DJOKOVIC N. (SRB)
0
DELLIEN H. (BOL)
0
1 set
(2-1)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:30
 
massimo-suter-da-berna-ci-interpellano-e-fanno-il-contrario
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
3 ore

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
12 ore

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
12 ore

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
13 ore

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
14 ore

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
Bellinzonese
14 ore

'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa

I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Bellinzonese
15 ore

Rinviato il concerto degli Sgaffy a Ghirone

L'evento previsto sabato 24 luglio in valle di Blenio si terrà venerdì 30 luglio. Il rinvio è dovuto alle previsioni meteorologiche poco favorevoli.
Ticino
 
12.03.2021 - 17:130
Aggiornamento : 17:50

Massimo Suter: 'Da Berna ci interpellano e fanno il contrario'

Il presidente di Gastroticino rammaricato dal 'dilettantismo' con cui sono state prese le decisioni dal Consiglio federale: 'Ci discriminano e non ci ascoltano'

«Quanto dilettantismo», commenta così, con la voce tra il disincantato e il deluso, quanto deciso a Berna il presidente di Gastroticino Massimo Suter. «A noi, come Gastrosuisse, è stato chiesto un parere e al rappresentante del Consiglio federale abbiamo detto chiaro e tondo di non presentare questa proposta, perché per noi sarebbe stata insostenibile - spiega Suter -. Loro cosa hanno fatto? Hanno ascoltato dei professionisti del settore e hanno fatto l’esatto contrario, mostrando un’amatorialità che delude». E rincara: «Terrazze aperte, d’accordo. Ma se io ho 80 persone su una terrazza e arriva un temporale dove le metto? Tolgo loro il piatto? Questa è una presa in giro». No, non è andato giù questo (ennesimo) boccone amaro. «Con una mano ci danno la caramellina, con l’altra ci tirano una sberla e ci mettono la museruola - afferma Suter -. La parola del giorno per quanto mi riguarda è ‘discriminazione’». Rispetto a chi? «Nei confronti degli altri settori che hanno potuto ripartire al 100 per cento senza offrire la stessa garanzia in termini di sicurezza che poteva dare la ristorazione, e anche al nostro interno: lo sanno che non tutti hanno un terrazza? Che c’è chi l’ha come complemento della sua attività e non più?». Insomma, ancora una giornata nera per il presidente di Gastroticino: «Vorrei che qualcuno mi spiegasse il perché di questa incoerenza: i gruppi da 15 sono ammessi, si può andare a grigliare in compagnia, ci sono riaperture per 50 persone al chiuso nella cultura, i cori possono tornare a praticare e non si può andare a bere una birretta o mangiare al ristorante?».

Modenini (Aiti): ‘Il telelavoro per diverse aziende resta un problema’

Passando al mondo dell’economia c’erano attese anche sul tema dell’obbligo di telelavoro. Che non è stato revocato dal Consiglio federale. «Ci aspettavamo che l’obbligo non sarebbe stato toccato, il che per diverse aziende resta un problema, soprattutto organizzativo - risponde da noi interpellato il direttore dell’Associazione delle industrie ticinesi Stefano Modenini -. Da parte nostra ci impegniamo a rispettare quello che personalmente ritengo piuttosto un obbligo morale e ci attendiamo comunque che tale obbligo possa essere tolto nelle prossime settimane. In certe situazioni qualche azienda può forse avere avuto qualche difficoltà nel coordinamento in remoto, ma è pur vero che in casi di necessità è giustificato tornare a lavorare in sede. Non ci risultano peraltro sanzioni o ammonimenti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved