VAN Canucks
4
LA Kings
0
fine
(0-0 : 2-0 : 2-0)
Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
3. tempo
(0-3 : 1-2 : 0-1)
alain-berset-cerchiamo-di-evitare-di-dover-richiudere
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Trattati internazionali, no a referendum obbligatorio

Il Nazionale bissa la decisione di non entrata in materia. Il progetto è definitivamente affossato.
Svizzera
8 ore

Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera

Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.
Svizzera
10 ore

Passo avanti in Svizzera verso il ritorno dei test gratuiti

I ‘senatori’ sono d’accordo sul principio, ma vogliono escludere i test rapidi per uso personale o quelli sierologici non ordinati dal Cantone
Svizzera
11 ore

Due bambine rimpatriate in Svizzera dalla Siria

Le due giovani, partite da un campo nel Nord-est del Paese, sono in viaggio verso la Confederazione. La madre si sarebbe unita alla milizia dell’Isis.
Svizzera
11 ore

L’esercito inasprisce le regole per uscite e congedi

Da oggi nuove direttive per impedire contagi e casi di Covid-19. Per tutti i militari uscite limitate all’area della piazza d’armi e all’accantonamento
Svizzera
15 ore

‘Media indipendenti fondamento della democrazia diretta’

Il comitato per il ‘sì’ al pacchetto di aiuti lancia la campagna in vista della votazione del 13 febbraio
Svizzera
16 ore

Pochissime le morti fra i vaccinati

A dirlo l’Ufficio federale della sanità pubblica. In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate
Svizzera
16 ore

In Svizzera 23’888 nuovi casi di Covid nel weekend

Nelle ultime 72 ore si registrano anche 39 nuovi decessi e 181 ricoveri in ospedale
Svizzera
17 ore

Tpf: pena ridotta a 36 mesi per ‘l’emiro di Winterthur’

Al 35enne, condannato per essere un sostenitore dell’Isis, in prima istanza erano stati inflitti 50 mesi di reclusione senza la condizionale
Svizzera
17 ore

Tf: Divieto di entrata in Svizzera per un boss della ’ndrangheta

Il mafioso era stato estradato in Italia nel 2017 e condannato a 9 anni e 6 mesi di reclusione. Confermata dal Tf l’espulsione di 20 anni dalla Svizzera
Svizzera
19 ore

Aumenta il prezzo del caffè al bar, colpa anche del Covid?

A confermare il rincaro Hans-Petter Oettli, di CafetierSuisse: ‘La crisi prosegue e altri fattori di costo stanno crescendo’
Svizzera
22 ore

Roche lancerà il test antigenico combinato per Covid e influenza

Il dispositivo combinato permetterà di ottenere i risultati in 30 minuti e sarà disponibile da gennaio
Svizzera
1 gior

Subaffitti: sul piatto tre progetti per impedire gli abusi

Al vaglio della Commissione degli affari giuridici le varie proposte. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono
Svizzera
1 gior

Coronavirus: primo caso di triage in cure intense

Il caso è quello di un malato di Covid e di tumore che, col suo consenso, questa settimana non ha avuto accesso alle terapie intensive nel Canton Argovia
Svizzera
1 gior

Ffs: lievi disagi sulla linea Olten (So)-Basilea

Tra Basilea e Zurigo l’utenza deve prevedere solo piccoli ritardi. Tutti gli altri treni invece circolano normalmente
Svizzera
1 gior

Canton Argovia, donna muore in un incendio

Le fiamme sono divampate ieri sera verso le 22.30 in un appartamento di Döttingen. L’identità della vittima e le cause del sinistro non sono ancora note
Svizzera
1 gior

Amherd: ‘Abbiamo fatto progressi per le donne e per il clima’

A tre anni dall’elezione in Consiglio federale la ministra della Difesa tira le somme di quanto fatto durante il suo mandato
Svizzera
1 gior

‘Divieti per i non vaccinati? Non sono da escludere’

A dirlo Lukas Engelberger che, discutendo anche di un eventuale obbligo vaccinale afferma: ‘È pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini’
Svizzera
2 gior

Friburgo, mascherina obbligatoria nelle scuole medie

Il provvedimento varrà per gli allievi di 12-15 anni e i loro insegnanti, ed entrerà in vigore da dopodomani fino alle vacanze di Natale
Svizzera
2 gior

Centrale Leibstadt, condannato ex impiegato per test non fatti

Le infrazioni commesse dall’uomo sono state riscontrate nel 2019 durante un controllo interno. Dovrà pagare una multa di 3’000 franchi
Svizzera
2 gior

Vallese, pedone muore 5 giorni dopo essere stato investito

L’82enne era stato ricoverato in ospedale. Un’inchiesta è stata avviata per determinare la dinamica esatta dell’episodio
Svizzera
2 gior

Meiringen, 48enne muore nell’incendio di un appartamento

I pompieri, intervenuti per domare le fiamme, hanno rinvenuto il corpo senza vita dell’uomo. Ancora da chiarire le origini del rogo
Svizzera
2 gior

Swiss sospende i voli per Hong Kong

La misura vale da oggi fino all’11 dicembre. La situazione viene monitorata costantemente
Svizzera
2 gior

Apc e Vpod si preparano alla fusione

Entrambe le organizzazioni sono attive nel ramo del servizio pubblico e insieme contano circa 40’000 membri
Svizzera
2 gior

Aumento età pensionabile, Unia minaccia il referendum

I delegati, riuniti oggi a Berna, chiedono anche una riduzione massiccia dei tempi di lavoro
Svizzera
2 gior

Meteo, potenti raffiche di vento per iniziare il weekend

Segnalate velocità record di 136 km/h sul Säntis. Alto pericolo di valanghe a ovest del Vallese
Svizzera
2 gior

Canton Friborgo, tamponamento sulla A12. Due feriti leggeri

L’incidente è avvenuto ieri sera poco dopo le 23.30. Per le persone coinvolte non si è reso necessario il ricovero in ospedale
Svizzera
2 gior

Incendio in un edificio a Coira, evacuati gli inquilini

Nessuno è rimasto ferito. Gli specialisti della polizia cantonale grigionese hanno avviato un’inchiesta per stabilire la causa del rogo
Svizzera
2 gior

“Negoziare un pacchetto bilaterale con l’UE è possibile”

Secondo il professore di diritto Nicolas Levrat, la richiesta svizzera di un tribunale arbitrale neutrale potrebbe essere accettata
Svizzera
2 gior

“Test ripetitivi nelle scuole”

È la raccomandazione dell‘epidemiologa Susi Kiemler: ’Sarebbe una buona aggiunta alle misure già in atto’
Svizzera
2 gior

Vaud, nuova ondata di Covid-19: il CHUV è al completo

Alcuni pazienti sono stati trasferiti per diversi giorni in altri ospedali della Svizzera romanda
Intervista
 
18.04.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:40

Alain Berset: 'Cerchiamo di evitare di dover richiudere'

Il ministro della sanità sulla strategia del Consiglio federale di uscita dal 'lockdown': un esercizio da equilibrista

Signor consigliere federale, la pressione degli ambienti economici è forte; e il Fondo monetario internazionale evoca una “Grande Depressione”. Il Consiglio federale risponde con un piano molto prudente di uscita dal ’lockdown’. Perché non avete scelto di procedere più speditamente?

Tutti gli sforzi fatti sin qui - la chiusura delle scuole, dei negozi, delle attività culturali - ci hanno permesso di tenere sotto controllo la curva dei contagi. Non li abbiamo fatti per poi all’improvviso assumerci rischi sconsiderati. Dobbiamo continuare su questa linea improntata alla prudenza, pur con la volontà di riaprire gradualmente le attività. Constato peraltro che tutti i Paesi attorno al nostro si apprestano a seguire un cammino più o meno identico. Non a caso. Se abbandoniamo questi sforzi, non possiamo escludere il rischio di una nuova impennata dei contagi. Paesi asiatici che poche settimane fa venivano citati come modello, oggi hanno dovuto inasprire di nuovo le misure adottate a suo tempo. Questo tipo di situazione crea i danni peggiori. Ed è ciò che cerchiamo di evitare. Bisogna anche tenere presente che non abbiamo fermato tutto: è rimasto operativo il 75% delle attività. Ora si tratta di far ripartire soltanto la parte che è stata temporaneamente chiusa per contenere la diffusione del coronavirus.

Lei ha parlato di “un segnale di speranza”. Ma ristoratori, albergatori e organizzatori di eventi si sentono piantati in asso.

Cerchiamo di trovare un equilibrio, basandoci sui pareri degli specialisti in materia di epidemie. L’obiettivo è di tracciare il miglior cammino possibile per il nostro Paese. Ho molta comprensione per le preoccupazioni di chi lavora in questi settori. Siamo però obbligati ad avere una visione d’assieme, che tenga conto degli sforzi realizzati finora e della necessità di uscire in modo ordinato dalla crisi, secondo i criteri ben definiti che abbiamo indicato.

Il Paléo di Nyon e il Montreux Jazz Festival sono stati annullati. Dobbiamo metterci il cuore in pace per il festival del film di Locarno?

Non lo so. Questa crisi è cominciata sei, sette settimane fa in Svizzera. Se guardiamo avanti di sei, sette settimane, arriviamo a inizio giugno. Sembra un’eternità. Per questo è estremamente difficile fare adesso previsioni per luglio, agosto e settembre. Va detto che alcuni grandi Paesi vicini hanno già deciso di vietare tutto le grandi manifestazioni fino alla fine di agosto.

Chi ci garantisce che il 27 non sarà una falsa partenza?

Non c’è mai una garanzia. Il rischio maggiore sarebbe di aprire troppo velocemente. La riapertura avrà come probabile conseguenza quella di far aumentare di nuovo i contagi. Ed è ciò che vogliamo evitare. Grazie a una strategia chiara, facendo prova di grande cautela. I settori che riapriranno per primi (i parrucchieri, ad esempio) non generano assembramenti, né grandi movimenti di persone nei trasporti pubblici e sulle strade. Inoltre sappiamo esattamente quali sono le misure di protezione che possono essere adottate, e dove possiamo ritrovare chi è entrato in contatto con chi.

Alcuni Paesi asiatici che sono riusciti a ’domare’ la pandemia hanno riaperto le attività economiche soltanto quando non hanno più avuto nuovi casi di infezione. Il Consiglio federale si vuole molto prudente, ma in realtà non lo è troppo.

Cerchiamo di trovare un equilibrio. È la ragione per cui non possiamo riaprire troppo rapidamente. Pensiamo che il numero di nuovi contagi continuerà a diminuire: questo ci consente di fare un primo passo il 27 aprile. Quello successivo seguirà l'11 maggio. Non ce ne saranno altri prima dell'8 giugno. Vogliamo essere assolutamente sicuri di poter monitorare bene l’evoluzione. Solo così potremo fondare la decisione di riaprire ulteriori settori non sui desiderata degli uni o degli altri, ognuno con i suoi legittimi interessi, bensì su dati e criteri ben definiti che ci consentano di tracciare un cammino sicuro, evitando ricadute che avrebbero più tardi conseguenze molto più gravi.

L’Oms esorta i Paesi a riaprire le attività economiche soltanto una volta messe in atto tutte le possibili misure di protezione. Noi, a dieci giorni dal 27, siamo ancora allo stadio di vaghi ’piani di protezione’.

Ricordo che anche nel periodo in cui abbiamo frenato le attività economiche, nel complesso in Svizzera - contrariamente a quanto è capitato altrove - i tre quarti delle attività hanno continuato a funzionare, nel rispetto di norme igieniche e distanza sociale. Anche così siamo riusciti a far diminuire il numero di nuove infezioni giornaliere dalle 1'500 a inizio aprile alle attuali 300 circa. Un’evoluzione importante, avvenuta con un’economia parzialmente aperta. Adesso, in vista delle graduali riaperture previste, dobbiamo sviluppare con i rappresentanti di ogni settore dei piani specifici di protezione, che rispondano alla realtà concreta di ogni singolo settore. Questi piani sono in preparazione. Saranno pronti a tempo debito.

Il Consiglio federale si limiterà a raccomandare di indossare mascherine di protezione in determinati settori o per certe categorie di lavoratrici e lavoratori, oppure obbligherà a farlo?

Verosimilmente, nell’ambito dell’elaborazione di questi piani di protezione, si arriverà al punto di ordinare di indossare mascherine igieniche in alcune attività. Il personale medico-sanitario lo fa già tradizionalmente. Possiamo immaginare, ad esempio, che la questione si porrà per i parrucchieri. Per contro, quel che non abbiamo previsto di fare è di raccomandare alla popolazione in generale di portare una mascherina nello spazio pubblico, per strada. Gli esperti al momento non danno alcuna indicazione che sia questa la direzione da seguire. E fintanto che sarà così, il Consiglio federale resterà sulla linea seguita sin qui. Per contro, in funzione di bisogni settoriali specifici, la nostra posizione potrebbe evolvere.

Il 27 ci saranno abbastanza mascherine per tutti coloro che ne avranno bisogno?

Sì, ce ne saranno abbastanza. Lo abbiamo sempre detto, del resto. È chiaro però che, per il momento, le mascherine sono destinate in maniera prioritaria agli ospedali e alle altre strutture sanitarie, ossia laddove sono veramente necessarie.

Le scuole dell’obbligo: perché non riaprirle subito, visto che i bambini a quanto pare raramente si ammalano di Covid-19?

Si può sempre procedere più velocemente o più lentamente. Noi non vogliamo andare troppo veloci. Non ci affrettiamo ad aprire settori che possono generare grandi assembramenti e movimenti di persone. In questo intervallo di due settimane tra il 27 aprile e l'11 maggio speriamo di poter osservare un’evoluzione sempre favorevole sul piano epidemiologico, ciò che ci permetterebbe di tornare a una logica di contenimento dell’epidemia. E di compiere un ulteriore passo verso la riapertura.

Bisognerà continuare a evitare i contatti intergenerazionali. Non temete che, riaprendo le scuole dell’obbligo, i nonni tornino ad accompagnare i nipotini?

Fintanto che il virus sarà presente nella nostra società, le persone a rischio devono prendere misure di protezione particolari. I nonni, se hanno più di 65 anni o malattie pregresse, devono continuare ad essere molto attenti e a proteggersi. Ormai lo sappiamo: le migliori misure di protezione sono restare a casa, mantenere le distanze, lavarsi le mani a fondo e regolarmente. Queste raccomandazioni restano più che mai valide.

Un’uscita differita del Ticino dal lockdown: il Consiglio federale la esclude a priori?

Dall’inizio di questa epidemia non abbiamo mai escluso niente. Dobbiamo fare del ’management dell’incertezza’, mentre finora eravamo più o meno abituati a essere certi di tutto. Se questa crisi ci insegna qualcosa, è quello di far fronte con modestia a ciò che la natura ci comanda: a un virus che non conosciamo bene e che detta il ritmo delle nostre decisioni. Il Consiglio federale auspica che, nella misura del possibile, si possano fare dei passi per l’insieme del Paese. D’altro canto abbiamo dimostrato, quando la situazione lo imponeva, di essere stati capaci di avere la flessibilità necessaria, come ad esempio per tenere conto della situazione particolare vissuta dal Ticino.

Significa che potreste autorizzare un’ulteriore ’finestra di crisi’, dopo quella che si chiuderà il 26 aprile?

Noi speriamo che a partire dal 27 aprile, con calma, si possa tornare su una linea comune tra cantone e Confederazione. Siamo in stretto contatto con le autorità cantonali per discuterne.

Due mesi al fronte, di cui uno di ’situazione straordinaria’, trascorsi nei panni di ’Landesvater’ ('Tages-Anzeiger'), di 'Padre del Paese'. Qual è stato il momento più difficile?

Parliamo di un lavoro di squadra: dell’insieme del Consiglio federale, assieme ai collaboratori dei vari dipartimenti, dei cantoni e del settore privato. La cosa più difficile è stata la rapidità con la quale il Consiglio federale s’è dovuto adattare alla situazione straordinaria decretata il 16 marzo. Quelle due settimane, grossomodo dal 10 al 25 marzo, sono state estremamente dense. E molto esigenti sul piano fisico e politico.

La fatica, la sente in questo momento?

Sì, un po’. Ma sto bene. Una simile situazione la si può gestire come si gestisce uno sforzo sulla lunga distanza. In passato ho praticato l’atletica a livello competitivo (correva gli 800 metri, ndr) e per parecchi anni ho fatto campi d’allenamento al Centro gioventù e sport di Bellinzona. Ho sempre paragonato questa crisi a una maratona, che richiede un impegno fisico a lungo termine. Bisogna sapersi gestire, organizzare.

Il più difficile è alle spalle o resta da fare?

Abbiamo già fatto cose abbastanza difficili. E mi ha impressionato vedere come la popolazione svizzera - dai singoli individui ai gruppi di persone, dalle associazioni sportive e culturali alle aziende e agli ambienti economici - sia riuscita tutta assieme a gestire al meglio questa prima fase. So che è stato particolarmente difficile in Ticino, perché il vostro cantone è stato colpito per primo dall'emergenza e ha svolto un ruolo da pioniere. Quel che ci attende d'ora in poi è altrettanto esigente. Dobbiamo restare uniti. Se cominciamo a dividerci, se gli interessi particolari cominceranno a prevalere sull’interesse comune, allora superare questa crisi sarà molto più difficile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved