ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
3 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
4 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
7 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
11 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
14 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
14 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
22 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
laR
 
12.03.2021 - 17:28

‘Quelle del Consiglio federale sono proposte contraddittorie’

Il presidente del governo ticinese Norman Gobbi non è soddisfatto dell’approccio della Confederazione: ‘la popolazione è disorientata e stanca’

di Generoso Chiaradonna
quelle-del-consiglio-federale-sono-proposte-contraddittorie
Archivio Ti-Press
Norman Gobbi

«Noto una certa contraddizione nelle proposte messe in consultazione dal Consiglio federale: da una parte si paventa l’arrivo di una terza ondata – che noi non stiamo vedendo – e dall’altra si parla di aperture anche se parziali, delle terrazze dei ristoranti e attività culturali a partire dal 22 marzo». È secca la reazione del presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi dopo la conferenza stampa del governo federale. «Lo ripeto ancora una volta, la gente è disorientata e stanca dopo lunghe settimane di questa situazione», continua Gobbi. Anche la proposta di aumentare a 50 il numero di persone ammesse alle manifestazioni culturali al chiuso è giudicata contraddittoria e anche «discriminatoria» rispetto ai ristoranti «i quali potranno accogliere clienti solo all’aperto». «Misura, quest’ultima, che penalizzerebbe gli esercizi pubblici che non hanno una terrazza», precisa il presidente del Consiglio di Stato.

Oltre confine la situazione sanitaria sta peggiorando, tanto che da lunedì Lombardia e Piemonte verranno inserite in zona rossa. Di fatto si tratta di un ulteriore lockdown. «Come Ticino, al pari del Cantone di Ginevra, abbiamo chiesto maggiori controlli ai valichi. Da Berna non sono giunte risposte chiare e si rimane sul vago tanto che i controlli in dogana non saranno aumentati», continua Gobbi che solleva anche la questione dei diversi regimi per le quarantene tra Svizzera e Italia. «Le associazione economiche, accogliendo la proposta del Consiglio federale di allargare i test di depistaggio del Covid a tutti i lavoratori (frontalieri compresi), chiedono anche di poter accorciare la durata della quarantena a sette giorni, se il secondo test è negativo, invece dei classici dieci giorni. Lo prevedono le norme svizzere. Oltre confine questo periodo è di 14 giorni», spiega Gobbi. I lavoratori frontalieri, anche se lavorano in Svizzera, sono assoggettati alle norme sanitarie italiane. Per il presidente del Consiglio di Stato «sarebbe meglio avere regole analoghe da una parte e dall’altra del confine, visto che c’è comunque mobilità transfrontaliera».

Infine si fa notare, oltre al fatto che le riaperture sono condizionate comunque dalla situazione epidemiologica, la tempistica stretta. «Le decisioni definitive del consiglio federale arriveranno il 19 marzo e saranno valide dal 22. Gli esercizi pubblici e gli organizzatori di eventi culturali avranno solo tre giorni per riaprire. La vedo dura», commenta Gobbi che chiosa anche sulla Pasqua imminente. «Sulla gita di pasquetta c’è ancora un grosso punto interrogativo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved