senza-pesticidi-si-puo-fare-dateci-piu-tempo
Keystone
Bisacca (sin.) e Cattori
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera

Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
8 ore

‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’

Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
8 ore

Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere

La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
10 ore

Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne

Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
10 ore

Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga

Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
10 ore

Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica

Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
Svizzera
11 ore

Dal Ticino più diretti in Romandia. Aggirando Visp

Dopo anni di lavori, il 23 settembre aprirà la circonvallazione autostradale della località vallesana. Ma per ora solo sull’asse est-ovest
Svizzera
11 ore

Ecco le contromosse per scongiurare il blackout

Via libera alle trattative per l’utilizzo di centrali elettriche di riserva. E si valuta pure l’impiego dei generatori di emergenza
Svizzera
12 ore

Caro-benzina, verso un’inchiesta e un calcolatore dei prezzi

La Commissione economia e tributi al Nazionale ha accolto una mozione per affidare alla Comco un’inchiesta su eventuali distorsioni della concorrenza
Svizzera
12 ore

Ritrovato morto l’alpinista disperso sopra Flims

Il corpo senza vita dell’uomo, segnalato disperso da qualche giorno dal canton Zurigo, è stato ritrovato ai piedi della sella del Surenjoch (Gr/Gl)
Svizzera
13 ore

Norme più severe per i voli commerciali con aerei storici

In base alle risultanze dell’inchiesta relativa al ‘crash’ sul Piz Segnas, rivista l’ordinanza sulla navigazione aerea: paletti più stretti
Svizzera
13 ore

I club di calcio aiutano l’integrazione sociale dei migranti

La pratica del calcio contribuisce soprattutto fornendo accesso ad altre attività sociali e reti di contatto al di là dell’associazione sportiva
Svizzera
13 ore

Chi non taglia le corna alle vacche andrebbe indennizzato

Per la Commissione economia e tributi del Nazionale sarebbe una compensazione per lo sforzo supplementare degli allevatori per la dignità dell’animale
Svizzera
13 ore

Ripari fonici gratis per produrre energia rinnovabile

Per la sua produzione, la Confederazione metterà a disposizione gratuitamente barriere antirumore e aree di sosta
Svizzera
13 ore

Aiuto a domicilio, sei mesi in più di servizio civile

Troppi impegni sul fronte Covid e rifugiati: per avere dati più indicativi sul progetto pilota, necessaria una proroga
Svizzera
13 ore

A Berna si prevede un deficit di finanziamento di 5 miliardi

Le prime stime lasciano intendere che le uscite straordinarie, causate soprattutto dalla pandemia, ammonteranno a 7,4 miliardi
Svizzera
14 ore

Conferenza clima, la Svizzera si batterà per decisioni concrete

La delegazione elvetica si adopererà per un programma di lavoro incisivo fino al 2030 conformemente al mandato conferitole oggi dal Consiglio federale.
Svizzera
20 ore

Donne in pensione a 65 anni, l’ennesimo tentativo

L’aumento dell’età di riferimento al centro della riforma ‘Avs 21’, in votazione il 25 settembre. Domande e risposte per capire cosa cambierebbe.
Svizzera
20 ore

La questione ‘woke’ tra realtà e strumentalizzazioni

Il termine americano è spuntato nei discorsi Udc dopo la censura di un concerto reggae. Ma le cose sono più complesse, ci spiega il sociologo Cattacin
Svizzera
1 gior

Il copresidente Ps Wermuth sarà ancora in corsa per il Nazionale

Il deputato argoviese ha ottenuto la deroga dalla sezione cantonale socialista per ricandidarsi dopo aver già compiuto tre mandati
Svizzera
1 gior

A Implenia e Frutiger il lotto principale del San Gottardo

L’Ufficio federale delle strade (Ustra) ha assegnato l’appalto relativo alla seconda galleria stradale al consorzio ‘Secondo tubo’
Svizzera
1 gior

Il coronavirus arretra in Svizzera: calano ricoverati e contagi

I 18’204 casi registrati nell’ultima settimana sono 3’613 in meno di quella precedente
Svizzera
1 gior

A luglio lieve crescita delle domande d’asilo

Rispetto al mese precedente ne sono state presentate 58 in più (+34%), e 412 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente
Svizzera
1 gior

La Posta azzererà il suo impatto climatico dieci anni prima

Il Gigante Giallo intende eliminare le fonti fossili per i suoi veicoli e il riscaldamento entro il 2030, ciò che era previsto per il 2040
Svizzera
1 gior

Assicurazione complementare, respinto il ricorso di una clinica

Il Tribunale amministrativo federale conferma la decisione della Finma: vanno pagate unicamente le prestazioni il cui prezzo è giustificato
Svizzera
1 gior

L’Uzbekistan riavrà da Berna i beni confiscati a Karimova

Firmato un accordo per la restituzione del patrimonio confiscato nell’ambito del procedimento penale nei confronti della figlia dell’ex presidente
Svizzera
1 gior

L’immobilismo politico non pesi sulle giovani generazioni

In vista delle votazioni del 25 settembre, i giovani borghesi scendono in campo a favore della riforma dell’Avs
Svizzera
1 gior

Css dovrà rimborsare 129 milioni di franchi agli assicurati

L’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ha ordinato all’azienda di restituire i premi prelevati in eccesso per le complementari
Svizzera
1 gior

Calcio amatoriale e fair-play, le donne esempio per gli uomini

Nel calcio femminile i cartellini gialli sono otto volte meno e i rossi una rarità, e accadono molti meno infortuni rispetto ai tornei maschili
Svizzera
1 gior

Stop agli F-35, raccolte le firme per l’iniziativa popolare

Oggi sono state depositate alla Cancelleria federale oltre 120’000 sottoscrizioni, di cui 103’000 sono state certificate come valide
Svizzera
1 gior

Promesse non mantenute sull’ospedale: a Moutier è ricorso

Rimesso in discussione l’esito della votazione del 28 marzo 2021. Pomo della discordia il futuro del nosocomio locale
Svizzera
1 gior

Il sogno di una casa propria diventa ancora più caro

Nel secondo trimestre i prezzi delle proprietà sono tornati a crescere: del 3,3% per gli appartamenti e del 2,0% per le abitazioni unifamiliari
Svizzera
1 gior

Gruppo farmaceutico nel mirino della Comco

C’è il sospetto che l’azienda si sia rifiutata di fornire prodotti a un grossista elvetico alle stesse condizioni praticate all’estero
Svizzera
2 gior

Lotta alla siccità: mano tesa agli argicoltori vodesi

Il Governo locale vara una decina di provvedimenti eccezionali e urgenti. Che avranno la durata di un anno
Svizzera
2 gior

Auto finisce nell’Aare. Ma degli occupanti nessuna traccia

La vettura è stata rinvenuta, dopo una segnalazione di incidente, attorno alla mezzanotte a Bannwil. Recuperata con un’autogrù
Svizzera
2 gior

Il Consiglio federale sbarca su Instagram

Da ottobre il Governo avrà un account tutto suo. Obiettivo: ammiccare ai giovani tra i 16 e i 35 anni
Svizzera
2 gior

Minacce a Dick Marty, ‘bruciato’ un informatore

Grave errore di procedura dell’Ufficio federale di polizia nella gestione della vicenda concernente l’ex magistrato e consigliere agli Stati
Svizzera
2 gior

Riforma Ocse: applicazione iniqua per il Ps

Necessario livellare la ripartizione fra Cantoni. Wermuth: ‘Deve adempiere il suo obiettivo iniziale: non incoraggiare la concorrenza’
Svizzera
2 gior

Abbattuto il lupo problematico del canton Glarona

L’animale si era reso protagonista degli attacchi a 13 pecore e 2 capre nella regione della Krauchtal, del Kerenzerberg e della Mürtschental
Svizzera
2 gior

Incidente ferroviario a Wanzwil, perturbazioni fino alle 10.30

A causa dei danni subiti nell’impatto con il capriolo, il convoglio è stato evacuato. Treni da e per Olten deviati via Burgdrof
Svizzera
2 gior

‘Segnale positivo in favore della piazza finanziaria’

In vista delle votazioni federali del 25 settembre, Ueli Maurer lancia la campagna e difende la riforma dell’imposta preventiva
Svizzera
2 gior

Treno urta un capriolo: grossi disagi sulla linea Berna-Olten

La collisione è avvenuta stamane alle 7.25 nei pressi di Wanzwil (Be). Danneggiato il sistema di aerazione
Svizzera
3 gior

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
3 gior

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
18.05.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:02

Senza pesticidi? ‘Si può fare’, ‘Dateci più tempo’

Tanja Bisacca (Donne contadine ticinesi) e Renzo Cattori (tra i pionieri del ‘bio’ in Ticino) a confronto sulle iniziative in votazione il 13 giugno

Signora Bisacca, quand’è stata l’ultima volta che ha avuto per le mani un pesticida sintetico?

L’anno scorso, quando ho trattato la vigna. Con il merlot purtroppo non riusciamo a fare a meno dei prodotti chimici.

E lei, signor Cattori?

Penso nel 1985, perché l’anno dopo ho convertito l’azienda al biologico. Ma io sono nato col Ddt [insetticida altamente tossico e inquinante usato su larga scala in agricoltura fino agli anni Settanta, ndr]; mi ci sono anche sporcato le gambe e i piedi. Il fatto è che a quel tempo sembrava innocuo, nessuno ci faceva caso. Un po' come oggi il glifosato [erbicida tra i più utilizzati al mondo, ndr]: siccome è biodegradabile, allora qualcuno dice che lo si può anche bere.

Lei è l’esempio vivente che rinunciare ai pesticidi sintetici si può. Senza troppi problemi?

Lo si può fare. Senza troppi problemi? Lascio un punto di domanda. 

Perché?

Se lo fai per conto tuo, se sei convinto, pronto a superare qualsiasi difficoltà, le soluzioni le trovi. Ad esempio: se ho una vigna di merlot e non voglio più usare prodotti chimici, strappo il merlot e metto altre varietà. Ma è una cosa che non si può imporre.

Bisacca: Poi però non esisterebbe più il merlot: sarebbe un peccato.

Cattori: D’accordo, ma quel che voglio dire è che non sarebbe impossibile farne a meno. Se la tendenza è quella di andare verso le varietà resistenti, un giorno forse bisognerà rinunciare anche al merlot.

Parlava di problemi. Quali?

Il problema non è tanto come difendersi dai parassiti e dai funghi, ma come sopravvivere su un mercato che impone una qualità, dei ritmi, dei volumi e dei costi ai quali – senza la chimica – è molto difficile far fronte. Nel biologico molti prodotti non li faccio, semplicemente perché come li vuole il mercato non me li posso permettere. La patata, la carota, la mela: devono sempre essere perfette. E così oggi gli agricoltori sono costretti a gettare una parte non trascurabile della loro produzione, perché non corrisponde agli standard richiesti. Il 20% in meno di produzione indigena che secondo l’Unione svizzera dei contadini (Usc) avremmo in caso di ‘sì’ alle iniziative, lo potremmo almeno in parte recuperare riducendo lo spreco. Ecco: in fondo ha poco senso parlare di divieto dei pesticidi, se prima non affrontiamo alla radice problemi come lo spreco in agricoltura.

Se le due iniziative verranno accolte cambierà qualcosa per lei?

Non direttamente.  

E per lei, signora Bisacca?

Per quanto riguarda i pesticidi non cambierebbe granché. Produco secondo il ‘bio federale’, e ho sempre fatto il possibile per ridurre al minimo l’uso di prodotti chimici. Diverso è il discorso del foraggio per le vacche nutrici. A causa della siccità degli ultimi due anni sono rimasta senza. Adesso dovrò acquistarne per almeno un paio di mesi, prima che le mucche vadano all’alpe. In valle lo spazio è quello che è, non c’è grande disponibilità. E sul mercato al momento il foraggio scarseggia, per cui dovrò andare Oltralpe o in Italia a procurarmelo. Sarà molto difficile per noi se i periodi di siccità si faranno più frequenti e se dovesse passare l’iniziativa per l’acqua potabile [che in linea di massima vieta l’acquisto di foraggio, benché i promotori ora affermino che sarà sempre possibile acquistarlo in Svizzera, ndr].

Cattori: Il problema del foraggio effettivamente esiste, soprattutto per le aziende agricole di montagna. Ma lo si può risolvere. Toccherà al Parlamento, se del caso, applicare in maniera ragionevole l’iniziativa per l’acqua potabile. E comunque ci saranno 8-10 anni di tempo per adeguarsi.

Bisacca: Otto-dieci anni nell’agricoltura sono veramente pochi, i promotori delle iniziative non se ne rendono conto. 

Lo Stato sosterrebbe il processo, gli agricoltori non sarebbero piantati in asso.

Bisacca: In teoria sì. Ma abbiamo visto come ci hanno ‘accompagnati’ quando [una dozzina d’anni fa, ndr] hanno eliminato i contingenti del latte. Il prezzo del latte è sceso a una velocità incredibile. Anche per questo molti agricoltori hanno paura. Io vedo che molti vorrebbero cambiare, ma lo vogliono fare a modo loro, con i loro tempi. Temono di essere messi ancor più sotto pressione: in dieci anni è impossibile farcela. Non dimentichiamo che trent’anni fa eravamo ancora al ‘tutto sintetico’. Oggi la situazione è ben diversa. Un cambiamento c’è stato. E non di poco conto. Resta ancora parecchio da fare, ma siamo sulla buona strada. 

Cattori: Io ho cambiato in altri tempi, quando per certi versi era più dura. Producevo ortaggi per i supermercati. E quando ho convertito l’azienda, questi mi hanno detto ‘La tua verdura non la vogliamo più‘. Non mi hanno messo il tappeto rosso, mi hanno messo alla porta [ride]. Io non posso non essere favorevole a proposte in linea con quanto pensavo già 35 anni fa. Ma capisco i timori di chi – pur condividendo l’idea che la chimica vada ridotta al minimo – non vede di buon occhio le iniziative. Anche perché la società oggi sta andando troppo veloce rispetto ai bisogni dell’agricoltura. 

In che senso?

L’orticoltura ticinese – parlo della produzione di pomodori, zucchine, melanzane e così via – non è mai andata così bene come nel 2020. E si è pensato: ‘La grande distribuzione sarà finalmente con noi, perché ha capito che con il lockdown e le frontiere chiuse deve sostenere l’agricoltura regionale’. Ebbene, adesso comprano le melanzane in Marocco per cinque centesimi in meno. I produttori regionali, confrontati con un eccesso di melanzane sul mercato, sono costretti così a venderle sottocosto. Un’agricoltura fragile, in balìa della globalizzazione, obbligata a produrre secondo le condizioni dettate dalle grandi catene di distribuzione: è questo il paradigma imperante, che va cambiato.

Produrre sempre di più, sempre più velocemente, sempre più a buon mercato: per gli agricoltori le iniziative non potrebbero essere un’opportunità per uscire da questo circolo vizioso?

Bisacca: Non vedo perché si debba passare da queste iniziative per uscirne. Le contadine e i contadini stanno già facendo molto per migliorare la loro produzione, per renderla più sostenibile e più direttamente accessibile alla popolazione. Il problema principale non sono gli agricoltori, né la grande distribuzione. È il consumatore che vuole tutto e sempre, anche fuori stagione.

In Svizzera la parte del bilancio familiare destinata all’alimentazione si è ridotta considerevolmente negli ultimi decenni. E la quota di mercato dei prodotti bio è di poco superiore al 10%. I consumatori non sembrano essere pronti a spendere di più per mangiare sano, né ad acquistare alimenti non esteticamente perfetti.

Bisacca: Prendiamo la carne: in Svizzera ne consumiamo tanta, e più della metà di quella che mangiamo è importata! Dobbiamo far capire al consumatore l’importanza di consumare ‘regionale’ e ‘stagionale’. 

Cattori: L’80% della superficie agricola del Sudamerica produce cereali per l’allevamento del bestiame. La carne sudamericana viene importata anche da noi. Ma visto che abbiamo carne nostrana di qualità, perché non ci ‘accontentiamo’ di questa, pagando un po’ di più e mangiandone magari meno spesso? E il frumento panificabile? Il 70-80% è importato! 

Bisacca: E oltretutto non è biologico!

Cattori: Quel che voglio dire è: d’accordo togliere la chimica dal piatto, d’accordo il bio; ma dire ‘no’ ai pesticidi non basta. Se davvero vogliamo fare qualcosa per l’ambiente, forse prima di tutto dovremmo modificare le nostre malsane abitudini alimentari e di consumo. Questo dev’essere un voto di coscienza, nel senso di una partecipazione consapevole alla salvaguardia dell’ambiente.

L’Accademia svizzera delle scienze naturali scrive che “l’attuale uso di pesticidi ha un impatto considerevole sull’ambiente e in particolare sulla biodiversità”. E lo stesso Consiglio federale riconosce che le concentrazioni di pesticidi e fertilizzanti nelle acque sotterranee è troppo elevata e va ridotta. Signora Bisacca, come si fa a dire che si può andare avanti di questo passo?

Nessuno nega che la situazione non sia soddisfacente. Ma la Svizzera è pur sempre un paese dove l’acqua potabile è di ottima qualità. E il problema dei residui di pesticidi nelle acque sotterranee non è dovuto solo all’agricoltura. Abbiamo la nostra parte di responsabilità, questo sì. Ma non è giusto addossare tutta la colpa ai contadini, come se a noi non importasse nulla dell’ambiente e della salute della popolazione. Come se noi non facessimo già molto per produrre nel modo più naturale possibile.

Cattori: Le due iniziative vanno nella giusta direzione, anche se bisogna riconoscere che la Confederazione non è stata a guardare per quanto riguarda i pesticidi di sintesi. Negli ultimi anni decine e decine di prodotti chimici sono stati tolti dal mercato.

L’Usc però ha fatto il diavolo a quattro affinché il Parlamento a Berna sospendesse la Politica agricola 2022 (Pa22+). Sembra che chi tiene le redini del settore non abbia alcuna volontà di muoversi con passo deciso verso un’agricoltura più ‘verde’, come quella preconizzata appunto dalla Pa22+. 

Bisacca: Io spero che la Pa22+ venga ripresa già il prossimo anno. Perché le contadine e i contadini vogliono davvero produrre nel modo più ecologico possibile. Vediamo anche noi che il suolo sta meglio se si usano meno pesticidi sintetici. Ma il cambiamento non può essere drastico come quello che vorrebbero i sostenitori delle iniziative. Molti abitanti delle città adesso hanno in testa l’ecologia. Ma poi vanno a cercare i prodotti meno cari. I ‘cittadini’ non si rendono conto delle conseguenze che queste drastiche iniziative avrebbero sui nostri contadini. Il mio messaggio è: ‘Quello che possiamo fare lo stiamo facendo: Dateci più tempo’.

Cattori: Il suolo è la base della produzione: bisogna mantenerne l’equilibrio. Fondamentalmente ha bisogno solo di aria, acqua e calore. Se è vivo, equilibrato, la pianta vive in un ambiente sano ed è più difficile che si ammali. Di conseguenza non avrà bisogno di pesticidi sintetici. Purtroppo, invece, il tipo di agricoltura che va per la maggiore provoca un circolo vizioso: a lungo con i concimi chimici si è voluto aumentare la produzione, in modo da abbassare i prezzi; salvo poi cercare di riparare i danni causati utilizzando massicciamente i pesticidi sintetici, al prezzo di un impoverimento del suolo. Per questo è importante che si faccia qualcosa.

Un grosso problema è la dipendenza – anche psicologica – di molti agricoltori dai prodotti chimici, dice il viticoltore neocastellano Jean-Daniel Perrochet, uno dei promotori dell’iniziativa sui pesticidi. Signora Bisacca, vi sentite così: dipendenti da Fenaco, Syngenta e altri colossi dell’agrochimica?

Non saprei dirlo, avendo una piccola azienda di montagna. Forse ‘dipendenti’ non è il termine giusto. Semplicemente, molti contadini non sono abituati a fare in altro modo.

Cattori: L’agricoltura nelle ultime due generazioni è stata imperniata sulla chimica, sulla ricerca della produttività e la riduzione dei prezzi. Chi fa agronomia al Politecnico federale di Zurigo, fondamentalmente è questo modello che studia ancora oggi. Se vuoi produrre grandi quantità, a prezzi bassi e con un’estetica perfetta, sei obbligato a usare pesticidi sintetici. Se a un grande distributore presenti una cassetta di insalata con un pidocchio su uno degli otto cespi che contiene, la cassetta te la devi riportare a casa. Non è solo il consumatore, quindi. Al mercato [i trasformatori, i distributori e la grande distribuzione, ndr] non interessa il biologico in sé. O meglio: gli interessa soltanto nella misura in cui lo può vendere in quantità consistenti e a un prezzo attrattivo.

I colossi del commercio al dettaglio però capiscono che la sensibilità dei consumatori è aumentata. Per questo lanciano progetti incentrati sulla sostenibilità, inasprendo in alcuni casi anche le loro linee guida sull’impiego dei pesticidi. C'è ad esempio chi adesso paga qualche centesimo in più la cassetta di frutta, in cambio dell’abbandono parziale di prodotti chimici.

Bisacca: Sì, ma di quanto hanno ridotto prima? [ride, ndr]

Cattori: Pubblicità più o meno occulta. Passata la votazione, tutto tornerà come prima. Quarant’anni fa nel settore c’erano persone con cui si poteva ragionare, che capivano il tuo problema. Oggi guardano le statistiche e fanno quel che dicono gli obbiettivi di vendita.

 

chi sono

Tanja Bisacca

Originaria di San Gallo, 44 anni, sposata, due figli. Si definisce «contadina per caso». È proprietaria dell’azienda agricola Bisacca a Dongio, in valle di Blenio, che suo marito rilevò dallo zio nel 1991. Da 16 anni alleva mucche nutrici e maiali. Cura anche una piccola vigna con 700 piante di Merlot. Produce secondo i dettami dell’ordinanza federale sull’agricoltura biologica (il ‘bio federale’). Speck, affettati e carne si possono acquistare direttamente in azienda, che di recente si è ingrandita con la costruzione di un agriturismo. Nel 2018 Tanja Bisacca è entrata nella Direttiva dell’Unione contadini ticinese (Uct). Dal 2019 è presidente dell’Associazione donne contadini ticinesi.

Renzo Cattori

Classe 1949, sposato, nel 1986 è stato il primo orticoltore del cantone a convertirsi all’agricoltura biologica. Per oltre 30 anni la sua azienda di 10 ettari a Cadenazzo ha prodotto un’ampia gamma di prodotti (più di cinquanta tipi di ortaggi, ecc.) secondo le direttive della Gemma Bio Suisse. Negli ultimi anni è passato a Demeter (agricoltura biodinamica). Distribuisce i suoi prodotti – essenzialmente in Ticino, ma anche nella Svizzera interna – tramite la Linea Bio Verde (fondata nel 1997 assieme al figlio Stefano), la cooperativa ConProBio e la vendita diretta in azienda. È presidente onorario dell’Associazione per un Piano di Magadino a misura d’uomo.

 

Le iniziative

L’iniziativa popolare ‘Per una Svizzera senza pesticidi sintetici’ vuole proibire entro dieci anni l’utilizzo di pesticidi sintetici in Svizzera. Il divieto si applicherebbe a tutte le aziende agricole, alla produzione e trasformazione di derrate alimentari, nonché alla cura del suolo e del paesaggio. Sarebbe vietata anche l’importazione di beni alimentari per la cui produzione sono stati impiegati pestidici sintetici. 

L’iniziativa popolare per acqua potabile pulita e cibo sano non vieta i pesticidi. Chiede però di escludere dai pagamenti diretti gli agricoltori che ne fanno uso, che non nutrono i loro animali con il foraggio che loro stessi producono e che impiegano antibiotici regolarmente e a titolo profilattico. Gli agricoltori avrebbero 8 anni di tempo per adeguarsi.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agricoltura contadini iniziative pesticidi renzo cattori tanja bisacca
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved