attivita-culturali-la-tradizione-regge-la-rivoluzione-digitale
Quando si poteva (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
3 ore

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
3 ore

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
4 ore

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
5 ore

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
6 ore

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
19 ore

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
20 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
22 ore

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
23 ore

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
1 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
1 gior

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
1 gior

Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel

Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Spettacoli
1 gior

L’India rifà ‘Forrest Gump’, e c’è chi grida al boicottaggio

Centinaia di integralisti riuniti davanti ai cinema hanno cercato di impedire l’accesso al pubblico nell’Uttar Pradesh: ‘Ridicolizzate le divinità indù’
Locarno 75
1 gior

Zsuzsi Bánkuti è la nuova responsabile di Open Doors

Dalla guida ad interim a quella in prima persona: ‘Non vedo l’ora di scoprire e promuovere nuovi talenti provenienti da questa vibrante regione’
Spettacoli
1 gior

Anne Heche senza speranza: ‘È cerebralmente morta’

A una settimana dal terribile incidente, l’annuncio della famiglia. ‘Donerà gli organi’
Open Doors
1 gior

L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario

‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Culture
1 gior

È morto il fumettista Sempè, ‘padre’ del Piccolo Nicolas

Creò il celebre personaggio con René Goscinny, uno dei padri di ‘Asterix’. Firmò copertine del New Yorker e di Paris Match: tutta la Francia lo piange
28.12.2020 - 19:11

Attività culturali, la tradizione regge la rivoluzione digitale

Nel 2019 sono cresciuti i frequentatori di festival. La radio perde minuti di ascolto ma rimane il media più utilizzato dagli svizzeri.

Stabilità, in alcuni casi addirittura crescita: la statistica sulle attività culturali in Svizzera mostra che le forme “tradizionali” di fruizione – come visitare un museo o un monumento, leggere un libro cartaceo, seguire un concerto o un festival – rimangono nelle abitudini della popolazione nonostante la disponibilità di nuovi strumenti digitali.

Ci si riferisce, prima premessa importante, al 2019: prima quindi che la pandemia e le misure restrittive fermassero o riducessero l’attività di musei, cinema e sale da concerto e teatrali, spostando parte di queste attività online. La statistica sulle attività culturali è parte dell’indagine tematica sulla lingua, la religione e la cultura ed è effettuata ogni cinque anni. L’Ufficio federale di statistica non ha intenzione di anticipare il prossimo rilevamento: gli effetti – a questo punto a lungo termine – della pandemia sulle abitudini culturali della popolazione li conosceremo quindi nel 2025. Nei prossimi mesi è comunque prevista la pubblicazione di alcune statistiche culturali relative al 2020: in marzo quella sui cinema, in aprile una prima analisi sull’economia culturale mentre a luglio e a novembre avremo i dati sull’utilizzo di biblioteche e musei.

La seconda premessa è che questa statistica rimane sugli aspetti generali, senza quantificare ad esempio quante volte le persone sono andate al cinema o al museo. Dati più dettagliati sono tuttavia presenti in altre statistiche. Così se dai dati appena pubblicati scopriamo che radio e televisione rimangono gli strumenti più utilizzati per ascoltare musica (l’89% della popolazione li ha usati nel 2019) con un calo contenuto rispetto al 2014, dalla statistica sui media registriamo che nello stesso periodo il consumo radiofonico è passato da 100 a 92 minuti la settimana. Insomma, la “rivoluzione digitale” come viene definita nella statistica non cancella del tutto le vecchie abitudini ma ha comunque un impatto.

Continuità, e qualche tendenza al rialzo

Vediamo i dati generali. Nel 2019 quasi i tre quarti della popolazione hanno visitato monumenti e siti storici o archeologici (74%), seguiti da vicino da quelli che hanno assistito a concerti (72%) e che hanno visitato musei e mostre (71%). Poco più di due terzi (67%) si sono recati al cinema. Rispetto al 2014 le quote sono molto stabili, nonostante la crescente concorrenza costituita dalla fruizione della cultura mediante sistemi digitali. Per quanto riguarda le visite a monumenti, si riscontra un aumento dal 70 al 74%, forse legato alle iniziative per l’Anno del patrimonio culturale.

Più consistente, e apparentemente non legato a circostanze, è l’aumento dei frequentatori di festival (musicali, teatrali, cinematografici): dal 2014 al 2019 si è passato dal 38 al 47%, quasi uno svizzero su due. L’incremento riguarda tutte le fasce di età, ma in particolare tra le persone anziane.

Come nel 2014, anche nel 2019 quasi i due terzi della popolazione (65%) hanno praticato un’attività culturale dilettantistica. La più diffusa rimane la fotografia (25%), seguita da disegno, pittura, scultura o intarsio, dal canto e dal suonare uno strumento (18%). Tra gli hobby meno praticati troviamo invece il rap e il teatro amatoriale.


Non vi sono particolari differenze tra le regioni linguistiche: i romandi sono particolarmente interessati ai festival, gli svizzero-tedeschi agli zoo e alle manifestazioni cittadine, i ticinesi agli spettacoli di danza. A fare la differenza è soprattutto il profilo sociodemografico delle persone, in particolare per il livello di formazione. Ad esempio, tra le persone che assistono a concerti di ogni genere, quelle con un diploma del grado terziario sono quasi il doppio (83%) rispetto a quelle che si sono fermate alla scuola dell’obbligo (43%). Importante, soprattutto per le pratiche, la disponibilità finanziaria: nelle economie domestiche dal reddito basso fa musica l’11% delle persone intervistate, mentre in quelle finanziariamente solide tale percentuale raddoppia (22%).

La mancanza di mezzi finanziari è del resto il secondo ostacolo alla partecipazione alle attività culturali, indicata dal 32% degli svizzeri (in leggero calo rispetto al 2014); il primo motivo rimane comunque il poco tempo a disposizione.

Musica e libri

Due gli approfondimenti dell’Ufficio federale di statistica. Il primo riguarda la musica: i concerti come detto sono tra le attività più popolari. Tuttavia l’alta percentuale di chi ha seguito almeno un concerto (72%) si suddivide nei pubblici separati dei vari generi, con pop, rock, metal e punk in testa (29%) seguiti a breve distanza da musica classica e lirica (25%).

Ad assistere ai concerti di musica classica sono più le donne che gli uomini e più gli anziani che i giovani; il livello di istruzione è invece un fattore importante sia per i concerti di musica classica sia per quelli pop. Da notare che nei generi più ascoltati a casa, cantautori e musica leggera superano il pop e il jazz la classica.

Restando all’ascolto privato, si nota un marcato cambiamento negli strumenti impiegati: crollo di cd e dvd (utilizzati da poco più della metà della popolazione) e di lettori mp3, sostanzialmente sostituiti da internet e smartphone. Ma il media più utilizzato dalla popolazione rimane comunque la radio, popolare tra tutte le fasce di età.

Il secondo approfondimento riguarda invece i libri. Gli svizzeri continuano a leggere: l’83% ha letto almeno un libro nel 2019; il 30% più di uno al mese, dati paragonabili a quelli del 2014. Nettamente aumentata la quota di persone che leggono e-book, passata dal 15 al 25% della popolazione. A modificarsi è pure il profilo sociodemografico dei lettori di e-book: nel 2014 a leggere libri elettronici erano prevalentemente gli uomini, mentre nel 2019 tale differenza si è praticamente annullata. Lo stesso vale per l’età di chi legge in formato elettronico: nel 2014 erano prevalentemente persone di 30–44 anni, mentre oggi lo fanno in egual misura tutte quelle di meno di 60 anni. La statistica distingue tra letture ricreative e di studio o formazione: queste ultime sono maggiormente diffuse tra gli immigrati di seconda generazione che tra gli immigrati di prima generazione o le persone senza un passato migratorio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema cultura digitale musica statistica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved