la-pandemia-ha-rilanciato-l-uso-dei-media-elettronici
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
8 ore

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
8 ore

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
10 ore

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
11 ore

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
12 ore

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
12 ore

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
12 ore

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
13 ore

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
01.09.2020 - 17:02

La pandemia ha rilanciato l'uso dei media elettronici

Netto aumento del ricorso ai social e alle piattaforme di streaming nei mesi di semiconfinamento

La pandemia di coronavirus ha modificato il consumo dei media elettronici degli svizzeri: l'uso di social network e piattaforme di streaming è notevolmente aumentato, così come l'utilizzo di smartphone e computer portatili.

Uno studio della Comunità d'interessi per i media elettronici Igem pubblicato oggi indica che il numero di possessori di laptop è passato da 4,3 a 4,8 milioni in Svizzera, grazie anche al ricorso generalizzato al telelavoro. L'utilizzo dei computer portatili (76%) ha ora chiaramente superato quello dei PC desktop (69%). L'incremento è particolarmente marcato tra le persone di oltre 55 anni: nel 2019 solo una minoranza (45%) utilizzava un portatile, oggi sono il 57%.

Nella classifica dei dispositivi elettronici utilizzati in Svizzera, la televisione resta ampiamente in testa, guardata dal 92% della popolazione. Segue la radio con l'82%. Quasi la metà (47%) dei radioascoltatori utilizza però un apparecchio non convenzionale, come smartphone, Tv o computer. I telespettatori, invece, continuano a privilegiare la tv tradizionale.

Altro effetto del lavoro da casa e del semiconfinamento: la quota di possessori di smartphone è cresciuta dall'80% all'88% della popolazione, ovvero a 5,6 milioni di persone. Anche qui l'aumento è particolarmente significativo tra gli "over 55": ne possiede uno il 71% contro il 54% dello scorso anno.

Questa categoria di età ha segnato progressi anche in altri ambiti: la metà dei nuovi abbonati al servizio di streaming musicale Spotify ha più di 55 anni. Da notare che un terzo della popolazione svizzera ha un account presso questa piattaforma. Per gli "under 25", la proporzione raggiunge i due terzi. Tuttavia, la radio ha quasi il triplo degli ascoltatori.

Riguardo allo streaming video, Netflix (contrariamente a Spotify disponibile solo a pagamento) ha guadagnato 400'000 nuovi clienti e ora ha 2,2 milioni di utenti. Un terzo degli svizzeri utilizza questo servizio (il 75% dei giovani dai 15 ai 24 anni). Erano solo il 5% nel 2015. Pure in questo caso la televisione tradizionale conserva un numero di utenti tre volte superiore.

Anche i media sociali hanno vissuto questa tendenza al rialzo. Facebook ha ora 3 milioni di utenti in Svizzera (+350'000), pari al 46% della popolazione di età superiore ai 15 anni. Instagram ha visto una progressione identica: i suoi utilizzatori sono 2,1 milioni, ovvero un terzo della popolazione sopra i 15 anni. L'82% dei giovani tra i 15 e i 24 anni dispone di un account Instagram, mentre Facebook, in questa fascia di età, è in costante declino: solo un terzo l'utilizza, contro l'82% nel 2014.

I giovani sono particolarmente attratti da TikTok, in particolare le ragazze. Il numero di utenti della piattaforma video cinese è quintuplicato in un anno, arrivando a toccare quota 370'000. La maggior parte di loro ha meno di 25 anni.

Il coronavirus ha anche accresciuto del 50% il numero di persone che effettua pagamenti con lo smartphone, a 1,8 milioni. Il servizio maggiormente usato è Twint.

Lo studio Digimonitor 2020 è stato realizzato tra fine aprile e fine maggio in Svizzera tedesca e Romandia dall'istituto demoscopico Link. Sono state intervistate 1759 persone di almeno 15 anni di età.
Nota:

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved