sempre-piu-adolescenti-vittime-di-molestie-sul-web-in-svizzera
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Aliante contro la roccia in Vallese, morto il pilota

L’aliante pilotato da un 57enne vodese si è schiantato contro una parete rocciosa nella zona di Sénin/Sanetsch, non lontano dal confine col canton Berna
Svizzera
15 ore

‘Fantasy Basel’: primato di visitatori

L’edizione 2022 dell’evento è stata frequentata da 62’000 appassionati di film di genere fantastico, videogame, fumetti, cosplay e manga
Svizzera
19 ore

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
20 ore

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
1 gior

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
1 gior

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 gior

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 gior

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
1 gior

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
1 gior

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
1 gior

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
1 gior

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
2 gior

Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme

L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
2 gior

‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’

La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
15.12.2020 - 11:11
Aggiornamento : 20:27

Sempre più adolescenti vittime di molestie sul web in Svizzera

Proposte sessuali indesiderate, cybermobbing ed esperienze con pornografia e mobbing i fenomeni più comuni. 1 su 3 non usa le impostazioni per la privacy

Ats, a cura de laRegione

In Svizzera il 44% degli adolescenti ha ricevuto proposte sessuali indesiderate da uno sconosciuto su internet. Secondo un sondaggio, le ragazze sono molto più toccate da questo fenomeno dei ragazzi.

In base allo studio JAMES, condotto ogni due anni dalla Scuola universitaria professionale di Zurigo (ZHAW) su incarico di Swisscom, negli ultimi sei anni il tasso di giovani che ha ricevuto simili proposte è passato dal 19 al 44%.

Il sondaggio tiene conto delle risposte date da più di 1000 giovani fra i 12 e i 19 anni d'età delle tre principali regioni linguistiche. Da esso emerge che il doppio delle ragazze (55%) ha ricevuto proposte "indecenti" rispetto ai ragazzi (28%).

"Naturalmente, a questa età gli adolescenti sono particolarmente attratti da contenuti sessuali. Ma è tutta un'altra cosa quando i giovani si trovano involontariamente di fronte a questo problema", afferma, citato in una nota, Michael In Albon, incaricato di Swisscom della protezione dei giovani nell'utilizzo dei media. L'aumento considerevole delle molestie è dovuto anche alla banalizzazione dei contenuti a sfondo sessuale su internet.

Il cybermobbing colpisce anche i più giovani

Stando allo studio, un quarto dei giovani ha avuto anche esperienze di cybermobbing. Tra i dodicenni e i tredicenni, questa esperienza è toccata a un partecipante al sondaggio su dieci, con una frequenza leggermente maggiore per le ragazze.

Secondo i ricercatori, l'interesse per contenuti erotici e sessuali fa parte del processo di crescita e di sviluppo della sessualità. Ciò può tuttavia essere problematico, poiché certi contenuti pornografici trasmettono un'immagine falsa o unilaterale della sessualità e possono avere un effetto inquietante. Anche le pose provocanti ed erotiche possono essere abusate e svolgere un ruolo nel cybermobbing e nelle molestie sessuali.

Con l'aumento dell'età dei ragazzi crescono anche le loro esperienze con la pornografia e il sexting. L'indagine ha mostrato che la metà dei diciottenni e diciannovenni intervistati ha già guardato contenuti pornografici sul cellulare o sul computer o ha ricevuto immagini erotiche da altri.

Il successo di TikTok e il flop di Facebook

Lo studio JAMES ha fotografato anche un forte aumento dell'uso del cellulare fra i giovani. Nei fine settimana l'utilizzo quotidiano del cellulare, stimato dagli stessi utenti, è stato di circa cinque ore, ossia quasi due ore in più rispetto al 2018. Durante la settimana lo smartphone è usato per più di tre ore al giorno, ovvero 40 minuti in più rispetto al 2018.

I social network sono particolarmente importanti per i giovani, soprattutto per la possibilità di guardare e mettere un "like" ai post degli altri. Il 90% degli adolescenti intervistati ha un profilo su Instagram e Snapchat.

TikTok è in forte crescita: oggi tre giovani su quattro hanno un profilo su TikTok, contro il 37% di due anni fa. Evoluzione contraria per Facebook, passato dal 79% del 2014, al 14% dell'ultimo rilevamento.

Meno prudenti sui social

Gli adolescenti sembrano peraltro essere meno prudenti a proteggere la propria privacy sui social network. Se nel 2014 l'81% degli intervistati utilizzava le impostazioni per proteggere la propria sfera personale, nel 2020 si è scesi al 66%.

Gli autori dello studio sospettano che il tipo di social network svolga in questo caso un ruolo fondamentale. "Con piattaforme come Instagram e Snapchat è importante raccogliere un numero considerevole di like", afferma nella nota Gregor Waller della ZHAW. "Limitando la loro privacy, i giovani sono meno visibili e restringono la platea di contatti. Tutto questo limita le possibilità di ottenere like".

Le ragazze comunicano, i ragazzi giocano

Lo studio ha del resto mostrato che le ragazze e i ragazzi usano il cellulare per scopi diversi. Le ragazze lo usano soprattutto per comunicare nei social network o tramite messaggi vocali, ascoltano inoltre più spesso la musica e l'86% scatta regolarmente foto (contro il 62% dei ragazzi).

Per i ragazzi, l'attenzione è invece rivolta ai video e ai giochi online. Due terzi di loro giocano regolarmente, rispetto a solo il dieci per cento delle ragazze. Fa inoltre pensare il fatto che un quarto dei minorenni dichiara di giocare regolarmente a giochi non ammessi per la loro età.

Cresce lo streaming

Lo studio ha inoltre evidenziato un cambiamento significativo nell'uso di servizi di streaming orientati all'intrattenimento: tre quarti delle famiglie con adolescenti ha ora un abbonamento a servizi come Netflix (2016: 38%). Sono aumentati in modo significativo anche gli abbonamenti flat per la musica in streaming.

"Il periodo di lockdown è stato stressante per i giovani", afferma lo psicologo dei media della ZHAW Daniel Süss. "Probabilmente hanno fatto maggiore ricorso alle offerte di servizi di streaming per distrarsi o per sfuggire a una realtà che li opprimeva".

La crisi del coronavirus ha probabilmente rafforzato anche un'altra tendenza: la famiglia sta diventando sempre più importante per i giovani. Il 29% dei partecipanti al sondaggio ha detto di aver fatto quest'anno qualcosa con la famiglia, contro il 16% del 2010. Il 62% ha incontrato gli amici (2010: 81%).
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cybermobbing social network
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved