laRegione
Nuovo abbonamento
coronavirus-nuovi-allentamenti-no-all-apertura-con-l-italia-il-3
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Coronavirus, in Svizzera 182 nuovi casi nelle ultime 24 ore

Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'451. Nella giornata di ieri nessun nuovo decesso e altri sette ricoveri
Svizzera
18 ore

La firma del contratto per il vaccino è ‘un passo opportuno’

Il professor Alessandro Ceschi (Eoc) sull’accordo tra Ufsp e l'azienda statunitense Moderna che ‘assicura’ 4,5 milioni di dosi alla Svizzera
Svizzera
18 ore

Obbligo di quarantena anche in Slovenia

14 giorni di isolamento per chi arriva dalla Svizzera. Lubiana ha adottato questa decisione basandosi su analisi di esperti
Svizzera
19 ore

Il Tribunale federale conferma la condanna di Anni Lanz

Per i giudici losannesi l'attivista 74enne ha ignorato una procedura di espulsione e non poteva invocare lo stato di necessità.
Svizzera
20 ore

Si svuota il lago del ghiacciaio, Lenk col fiato sospeso

I torrenti a valle si sono ingrossati, ma al momento nessun danno è stato segnalato
Svizzera
21 ore

Mascherine a scuola: cantone che vai, soluzione che trovi

Nei cantoni latini sarà obbligatorio per i livelli post obbligatori, nella Svizzera tedesca non c'è un'unità di intenti. E in Ticino... lo scopriremo lunedì
Svizzera
22 ore

Zurigo consegnerà liste passeggeri aerei ad altri cantoni

Berna e Argovia riceveranno dalla polizia zurighese i nominativi dei passeggeri che atterrano a Kloten su voli provenienti da paesi a rischio Covid
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in Svizzera 161 nuovi casi e 3 decessi

Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'269. L'incidenza della malattia ha raggiunto i 422,6 casi ogni 100'000 abitanti
Svizzera
1 gior

Nessun obbligo di udienza video a causa del Covid

Secondo il Tribunale federale, questa procedura non può essere imposta se una delle parti vi si oppone
Svizzera
1 gior

Cavallerizza muore durante una lezione di salto

La donna di 49 anni è caduta ed è stata calpestata con uno zoccolo del cavallo che era inciampato su un ostacolo
Svizzera
1 gior

Nel lockdown è crollato il consumo di energia

Nonostante l'impennata del telelavoro da casa, la richiesta è calata del 12%. A pesare la chiusura di ristoranti, bar, scuole e negozi e la riduzione dei mezzi pubblici.
Svizzera
1 gior

La Svizzera acquisterà 4,5 milioni di dosi di vaccino

Coronavirus: serviranno per 2 milioni e 250mila persone. La Confederazione ha stipulato un contratto con la statunitense Moderna, ma è in contatto con altre aziende
Svizzera
1 gior

Coronavirus, infette dalle 250 mila alle 400 mila persone

Secondo una stima, nel nostro Paese dal 3 al 5 per cento della popolazione ha contratto il virus
Svizzera
1 gior

Aeromodello ferisce gravemente al volto un 23enne

L'incidente è avvenuto ieri sera nel canton Zurigo. Il 'pilota' si trovava a 200 metri di distanza dal luogo dell'incidente
Svizzera
1 gior

Quarantena in Norvegia per chi arriva dalla Svizzera

Da sabato i viaggiatori provenienti dalla Confederazione, Francia e Repubblica Ceca dovranno osservare una quarantena di dieci giorni nel Paese scandinavo
Svizzera
1 gior

Un congedo paternità ‘finanziabile e necessario’

Scende in campo il comitato interpartitico a favore del progetto su cui andremo a votare a fine settembre.
Svizzera
1 gior

Anche l'Algeria nell'elenco dei paesi con restrizioni d'entrata

Sono le nazioni da cui è possibile entrare nella Confederazione solo in casi eccezionali o di assoluta necessità
Svizzera
1 gior

'Mandate i vostri figli a scuola in bici e non a piedi'

È quanto suggerisce il Tcs. Infondati i timori sulla sicurezza, afferma l'organizzazione. Nuovo portale a disposizione dei genitori.
Svizzera
2 gior

Coronavirus, in Svizzera 181 nuovi casi e tre decessi

Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'108. Oltre 16mila persone in quarantena dopo essere rientrate da Paesi considerati a rischio
Svizzera
2 gior

Mascherine, quando in stoffa e quando monouso

Covid-19, l'Ufficio federale della sanità pubblica ha aggiornato disposizioni e raccomandazioni. In Ticino un nuovo caso e un ricovero in più
Svizzera
2 gior

'La fuga del re', Spagna chiede assistenza giudiziaria a Berna

La richiesta è stata inoltrata alla procura di Ginevra. Il Dfae ha affermato che i beni in Svizzera di re Juan Carlos non sono per ora stati bloccati
Svizzera
2 gior

Neuchâtel, balneazione al lago di nuovo consentita

La presenza di cianobatteri è stata confermata, ma i risultati delle ultime analisi effettuate hanno dato valori negativi circa la presenza di tossine
Svizzera
2 gior

Zurigo tiene d'occhio i rimpatri da Paesi a rischio

I dati di contatto di tutti i passeggeri che giungono da Paesi a rischio vengono raccolti all'aeroporto dalla polizia aeroportuale
Svizzera
2 gior

Penuria di macchinisti alle Ffs, treni soppressi

La crisi del coronavirus ha infatti rallentato la formazione. Conseguenza: alcuni treni soppressi durante il lockdown continuano a non circolare
Svizzera
2 gior

Coronavirus, donne incinte tra le categorie a rischio

Mathys (Ufsp): in Svizzera 45 persone in terapia intensiva, 32 intubate. Ipg per chi va in quarantena al rientro da Paesi inseriti nella lista 'nera'
Svizzera
3 gior

La Spagna è entrata nella lista dei Paesi a rischio

Obbligo di quarantena per chi rientra dal paese iberico, escluse le isole Baleari e Canarie. In tutto gli Stati 'a rischio' sono ora 46
Svizzera
27.05.2020 - 15:010
Aggiornamento : 28.05.2020 - 18:02

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

In diretta da Berna la conferenza stampa del Consiglio federale. Il 30 maggio assembramenti fino a 30 persone. Niente apertura con l'Italia il 3 giugno

Il Consiglio federale allenta ulteriormente le misure anti-pandemia e annuncia che la situazione straordinaria avrà fine il prossimo 19 giugno. Inoltre nella seduta odierna il Consiglio federale ha deciso nuove e importanti misure di allentamento del 'lockdown'. Misure che saranno implementate a partire, per la maggior parte, da fine della prossima settimana. Parola chiave sarà comunque ancora 'social distancing' tra i gruppi di persone che non si conoscono.

In breve

Dal 30 maggio

  • Consentiti raduni spontanei fino a 30 persone nei luoghi pubblici (fino ad allora 5 persone)

Dal 6 giugno (con piani di protezione)

  • Cadranno la restrizione di massimo 4 ospiti per tavolo. Ma i tavoli con più di 4 ospiti dovranno obbligatoriamente lasciare il contatto di almeno una persona. La distanza dei tavoli dovrà rimanere comunque di almeno 2 metri, per evitare il contagio tra gruppi che non si conoscono.
  • In bar e ristoranti è possibile di nuovo proporre musica dal vivo e attività ludiche come il biliardo.
  • Possono riaprire gli impianti turistici, come quelli di risalita, i campeggi, gli zoo e le piscine.
  • Potranno riaprire anche i bordelli.
  • Manifestazioni pubbliche e private fino a 300 persone saranno consentite. Tra queste matrimoni, feste di famiglia, fiere, concerti, teatri, cinema e discoteche. Quando non sarà possibile mantenere le distanze, bisognerà garantire il 'contact tracing'.
  • Le manifestazioni sportive con pubblico sono di nuovo consentite.
  • Gli allenamenti sono di nuovo consentiti senza restrizioni particolari.
  • Consentiti i campi vacanza per bambini e adolescenti, fino al massimo di 300 partecipanti. Gli organizzatori dovranno tenere la lista dei partecipanti.
  • L'insegnamento in classe potrà riprendere nelle scuole medie superiori, nelle scuole professionali e nelle università.
  • Il telelavoro rimane comunque consigliato.
  • Gli anziani possono riprendere i contatti sociali e prendersi cura dei nipotini.


Cosa apre e cosa no (admin.ch)

Dal 30 maggio gli assembramenti spontanei nei luoghi pubblici potranno essere fino a 30 persone (e non più 5) mentre dal 6 giugno si potranno tenere nuovamente manifestazioni con fino a 300 persone, sia per quelle a carattere privato e famigliare, sia quelle organizzate. Saranno inoltre nuovamente consentite le competizioni sportive con pubblico per gli sport che non prevedono contatto fisico stretto. Gli allenamenti sportivi non avranno più restrizioni particolari. Il 6 giugno riapriranno anche gli impianti di risalita, i campeggi e le strutture turistiche come i parchi avventura. Riapertura consentita anche per case da gioco, zoo e girardi botanici, teatri, cinema e discoteche. «Si è scelto un sabato per permettere al settore di sfruttare il fine settimane», ha sottolineato il consigliere federale Alain Berset incontrando la stampa. Per quei luoghi dove non è garantita la distanza interpersonale, come le discoteche, sarà richiesto di permettere il tracciamento di eventuali contagi. È quindi verosimile che si dovrà chiedere e registrare le generalità dei clienti.

Le persone anziane «possono riprendere la vita sociale e curare i nipotini. La situazione attuale lo permette e bisogna dirlo chiaramente», ha commentato Berset.

Cade la restrizione del numero di persone per tavolo nella ristorazione, ma tutti i tavoli occupati da più di 4 persone saranno obbligati a lasciare il contatto di almeno una persona. «Si tratta delle aperture più generose a livello continentale. Lo possiamo fare perché la popolazione ha dimostrato di aver capito come proteggersi e si sa comportare bene», ha rilevato Berset, aggiungendo che «cisto che si tratta di proteggere la salute di tutti, crediamo che sia nell'interesse di ristoratori e clienti di fornire i propri dati quando sono in un gruppo numeroso».

Dal 6 giugno potranno inoltre riaprire anche i bordelli. «Qui, sembra strano a dirlo, dei concetti di protezione sono sicuramente prevedibili – ha rilevato Berset –. Inoltre se i bordelli rimangono chiusi non vuol dire che l'attività della prostituzione sparisca».

Buone notizie

«Oggi non sono solo delle buone notizie per la popolazione, ma anche per molti ambiti economici», ha rilevato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga.

«Dopo il 6 giugno non sarà più necessario chiedersi se si può fare qualcosa, ma piuttosto come possiamo farlo per evitare rischi inutili», ha proseguito Sommaruga incontrando la stampa. «Con le decisioni prese oggi dal Consiglio federale possiamo entrare in una nuova normalità. Il 24 giugno decideremo, prima dell'estate, sulle manifestazioni con più di 300 persone. Le manifestazioni con più di 1000 persone sono vietate fino al 31 agosto».

Le cifre della pandemia «sono incoraggianti e possiamo dire che abbiamo la situazione sotto controllo. Ovviamente lo diciamo con tutte le precauzioni. Ciò ci permette di revocare altre misure restrittive», ha chiosato Berset ricordando come «abbiamo la situazione sotto controllo perché abbiamo reagito come comunità. Per riuscirci ci volevano delle regole da far rispettare a tutti e queste le ha dovute dare la politica. Ora, con i piani di protezione, diamo la responsabilità ai vari settori della società».

Contact tracing fondamentale

Nella 'nuova normalità' post-pandemia rimarrà comunque centrale la possiblità di ricostruire per ogni caso la catena dei contagi, ha commentato Berset. «Non vivremo più una situazione come a inizio marzo: allora non sapevamo nulla del virus e non avevamo esperienza. Ora l'abbiamo e sappiamo che è fondamentale poter sempre garantire il 'contact tracing'». Durante la prima ondata si era rapidamente perso traccia delle catene di contagi, cosa che aveva portato rapidamente alle misure di 'lockdown'.

Non si apre con l'Italia il 3 giugno

Sul fronte del confine sud, se l'Italia dovesse decidere di aprire i propri confini con gli stati limitrofi il 3 giugno, la Svizzera non prenderà misure reciproche. Lo ha detto chiaramente la consigliera federale Karin Keller-Sutter. La Svizzera intende inoltre coordinare con l'Italia e con gli altri paesi limitrofi eventuali controlli sanitari al confine, con il coinvolgimento anche dei cantoni di frontiera. Ticino incluso.

«Siamo in contatto con l'Italia – ha aggiunto Keller-Sutter –. L'intenzione di aprire da parte loro è una decisione sovrana, che rispettiamo. Ciò nonostante la Svizzera e gli altri paesi vicini all'Italia propendono per una riapertura il più possibile coordinata. In questo senso ho concordato con la mia omologa italiana, Luciana Lamorgese, in vista dei prossimi passi. L'ho informata che il 3 giugno non riapriremo le nostre frontiere con loro». D'altronde «la signora Lamorgese ha chiarito che il 3 giugno è un obiettivo per l'Italia, ma nulla è ancora deciso». E se l'apertura dovesse essere unilaterale, «staremo a vedere cosa succederà. Eventualmente possiamo immaginarci delle misure per chi si reca in Italia, come ad esempio la necessità di riempire un questionario o sottoporsi a misure sanitarie». 

I ricongiungimenti familiari – ha precisato Keller-Sutter – saranno possibili dall’8 giugno per tutte le persone domiciliate in Svizzera che rispettano alcuni presupposti.

La fine dei controlli con Germania, Austria e Francia è invece confermata per il 15 giugno.

Lo stop a tutte le restrizioni per l'entrata in Svizzera e per l'ammissione al mercato del lavoro, se la situazione dell'epidemia lo dovesse permettere, è invece stata fissata per il 6 luglio. Allora sarà possibile viaggiare senza limitazioni in tutti gli stati Schengen.

Allentamenti per il mercato del lavoro

Oggi il Consiglio federale ha deciso di allentare ulteriormente le restrizioni per quanto riguarda l'accesso dall'estero al mercato del lavoro elvetico. Dall'8 giugno saranno nuovamente trattate le domande di lavoratori provenienti dagli Stati dell'Unione europea e da quelli membri dell'Associazione europea di libero scambio. Le imprese svizzere potranno inoltre assumere lavoratori altamente qualificati provenienti da stati terzi, a patto che queste assunzioni siano urgenti e siano di interesse pubblico.

Nel contempo sarà ristabilito l'obbligo di annunciare i posti di lavoro vacanti a favore dei residenti disoccupati.

«Il Consiglio federale non vuole più immigrazione di quella che è necessaria e il ritorno alla libera circolazione prevedrà la reintroduzione delle misure di accompagnamento», ha commentato, Keller-Sutter.

Il salario di chi deve rispettare la quarantena?

Cosa ne sarà di chi deve rispettare la quarantena dopo essere entrato in contatto con un malato? «Oggi il problema non si pone più – ha rilevato Berset – perché le quarantene sono imposte dai medici cantonali e quindi danno diritto all'indennità per perdita di guadagno per 10 giorno. È tutto regolato nell'ordinanza in vigore fino a settembre».

© Regiopress, All rights reserved