Cagliari
1
Fiorentina
1
2. tempo
(0-0)
Napoli
Salernitana
15:00
 
Spezia
Sampdoria
15:00
 
Torino
Sassuolo
15:00
 
coronavirus-nuovi-allentamenti-no-all-apertura-con-l-italia-il-3
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Con la pandemia e le relative restrizioni impose dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l’alto. Oltre il 50% in più nel 2021
Svizzera
2 ore

SUV: sempre più pesanti, sempre più pericolosi

In caso d’incidente, questi veicoli incrementano il rischio di morte nell’auto più leggera del 50%
Svizzera
4 ore

Contanti meno usati: un bancomat su due è destinato a sparire

A dirlo è il presidente della direzione di SIX Group, la società finanziaria che gestisce la borsa di Zurigo e il traffico dei pagamenti in Svizzera
Svizzera
4 ore

Misure statali anti-Covid presto non più necessarie

Secondo l’epidemiologo ed ex membro della task force federale Marcel Tanner con l’arrivo dell’estate mascherine e test potrebbero diventare facoltativi
Svizzera
21 ore

Zurigo: rilevata la temuta malattia di Newcastle

Diverse galline ovaiole di un’azienda zurighese sono state infettate dal virus altamente contagioso
Svizzera
22 ore

Berna: ancora proteste contro le misure Covid

La dimostrazione, non autorizzata, ha coinvolto circa 2’000 persone, e si è tenuta alla presenza di un nutrito contingente di poliziotti
Svizzera
22 ore

Segue il navigatore e guida contromano per 12 km sulla A2

La conducente, una 64enne, stava percorrendo la galleria del Seelisberg alle due di notte quando, su indicazione del Gps, ha fatto inversione di marcia
Svizzera
1 gior

Il Long Covid causa 1’800 richieste pendenti all’AI

Le persone interessate denunciano sintomi quali estrema stanchezza, mancanza del respiro, difficoltà di concentrazione
Svizzera
1 gior

Sommaruga: ‘situazione energetica tesa, ci stiamo preparando’

Il governo dovrebbe obbligare dal prossimo inverno le aziende del settore a prevedere riserve d’emergenza di energia idroelettrica
Svizzera
1 gior

Berset vede la fine del certificato Covid

Secondo il ministro della sanità ‘il periodo del certificato sembra arrivare alla fine’
Svizzera
1 gior

Un divieto tra etica e bisogni della scienza

Il 13 febbraio ennesima votazione sul tema della sperimentazione animale. Una questione controversa. Le opinioni di una favorevole e di un contrario
Svizzera
1 gior

Impressum per il ‘sì’ all’aiuto ai media

I delegati della più grossa associazione di giornalisti si esprimono all’unanimità
Svizzera
1 gior

Svizzeri ben disposti a cambiare lavoro

Dallo scoppio della pandemia ha cambiato occupazione una persona su quattro, in cerca di un migliore equilibrio tra attività professionale e vita privata
Svizzera
1 gior

Il World Economic Forum sarà a Davos dal 22 al 26 maggio

Il tema del Wef, inizialmente previsto in gennaio, sarà “Lavorare insieme, ripristinare la fiducia” (Working Together, Restoring Trust)
Svizzera
1 gior

L’Ufsp raccomanda il richiamo per i giovani fra i 12 e i 15 anni

Il ‘booster’, con Pfizer, è raccomandato non prima di 4 mesi dall’ultima dose e avviene al di fuori dell’omologazione da parte di Swissmedic (off-label)
Svizzera
2 gior

In Svizzera pazienti Covid in cure intense ancora sotto il 30%

Si registra a livello giornaliero una leggera flessione dei contagi. 22 i decessi segnalati
Svizzera
2 gior

Aiuti ai media, tendenza al voto verso il No

Il secondo sondaggio Tamedia dà il No al 57% e in crescita. Divieto di pubblicità al tabacco e tassa di bollo verso il Sì
Svizzera
2 gior

Maurer accusa i media: ‘Presentano solo gli scenari peggiori’

Il consigliere federale sostiene che la pressione dei media sulla pandemia ha portato la politica ad applicare misure forse non necessarie
Svizzera
2 gior

Reparti di cure intense stabili, il problema è il personale

Nella maggior parte degli ospedali svizzeri la situazione si è stabilizzata, ma troppe assenze per malattia costringono a rinviare centinaia di interventi
la visita in germania
2 gior

Cassis a Berlino: relazione con l’Ue fondamentale

Il presidente della Confederazione faccia a faccia con il nuovo cancelliere tedesco Scholz, la ministra degli Esteri Baerbock e il presidente Steinmeier
Svizzera
2 gior

Latte bio: i contadini ottengono quattro centesimi in più

Adeguamento a partire da febbraio a causa dell’aumento dei costi di produzione dovuto a direttive più severe
votazioni del 15 maggio
2 gior

Legge Netflix, inoltrate 65mila firme

Si voterà sulla discussa tassa del 4%, ma anche sulla donazione degli organi e sulle frontiere
il dossier
2 gior

L’Ocse chiede alla Svizzera riforme sul mercato del lavoro

Ottimismo per il futuro della Confederazione e un Pil previsto in crescita del 3,5%. Tra i problemi il divario salariale tra uomini e donne
Svizzera
2 gior

No al consenso presunto per la donazione di organi

Inoltrate alla Cancelleria federale più di 64mila firme contro la revisione della legge sui trapianti che introduce il consenso presunto in senso lato
Svizzera
2 gior

Ricoveri e decessi calano a livello settimanale in Svizzera

Nonostante l’aumento dei casi, -26% di ricoveri con o a causa del Covid e -10% di decessi. Quasi due terzi delle vittime aveva più di 80 anni.
Svizzera
3 gior

In Svizzera situazione ospedaliera stabile, dimezzati i decessi

Nelle ultime 24 ore è diminuito il numero di nuovi pazienti Covid, resta stabile l’occupazione in cure intense
27.05.2020 - 15:010
Aggiornamento : 28.05.2020 - 18:02

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

In diretta da Berna la conferenza stampa del Consiglio federale. Il 30 maggio assembramenti fino a 30 persone. Niente apertura con l'Italia il 3 giugno

Il Consiglio federale allenta ulteriormente le misure anti-pandemia e annuncia che la situazione straordinaria avrà fine il prossimo 19 giugno. Inoltre nella seduta odierna il Consiglio federale ha deciso nuove e importanti misure di allentamento del 'lockdown'. Misure che saranno implementate a partire, per la maggior parte, da fine della prossima settimana. Parola chiave sarà comunque ancora 'social distancing' tra i gruppi di persone che non si conoscono.

In breve

Dal 30 maggio

  • Consentiti raduni spontanei fino a 30 persone nei luoghi pubblici (fino ad allora 5 persone)

Dal 6 giugno (con piani di protezione)

  • Cadranno la restrizione di massimo 4 ospiti per tavolo. Ma i tavoli con più di 4 ospiti dovranno obbligatoriamente lasciare il contatto di almeno una persona. La distanza dei tavoli dovrà rimanere comunque di almeno 2 metri, per evitare il contagio tra gruppi che non si conoscono.
  • In bar e ristoranti è possibile di nuovo proporre musica dal vivo e attività ludiche come il biliardo.
  • Possono riaprire gli impianti turistici, come quelli di risalita, i campeggi, gli zoo e le piscine.
  • Potranno riaprire anche i bordelli.
  • Manifestazioni pubbliche e private fino a 300 persone saranno consentite. Tra queste matrimoni, feste di famiglia, fiere, concerti, teatri, cinema e discoteche. Quando non sarà possibile mantenere le distanze, bisognerà garantire il 'contact tracing'.
  • Le manifestazioni sportive con pubblico sono di nuovo consentite.
  • Gli allenamenti sono di nuovo consentiti senza restrizioni particolari.
  • Consentiti i campi vacanza per bambini e adolescenti, fino al massimo di 300 partecipanti. Gli organizzatori dovranno tenere la lista dei partecipanti.
  • L'insegnamento in classe potrà riprendere nelle scuole medie superiori, nelle scuole professionali e nelle università.
  • Il telelavoro rimane comunque consigliato.
  • Gli anziani possono riprendere i contatti sociali e prendersi cura dei nipotini.


Cosa apre e cosa no (admin.ch)

Dal 30 maggio gli assembramenti spontanei nei luoghi pubblici potranno essere fino a 30 persone (e non più 5) mentre dal 6 giugno si potranno tenere nuovamente manifestazioni con fino a 300 persone, sia per quelle a carattere privato e famigliare, sia quelle organizzate. Saranno inoltre nuovamente consentite le competizioni sportive con pubblico per gli sport che non prevedono contatto fisico stretto. Gli allenamenti sportivi non avranno più restrizioni particolari. Il 6 giugno riapriranno anche gli impianti di risalita, i campeggi e le strutture turistiche come i parchi avventura. Riapertura consentita anche per case da gioco, zoo e girardi botanici, teatri, cinema e discoteche. «Si è scelto un sabato per permettere al settore di sfruttare il fine settimane», ha sottolineato il consigliere federale Alain Berset incontrando la stampa. Per quei luoghi dove non è garantita la distanza interpersonale, come le discoteche, sarà richiesto di permettere il tracciamento di eventuali contagi. È quindi verosimile che si dovrà chiedere e registrare le generalità dei clienti.

Le persone anziane «possono riprendere la vita sociale e curare i nipotini. La situazione attuale lo permette e bisogna dirlo chiaramente», ha commentato Berset.

Cade la restrizione del numero di persone per tavolo nella ristorazione, ma tutti i tavoli occupati da più di 4 persone saranno obbligati a lasciare il contatto di almeno una persona. «Si tratta delle aperture più generose a livello continentale. Lo possiamo fare perché la popolazione ha dimostrato di aver capito come proteggersi e si sa comportare bene», ha rilevato Berset, aggiungendo che «cisto che si tratta di proteggere la salute di tutti, crediamo che sia nell'interesse di ristoratori e clienti di fornire i propri dati quando sono in un gruppo numeroso».

Dal 6 giugno potranno inoltre riaprire anche i bordelli. «Qui, sembra strano a dirlo, dei concetti di protezione sono sicuramente prevedibili – ha rilevato Berset –. Inoltre se i bordelli rimangono chiusi non vuol dire che l'attività della prostituzione sparisca».

Buone notizie

«Oggi non sono solo delle buone notizie per la popolazione, ma anche per molti ambiti economici», ha rilevato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga.

«Dopo il 6 giugno non sarà più necessario chiedersi se si può fare qualcosa, ma piuttosto come possiamo farlo per evitare rischi inutili», ha proseguito Sommaruga incontrando la stampa. «Con le decisioni prese oggi dal Consiglio federale possiamo entrare in una nuova normalità. Il 24 giugno decideremo, prima dell'estate, sulle manifestazioni con più di 300 persone. Le manifestazioni con più di 1000 persone sono vietate fino al 31 agosto».

Le cifre della pandemia «sono incoraggianti e possiamo dire che abbiamo la situazione sotto controllo. Ovviamente lo diciamo con tutte le precauzioni. Ciò ci permette di revocare altre misure restrittive», ha chiosato Berset ricordando come «abbiamo la situazione sotto controllo perché abbiamo reagito come comunità. Per riuscirci ci volevano delle regole da far rispettare a tutti e queste le ha dovute dare la politica. Ora, con i piani di protezione, diamo la responsabilità ai vari settori della società».

Contact tracing fondamentale

Nella 'nuova normalità' post-pandemia rimarrà comunque centrale la possiblità di ricostruire per ogni caso la catena dei contagi, ha commentato Berset. «Non vivremo più una situazione come a inizio marzo: allora non sapevamo nulla del virus e non avevamo esperienza. Ora l'abbiamo e sappiamo che è fondamentale poter sempre garantire il 'contact tracing'». Durante la prima ondata si era rapidamente perso traccia delle catene di contagi, cosa che aveva portato rapidamente alle misure di 'lockdown'.

Non si apre con l'Italia il 3 giugno

Sul fronte del confine sud, se l'Italia dovesse decidere di aprire i propri confini con gli stati limitrofi il 3 giugno, la Svizzera non prenderà misure reciproche. Lo ha detto chiaramente la consigliera federale Karin Keller-Sutter. La Svizzera intende inoltre coordinare con l'Italia e con gli altri paesi limitrofi eventuali controlli sanitari al confine, con il coinvolgimento anche dei cantoni di frontiera. Ticino incluso.

«Siamo in contatto con l'Italia – ha aggiunto Keller-Sutter –. L'intenzione di aprire da parte loro è una decisione sovrana, che rispettiamo. Ciò nonostante la Svizzera e gli altri paesi vicini all'Italia propendono per una riapertura il più possibile coordinata. In questo senso ho concordato con la mia omologa italiana, Luciana Lamorgese, in vista dei prossimi passi. L'ho informata che il 3 giugno non riapriremo le nostre frontiere con loro». D'altronde «la signora Lamorgese ha chiarito che il 3 giugno è un obiettivo per l'Italia, ma nulla è ancora deciso». E se l'apertura dovesse essere unilaterale, «staremo a vedere cosa succederà. Eventualmente possiamo immaginarci delle misure per chi si reca in Italia, come ad esempio la necessità di riempire un questionario o sottoporsi a misure sanitarie». 

I ricongiungimenti familiari – ha precisato Keller-Sutter – saranno possibili dall’8 giugno per tutte le persone domiciliate in Svizzera che rispettano alcuni presupposti.

La fine dei controlli con Germania, Austria e Francia è invece confermata per il 15 giugno.

Lo stop a tutte le restrizioni per l'entrata in Svizzera e per l'ammissione al mercato del lavoro, se la situazione dell'epidemia lo dovesse permettere, è invece stata fissata per il 6 luglio. Allora sarà possibile viaggiare senza limitazioni in tutti gli stati Schengen.

Allentamenti per il mercato del lavoro

Oggi il Consiglio federale ha deciso di allentare ulteriormente le restrizioni per quanto riguarda l'accesso dall'estero al mercato del lavoro elvetico. Dall'8 giugno saranno nuovamente trattate le domande di lavoratori provenienti dagli Stati dell'Unione europea e da quelli membri dell'Associazione europea di libero scambio. Le imprese svizzere potranno inoltre assumere lavoratori altamente qualificati provenienti da stati terzi, a patto che queste assunzioni siano urgenti e siano di interesse pubblico.

Nel contempo sarà ristabilito l'obbligo di annunciare i posti di lavoro vacanti a favore dei residenti disoccupati.

«Il Consiglio federale non vuole più immigrazione di quella che è necessaria e il ritorno alla libera circolazione prevedrà la reintroduzione delle misure di accompagnamento», ha commentato, Keller-Sutter.

Il salario di chi deve rispettare la quarantena?

Cosa ne sarà di chi deve rispettare la quarantena dopo essere entrato in contatto con un malato? «Oggi il problema non si pone più – ha rilevato Berset – perché le quarantene sono imposte dai medici cantonali e quindi danno diritto all'indennità per perdita di guadagno per 10 giorno. È tutto regolato nell'ordinanza in vigore fino a settembre».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved