ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga

Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
4 ore

Treni fermi tra Landquart e Klosters

Fine pomeriggio di perturbazioni sulla rete ferroviaria dei Grigioni. Il guasto è stato localizzato tra Malans e Schiers
Svizzera
6 ore

Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider

Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
7 ore

In un comune su due installare pannelli solari non conviene

I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
7 ore

Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa

Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
9 ore

Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’

Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
9 ore

La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci

Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
9 ore

Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne

Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
10 ore

Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger

Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
10 ore

Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C

Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
13 ore

Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi

Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
1 gior

Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale

Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
1 gior

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
1 gior

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
1 gior

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
1 gior

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
1 gior

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
1 gior

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
1 gior

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
1 gior

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
2 gior

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
2 gior

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
2 gior

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
2 gior

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
2 gior

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
Svizzera
2 gior

Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022

L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
27.05.2020 - 15:01
Aggiornamento: 28.05.2020 - 18:02

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

In diretta da Berna la conferenza stampa del Consiglio federale. Il 30 maggio assembramenti fino a 30 persone. Niente apertura con l'Italia il 3 giugno

coronavirus-nuovi-allentamenti-no-all-apertura-con-l-italia-il-3
Keystone

Il Consiglio federale allenta ulteriormente le misure anti-pandemia e annuncia che la situazione straordinaria avrà fine il prossimo 19 giugno. Inoltre nella seduta odierna il Consiglio federale ha deciso nuove e importanti misure di allentamento del 'lockdown'. Misure che saranno implementate a partire, per la maggior parte, da fine della prossima settimana. Parola chiave sarà comunque ancora 'social distancing' tra i gruppi di persone che non si conoscono.

In breve

Dal 30 maggio

  • Consentiti raduni spontanei fino a 30 persone nei luoghi pubblici (fino ad allora 5 persone)

Dal 6 giugno (con piani di protezione)

  • Cadranno la restrizione di massimo 4 ospiti per tavolo. Ma i tavoli con più di 4 ospiti dovranno obbligatoriamente lasciare il contatto di almeno una persona. La distanza dei tavoli dovrà rimanere comunque di almeno 2 metri, per evitare il contagio tra gruppi che non si conoscono.
  • In bar e ristoranti è possibile di nuovo proporre musica dal vivo e attività ludiche come il biliardo.
  • Possono riaprire gli impianti turistici, come quelli di risalita, i campeggi, gli zoo e le piscine.
  • Potranno riaprire anche i bordelli.
  • Manifestazioni pubbliche e private fino a 300 persone saranno consentite. Tra queste matrimoni, feste di famiglia, fiere, concerti, teatri, cinema e discoteche. Quando non sarà possibile mantenere le distanze, bisognerà garantire il 'contact tracing'.
  • Le manifestazioni sportive con pubblico sono di nuovo consentite.
  • Gli allenamenti sono di nuovo consentiti senza restrizioni particolari.
  • Consentiti i campi vacanza per bambini e adolescenti, fino al massimo di 300 partecipanti. Gli organizzatori dovranno tenere la lista dei partecipanti.
  • L'insegnamento in classe potrà riprendere nelle scuole medie superiori, nelle scuole professionali e nelle università.
  • Il telelavoro rimane comunque consigliato.
  • Gli anziani possono riprendere i contatti sociali e prendersi cura dei nipotini.


Cosa apre e cosa no (admin.ch)

Dal 30 maggio gli assembramenti spontanei nei luoghi pubblici potranno essere fino a 30 persone (e non più 5) mentre dal 6 giugno si potranno tenere nuovamente manifestazioni con fino a 300 persone, sia per quelle a carattere privato e famigliare, sia quelle organizzate. Saranno inoltre nuovamente consentite le competizioni sportive con pubblico per gli sport che non prevedono contatto fisico stretto. Gli allenamenti sportivi non avranno più restrizioni particolari. Il 6 giugno riapriranno anche gli impianti di risalita, i campeggi e le strutture turistiche come i parchi avventura. Riapertura consentita anche per case da gioco, zoo e girardi botanici, teatri, cinema e discoteche. «Si è scelto un sabato per permettere al settore di sfruttare il fine settimane», ha sottolineato il consigliere federale Alain Berset incontrando la stampa. Per quei luoghi dove non è garantita la distanza interpersonale, come le discoteche, sarà richiesto di permettere il tracciamento di eventuali contagi. È quindi verosimile che si dovrà chiedere e registrare le generalità dei clienti.

Le persone anziane «possono riprendere la vita sociale e curare i nipotini. La situazione attuale lo permette e bisogna dirlo chiaramente», ha commentato Berset.

Cade la restrizione del numero di persone per tavolo nella ristorazione, ma tutti i tavoli occupati da più di 4 persone saranno obbligati a lasciare il contatto di almeno una persona. «Si tratta delle aperture più generose a livello continentale. Lo possiamo fare perché la popolazione ha dimostrato di aver capito come proteggersi e si sa comportare bene», ha rilevato Berset, aggiungendo che «cisto che si tratta di proteggere la salute di tutti, crediamo che sia nell'interesse di ristoratori e clienti di fornire i propri dati quando sono in un gruppo numeroso».

Dal 6 giugno potranno inoltre riaprire anche i bordelli. «Qui, sembra strano a dirlo, dei concetti di protezione sono sicuramente prevedibili – ha rilevato Berset –. Inoltre se i bordelli rimangono chiusi non vuol dire che l'attività della prostituzione sparisca».

Buone notizie

«Oggi non sono solo delle buone notizie per la popolazione, ma anche per molti ambiti economici», ha rilevato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga.

«Dopo il 6 giugno non sarà più necessario chiedersi se si può fare qualcosa, ma piuttosto come possiamo farlo per evitare rischi inutili», ha proseguito Sommaruga incontrando la stampa. «Con le decisioni prese oggi dal Consiglio federale possiamo entrare in una nuova normalità. Il 24 giugno decideremo, prima dell'estate, sulle manifestazioni con più di 300 persone. Le manifestazioni con più di 1000 persone sono vietate fino al 31 agosto».

Le cifre della pandemia «sono incoraggianti e possiamo dire che abbiamo la situazione sotto controllo. Ovviamente lo diciamo con tutte le precauzioni. Ciò ci permette di revocare altre misure restrittive», ha chiosato Berset ricordando come «abbiamo la situazione sotto controllo perché abbiamo reagito come comunità. Per riuscirci ci volevano delle regole da far rispettare a tutti e queste le ha dovute dare la politica. Ora, con i piani di protezione, diamo la responsabilità ai vari settori della società».

Contact tracing fondamentale

Nella 'nuova normalità' post-pandemia rimarrà comunque centrale la possiblità di ricostruire per ogni caso la catena dei contagi, ha commentato Berset. «Non vivremo più una situazione come a inizio marzo: allora non sapevamo nulla del virus e non avevamo esperienza. Ora l'abbiamo e sappiamo che è fondamentale poter sempre garantire il 'contact tracing'». Durante la prima ondata si era rapidamente perso traccia delle catene di contagi, cosa che aveva portato rapidamente alle misure di 'lockdown'.

Non si apre con l'Italia il 3 giugno

Sul fronte del confine sud, se l'Italia dovesse decidere di aprire i propri confini con gli stati limitrofi il 3 giugno, la Svizzera non prenderà misure reciproche. Lo ha detto chiaramente la consigliera federale Karin Keller-Sutter. La Svizzera intende inoltre coordinare con l'Italia e con gli altri paesi limitrofi eventuali controlli sanitari al confine, con il coinvolgimento anche dei cantoni di frontiera. Ticino incluso.

«Siamo in contatto con l'Italia – ha aggiunto Keller-Sutter –. L'intenzione di aprire da parte loro è una decisione sovrana, che rispettiamo. Ciò nonostante la Svizzera e gli altri paesi vicini all'Italia propendono per una riapertura il più possibile coordinata. In questo senso ho concordato con la mia omologa italiana, Luciana Lamorgese, in vista dei prossimi passi. L'ho informata che il 3 giugno non riapriremo le nostre frontiere con loro». D'altronde «la signora Lamorgese ha chiarito che il 3 giugno è un obiettivo per l'Italia, ma nulla è ancora deciso». E se l'apertura dovesse essere unilaterale, «staremo a vedere cosa succederà. Eventualmente possiamo immaginarci delle misure per chi si reca in Italia, come ad esempio la necessità di riempire un questionario o sottoporsi a misure sanitarie». 

I ricongiungimenti familiari – ha precisato Keller-Sutter – saranno possibili dall’8 giugno per tutte le persone domiciliate in Svizzera che rispettano alcuni presupposti.

La fine dei controlli con Germania, Austria e Francia è invece confermata per il 15 giugno.

Lo stop a tutte le restrizioni per l'entrata in Svizzera e per l'ammissione al mercato del lavoro, se la situazione dell'epidemia lo dovesse permettere, è invece stata fissata per il 6 luglio. Allora sarà possibile viaggiare senza limitazioni in tutti gli stati Schengen.

Allentamenti per il mercato del lavoro

Oggi il Consiglio federale ha deciso di allentare ulteriormente le restrizioni per quanto riguarda l'accesso dall'estero al mercato del lavoro elvetico. Dall'8 giugno saranno nuovamente trattate le domande di lavoratori provenienti dagli Stati dell'Unione europea e da quelli membri dell'Associazione europea di libero scambio. Le imprese svizzere potranno inoltre assumere lavoratori altamente qualificati provenienti da stati terzi, a patto che queste assunzioni siano urgenti e siano di interesse pubblico.

Nel contempo sarà ristabilito l'obbligo di annunciare i posti di lavoro vacanti a favore dei residenti disoccupati.

«Il Consiglio federale non vuole più immigrazione di quella che è necessaria e il ritorno alla libera circolazione prevedrà la reintroduzione delle misure di accompagnamento», ha commentato, Keller-Sutter.

Il salario di chi deve rispettare la quarantena?

Cosa ne sarà di chi deve rispettare la quarantena dopo essere entrato in contatto con un malato? «Oggi il problema non si pone più – ha rilevato Berset – perché le quarantene sono imposte dai medici cantonali e quindi danno diritto all'indennità per perdita di guadagno per 10 giorno. È tutto regolato nell'ordinanza in vigore fino a settembre».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved