ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
52 min

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
3 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
5 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
5 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
13 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
16 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
16 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
laR
 
12.03.2021 - 17:13
Aggiornamento: 17:50

Massimo Suter: 'Da Berna ci interpellano e fanno il contrario'

Il presidente di Gastroticino rammaricato dal 'dilettantismo' con cui sono state prese le decisioni dal Consiglio federale: 'Ci discriminano e non ci ascoltano'

massimo-suter-da-berna-ci-interpellano-e-fanno-il-contrario
Ti-Press

«Quanto dilettantismo», commenta così, con la voce tra il disincantato e il deluso, quanto deciso a Berna il presidente di Gastroticino Massimo Suter. «A noi, come Gastrosuisse, è stato chiesto un parere e al rappresentante del Consiglio federale abbiamo detto chiaro e tondo di non presentare questa proposta, perché per noi sarebbe stata insostenibile - spiega Suter -. Loro cosa hanno fatto? Hanno ascoltato dei professionisti del settore e hanno fatto l’esatto contrario, mostrando un’amatorialità che delude». E rincara: «Terrazze aperte, d’accordo. Ma se io ho 80 persone su una terrazza e arriva un temporale dove le metto? Tolgo loro il piatto? Questa è una presa in giro». No, non è andato giù questo (ennesimo) boccone amaro. «Con una mano ci danno la caramellina, con l’altra ci tirano una sberla e ci mettono la museruola - afferma Suter -. La parola del giorno per quanto mi riguarda è ‘discriminazione’». Rispetto a chi? «Nei confronti degli altri settori che hanno potuto ripartire al 100 per cento senza offrire la stessa garanzia in termini di sicurezza che poteva dare la ristorazione, e anche al nostro interno: lo sanno che non tutti hanno un terrazza? Che c’è chi l’ha come complemento della sua attività e non più?». Insomma, ancora una giornata nera per il presidente di Gastroticino: «Vorrei che qualcuno mi spiegasse il perché di questa incoerenza: i gruppi da 15 sono ammessi, si può andare a grigliare in compagnia, ci sono riaperture per 50 persone al chiuso nella cultura, i cori possono tornare a praticare e non si può andare a bere una birretta o mangiare al ristorante?».

Modenini (Aiti): ‘Il telelavoro per diverse aziende resta un problema’

Passando al mondo dell’economia c’erano attese anche sul tema dell’obbligo di telelavoro. Che non è stato revocato dal Consiglio federale. «Ci aspettavamo che l’obbligo non sarebbe stato toccato, il che per diverse aziende resta un problema, soprattutto organizzativo - risponde da noi interpellato il direttore dell’Associazione delle industrie ticinesi Stefano Modenini -. Da parte nostra ci impegniamo a rispettare quello che personalmente ritengo piuttosto un obbligo morale e ci attendiamo comunque che tale obbligo possa essere tolto nelle prossime settimane. In certe situazioni qualche azienda può forse avere avuto qualche difficoltà nel coordinamento in remoto, ma è pur vero che in casi di necessità è giustificato tornare a lavorare in sede. Non ci risultano peraltro sanzioni o ammonimenti».

Leggi anche:

Ok con riserva a terrazze dei ristoranti e manifestazioni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved