WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-1)
FLO Panthers
4
BOS Bruins
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-1)
DAL Stars
2
VEGAS Knights
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
EDM Oilers
0
PHI Flyers
1
1. tempo
(0-1)
la-giusta-prudenza-del-consiglio-federale
Keystone
Parmelin e Berset
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince

Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
1 gior

Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)

Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
2 gior

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
4 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
5 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
6 gior

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
1 sett

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett

Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente

Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 sett

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
Commento
 
18.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 11:24

La giusta prudenza del Consiglio federale

Il Governo opta prudentemente per una strategia di uscita dal lockdown fatta di piccoli passi. Una scelta ragionevole, viste le numerose incognite.

Come si vede Alain Berset tra un anno? «Su una terrazza, con una birra». E Guy Parmelin? «Lo stesso, ma con un bicchiere di vino bianco». Alle porte c’è però la primavera 2021, non quella del 2022. E allora i piedi restano ben piantati per terra: «Vorrei potervi dire che siamo alla fine del proverbiale tunnel, ma il tunnel è ancora molto lungo, anche se vediamo la luce al fondo» (il viticoltore presidente della Confederazione); la situazione resta «fragile» (il ‘ministro’ della sanità).

In effetti il momento è delicato. I dati sull’evoluzione della pandemia sono sì «buoni», ma – appunto – una rondine non fa primavera. Le nuove varianti del coronavirus continuano a diffondersi. Non si testa abbastanza. Il tracciamento dei contatti qua e là balbetta sempre. Fanno difetto informazioni affidabili sui luoghi di contagio. E la campagna vaccinale non avanza al ritmo sperato.

Ha fatto bene dunque il Consiglio federale a non pigiare sull’acceleratore. A optare – nonostante l’enorme pressione sulle sue spalle – per una riapertura cauta, mirata e graduale delle attività economiche e sociali messe in letargo quest’inverno, con un occhio di riguardo per i giovani. Ha fatto bene anche a dettare una cadenza ragionevole (un mese anziché le 2-3 settimane sperimentate finora, insufficienti per valutare al meglio l’effetto delle misure decise) ai passi previsti dal piano di uscita dal semi-confinamento. E a subordinare a tutta una serie di indicatori il via libera alla seconda fase della riapertura, dal primo aprile.

Levare subito o quasi tutte o buona parte delle restrizioni in vigore, come chiedono in particolare gli ambienti economici e l’Udc, sarebbe irresponsabile. Forse qualcosina in più si poteva concedere, quantomeno per quelle attività (come cinema e teatri) che non presentano eccessivi rischi di contagio e per le quali sono stati messi a punto rigorosi concetti di protezione. Ma al di là di possibili, auspicabili e puntuali correzioni di tiro, la rotta è quella giusta. La sicurezza viene prima della velocità.

Abbiamo già visto lo scorso anno cos’è successo quando si è voluto riaprire praticamente tutto allo stesso tempo e poi si è dormito sugli (apparenti) allori estivi. Ripetere quell’errore adesso sarebbe fatale: un effetto yo-yo, con una terza ondata di contagi e conseguenti nuove chiusure, sarebbe deleterio non solo sul piano epidemiologico, ma anche per l’economia e la società.

Lo scenario non è per nulla irrealistico. Alain Berset non ha nascosto che anche le prime, timide riaperture annunciate per il primo marzo (negozi, musei, impianti sportivi e per il tempo libero) comportano «un certo rischio». Un rischio «calcolato», che si potrà gestire – oltre che con le usuali regole di igiene e di comportamento – pure con adeguati piani di protezione, che però vanno applicati e fatti rispettare. Bisognerà poi testare più sistematicamente, ha ribadito Guy Parmelin. Anche perché non è affatto sicuro che tutti coloro che lo vorranno saranno vaccinati già entro l’estate.

Un’uscita lenta dal lockdown, però, va compensata con aiuti congrui e versati rapidamente. Ieri il Consiglio federale ha messo un’altra volta mano al portafoglio. Ma a contare non è solo l’entità del sostegno alle aziende e ai lavoratori in difficoltà. Adesso è più che mai urgente colmare le lacune esistenti e recuperare il ritardo accumulato, tra l’altro nell’accesso ai fondi per i casi di rigore e nella copertura integrale del salario in caso di disoccupazione parziale per le persone a basso reddito.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved