ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 min

Consegnati all’esercito i primi due droni israeliani

Gli apparecchi israeliani sarebbero dovuti arrivare a partire dal 2019. Gli altri quattro saranno consegnati entro la fine dell’anno.
Svizzera
37 min

Netto balzo in avanti dei pernottamenti in dicembre

Secondo una prima stima, la progressione è stata del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Grazie in particolare ai turisti (+67%)
Svizzera
57 min

Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo

Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica
Svizzera
2 ore

Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini

La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
3 ore

Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna

Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
4 ore

Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten

Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
6 ore

‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga

Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
6 ore

Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo

L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
6 ore

Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti

Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
Svizzera
6 ore

Violenza verso le donne, l’Esercito vuol vederci chiaro

Un sondaggio metterà in luce l’atteggiamento dei soldati nei confronti delle donne in grigioverde
Svizzera
8 ore

Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’

Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
9 ore

‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’

Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
Svizzera
9 ore

Nelle farmacie basilesi arriva la cannabis legale

Dopo un rinvio di cinque mesi, scatta ufficialmente il progetto pilota. Circa 370 le persone che partecipano a questo studio
Svizzera
9 ore

Penultima chiamata per i ritardatari della vignetta

È tempo di sostituire quella scaduta: per i trasgressori (e chi si dimentica di farlo), 200 franchi di multa. A breve la versione elettronica
Svizzera
10 ore

Lunga vita agli Sms: ‘Non faranno la fine degli Mms’

Dopo la decisione di pensionare i messaggi multimediali, il presidente della direzione di Salt rassicura: ‘Per quelli testuali l’importanza è crescente’
la guerra in ucraina
20 ore

Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera

La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
1 gior

Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg

Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
1 gior

Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023

Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
1 gior

Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo

L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
1 gior

Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’

In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
1 gior

Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi

Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
1 gior

I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset

Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
1 gior

‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’

Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
1 gior

Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada

Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
2 gior

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
2 gior

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
27.05.2020 - 15:01
Aggiornamento: 28.05.2020 - 18:02

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

In diretta da Berna la conferenza stampa del Consiglio federale. Il 30 maggio assembramenti fino a 30 persone. Niente apertura con l'Italia il 3 giugno

coronavirus-nuovi-allentamenti-no-all-apertura-con-l-italia-il-3
Keystone

Il Consiglio federale allenta ulteriormente le misure anti-pandemia e annuncia che la situazione straordinaria avrà fine il prossimo 19 giugno. Inoltre nella seduta odierna il Consiglio federale ha deciso nuove e importanti misure di allentamento del 'lockdown'. Misure che saranno implementate a partire, per la maggior parte, da fine della prossima settimana. Parola chiave sarà comunque ancora 'social distancing' tra i gruppi di persone che non si conoscono.

In breve

Dal 30 maggio

  • Consentiti raduni spontanei fino a 30 persone nei luoghi pubblici (fino ad allora 5 persone)

Dal 6 giugno (con piani di protezione)

  • Cadranno la restrizione di massimo 4 ospiti per tavolo. Ma i tavoli con più di 4 ospiti dovranno obbligatoriamente lasciare il contatto di almeno una persona. La distanza dei tavoli dovrà rimanere comunque di almeno 2 metri, per evitare il contagio tra gruppi che non si conoscono.
  • In bar e ristoranti è possibile di nuovo proporre musica dal vivo e attività ludiche come il biliardo.
  • Possono riaprire gli impianti turistici, come quelli di risalita, i campeggi, gli zoo e le piscine.
  • Potranno riaprire anche i bordelli.
  • Manifestazioni pubbliche e private fino a 300 persone saranno consentite. Tra queste matrimoni, feste di famiglia, fiere, concerti, teatri, cinema e discoteche. Quando non sarà possibile mantenere le distanze, bisognerà garantire il 'contact tracing'.
  • Le manifestazioni sportive con pubblico sono di nuovo consentite.
  • Gli allenamenti sono di nuovo consentiti senza restrizioni particolari.
  • Consentiti i campi vacanza per bambini e adolescenti, fino al massimo di 300 partecipanti. Gli organizzatori dovranno tenere la lista dei partecipanti.
  • L'insegnamento in classe potrà riprendere nelle scuole medie superiori, nelle scuole professionali e nelle università.
  • Il telelavoro rimane comunque consigliato.
  • Gli anziani possono riprendere i contatti sociali e prendersi cura dei nipotini.


Cosa apre e cosa no (admin.ch)

Dal 30 maggio gli assembramenti spontanei nei luoghi pubblici potranno essere fino a 30 persone (e non più 5) mentre dal 6 giugno si potranno tenere nuovamente manifestazioni con fino a 300 persone, sia per quelle a carattere privato e famigliare, sia quelle organizzate. Saranno inoltre nuovamente consentite le competizioni sportive con pubblico per gli sport che non prevedono contatto fisico stretto. Gli allenamenti sportivi non avranno più restrizioni particolari. Il 6 giugno riapriranno anche gli impianti di risalita, i campeggi e le strutture turistiche come i parchi avventura. Riapertura consentita anche per case da gioco, zoo e girardi botanici, teatri, cinema e discoteche. «Si è scelto un sabato per permettere al settore di sfruttare il fine settimane», ha sottolineato il consigliere federale Alain Berset incontrando la stampa. Per quei luoghi dove non è garantita la distanza interpersonale, come le discoteche, sarà richiesto di permettere il tracciamento di eventuali contagi. È quindi verosimile che si dovrà chiedere e registrare le generalità dei clienti.

Le persone anziane «possono riprendere la vita sociale e curare i nipotini. La situazione attuale lo permette e bisogna dirlo chiaramente», ha commentato Berset.

Cade la restrizione del numero di persone per tavolo nella ristorazione, ma tutti i tavoli occupati da più di 4 persone saranno obbligati a lasciare il contatto di almeno una persona. «Si tratta delle aperture più generose a livello continentale. Lo possiamo fare perché la popolazione ha dimostrato di aver capito come proteggersi e si sa comportare bene», ha rilevato Berset, aggiungendo che «cisto che si tratta di proteggere la salute di tutti, crediamo che sia nell'interesse di ristoratori e clienti di fornire i propri dati quando sono in un gruppo numeroso».

Dal 6 giugno potranno inoltre riaprire anche i bordelli. «Qui, sembra strano a dirlo, dei concetti di protezione sono sicuramente prevedibili – ha rilevato Berset –. Inoltre se i bordelli rimangono chiusi non vuol dire che l'attività della prostituzione sparisca».

Buone notizie

«Oggi non sono solo delle buone notizie per la popolazione, ma anche per molti ambiti economici», ha rilevato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga.

«Dopo il 6 giugno non sarà più necessario chiedersi se si può fare qualcosa, ma piuttosto come possiamo farlo per evitare rischi inutili», ha proseguito Sommaruga incontrando la stampa. «Con le decisioni prese oggi dal Consiglio federale possiamo entrare in una nuova normalità. Il 24 giugno decideremo, prima dell'estate, sulle manifestazioni con più di 300 persone. Le manifestazioni con più di 1000 persone sono vietate fino al 31 agosto».

Le cifre della pandemia «sono incoraggianti e possiamo dire che abbiamo la situazione sotto controllo. Ovviamente lo diciamo con tutte le precauzioni. Ciò ci permette di revocare altre misure restrittive», ha chiosato Berset ricordando come «abbiamo la situazione sotto controllo perché abbiamo reagito come comunità. Per riuscirci ci volevano delle regole da far rispettare a tutti e queste le ha dovute dare la politica. Ora, con i piani di protezione, diamo la responsabilità ai vari settori della società».

Contact tracing fondamentale

Nella 'nuova normalità' post-pandemia rimarrà comunque centrale la possiblità di ricostruire per ogni caso la catena dei contagi, ha commentato Berset. «Non vivremo più una situazione come a inizio marzo: allora non sapevamo nulla del virus e non avevamo esperienza. Ora l'abbiamo e sappiamo che è fondamentale poter sempre garantire il 'contact tracing'». Durante la prima ondata si era rapidamente perso traccia delle catene di contagi, cosa che aveva portato rapidamente alle misure di 'lockdown'.

Non si apre con l'Italia il 3 giugno

Sul fronte del confine sud, se l'Italia dovesse decidere di aprire i propri confini con gli stati limitrofi il 3 giugno, la Svizzera non prenderà misure reciproche. Lo ha detto chiaramente la consigliera federale Karin Keller-Sutter. La Svizzera intende inoltre coordinare con l'Italia e con gli altri paesi limitrofi eventuali controlli sanitari al confine, con il coinvolgimento anche dei cantoni di frontiera. Ticino incluso.

«Siamo in contatto con l'Italia – ha aggiunto Keller-Sutter –. L'intenzione di aprire da parte loro è una decisione sovrana, che rispettiamo. Ciò nonostante la Svizzera e gli altri paesi vicini all'Italia propendono per una riapertura il più possibile coordinata. In questo senso ho concordato con la mia omologa italiana, Luciana Lamorgese, in vista dei prossimi passi. L'ho informata che il 3 giugno non riapriremo le nostre frontiere con loro». D'altronde «la signora Lamorgese ha chiarito che il 3 giugno è un obiettivo per l'Italia, ma nulla è ancora deciso». E se l'apertura dovesse essere unilaterale, «staremo a vedere cosa succederà. Eventualmente possiamo immaginarci delle misure per chi si reca in Italia, come ad esempio la necessità di riempire un questionario o sottoporsi a misure sanitarie». 

I ricongiungimenti familiari – ha precisato Keller-Sutter – saranno possibili dall’8 giugno per tutte le persone domiciliate in Svizzera che rispettano alcuni presupposti.

La fine dei controlli con Germania, Austria e Francia è invece confermata per il 15 giugno.

Lo stop a tutte le restrizioni per l'entrata in Svizzera e per l'ammissione al mercato del lavoro, se la situazione dell'epidemia lo dovesse permettere, è invece stata fissata per il 6 luglio. Allora sarà possibile viaggiare senza limitazioni in tutti gli stati Schengen.

Allentamenti per il mercato del lavoro

Oggi il Consiglio federale ha deciso di allentare ulteriormente le restrizioni per quanto riguarda l'accesso dall'estero al mercato del lavoro elvetico. Dall'8 giugno saranno nuovamente trattate le domande di lavoratori provenienti dagli Stati dell'Unione europea e da quelli membri dell'Associazione europea di libero scambio. Le imprese svizzere potranno inoltre assumere lavoratori altamente qualificati provenienti da stati terzi, a patto che queste assunzioni siano urgenti e siano di interesse pubblico.

Nel contempo sarà ristabilito l'obbligo di annunciare i posti di lavoro vacanti a favore dei residenti disoccupati.

«Il Consiglio federale non vuole più immigrazione di quella che è necessaria e il ritorno alla libera circolazione prevedrà la reintroduzione delle misure di accompagnamento», ha commentato, Keller-Sutter.

Il salario di chi deve rispettare la quarantena?

Cosa ne sarà di chi deve rispettare la quarantena dopo essere entrato in contatto con un malato? «Oggi il problema non si pone più – ha rilevato Berset – perché le quarantene sono imposte dai medici cantonali e quindi danno diritto all'indennità per perdita di guadagno per 10 giorno. È tutto regolato nell'ordinanza in vigore fino a settembre».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved