mein-fritz-il-mio-leo-d-rrenmatt-e-sciascia-in-trasparenza
Una produzione Teatro Sociale Bellinzona - Bellinzona Teatro con la collaborazione del Centre Dürrenmatt Neuchâtel
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
29 min

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
L'intervista
2 ore

Suoni e visioni di Laurie Anderson

Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
9 ore

‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro

Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
Moda
10 ore

Addio a Issey Miyake, il ‘sarto del vento’

Aveva 84 anni. Era anche conosciuto per aver disegnato il dolcevita nero indossato dal fondatore di Apple, Steve Jobs
Spettacoli
10 ore

I Golden Globes tornano su Nbc nel 2023

Dopo lo scandalo sulla diversità e lo stop della messa in onda quest’anno
Locarno 75
13 ore

Per finire, tutti i film premiati nelle sale del Festival

In speciali proiezioni ad accesso gratuito, domenica 14 agosto il palmarès ‘in omaggio’
Culture
16 ore

È morto l’illustratore Raymond Briggs

Fra i più amati dai bimbi, celebre il suo Pupazzo di neve. Tra le sue opere, anche la denuncia alla guerra
Culture
16 ore

Myanmar e Ucraina: Film Festival diritti umani, i primi titoli

Dal 19 al 23 ottobre a Lugano, i primi titoli: il pluripremiato ‘Myanmar Diaries’, di un collettivo birmano, e ‘Klondike’ di Maryna El Gorbach
Locarno 75
21 ore

‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta

Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
22 ore

A proposito di Robert Walser

Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
1 gior

Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’

Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Locarno 75
1 gior

Fuori concorso una ‘Candy Land’ senza sconti

Crudele e spietato, diversi spettatori hanno lasciato la sala durante la proiezione. Ma il limite è la poca originalità registica
Musica
1 gior

Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul

Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
1 gior

In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’

Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
1 gior

In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno

Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Chilometro zero
1 gior

Sulla diffrazione poetica, incontro alla darsena del Parco Ciani

Serata con Maurizio Chiaruttini e il poeta Antonio Rossi, giovedì 11 agosto, dalle 18, alla darsena
Musica
1 gior

Il Duo Ferrazzini-Hauri in concerto a Ceresio Estate

Padre e figlio, violoncellisti, proporranno il loro concerto domenica 14 agosto, dalle 19, alla chiesa San Tommaso di Agra
Spettacoli
1 gior

Poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Sabato 13 agosto, dalle 20, a Torre una serata dedicata a letture in versi con Fabio Pusterla, seguita dalla performance di Frigeri e dalla musica di Lanz
Locarno 75
1 gior

Al cubano ‘Moa’ e al venezuelano ‘Muchachos’ l’Open Doors Award

Si è svolta questa mattina la cerimonia di premiazione della sezione che va alla scoperta di nuove cinematografie in America Latina e nei Caraibi
Sostiene Morace
1 gior

Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film

I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Teatro Sociale
18.10.2021 - 19:33
Aggiornamento: 20:30

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta

Svizzera e Sicilia. A parte l’iniziale, l’accostamento non produce esattamente attinenze come pizza e pummarola o come orologi e cioccolato. Allo stesso modo, se non guardato più in profondità, l’accostamento tra Friedrich Dürrenmatt e Leonardo Sciascia sembrerebbe non andare oltre i cent’anni dalla nascita di entrambi, divisi all’anagrafe da sole 36 ore (l’italiano, 8 gennaio 1921, è più giovane di tre giorni) e mai incontratisi in vita. Succede però che Madeleine Betschart, direttrice del Centre Dürrenmatt Neuchâtel – per quarant’anni casa dello scrittore, drammaturgo e pittore svizzero – trova nella libreria del fu proprietario una copia di ‘Todo Modo’, opera di Sciascia tanto ardita che il relativo film in Italia fu inviato fisicamente al rogo dall’Inquisizione (o ‘Censura’), opera tanto ardita da compromettere la grandezza del regista due volte candidato all’Oscar Elio Petri. Più note, invece, le simpatie espresse da Sciascia nei confronti di Dürrenmatt, e cioè il frontespizio dell’ultimo libro ‘Una storia semplice’ e un’intervista in cui si dice che l’ammirazione per lo svizzero arriva subito dopo quella per Borges.

Tornando a Neuchâtel: «Lavoriamo con il Centro da circa un anno a questo progetto – ci spiega Sonja Riva, giornalista e autrice – nato dalle molte coincidenze che legano i due. Abbiamo cercato di capire come si potesse dar vita a un’iniziativa che vertesse sulle possibili visioni comuni tra due grandi intellettuali confrontatisi su piani molto simili, l’etica, la giustizia, il caso, il senso di colpa, l’impegno civile, e sulla capacità di essere entrambi uomini di cultura impegnati socialmente». Da qui «un progetto a cavallo tra Svizzera e Italia per riflettere sulle similitudini», in una rete di consolati, ambasciate, istituti: «Siamo partiti il primo ottobre dal Festival del Giallo di Treviso, la seconda tappa sarà il prossimo 24 ottobre a Neuchâtel. Iniziamo dalle testimonianze con Donata Berra, storica traduttrice di Dürrenmatt, e Francesco Izzo, colui che ha ideato e fondato l’associazione Amici di Sciascia, presidente operativo del comitato per i festeggiamenti del Centenario sciasciano presieduto da Emma Bonino e soprattutto frequentatore di Sciascia negli ultimi anni di vita. Nella primavera 2022 ci divideremo tra Lugano e Bellinzona, Milano e Roma, e la Sicilia, in altre modalità».


Leonardo Sciascia (© Fondazione Sciascia Racalmuto - Fabrizio Catalano)

Fare luce in tutti i sensi

È in tutto questo, da un’idea di Riva, che va a inserirsi ‘Mein Fritz, il mio Leo’, indagine di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, una produzione Teatro Sociale Bellinzona con la collaborazione del suddetto Centro. Una scrivania, un tappeto, «una sorta d’investigation board zeppo d’immagini, frammenti, libri» lo chiama Saltamacchia, per un’ambientazione dal rimando giallistico che lega Dürrenmatt e Sciascia con al centro – altro non è dato sapere – una lavagna luminosa, «oggetto anni Novanta che fa luce in tutti i sensi». E a fare suono, un riproduttore a cassetta dell’era analogica.

Traversi: «Non abbiamo l’ambizione di fare luce sui frammenti, di verificarne le corrispondenze, ed è qualcosa che mettiamo subito in chiaro. Abbiamo ricevuto da Sonja documenti assai eterogenei. L’idea non era quella di lavorare sul confronto letterario, al quale penseranno i tanti studiosi durante le molte occasioni previste, quanto portare in scena qualcosa di non accademico. Ci siamo trovate a giugno con molto materiale audio e video, reso ancor più consistente dal fatto che Sciascia è stato legato al Ticino per questione di premi ricevuti». Saltamacchia: «Ci siamo chieste come avremmo potuto ordinare questa ‘bomba’ d’informazioni e abbiamo deciso molto semplicemente di trasporre sulla scena la situazione nella quale ci eravamo ritrovate». Traversi: «E con tanto materiale a disposizione, ci siamo concesse alcune libere associazioni, anche necessarie». Ancora Saltamacchia: «Potrebbe sembrare una forzatura mettere a confronto due scrittori così lontani anche geograficamente, eppure grazie a questo doppio centenario e questo apparentemente arduo accostamento, abbiamo potuto scoprire affinità e analogie anche divertenti. E questa ironia, in alcuni punti, proviamo a giocarcela, vedi il discorso di Dürrenmatt a Vaclav Havel negli anni Novanta (la Svizzera paragonata a un carcere e gli Svizzeri ai carcerieri di sé stessi, riassunta in una manciata di limitate parole, ndr), ironia tagliente che accomunava anche Sciascia».


Friedrich Dürrenmatt (per gentile concessione del Centre Dürrenmatt di Neuchatel)

Storia (anche) di donne

A cosa assisterà il pubblico del Sociale, dal punto di vista teatrale? Traversi: «‘Teatrale’ si presta a fraintendimenti. Può significare qualcosa di scritto, d’improvvisato o d’installativo, che è quel che ci riguarda in questo caso. Non c’è una drammaturgia, non c’è un Leo e non c’è un Fritz, soluzione che, in quanto noi donne, sarebbe stata sufficientemente bugiarda». Saltamacchia: «Non siamo lui e l’altro, diamo anzi voce a tante donne, perché entrambi gli autori hanno in comune case popolate da tante donne. Dürrenmatt ha avuto due mogli, Sascia una moglie e tre figlie, la figura femminile li accomuna entrambi». Traversi: «Le mogli di Dürrenmatt erano le sue correttrici di bozze, ex attrici che avevano abbandonato la propria carriera teatrale per diventare le prime lettrici del marito, in qualche modo negandosi. Descriviamo proprio le dinamiche di questo lavoro, in base ai racconti delle figlie che riportano le assenze dei padri, o le difficoltà di capirne esattamente il lavoro».

Detto fuori dai denti: «Una lettura a due leggii con il violoncellista alle spalle – chiude Traversi – non appartiene né a Dürrenmatt né a Sciascia e sarebbe stato limitante per la loro storia. E poi veniamo da un anno e mezzo di difficoltà nel fare questo lavoro, un tempo durante il quale ci siamo poste mille domande su cosa sia andare a teatro, cosa sia necessario fare, e ci siamo dette di essere pronte ad altre modalità, altre forme, compreso un approccio più vivo, più performativo». È il caso di ‘Mein Fritz, il mio Leo’, «restituire, vere o presunte che siano, affinità e diversità, affinché non sia un gioco riduttivo», chiude Saltamacchia. «Io credo che se Fritz e Leo fossero in sala si divertirebbero».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved