ANA Ducks
0
COL Avalanche
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
massimo-suter-da-berna-ci-interpellano-e-fanno-il-contrario
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
32 min

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
2 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
3 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
9 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
11 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
12 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
13 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
13 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
 
12.03.2021 - 17:130
Aggiornamento : 17:50

Massimo Suter: 'Da Berna ci interpellano e fanno il contrario'

Il presidente di Gastroticino rammaricato dal 'dilettantismo' con cui sono state prese le decisioni dal Consiglio federale: 'Ci discriminano e non ci ascoltano'

«Quanto dilettantismo», commenta così, con la voce tra il disincantato e il deluso, quanto deciso a Berna il presidente di Gastroticino Massimo Suter. «A noi, come Gastrosuisse, è stato chiesto un parere e al rappresentante del Consiglio federale abbiamo detto chiaro e tondo di non presentare questa proposta, perché per noi sarebbe stata insostenibile - spiega Suter -. Loro cosa hanno fatto? Hanno ascoltato dei professionisti del settore e hanno fatto l’esatto contrario, mostrando un’amatorialità che delude». E rincara: «Terrazze aperte, d’accordo. Ma se io ho 80 persone su una terrazza e arriva un temporale dove le metto? Tolgo loro il piatto? Questa è una presa in giro». No, non è andato giù questo (ennesimo) boccone amaro. «Con una mano ci danno la caramellina, con l’altra ci tirano una sberla e ci mettono la museruola - afferma Suter -. La parola del giorno per quanto mi riguarda è ‘discriminazione’». Rispetto a chi? «Nei confronti degli altri settori che hanno potuto ripartire al 100 per cento senza offrire la stessa garanzia in termini di sicurezza che poteva dare la ristorazione, e anche al nostro interno: lo sanno che non tutti hanno un terrazza? Che c’è chi l’ha come complemento della sua attività e non più?». Insomma, ancora una giornata nera per il presidente di Gastroticino: «Vorrei che qualcuno mi spiegasse il perché di questa incoerenza: i gruppi da 15 sono ammessi, si può andare a grigliare in compagnia, ci sono riaperture per 50 persone al chiuso nella cultura, i cori possono tornare a praticare e non si può andare a bere una birretta o mangiare al ristorante?».

Modenini (Aiti): ‘Il telelavoro per diverse aziende resta un problema’

Passando al mondo dell’economia c’erano attese anche sul tema dell’obbligo di telelavoro. Che non è stato revocato dal Consiglio federale. «Ci aspettavamo che l’obbligo non sarebbe stato toccato, il che per diverse aziende resta un problema, soprattutto organizzativo - risponde da noi interpellato il direttore dell’Associazione delle industrie ticinesi Stefano Modenini -. Da parte nostra ci impegniamo a rispettare quello che personalmente ritengo piuttosto un obbligo morale e ci attendiamo comunque che tale obbligo possa essere tolto nelle prossime settimane. In certe situazioni qualche azienda può forse avere avuto qualche difficoltà nel coordinamento in remoto, ma è pur vero che in casi di necessità è giustificato tornare a lavorare in sede. Non ci risultano peraltro sanzioni o ammonimenti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved