il procedimento ma non ho la presunzione di essere infallibile». Perché non ha interrogato l’ex vicesindaco e titolare del Dicastero polizia di Lugano fino a metà aprile Michele Bertini? «Le decisioni su sgombero e abbattimento sono state prese quando lui non era più in carica». Perché non è stato sentito nemmeno il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi? «Il consigliere di Stato non faceva parte dello Stato Maggiore e non è emerso il suo coinvolgimento», risponde Pagani.

Dallo sfratto allo sgombero

Nelle 27 pagine del decreto d’abbandono, prosegue il magistrato, «ho ricostruito ciò che è successo dall’11 marzo alle prime ore di domenica 30 maggio». In effetti, era proprio nella seduta dell’11 marzo che il Municipio di Lugano ha deciso di sgomberare l’ex Macello. E «quella stessa sera è stato costituito lo Stato maggiore», ricorda Pagani che sottolinea pure «come il giorno successivo, il 12 marzo, è emersa per la prima volta fra le ipotesi di lavoro, la possibilità di demolire l’edificio. Tuttavia, la settimana successiva, sulla scorta del parere del servizio giuridico cittadino, la risoluzione municipale relativa allo sgombero è stata revocata. Da quel momento lo Stato Maggiore ha smesso di lavorare». In altre parole, l’esecutivo ha optato per seguire la procedura di sfratto, con una prima disdetta della convenzione siglata nel dicembre 2002 fra Associazione Alba, Municipio di Lugano e Consiglio di Stato, poi la diffida e infine l’esecuzione. Tutte decisioni che non sono state impugnate. E arriviamo al 20 maggio. Intanto, il centro sociale annuncia la manifestazione del 29 maggio. Non hanno preso decisioni penalmente rilevanti i municipali favorevoli allo sgombero, deciso a maggioranza nella seduta del 27 maggio? «No, a loro non può essere rimproverato, in questo contesto d’azione, alcun comportamento penalmente rilevante – sostiene Pagani –. Di riflesso, non può aver commesso il reato di abuso d’autorità nemmeno il vicecomandante della Polizia cantonale che ha ordinato ai suoi uomini di eseguire lo sgombero deciso dall’esecutivo, a condizione che la manifestazione degenerasse».

Demolizione decisa dal Municipio

Ma quella sera chi ha dato l’ordine di demolire lo stabile adibito a dormitorio dell’ex Macello? «La decisione di demolizione parziale è stata presa dalla maggioranza del Municipio e non dallo Stato Maggiore che ha solo prospettato l’intervento ai politici», risponde Pagani. Per quali ragioni? «L’abbattimento parziale è stato suggerito dalla Polizia quale unica soluzione percorribile all’interno di una situazione di crisi e d’urgenza, nell’ambito della quale si è realmente temuto che gli autogestiti, lasciato l’immobile transitoriamente occupato della Fondazione Vanoni (che nel frattempo aveva sporto querela per violazione di domicilio e danneggiamento) tentassero di riprendere possesso degli spazi sgomberati, accedendovi potenzialmente dal tetto in cattivo stato dopo aver ingaggiato uno scontro violento con le forze dell’ordine». È stata quindi l’occupazione dello stabile ex Vanoni, sebbene temporanea, ad aver fatto scattare la decisione? «Nessuno ha compreso che fosse solo temporanea l’occupazione – risponde il procuratore generale –. Di fatto, dopo l’occupazione viene deciso lo sgombero e la demolizione parziale dell’edificio dell’ex macello». L’inchiesta, precisa Pagani, ha stabilito che il Capo impiego dello Stato Maggiore (ricostituito nel frattempo per pianificare e gestire lo sgombero) e un ufficiale della Polizia comunale di Lugano hanno chiesto alle 21.20 del 29 maggio alla titolare del dicastero Sicurezza della Città l’autorizzazione all’abbattimento del tetto ed eventualmente di una parete di uno stabile. A sua volta Karin Valenzano Rossi ha ottenuto telefonicamente nei minuti a seguire il consenso al proposto abbattimento parziale da altri tre colleghi d’esecutivo. Giudica proporzionale tale decisione? «Sì, perché la decisione di demolizione parziale di un edificio riguardava un bene giuridico di valore inferiore rispetto al bene giuridico minacciato dal pericolo, ossia l’incolumità fisica dei protagonisti».

Il malinteso e l’edificio finisce in macerie

Come è potuto succedere che lo Stato Maggiore abbia suggerito la parziale demolizione dello stabile, il Municipio l’abbia autorizzata, ma che, in realtà, tutto l’edificio sia stato raso al suolo? «Questo aspetto è in effetti andato ‘storto’: c’è stato un malinteso fra chi si trovava al fronte – risponde Pagani –. In pratica, chi era al fronte, ha ricevuto via WhatsApp la planimetria del sedime, con lo stabile in questione evidenziato in giallo e ha capito che andava demolita la parte dell’ex Macello indicata nella planimetria, quando invece era interessata dalla misura soltanto una parte dello stabile in questione. Ciò che impedisce di concludere che chi ha fatto eseguire gli ordini all’impresa intervenuta abbia riempito gli elementi soggettivi costitutivi del reato di abuso di autorità, che impone la presenza di una condotta intenzionale dell’autore». Cosa ci può dire in merito alla modalità di decisione presa telefonicamente, a maggioranza, dal Municipio di Lugano? «Non tocca a me stabilire se tale modalità sia conforme alle normative – osserva il procuratore generale –. È una questione di natura amministrativa». Per lo sgombero sono stati coinvolti tutte e sette i membri dell’esecutivo cittadino, per la demolizione, lo ricordiamo, non sono stati interpellati né Cristina Zanini Barzaghi né Roberto Badaracco né Lorenzo Quadri.

Le parti hanno ora 10 giorni per decidere se interporre reclamo contro il decreto di abbandono alla Corte dei reclami penali del Tribunale d’appello. L’avvocato Costantino Castelli che rappresenta l’associazione Alba esaminerà l’incarto, poi valuterà se presentare ricorso.

Leggi anche:

Karin Valenzano Rossi interrogata oltre 2 ore come imputata

Ex Macello, confermato il decreto di abbandono

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved