ULTIME NOTIZIE Culture
Netflix
5 ore

Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?

Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicato a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
15 ore

Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa

Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
cinema
15 ore

Ruggini per l’attore Alec Baldwin a rischio incriminazione

Possibili guai giudiziari per l’attore statunitense che sul set di ‘Rust’ esplose un colpo vero di pistola che uccise Halyna Hutchins
Spettacoli
15 ore

Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno

Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
17 ore

Vita da pornostar: Rocco Siffredi diventa una serie tivù

Netflix annuncia ‘Supersex’, di cui sono iniziate le riprese a Roma: ‘È la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo’
Spettacoli
17 ore

I ‘Sogni’ dei Legnanesi a Locarno

Sabato 19 novembre al PalaExpo Fevi tornano Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Lorenzo Cordare con uno spettacolo onirico
Culture
18 ore

‘Emergenza Terra’ a Mendrisio, al via con Marco Paolini

La minaccia climatica che incombe sul pianeta, aggravata dalla guerra in Ucraina, in un ciclo d’incontri che inizia mercoledì 28 settembre
Spettacoli
21 ore

Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi

La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
1 gior

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
1 gior

Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro

Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
Ascona
1 gior

Sotto le stelle del Jazz Cat Club (la nuova stagione)

Bill Charlap, il nuovo Frank Salis, Uros Peric che omaggia Ray Charles. Brillano i Take 6, 10 volte Grammy. Parla Nicolas Gilliet, direttore artistico
Cinema
1 gior

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
1 gior

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
1 gior

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
1 gior

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
1 gior

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
1 gior

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
1 gior

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
1 gior

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
Conferenza
1 gior

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
1 gior

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
1 gior

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Musica
2 gior

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
2 gior

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
2 gior

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
03.12.2021 - 13:57
Aggiornamento: 15:28

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.

finalmente-max-frisch-finalmente-olocene
Valerio Casanova / TSB
Margherita Saltmacchia (Corinne) e Rocco Schira (Geiser)

Il pensionato basilese Geiser (Rocco Schira) vive tutto solo in una valle ticinese (Onsernone); la sola ad avere rapporti di umana frequentazione con lui è la figlia Corinne (Margherita Saltamacchia). Geiser si ritrova nel mezzo di una parallela e contemporanea erosione, quella provocata dall’alluvione che ha isolato la valle e quella che sta sgretolando la sua memoria; una piccola, generale apocalisse cui l’anziano tenta di porre rimedio con curiosi espedienti da una parte, e dall’altra, l’apocalisse personale, raccogliendo materiali, informazioni, tracce, foglietti, singole memorie di una bizzarra e (negli intenti) definitiva ‘enciclopedia umana’ tramite la quale esorcizzare l’inevitabile dissoluzione di corpo e mente.

Fortemente bellinzonese

È una prima assoluta quella di ‘Olocene’, coproduzione Teatro Sociale Bellinzona - Bellinzona Teatro e NucleoMeccanico.com che porta in scena il romanzo ‘L’uomo nell’Olocene’ di Max Frisch, il più ticinese dei romanzi dello scrittore svizzero-tedesco, ancor più affascinante se collocato nell’odierno momento di emergenza sanitaria e ambientale. L’adattamento teatrale si deve a Flavio Stroppini, anche regista, e Monica De Benedictis, anche scena video, con l’antico affiatamento tra Saltamacchia e Schira sollecitato all’estremo, anche tecnicamente, dall’impostazione data da Stroppini al tutto.

‘Olocene’ nasce nel 2019; arriva al previsto debutto del 2020 attraverso vari e articolati travagli; viene posticipato dalla primavera 2020 a quella del 2021 per ovvi motivi, e poi bloccato di nuovo. Martedì 7 dicembre alle 20.45 debutta a Bellinzona, con repliche da giovedì 9 a domenica 12 (quest’ultima alle 17). Gianfranco Helbling, direttore del Teatro Sociale, riassume la ‘ticinesità’ dell’opera, letteraria e teatrale, e del cast, fortemente bellinzonese (Stroppini, Saltamacchia e il «predestinato» Schira, vedi in seguito). «L’attenzione alla territorialità da parte nostra è alta, ma non è un mantra obbligatorio», dice aprendo la conferenza di presentazione, chiamando in causa Dürrenmatt – ‘Mein Fritz, il mio Leo’, in scena un mese e mezzo fa – e ‘L’epidemia’ di Agota Kristóf, a Bellinzona nel 2020, per rimarcare il «ruolo importante di un teatro svizzero di lingua italiana nel favorire la presenza anche di autori di altre lingue»

Tutto ciò che porta a ‘Olocene’ a partire dal romanzo sta nel ricco libretto di sala aperto da un ‘Max Frisch, finalmente’, con ampia parentesi su Armand Schulthess, eremita che visse nei luoghi di Frisch e che all’età di 50 anni lasciò la sua scrivania da funzionario federale a Berna per ritirarsi ad Auressio e dedicare il resto della sua vita a un giardino enciclopedico (18mila metri quadrati, un campione del quale è conservato al Monte Verità, il resto è cenere) che tanto richiama le abitudini del vecchio Geiser (e il motivo c’è). Il resto lo dice lo spettacolo; qualcosa hanno detto ieri i protagonisti.

‘Senza memoria non si sa niente’

«Abituato a scrivere con Monica De Benedictis, giocare con le regole di qualcun altro è stata una sfida arricchente», spiega Flavio Stroppini, trovatosi di fronte a «un testo non narrativo che è a tutti gli effetti una sequenza di elenchi e al quale, adattandolo, non abbiamo aggiunto altre parole se non ‘papà’». Perché l’isolamento di Geiser, sulla scena, è stato affidato alla figlia Corinne: «Ho deciso di farlo raccontare a lei, in un luogo intimo, non reale, un luogo della memoria», dominato da tre funzionali schermi/finestre/ponti verso l’esterno/interno, in trasparenze anche e soprattutto temporali. «Due mondi comunicanti intervallati da schermi di plexiglas, tre spazi dentro i quali appaiono dettagli reali della Valle Onsernone, un tentativo di ricreare il mondo in cui Geiser si muove, sempre accompagnato dalla struttura tipicamente nostra, che non è una scenografia, non è un fondale, ma qualcosa che sia parte integrante della narrazione». Così è, altrettanto, la musica non didascalica di Andrea Manzoni, composizioni originali che usciranno presto a sé, pubblicate dalla parigina Another Music Records.

È in questo luogo, in questa dimensione – che agli attori impone movimenti al centimetro – che i discorsi di Geiser si sovrappongono a quelli della figlia e viceversa. A questo proposito, la figlia: «Flavio ha creato una bellissima difficoltà», spiega Margherita Saltamacchia. «Per tutto il tempo dello spettacolo, io e Rocco non siamo mai in relazione; Geiser si uniforma al flusso di parole di Corinne, una modalità interessante che mi porta a uscire dalla mia comfort zone narrativa. Ho letto, riletto, studiato il testo, che è andato a mescolarsi con accadimenti miei personali e questo drammatico tentativo di Geiser di volersi aggrappare alla memoria non smette di colpirmi. Quando un essere umano sta per morire, sente la necessità di doverti raccontare i punti salienti della propria esistenza, tutto ciò che non ha detto, un tentativo disperato, quasi ironico di chi non vuole andarsene e affida alla memoria di altri la propria vita. “Senza memoria non si sa niente”, dice Geiser a un certo punto, e così è effettivamente. La memoria è elemento vitale anche per chi sta in vita. Io mi ci ritrovo».


Valerio Casanova / TSB
Margherita Saltamacchia

Il predestinato

Sul palco, voluto da Stroppini, c’è un Geiser giovane, che non è un’assurdità per uno scrittore che inizia a comporre il suo ‘Olocene’ poco più che 60enne, ma soprattutto perché «nella memoria siamo assenza, perché dei personaggi ricordiamo un’immagine della loro vita che non è di solito quella conclusiva, un’immagine che di essi diventa l’essenza. E Geiser – conclude il regista – è personaggio giovane, vivo, che ha speranze, che guarda avanti, nonostante tutto quel che gli capita».

Geiser, come detto, è Rocco Schira, la cui casa di famiglia in Val Onsernone è a nemmeno venti metri da casa Frisch, a Berzona, 48 anime aggiornate a oggi. «Sono rimasto spiazzato dal compito d’imparare una serie d’informazioni che, leggendo qualsiasi libro, sono solitamente quelle parti che si saltano – spiega Schira – e che questa volta, di colpo, si sono trasformate in una priorità della quale assumersi responsabilità di fronte a un pubblico pagante. Informazioni che non avevano alcuna connessione con me e che io avrei dovuto trasferire e possibilmente amare». Anche da Schira arrivano indicazioni di «un testo quanto mai contemporaneo, portatore di un rapporto con la natura senza età: arriva un’epidemia e, l’opera ce lo riconferma, siamo impreparati. E lo saremo sempre, a ogni nuova catastrofe».


Valerio Casanova / TSB
Rocco Schira

Una ‘prima’ italiana

Chiudiamo con Helbling, che chiude con Frisch. «Questo ‘Olocene’ è anche una ‘prima’ assoluta in lingua italiana. Max Frisch è scomparso dai cartelloni italiani e questa è cosa strana, visto che nell’Europa di lingua tedesca e in alcuni Paesi dell’Est è presente con molti suoi titoli. ‘Olocene’ è stato allestito più volte alla Schauspielhaus di Zurigo, da lì a Berlino, fino a ottenere il premio come miglior spettacolo svizzero dell’anno 2020, vincendo il pregiudizio dell’essere, quello de ‘L’uomo nell’Olocene’, accolto all’inizio assai tiepidamente, un Frisch troppo privato e poco politico. Ora, al contrario, su quello più politico l’attenzione sta progressivamente calando, in luogo di una rivalutazione dei suoi contenuti più esistenziali».

L’‘Olocene’ del Sociale è dunque anche una piccola scommessa nemmeno troppo programmata, quella di riaccendere i sopiti animi italiani per un autore la cui ultima edizione italiana, quanto a ‘L’uomo dell’Olocene’ – ce lo ricorda Stroppini –, risale a una specie di Olocene, i lontani, lontanissimi, per urgenza di contenuto, anni 90 (www.teatrosociale.ch).


Valerio Casanova / TSB

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved