mein-fritz-il-mio-leo-al-sociale-buona-la-prima
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
3 ore

Stefano Raimondi. La città, il mare

Anni di quartieri popolari, giochi, sfide. Poi le scelte. A Milano, partendo dall’inizio, con il poeta, critico letterario e autore di saggi.
Pagine scelte
3 ore

Mariella Cerutti Marocco, storia di un ‘dono inatteso’

Personalità multiforme, capace di passare nella sua scrittura dal verso al romanzo e da questo al racconto
Sulla Croisette
16 ore

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
17 ore

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
20 ore

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
22 ore

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
1 gior

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
1 gior

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
1 gior

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
1 gior

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
La recensione
21.10.2021 - 19:08

‘Mein Fritz, il mio Leo’ al Sociale, buona la prima

Anche quando i temi si fanno questioni, e i pesi si fanno macigni, Saltamacchia e Traversi ne reggono il peso con padronanza e leggerezza

Un salto indietro nel tempo di cent’anni a cercare relazioni tra due ‘isolani’, uno che sull’isola ci viveva per davvero, l’altro solo in un certo senso, ma entrambi affacciati sul mare della creatività, accomunati dalla passione per una scrittura piegata di frequente all’indagine dell’animo umano, anche e soprattutto nelle sue forme meno nobili. Produzione di casa, dove la casa è il Teatro Sociale di Bellinzona, la prima assoluta di ‘Mein Fritz, il mio Leo’, operazione di avvicinamento tra Friedrich ‘Fritz’ Dürrenmatt e Leonardo ‘Leo’ Sciascia, è andata in scena lo scorso mercoledì, primo atto della parte teatrale di un gemellaggio di centenari – Dürrenmatt è classe 1921 esattamente come Sciascia – che vede il Sociale coinvolto con il Centre Dürrenmatt di Neuchâtel.

La ricerca delle affinità tra i due, affidata a Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi (su assist di Sonja Riva, dalla quale giunge l’idea) pare a tratti un frugare in soffitta – un prologo di foto d’epoca tutte al femminile, racconti di umanità e distacco, di senso di protezione e rinunce, vissuti e a volte patiti, dalla viva voce di mogli e figlie dei due scrittori – e a tratti un’indagine, visti risvolti giallistici delle rispettive carriere, i neon da sala dell’interrogatorio e vista la lavagna luminosa che sul palco, gestita a turno dalle due attrici e autrici dello spettacolo, regola tempi e luoghi del racconto, proiettando sullo schermo di fronte frammenti di vita umana e artistica. Sfilano così, appaiati e appaiabili, due gemelli separati alla nascita per quanto attiene alla scrittura e relativo piacere, ma accomunati da altri tratti evidentemente simili guardando a tutto il resto.

‘Mein Fritz, il mio Leo’ regala anche le voci dei protagonisti, amplificate da un vecchio riproduttore di cassette, altro elemento di scena che serve a connotare il centro della storia letteraria dei due scrittori, collocato tra i Settanta e gli Ottanta. E in questo rimbalzare di temi e intenti comuni, mettendo in dialogo (come si dice oggi tutte le volte in cui si è in più d’uno) ‘A ciascuno il suo’ dell’italiano con ‘Il giudice e il suo boia’ dello svizzero, ‘Mein Fritz, il mio Leo’ ha un divertente sussulto sulle note di Luis Bacalov, che per la versione cinematografica del poliziesco di Sciascia scrisse la colonna sonora: su ‘Samba’, evoluzione del tema portante di ‘A ciascuno il suo’, con la lavagna luminosa a far da sigla, il ballo di Anahì Traversi completa un omaggio al poliziesco che sa di sceneggiato televisivo o di b-movie. C’è anche del sangue sullo schermo, che una mano pulisce giusto in tempo per il cambio di scena (o per non essere scoperta).

La Svizzera come prigione e l’Italia prigione di Moro (e sullo schermo Don Gaetano Mastroianni in ‘Todo Modo’, che al Presidente Volonté tasta la voglia di potere); il futuro, tra la dichiarazione d’indipendenza di Sciascia e la ‘equazione’ democratica di Dürrenmatt; la giustizia come idea fissa per quest’ultimo e come ossessione per il siciliano, per il quale l’Italia, più che culla, della giustizia è tomba. Anche quando i temi si fanno questioni, e i pesi si fanno macigni, Saltamacchia e Traversi ne reggono il peso con leggerezza, in uno spettacolo che una volta oliato sarà ancor più bello. Quando poi, sulle note del ‘Silenzio’, a rimbalzare tra i due è la morte, lo fa con due originalissimi desiderata di Sciascia e Dürrenmatt sul ‘come vorrei morire’.

A chiudere col sole, siciliano, ci pensa Pepe Lienhard, svizzero. Ed è tre volte applauso. B.D.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved