senza-pesticidi-si-puo-fare-dateci-piu-tempo
Keystone
Bisacca (sin.) e Cattori
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Al vice di Ursula von der Leyen il dossier ‘Svizzera’

Il vicepresidente della Commissione Ue, lo slovacco Maros Sefcovic, subentra all’austriaco Johannes Hahn. Sarà lui la persona di contatto di Ignazio Cassis
Svizzera
11 ore

Sconfitta Nestlé: forma capsule Nespresso non può essere protetta

Respinto un ricorso dell’azienda con sede a Vevey (Vd) contro una decisione della giustizia vodese
Svizzera
12 ore

Svizzeri fermati in Germania con Covid Pass falsi

È avvenuto lo scorso fine settimana ma la polizia lo ha reso noto solo oggi. Aperta indagine per falsificazione di documenti
Svizzera
14 ore

A Palazzo federale col certificato Covid, pronte le basi legali

La misura, su cui le Camere delibereranno la prossima settimana, permetterà ai parlamentari di svolgere il proprio ruolo senza mascherine e plexiglas divisori
Svizzera
14 ore

Più calma la situazione Covid in Svizzera, ma non in cure intense

L’età media dei contagiati più bassa e la diminuzione dei rientri dalle vacanze causano un calo dei ricoveri, ma le terapie intensive sono ancora sotto pressione
Svizzera
15 ore

Sul Glacier Express, ‘biglietti e certificato Covid, prego’

Il treno panoramico che collega Zermatt a St. Moritz attraverso le Alpi è considerato un ristorante e come tale sottostà alle relative regole
Svizzera
15 ore

In Svizzera 1’235 contagi in 24 ore, cala la pressione ospedaliera

Il tasso di riproduzione del virus si mantiene sotto l’1. Il livello dei contagi è inferiore rispetto a quello della scorsa settimana
Svizzera
15 ore

Svizzera campione mondiale dell’innovazione: lo dice l’Ompi

Per la graduatoria stilata dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale, la Confederazione si mette di nuovo alle spalle Svezia, Usa e Regno Unito
Svizzera
17 ore

Turismo della spesa, si discute la riduzione della franchigia

Accolti agli Stati tre testi volti a risolvere per via fiscale il problema degli acquisti all’estero abbassando la soglia di esenzione
Svizzera
17 ore

Reddito di base incondizionato, spunta un altro progetto

L’iniziativa propone di inserire il principio di un reddito di base per tutti nella Costituzione ma lascia alla legge il compito di regolarne l’ammontare
Svizzera
17 ore

Nell’agricoltura svizzera si fa sempre meno uso di pesticidi

Emerge da un rapporto annuale dell’Ufficio federale dell’agricoltura (Ufag). Si stanno dimostrando efficaci le misure del piano d’azione del 2017
Svizzera
18 ore

Thomas Heiniger lascia la presidenza di Croce Rossa Svizzera

Le dimissioni motivate da ‘visioni divergenti sul modo di procedere’.
Svizzera
19 ore

Coop rafforza il suo impegno contro spreco alimentare

Entro il 2026 circa 500 supermercati entreranno nel circuito di Tavolino Magico e Tavola Svizzera per la donazione di cibo a persone indigenti
Svizzera
20 ore

Riforma Ministero pubblico e Autorità di Vigilanza, ok dal Nazionale

La proposta di legge mira a rafforzare e chiarire le competenze dell’Autorità indipendente rispetto al Ministero pubblico della Confederazione
Svizzera
20 ore

L’89% dei pazienti Covid in terapia intensiva non è vaccinato

L’Ufsp ha svolto il primo studio in tal senso in 21 ospedali svizzeri fra luglio e agosto. Il 68% dei pazienti in cure intense ha fra i 40 e i 79 anni
Svizzera
20 ore

Principio di sussidiarietà ticinese, per il Nazionale è conforme

Le modifiche costituzionali ticinesi hanno ricevuto anche dalla Camera del popolo la garanzia di conformità al diritto federale
Svizzera
21 ore

Il vaccino Johnson&Johnson in arrivo in Svizzera

La Confederazione ha avvisato i Cantoni di prepararsi all’arrivo di circa 150’000 dosi di vaccino monodose. Un’alternativa per molte persone ancora scettiche
Svizzera
1 gior

Quasi 43mila firme contro l’importazione di pellicce

Consegnata oggi a Berna una petizione che chiede il divieto di importare prodotti ottenuti infliggendo sofferenze agli animali
Svizzera
1 gior

Giovani e pubblicità del tabacco, ‘no’ all’iniziativa

Il testo è stato respinto anche dal Consiglio degli Stati. Stöckli (Ps): revisione della legge insufficiente, si deve andare a votare.
Svizzera
1 gior

Trasporto merci sotterraneo, legge approvata

Anche il Consiglio nazionale si esprime a favore del progetto ‘Cargo sous terrain’. La rete di tunnel dovrebbe essere terminata entro il 2045.
Svizzera
1 gior

Validità del certificato per chi è guarito verso l’estensione

La Confederazione sta esaminando i risultati di nuovi studi sulla durata della protezione immunitaria dopo aver contratto il Covid-19
Svizzera
1 gior

‘Nessuno sarà obbligato a donare gli organi’

Ok del Consiglio degli Stati al controprogetto. Dittli (Plr): ci avviciniamo all’obbligo. La replica di Marina Carobbio, presidente di Swisstransplant.
Svizzera
1 gior

Berna dice stop alle manifestazioni contro le misure anti Covid

La Città ha annunciato che non tollererà altre proteste non autorizzate. La decisione in seguito alle violenze di giovedì scorso davanti a Palazzo federale
Svizzera
1 gior

In Svizzera calano i contagi: 4’032 in 72 ore, 15 decessi

Il dato è inferiore di oltre 2’000 unità rispetto al weekend scorso a fronte di un numero maggiore di test effettuati. Scende anche il tasso di riproduzione
Svizzera
1 gior

In Svizzera meno casi di meningoencefalite da zecche e borreliosi

Lo riferisce l’Ufsp. I casi tornano ai livelli del 2019 dopo il boom dello scorso anno, dovuto probabilmente al tempo favorevole per le attività outdoor e al lockdown
Svizzera
1 gior

Indagine Seco: disoccupati e aziende soddisfatti degli URC

Le persone in cerca di impiego valutano positivamente i servizi offerti da uffici di collocamento e casse disoccupazione
Svizzera
1 gior

A Lucerna e Zurigo studenti in protesta contro il Covid pass

Al centro delle contestazioni l’uso del certificato Covid per l’accesso agli atenei che secondo gli studenti limita il libero accesso all’istruzione
Svizzera
1 gior

Frodi assicurative, la Suva ha evitato pagamenti per 12,6 milioni

Esaminati 2’236 casi sospetti su oltre 222’000. Fra i nuovi modelli di truffa, la fatturazione di ore e prestazione fittizie da parte di medici e ospedali
Svizzera
1 gior

Da oggi in Svizzera solo se vaccinati, guariti o con test negativo

Entrano da oggi in vigore le nuove regole per l’ingresso nella Confederazione. Previste eccezioni per le zone di confine: attenzione però alle norme italiane
Svizzera
2 gior

San Gallo, 78enne muore sull’autostrada A3

L’uomo, di cittadinanza belga, per ragioni ancora da chiarire, ha sbandato più volte ed è finito contro la barriera di protezione
Svizzera
2 gior

Soletta, polizia seminata durante un inseguimento sulla A1

L’auto sportiva, che risultava rubata, è stata successivamente ritrovata in un parcheggio a Derendingen
Svizzera
2 gior

Guy Parmelin non incontrerà Emmanuel Macron a novembre

Secondo fonti diplomatiche, l’incontro sarebbe saltato a causa dell’acquisto da parte della Svizzera degli aerei americani F-35 invece dei francesi Rafale
Svizzera
2 gior

Berna, gravemente ferite due adolescenti con e-monopattino

Hanno 13 e 15 anni le due giovani che, con il loro monopattino elettrico, sono entrate in collisione con un’auto
Svizzera
2 gior

Zurigo, uomo trovato morto vicino a un centro comunitario

Le autorità ipotizzano si tratti di omicidio e cercano testimoni. Un sospetto è stato arrestato
Svizzera
2 gior

Argovia, 17enne esce fuori strada con l’auto e scappa

Il giovane, positivo all’alcol test, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato al momento dell’incidente
Svizzera
2 gior

Turgovia, si tuffano nel Reno e non riemergono più

Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri. I due giovani erano entrati nel fiume a Paradies
Svizzera
2 gior

‘La Svizzera offrì 1,25 milioni di dollari per liberarci’

Daniela Widmer, ex ostaggio dei talebani, torna a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato
Svizzera
3 gior

Zurigo, oltre 500 anti-abortisti sfilano per Oerlikon

Il corteo si è svolto in maniera generalmente pacifica. Alcuni passanti hanno mostrato il loro disappunto
Svizzera
3 gior

Grigioni, due morti e un ferito grave in un incidente a Laax

L’auto sulla quale stavano viaggiando i tre giovani è uscita di strada, ha proseguito la corsa su un prato bagnato ed è finita poi contro un muro
Svizzera
3 gior

Sindacati e collettivi femministi contro la riforma dell’AVS

I manifestanti si sono riuniti alla Schützenmatte a Berna e hanno sfilato per le strade della città fino a Piazza federale
Svizzera
3 gior

Contrari alle misure anti-Covid manifestano a Winterthur

Praticamente nessuno dei presenti indossa la mascherina. La dimostrazione è stata organizzata dai “Freiheitstrychler”
Svizzera
3 gior

Abusi su minori, Svizzera promuove mozione a Consiglio d’Europa

Nel corso di un simposio di tre giorni, i rappresentati di 17 paesi hanno gettato le basi per l’azione “Justice-Initiative”
Svizzera
3 gior

Vaud, operaio muore in un cantiere a Lavey-Morcles 

L’uomo, alla guida di una bitumatrice, è uscito di strada ed è precipitato in una scarpata
Svizzera
3 gior

Soletta, autoarticolato contro una colonna di auto sulla A5

I sei contusi, che hanno riportato ferite lievi, sono stati portati in diversi ospedali dai servizi di soccorso
Svizzera
18.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:02

Senza pesticidi? ‘Si può fare’, ‘Dateci più tempo’

Tanja Bisacca (Donne contadine ticinesi) e Renzo Cattori (tra i pionieri del ‘bio’ in Ticino) a confronto sulle iniziative in votazione il 13 giugno

Signora Bisacca, quand’è stata l’ultima volta che ha avuto per le mani un pesticida sintetico?

L’anno scorso, quando ho trattato la vigna. Con il merlot purtroppo non riusciamo a fare a meno dei prodotti chimici.

E lei, signor Cattori?

Penso nel 1985, perché l’anno dopo ho convertito l’azienda al biologico. Ma io sono nato col Ddt [insetticida altamente tossico e inquinante usato su larga scala in agricoltura fino agli anni Settanta, ndr]; mi ci sono anche sporcato le gambe e i piedi. Il fatto è che a quel tempo sembrava innocuo, nessuno ci faceva caso. Un po' come oggi il glifosato [erbicida tra i più utilizzati al mondo, ndr]: siccome è biodegradabile, allora qualcuno dice che lo si può anche bere.

Lei è l’esempio vivente che rinunciare ai pesticidi sintetici si può. Senza troppi problemi?

Lo si può fare. Senza troppi problemi? Lascio un punto di domanda. 

Perché?

Se lo fai per conto tuo, se sei convinto, pronto a superare qualsiasi difficoltà, le soluzioni le trovi. Ad esempio: se ho una vigna di merlot e non voglio più usare prodotti chimici, strappo il merlot e metto altre varietà. Ma è una cosa che non si può imporre.

Bisacca: Poi però non esisterebbe più il merlot: sarebbe un peccato.

Cattori: D’accordo, ma quel che voglio dire è che non sarebbe impossibile farne a meno. Se la tendenza è quella di andare verso le varietà resistenti, un giorno forse bisognerà rinunciare anche al merlot.

Parlava di problemi. Quali?

Il problema non è tanto come difendersi dai parassiti e dai funghi, ma come sopravvivere su un mercato che impone una qualità, dei ritmi, dei volumi e dei costi ai quali – senza la chimica – è molto difficile far fronte. Nel biologico molti prodotti non li faccio, semplicemente perché come li vuole il mercato non me li posso permettere. La patata, la carota, la mela: devono sempre essere perfette. E così oggi gli agricoltori sono costretti a gettare una parte non trascurabile della loro produzione, perché non corrisponde agli standard richiesti. Il 20% in meno di produzione indigena che secondo l’Unione svizzera dei contadini (Usc) avremmo in caso di ‘sì’ alle iniziative, lo potremmo almeno in parte recuperare riducendo lo spreco. Ecco: in fondo ha poco senso parlare di divieto dei pesticidi, se prima non affrontiamo alla radice problemi come lo spreco in agricoltura.

Se le due iniziative verranno accolte cambierà qualcosa per lei?

Non direttamente.  

E per lei, signora Bisacca?

Per quanto riguarda i pesticidi non cambierebbe granché. Produco secondo il ‘bio federale’, e ho sempre fatto il possibile per ridurre al minimo l’uso di prodotti chimici. Diverso è il discorso del foraggio per le vacche nutrici. A causa della siccità degli ultimi due anni sono rimasta senza. Adesso dovrò acquistarne per almeno un paio di mesi, prima che le mucche vadano all’alpe. In valle lo spazio è quello che è, non c’è grande disponibilità. E sul mercato al momento il foraggio scarseggia, per cui dovrò andare Oltralpe o in Italia a procurarmelo. Sarà molto difficile per noi se i periodi di siccità si faranno più frequenti e se dovesse passare l’iniziativa per l’acqua potabile [che in linea di massima vieta l’acquisto di foraggio, benché i promotori ora affermino che sarà sempre possibile acquistarlo in Svizzera, ndr].

Cattori: Il problema del foraggio effettivamente esiste, soprattutto per le aziende agricole di montagna. Ma lo si può risolvere. Toccherà al Parlamento, se del caso, applicare in maniera ragionevole l’iniziativa per l’acqua potabile. E comunque ci saranno 8-10 anni di tempo per adeguarsi.

Bisacca: Otto-dieci anni nell’agricoltura sono veramente pochi, i promotori delle iniziative non se ne rendono conto. 

Lo Stato sosterrebbe il processo, gli agricoltori non sarebbero piantati in asso.

Bisacca: In teoria sì. Ma abbiamo visto come ci hanno ‘accompagnati’ quando [una dozzina d’anni fa, ndr] hanno eliminato i contingenti del latte. Il prezzo del latte è sceso a una velocità incredibile. Anche per questo molti agricoltori hanno paura. Io vedo che molti vorrebbero cambiare, ma lo vogliono fare a modo loro, con i loro tempi. Temono di essere messi ancor più sotto pressione: in dieci anni è impossibile farcela. Non dimentichiamo che trent’anni fa eravamo ancora al ‘tutto sintetico’. Oggi la situazione è ben diversa. Un cambiamento c’è stato. E non di poco conto. Resta ancora parecchio da fare, ma siamo sulla buona strada. 

Cattori: Io ho cambiato in altri tempi, quando per certi versi era più dura. Producevo ortaggi per i supermercati. E quando ho convertito l’azienda, questi mi hanno detto ‘La tua verdura non la vogliamo più‘. Non mi hanno messo il tappeto rosso, mi hanno messo alla porta [ride]. Io non posso non essere favorevole a proposte in linea con quanto pensavo già 35 anni fa. Ma capisco i timori di chi – pur condividendo l’idea che la chimica vada ridotta al minimo – non vede di buon occhio le iniziative. Anche perché la società oggi sta andando troppo veloce rispetto ai bisogni dell’agricoltura. 

In che senso?

L’orticoltura ticinese – parlo della produzione di pomodori, zucchine, melanzane e così via – non è mai andata così bene come nel 2020. E si è pensato: ‘La grande distribuzione sarà finalmente con noi, perché ha capito che con il lockdown e le frontiere chiuse deve sostenere l’agricoltura regionale’. Ebbene, adesso comprano le melanzane in Marocco per cinque centesimi in meno. I produttori regionali, confrontati con un eccesso di melanzane sul mercato, sono costretti così a venderle sottocosto. Un’agricoltura fragile, in balìa della globalizzazione, obbligata a produrre secondo le condizioni dettate dalle grandi catene di distribuzione: è questo il paradigma imperante, che va cambiato.

Produrre sempre di più, sempre più velocemente, sempre più a buon mercato: per gli agricoltori le iniziative non potrebbero essere un’opportunità per uscire da questo circolo vizioso?

Bisacca: Non vedo perché si debba passare da queste iniziative per uscirne. Le contadine e i contadini stanno già facendo molto per migliorare la loro produzione, per renderla più sostenibile e più direttamente accessibile alla popolazione. Il problema principale non sono gli agricoltori, né la grande distribuzione. È il consumatore che vuole tutto e sempre, anche fuori stagione.

In Svizzera la parte del bilancio familiare destinata all’alimentazione si è ridotta considerevolmente negli ultimi decenni. E la quota di mercato dei prodotti bio è di poco superiore al 10%. I consumatori non sembrano essere pronti a spendere di più per mangiare sano, né ad acquistare alimenti non esteticamente perfetti.

Bisacca: Prendiamo la carne: in Svizzera ne consumiamo tanta, e più della metà di quella che mangiamo è importata! Dobbiamo far capire al consumatore l’importanza di consumare ‘regionale’ e ‘stagionale’. 

Cattori: L’80% della superficie agricola del Sudamerica produce cereali per l’allevamento del bestiame. La carne sudamericana viene importata anche da noi. Ma visto che abbiamo carne nostrana di qualità, perché non ci ‘accontentiamo’ di questa, pagando un po’ di più e mangiandone magari meno spesso? E il frumento panificabile? Il 70-80% è importato! 

Bisacca: E oltretutto non è biologico!

Cattori: Quel che voglio dire è: d’accordo togliere la chimica dal piatto, d’accordo il bio; ma dire ‘no’ ai pesticidi non basta. Se davvero vogliamo fare qualcosa per l’ambiente, forse prima di tutto dovremmo modificare le nostre malsane abitudini alimentari e di consumo. Questo dev’essere un voto di coscienza, nel senso di una partecipazione consapevole alla salvaguardia dell’ambiente.

L’Accademia svizzera delle scienze naturali scrive che “l’attuale uso di pesticidi ha un impatto considerevole sull’ambiente e in particolare sulla biodiversità”. E lo stesso Consiglio federale riconosce che le concentrazioni di pesticidi e fertilizzanti nelle acque sotterranee è troppo elevata e va ridotta. Signora Bisacca, come si fa a dire che si può andare avanti di questo passo?

Nessuno nega che la situazione non sia soddisfacente. Ma la Svizzera è pur sempre un paese dove l’acqua potabile è di ottima qualità. E il problema dei residui di pesticidi nelle acque sotterranee non è dovuto solo all’agricoltura. Abbiamo la nostra parte di responsabilità, questo sì. Ma non è giusto addossare tutta la colpa ai contadini, come se a noi non importasse nulla dell’ambiente e della salute della popolazione. Come se noi non facessimo già molto per produrre nel modo più naturale possibile.

Cattori: Le due iniziative vanno nella giusta direzione, anche se bisogna riconoscere che la Confederazione non è stata a guardare per quanto riguarda i pesticidi di sintesi. Negli ultimi anni decine e decine di prodotti chimici sono stati tolti dal mercato.

L’Usc però ha fatto il diavolo a quattro affinché il Parlamento a Berna sospendesse la Politica agricola 2022 (Pa22+). Sembra che chi tiene le redini del settore non abbia alcuna volontà di muoversi con passo deciso verso un’agricoltura più ‘verde’, come quella preconizzata appunto dalla Pa22+. 

Bisacca: Io spero che la Pa22+ venga ripresa già il prossimo anno. Perché le contadine e i contadini vogliono davvero produrre nel modo più ecologico possibile. Vediamo anche noi che il suolo sta meglio se si usano meno pesticidi sintetici. Ma il cambiamento non può essere drastico come quello che vorrebbero i sostenitori delle iniziative. Molti abitanti delle città adesso hanno in testa l’ecologia. Ma poi vanno a cercare i prodotti meno cari. I ‘cittadini’ non si rendono conto delle conseguenze che queste drastiche iniziative avrebbero sui nostri contadini. Il mio messaggio è: ‘Quello che possiamo fare lo stiamo facendo: Dateci più tempo’.

Cattori: Il suolo è la base della produzione: bisogna mantenerne l’equilibrio. Fondamentalmente ha bisogno solo di aria, acqua e calore. Se è vivo, equilibrato, la pianta vive in un ambiente sano ed è più difficile che si ammali. Di conseguenza non avrà bisogno di pesticidi sintetici. Purtroppo, invece, il tipo di agricoltura che va per la maggiore provoca un circolo vizioso: a lungo con i concimi chimici si è voluto aumentare la produzione, in modo da abbassare i prezzi; salvo poi cercare di riparare i danni causati utilizzando massicciamente i pesticidi sintetici, al prezzo di un impoverimento del suolo. Per questo è importante che si faccia qualcosa.

Un grosso problema è la dipendenza – anche psicologica – di molti agricoltori dai prodotti chimici, dice il viticoltore neocastellano Jean-Daniel Perrochet, uno dei promotori dell’iniziativa sui pesticidi. Signora Bisacca, vi sentite così: dipendenti da Fenaco, Syngenta e altri colossi dell’agrochimica?

Non saprei dirlo, avendo una piccola azienda di montagna. Forse ‘dipendenti’ non è il termine giusto. Semplicemente, molti contadini non sono abituati a fare in altro modo.

Cattori: L’agricoltura nelle ultime due generazioni è stata imperniata sulla chimica, sulla ricerca della produttività e la riduzione dei prezzi. Chi fa agronomia al Politecnico federale di Zurigo, fondamentalmente è questo modello che studia ancora oggi. Se vuoi produrre grandi quantità, a prezzi bassi e con un’estetica perfetta, sei obbligato a usare pesticidi sintetici. Se a un grande distributore presenti una cassetta di insalata con un pidocchio su uno degli otto cespi che contiene, la cassetta te la devi riportare a casa. Non è solo il consumatore, quindi. Al mercato [i trasformatori, i distributori e la grande distribuzione, ndr] non interessa il biologico in sé. O meglio: gli interessa soltanto nella misura in cui lo può vendere in quantità consistenti e a un prezzo attrattivo.

I colossi del commercio al dettaglio però capiscono che la sensibilità dei consumatori è aumentata. Per questo lanciano progetti incentrati sulla sostenibilità, inasprendo in alcuni casi anche le loro linee guida sull’impiego dei pesticidi. C'è ad esempio chi adesso paga qualche centesimo in più la cassetta di frutta, in cambio dell’abbandono parziale di prodotti chimici.

Bisacca: Sì, ma di quanto hanno ridotto prima? [ride, ndr]

Cattori: Pubblicità più o meno occulta. Passata la votazione, tutto tornerà come prima. Quarant’anni fa nel settore c’erano persone con cui si poteva ragionare, che capivano il tuo problema. Oggi guardano le statistiche e fanno quel che dicono gli obbiettivi di vendita.

 

chi sono

Tanja Bisacca

Originaria di San Gallo, 44 anni, sposata, due figli. Si definisce «contadina per caso». È proprietaria dell’azienda agricola Bisacca a Dongio, in valle di Blenio, che suo marito rilevò dallo zio nel 1991. Da 16 anni alleva mucche nutrici e maiali. Cura anche una piccola vigna con 700 piante di Merlot. Produce secondo i dettami dell’ordinanza federale sull’agricoltura biologica (il ‘bio federale’). Speck, affettati e carne si possono acquistare direttamente in azienda, che di recente si è ingrandita con la costruzione di un agriturismo. Nel 2018 Tanja Bisacca è entrata nella Direttiva dell’Unione contadini ticinese (Uct). Dal 2019 è presidente dell’Associazione donne contadini ticinesi.

Renzo Cattori

Classe 1949, sposato, nel 1986 è stato il primo orticoltore del cantone a convertirsi all’agricoltura biologica. Per oltre 30 anni la sua azienda di 10 ettari a Cadenazzo ha prodotto un’ampia gamma di prodotti (più di cinquanta tipi di ortaggi, ecc.) secondo le direttive della Gemma Bio Suisse. Negli ultimi anni è passato a Demeter (agricoltura biodinamica). Distribuisce i suoi prodotti – essenzialmente in Ticino, ma anche nella Svizzera interna – tramite la Linea Bio Verde (fondata nel 1997 assieme al figlio Stefano), la cooperativa ConProBio e la vendita diretta in azienda. È presidente onorario dell’Associazione per un Piano di Magadino a misura d’uomo.

 

Le iniziative

L’iniziativa popolare ‘Per una Svizzera senza pesticidi sintetici’ vuole proibire entro dieci anni l’utilizzo di pesticidi sintetici in Svizzera. Il divieto si applicherebbe a tutte le aziende agricole, alla produzione e trasformazione di derrate alimentari, nonché alla cura del suolo e del paesaggio. Sarebbe vietata anche l’importazione di beni alimentari per la cui produzione sono stati impiegati pestidici sintetici. 

L’iniziativa popolare per acqua potabile pulita e cibo sano non vieta i pesticidi. Chiede però di escludere dai pagamenti diretti gli agricoltori che ne fanno uso, che non nutrono i loro animali con il foraggio che loro stessi producono e che impiegano antibiotici regolarmente e a titolo profilattico. Gli agricoltori avrebbero 8 anni di tempo per adeguarsi.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved