BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
fine
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
3. tempo
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
rigori
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0 : 0-0)
DAL Stars
3
CAR Hurricanes
0
3. tempo
(1-0 : 1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
mein-fritz-il-mio-leo-d-rrenmatt-e-sciascia-in-trasparenza
Una produzione Teatro Sociale Bellinzona - Bellinzona Teatro con la collaborazione del Centre Dürrenmatt Neuchâtel
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
9 ore

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
10 ore

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
10 ore

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
11 ore

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
11 ore

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
11 ore

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
14 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
17 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
1 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
1 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
1 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
2 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
2 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
2 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
2 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
2 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
2 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
Teatro Sociale
18.10.2021 - 19:330
Aggiornamento : 20:30

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta

Svizzera e Sicilia. A parte l’iniziale, l’accostamento non produce esattamente attinenze come pizza e pummarola o come orologi e cioccolato. Allo stesso modo, se non guardato più in profondità, l’accostamento tra Friedrich Dürrenmatt e Leonardo Sciascia sembrerebbe non andare oltre i cent’anni dalla nascita di entrambi, divisi all’anagrafe da sole 36 ore (l’italiano, 8 gennaio 1921, è più giovane di tre giorni) e mai incontratisi in vita. Succede però che Madeleine Betschart, direttrice del Centre Dürrenmatt Neuchâtel – per quarant’anni casa dello scrittore, drammaturgo e pittore svizzero – trova nella libreria del fu proprietario una copia di ‘Todo Modo’, opera di Sciascia tanto ardita che il relativo film in Italia fu inviato fisicamente al rogo dall’Inquisizione (o ‘Censura’), opera tanto ardita da compromettere la grandezza del regista due volte candidato all’Oscar Elio Petri. Più note, invece, le simpatie espresse da Sciascia nei confronti di Dürrenmatt, e cioè il frontespizio dell’ultimo libro ‘Una storia semplice’ e un’intervista in cui si dice che l’ammirazione per lo svizzero arriva subito dopo quella per Borges.

Tornando a Neuchâtel: «Lavoriamo con il Centro da circa un anno a questo progetto – ci spiega Sonja Riva, giornalista e autrice – nato dalle molte coincidenze che legano i due. Abbiamo cercato di capire come si potesse dar vita a un’iniziativa che vertesse sulle possibili visioni comuni tra due grandi intellettuali confrontatisi su piani molto simili, l’etica, la giustizia, il caso, il senso di colpa, l’impegno civile, e sulla capacità di essere entrambi uomini di cultura impegnati socialmente». Da qui «un progetto a cavallo tra Svizzera e Italia per riflettere sulle similitudini», in una rete di consolati, ambasciate, istituti: «Siamo partiti il primo ottobre dal Festival del Giallo di Treviso, la seconda tappa sarà il prossimo 24 ottobre a Neuchâtel. Iniziamo dalle testimonianze con Donata Berra, storica traduttrice di Dürrenmatt, e Francesco Izzo, colui che ha ideato e fondato l’associazione Amici di Sciascia, presidente operativo del comitato per i festeggiamenti del Centenario sciasciano presieduto da Emma Bonino e soprattutto frequentatore di Sciascia negli ultimi anni di vita. Nella primavera 2022 ci divideremo tra Lugano e Bellinzona, Milano e Roma, e la Sicilia, in altre modalità».


Leonardo Sciascia (© Fondazione Sciascia Racalmuto - Fabrizio Catalano)

Fare luce in tutti i sensi

È in tutto questo, da un’idea di Riva, che va a inserirsi ‘Mein Fritz, il mio Leo’, indagine di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, una produzione Teatro Sociale Bellinzona con la collaborazione del suddetto Centro. Una scrivania, un tappeto, «una sorta d’investigation board zeppo d’immagini, frammenti, libri» lo chiama Saltamacchia, per un’ambientazione dal rimando giallistico che lega Dürrenmatt e Sciascia con al centro – altro non è dato sapere – una lavagna luminosa, «oggetto anni Novanta che fa luce in tutti i sensi». E a fare suono, un riproduttore a cassetta dell’era analogica.

Traversi: «Non abbiamo l’ambizione di fare luce sui frammenti, di verificarne le corrispondenze, ed è qualcosa che mettiamo subito in chiaro. Abbiamo ricevuto da Sonja documenti assai eterogenei. L’idea non era quella di lavorare sul confronto letterario, al quale penseranno i tanti studiosi durante le molte occasioni previste, quanto portare in scena qualcosa di non accademico. Ci siamo trovate a giugno con molto materiale audio e video, reso ancor più consistente dal fatto che Sciascia è stato legato al Ticino per questione di premi ricevuti». Saltamacchia: «Ci siamo chieste come avremmo potuto ordinare questa ‘bomba’ d’informazioni e abbiamo deciso molto semplicemente di trasporre sulla scena la situazione nella quale ci eravamo ritrovate». Traversi: «E con tanto materiale a disposizione, ci siamo concesse alcune libere associazioni, anche necessarie». Ancora Saltamacchia: «Potrebbe sembrare una forzatura mettere a confronto due scrittori così lontani anche geograficamente, eppure grazie a questo doppio centenario e questo apparentemente arduo accostamento, abbiamo potuto scoprire affinità e analogie anche divertenti. E questa ironia, in alcuni punti, proviamo a giocarcela, vedi il discorso di Dürrenmatt a Vaclav Havel negli anni Novanta (la Svizzera paragonata a un carcere e gli Svizzeri ai carcerieri di sé stessi, riassunta in una manciata di limitate parole, ndr), ironia tagliente che accomunava anche Sciascia».


Friedrich Dürrenmatt (per gentile concessione del Centre Dürrenmatt di Neuchatel)

Storia (anche) di donne

A cosa assisterà il pubblico del Sociale, dal punto di vista teatrale? Traversi: «‘Teatrale’ si presta a fraintendimenti. Può significare qualcosa di scritto, d’improvvisato o d’installativo, che è quel che ci riguarda in questo caso. Non c’è una drammaturgia, non c’è un Leo e non c’è un Fritz, soluzione che, in quanto noi donne, sarebbe stata sufficientemente bugiarda». Saltamacchia: «Non siamo lui e l’altro, diamo anzi voce a tante donne, perché entrambi gli autori hanno in comune case popolate da tante donne. Dürrenmatt ha avuto due mogli, Sascia una moglie e tre figlie, la figura femminile li accomuna entrambi». Traversi: «Le mogli di Dürrenmatt erano le sue correttrici di bozze, ex attrici che avevano abbandonato la propria carriera teatrale per diventare le prime lettrici del marito, in qualche modo negandosi. Descriviamo proprio le dinamiche di questo lavoro, in base ai racconti delle figlie che riportano le assenze dei padri, o le difficoltà di capirne esattamente il lavoro».

Detto fuori dai denti: «Una lettura a due leggii con il violoncellista alle spalle – chiude Traversi – non appartiene né a Dürrenmatt né a Sciascia e sarebbe stato limitante per la loro storia. E poi veniamo da un anno e mezzo di difficoltà nel fare questo lavoro, un tempo durante il quale ci siamo poste mille domande su cosa sia andare a teatro, cosa sia necessario fare, e ci siamo dette di essere pronte ad altre modalità, altre forme, compreso un approccio più vivo, più performativo». È il caso di ‘Mein Fritz, il mio Leo’, «restituire, vere o presunte che siano, affinità e diversità, affinché non sia un gioco riduttivo», chiude Saltamacchia. «Io credo che se Fritz e Leo fossero in sala si divertirebbero».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved