l-uscita-dal-lockdown-ristoranti-aperti-dall-11-maggio
I Consiglieri federali Parmelin, Berset e Sommaruga in conferenza stampa (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Forum economico, verso un accordo sul gas tra Berna e Berlino

Wef di Davos: Svizzera e Germania vogliono aiutarsi a vicenda in caso di crisi energetiche come quella scaturita dalla guerra in Ucraina
Svizzera
11 ore

Winterthur, 18enne gravemente ferito in un’esplosione in casa

La deflagrazione potrebbe essere stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta
Svizzera
12 ore

Attivisti per il clima arrivati a Davos, ma scarsa affluenza

I presenti hanno manifestato contro il World economic forum e chiesto che la natura e le persone siano di nuovo al centro dell’economia
Svizzera
14 ore

Wef 2022 all’insegna dell’Ucraina, presenti Scholz e Stoltenberg

Complessivamente saranno oltre 50 i capi di Stato e di governo che parteciperanno al World economic forum di Davos
Svizzera
15 ore

Ginevra, rissa in un bar degenera e partono degli spari

Stando alla Tribune de Genève i protagonisti della colluttazione di ieri notte sono membri di due bande rivali di motociclisti
Svizzera
18 ore

Automobilista ubriaco provoca un incidente e fugge

Il conducente è stato poi fermato dalla polizia nel canton Zurigo. Ieri sera aveva urtato una macchina ferma a un semaforo a Neuhausen am Rheinfall (Sh)
Svizzera
18 ore

Estate da record: ‘Potremmo raggiungere i 40 gradi’

Lo afferma Thomas Bucheli di Srf Meteo. Raddoppiato il numero di giorni estivi con più di 25 gradi.
Svizzera
1 gior

Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo

La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
1 gior

Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera

Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
1 gior

Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc

Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
1 gior

Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese

I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
1 gior

Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum

Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
1 gior

Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista

L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
1 gior

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
1 gior

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
2 gior

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
2 gior

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
2 gior

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
2 gior

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
2 gior

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
2 gior

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
2 gior

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
2 gior

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
2 gior

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
Svizzera
3 gior

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
3 gior

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
3 gior

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
3 gior

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
3 gior

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
29.04.2020 - 14:47
Aggiornamento : 20:20

L'uscita dal lockdown, ristoranti aperti dall'11 maggio

I prossimi passi del piano di allentamento: confermata la ripresa delle scuole e degli allenamenti sportivi. Graduale riapertura delle frontiere

Da lunedì 11 maggio 2020 potranno riaprire i negozi, i ristoranti, i mercati, i musei e le biblioteche; nelle scuole del livello elementare e secondario potrà riprendere l’insegnamento presenziale e nello sport di massa e di punta saranno consentiti gli allenamenti. I trasporti pubblici inoltre riprenderanno a circolare secondo l’orario normale. Sono queste le decisioni presentate a Berna dal Consiglio federale. «Abbiamo scelto d'intraprendere la via di mezzo – ha spiegato la presidente della Confederazione, Simonetta Sommarua –. Vogliamo conciliare la tutela della popolazione con i bisogni dell’economia. Procediamo passo dopo passo per poter osservare le conseguenze di ogni allentamento. Ogni apertura sarà collegata a un piano di protezione».

Per quanto riguarda gli esami di maturità, il Consiglio federale ha deciso in accordo con la Conferenza dei direttori della pubblica educazione (Cdpe) che potranno essere prese in considerazione le note scolastiche; spetterà poi ai Cantoni decidere se effettuare o meno gli esami scritti per la maturità liceale.

Parallelamente a queste aperture saranno allentate anche le restrizioni di entrata in Svizzera. Dall’11 maggio, inoltre, i Cantoni dovranno riprendere a tracciare in modo capillare le nuove infezioni.

I nuovi allentamenti saranno accompagnati da una serie di piani di protezione.  Le regole di distanziamento sociale e d’igiene dovranno essere rispettate anche in futuro. «A livello epidemiologico la situazione sta gradualmente migliorando – ha osservato Alain Berset, capo del Dipartimento federale dell'interno –. Questo progressivo allentamento delle restrizioni funzionerà se la popolazione continuerà a rispettare le misure di prevenzione». Per il ministro dell'economia Guy Parmelin e decisioni del Consiglio federale rappresentano «una nuova alba sul cielo dell’economia». Parmelin ha inoltre fornito alcuni dati preoccupanti sullo stato dell'economia elvetica a seguito della crisi 'covid19': il 37% della manodopera a livello nazionale è al beneficio del lavoro ridotto, le aziende sono sovra indebitati (70 miliardi) e la disoccupazione è aumentata di quasi un punto percentuale (0.82%) tra marzo e aprile, per assestarsi intorno al 3.3%. «La situazione delle prossime settimane permetterà alle aziende di andare avanti e ridecollare – ha aggiunto il capo del Dipartimento federale dell'economia –, ci sono però molte imprese che non saranno in grado di ripartire». La Seco prevede per il 2021 una crescita del prodotto interno lordo di circa il 5%, «ma non tornerà ai suoi livelli di fine 2019» ha concluso Parmelin.

Il Consiglio federale deciderà sulla terza fase di allentamento, che dovrebbe scattare l’8 giugno, nella sua seduta del 27 maggio prossimo. Entro la fine del mese prossimo sono previste decisioni sul divieto di assembramenti di più di cinque persone, sull’insegnamento presenziale nei licei e nelle scuole universitarie, sulle istituzioni culturali, sugli impianti sportivi, sugli impianti di risalita e sulle funzioni religiose. Il Collegio governativo discuterà inoltre sull’uscita dalla situazione straordinaria secondo la legge sulle epidemie. Il 26 giugno intende infine prendere ulteriori decisioni per la stagione estiva basandosi sui risultati del monitoraggio.

Le misure nel dettaglio

Cauta apertura del settore gastronomico dall’11 maggio

L’11 maggio, gli esercizi della ristorazione potranno riaprire i battenti, ma nel rispetto di  severe condizioni. In una prima fase sono ammessi a un tavolo al massimo quattro persone  o due genitori accompagnati dai propri figli. Tutti gli ospiti devono essere seduti e tra i diversi  gruppi deve essere mantenuta una distanza di due metri o apposti elementi di separazione. Il  Consiglio federale deciderà sugli ulteriori allentamenti nella seduta del 27 maggio prossimo.  Il graduale allentamento è accompagnato da piani di protezione ed è stato discusso con i  rappresentanti del settore.

Decisione sulle modalità d’insegnamento lasciata ai Cantoni

Dall’11 maggio, nelle scuole del livello elementare e secondario sarà nuovamente consentito l’insegnamento presenziale. A tale scopo l’UFSP ha definito, in collaborazione con la Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), le prescrizioni per i piani di protezione delle scuole. Per la loro elaborazione si è fatto ricorso al comitato consultivo scientifico (COVID-19 Science Task Force) e ad altri esperti. Entro l’11 maggio i Cantoni e i Comuni disciplineranno l’attuazione dei piani tenendo conto delle peculiarità locali. Le scuole potranno organizzare in modo flessibile l’insegnamento in classe.

Nei licei e nelle scuole professionali e universitarie, dall’11 maggio saranno nuovamente possibili le attività presenziali cui partecipano fino a cinque persone. Questo principio vale anche per l’insegnamento musicale. Gli esami possono essere svolti se sono rispettate le regole di distanziamento sociale e d’igiene. Le attività presenziali con gruppi più numerosi saranno probabilmente consentite dall’8 giugno prossimo.

Sarà possibile rinunciare agli esami di maturità scritti 

Quest’anno i licei cantonali potranno rinunciare anche agli esami di maturità scritti: il Consiglio federale accoglie così la proposta della CDPE, che aveva già deciso di non effettuare gli esami orali. È inoltre stato stabilito che nel 2020 la maturità professionale sarà rilasciata sulla base unicamente delle note scolastiche. In questo settore la competenza disciplinatoria spetta in esclusiva alla Confederazione.

Musei, biblioteche e archivi aperti prima del previsto

Il Consiglio federale ha deciso che, oltre ai negozi e ai mercati, potranno riaprire anche i musei, le biblioteche e gli archivi. In queste strutture le regole di distanziamento sociale e d’igiene possono essere attuate facilmente e i flussi di persone canalizzati efficacemente. I giardini botanici e i parchi zoologici restano chiusi ancora fino all’8 giugno.

Allenamenti sportivi nuovamente consentiti dall’11 maggio

Il Consiglio federale allenta i provvedimenti per contenere la diffusione del nuovo coronavirus anche nel settore dello sport. Dall’11 maggio, nello sport di massa saranno nuovamente possibili gli allenamenti in piccoli gruppi fino a cinque persone, senza contatto fisico e nel rispetto delle regole di distanziamento sociale e d’igiene. Nello sport di punta le limitazioni sono meno severe, ad esempio gli allenamenti potranno svolgersi anche con più di cinque persone. Il Consiglio federale prevede inoltre di autorizzare la ripresa delle partite a porte chiuse nelle leghe con campionati prevalentemente professionistici a partire dall’8 giugno.

Graduale allentamento delle restrizioni d’entrata in Svizzera dall’11 maggio

Parallelamente alle fasi di apertura dell’economia, il Consiglio federale intende allentare gradualmente le restrizioni d’entrata in Svizzera emanate per far fronte all’emergenza coronavirus (v. comunicato stampa separato). Dall’11 maggio saranno trattate dapprima le domande depositate prima del 25 marzo da lavoratori provenienti dall’UE/AELS e da Paesi terzi. A partire da questa data sarà inoltre nuovamente possibile il ricongiungimento familiare in Svizzera per i cittadini svizzeri e dell’UE. I controlli alla frontiera saranno per contro mantenuti.

Grandi manifestazioni vietate fino alla fine di agosto

Per garantire la certezza nella pianificazione, il Consiglio federale ha inoltre deciso che le  grandi manifestazioni con più di 1000 persone restano vietate fino alla fine di agosto. In questi eventi il rischio di trasmissione è molto elevato e il tracciamento dell’infezione è  praticamente impossibile. Inoltre è spesso difficile rispettare le misure d’igiene e le regole del  distanziamento sociale. Prima delle vacanze estive, il Consiglio federale rivaluterà la  situazione tenendo conto delle strategie degli altri Paesi. Il 27 maggio deciderà inoltre da  quando saranno nuovamente possibili le manifestazioni con meno di 1000 persone.


Tracciamento di tutte le nuove infezioni

Per contenere l’epidemia a lungo termine, la Confederazione ha elaborato un piano di  contenimento. Non appena il numero di nuove infezioni sarà diminuito a sufficienza, i  Cantoni dovranno nuovamente ricostruire in modo capillare le catene di trasmissione
(tracciamento dei contatti) per individuare il prima possibile le persone infette e garantire che  tutte le persone con sintomi possano essere testate e non, come finora, soltanto quelle  particolarmente a rischio o ricoverate in ospedale. Le persone che risultano positive al test  saranno isolate e quelle che hanno avuto contatti con loro saranno informate e dovranno  osservare un periodo di quarantena per interrompere le catene di infezione.

I test effettuati su persone con sintomi gravi o che presentano un rischio maggiore di complicazioni saranno rimborsati come finora dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS). Tenuto conto del rapido sviluppo della tecnologia, il DFI ha deciso di ridurre, con effetto al 30 aprile, a 95 franchi la tariffa dell’analisi a carico dell’AOMS.

App volontaria a sostegno del contenimento dell’epidemia

È previsto di mettere a disposizione della popolazione un’applicazione digitale che utilizza la tecnologia bluetooth per informare i suoi utenti se si sono trovati troppo a lungo nelle vicinanze di una persona infetta. L’app è attualmente sviluppata dai Politecnici federali di Zurigo e Losanna in collaborazione con la Confederazione e la COVID-19 Science Task Force. Le persone che ricevono una notifica dall’app possono rivolgersi all’Infoline dell’UFSP per una consulenza. L’uso dell’app è volontario, i dati personali possono essere visualizzati soltanto dall’utente e non vengono utilizzati dati personali o informazioni sulla posizione. L’app sarà inoltre utilizzata soltanto per la durata dell’emergenza coronavirus. Questi principi di base devono essere garantiti secondo l’Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT) e la Commissione d’etica nazionale in materia di medicina umana (CNE).

 

 

 

 

 

 

 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved