Juventus
1
Roma
0
fine
(1-0)
OTT Senators
1
DAL Stars
1
1. tempo
(1-1)
massimo-suter-da-berna-ci-interpellano-e-fanno-il-contrario
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Concerto canoro a Giubiasco

Nell’ambito della Giornata missionaria mondiale, a favore del progetto diocesano ad Haiti
Bellinzonese
4 ore

Perde il controllo e finisce con l’auto nel fiume: 4 feriti

L’incidente è avvenuto questo pomeriggio a Corzoneso. Nessuno avrebbe riportato contusioni serie
Ticino
4 ore

I risvolti svizzeri del crac Parmalat: processo bis

Si apre domani al Tribunale penale federale di Bellinzona il secondo dibattimento dopo che Losanna ha rinviato gli atti per un nuovo giudizio
Luganese
5 ore

Un concerto in ricordo del maestro Giacomo Baruffaldi

A lui si deve la fondazione dell’Associazione Manishimwe, che opera in Ruanda nella promozione dell’educazione e dello sviluppo umano
Bellinzonese
6 ore

Case anziani Leventina: chi testimonia e chi teme ritorsioni

Si moltiplicano le segnalazioni dei dipendenti sui problemi interni, ma non pochi preferiscono tacere. No al Laboratorio di psicopatologia del lavoro
Locarnese
6 ore

Musei civici di Locarno: visite guidate a prezzi di favore

Castello, Casorella e Casa Rusca fruibili con ‘ciceroni’ per mostra archeologica, Antonio Ciseri e Omaggio 2021, nonché Aurelio Amendola
Locarnese
6 ore

Ponte sulla Ramogna, autunno e inverno di risanamento

Traffico alternato fra via Cappuccini a Locarno e via Sempione a Muralto durante i lavori previsti da domani sino a fine marzo 2022
Locarnese
7 ore

Verzasca: A.A.A. idea geniale per nuovo stemma cercasi

A un anno dalla nascita del Comune, il Municipio lancia un concorso pubblico. Le tre migliori proposte (anche da non professionisti) al voto popolare
Ticino
 
12.03.2021 - 17:130
Aggiornamento : 17:50

Massimo Suter: 'Da Berna ci interpellano e fanno il contrario'

Il presidente di Gastroticino rammaricato dal 'dilettantismo' con cui sono state prese le decisioni dal Consiglio federale: 'Ci discriminano e non ci ascoltano'

«Quanto dilettantismo», commenta così, con la voce tra il disincantato e il deluso, quanto deciso a Berna il presidente di Gastroticino Massimo Suter. «A noi, come Gastrosuisse, è stato chiesto un parere e al rappresentante del Consiglio federale abbiamo detto chiaro e tondo di non presentare questa proposta, perché per noi sarebbe stata insostenibile - spiega Suter -. Loro cosa hanno fatto? Hanno ascoltato dei professionisti del settore e hanno fatto l’esatto contrario, mostrando un’amatorialità che delude». E rincara: «Terrazze aperte, d’accordo. Ma se io ho 80 persone su una terrazza e arriva un temporale dove le metto? Tolgo loro il piatto? Questa è una presa in giro». No, non è andato giù questo (ennesimo) boccone amaro. «Con una mano ci danno la caramellina, con l’altra ci tirano una sberla e ci mettono la museruola - afferma Suter -. La parola del giorno per quanto mi riguarda è ‘discriminazione’». Rispetto a chi? «Nei confronti degli altri settori che hanno potuto ripartire al 100 per cento senza offrire la stessa garanzia in termini di sicurezza che poteva dare la ristorazione, e anche al nostro interno: lo sanno che non tutti hanno un terrazza? Che c’è chi l’ha come complemento della sua attività e non più?». Insomma, ancora una giornata nera per il presidente di Gastroticino: «Vorrei che qualcuno mi spiegasse il perché di questa incoerenza: i gruppi da 15 sono ammessi, si può andare a grigliare in compagnia, ci sono riaperture per 50 persone al chiuso nella cultura, i cori possono tornare a praticare e non si può andare a bere una birretta o mangiare al ristorante?».

Modenini (Aiti): ‘Il telelavoro per diverse aziende resta un problema’

Passando al mondo dell’economia c’erano attese anche sul tema dell’obbligo di telelavoro. Che non è stato revocato dal Consiglio federale. «Ci aspettavamo che l’obbligo non sarebbe stato toccato, il che per diverse aziende resta un problema, soprattutto organizzativo - risponde da noi interpellato il direttore dell’Associazione delle industrie ticinesi Stefano Modenini -. Da parte nostra ci impegniamo a rispettare quello che personalmente ritengo piuttosto un obbligo morale e ci attendiamo comunque che tale obbligo possa essere tolto nelle prossime settimane. In certe situazioni qualche azienda può forse avere avuto qualche difficoltà nel coordinamento in remoto, ma è pur vero che in casi di necessità è giustificato tornare a lavorare in sede. Non ci risultano peraltro sanzioni o ammonimenti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved