le-iniziative-sui-pesticidi-dividono-i-contadini-svizzeri
Keystone
Si vota il 13 giugno
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 min

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
31 min

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
43 min

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
1 ora

Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti

Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
1 ora

Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato

La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
17 ore

I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio

Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
18 ore

Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon

Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
20 ore

In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi

Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
Svizzera
21 ore

Scuola reclute invernale al via tra severe misure di protezione

Parte dei militi verrà istruita da casa nelle prime 3 settimane. L’entrata in servizio è preceduta da un test Covid. Aumenta la quota di donne
Svizzera
1 gior

Stadler si aggiudica la commessa più importante della sua storia

Il costruttore ferroviario turgoviese ha siglato un contratto che potrà raggiungere i 4 miliardi di euro per un consorzio austro-tedesco
Svizzera
1 gior

Violò quarantena, lascia il presidente del Cda di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
20.04.2021 - 15:000

Le iniziative sui pesticidi dividono i contadini svizzeri

Cosa unisce e cosa separa Unione svizzera contadini, Associazione dei piccoli agricoltori, Società svizzera economia alpestre, Bio Suisse e Demeter

a cura de laRegione

Berna – Il mondo agricolo è diviso sulle iniziative in votazione il 13 giugno. L'Unione svizzera dei contadini (Usc) e la Società svizzera economia alpestre raccomandano di rifiutare entrambi i testi. Demeter, Bio Suisse e l'Associazione dei piccoli agricoltori (Vkmb) sostengono l'iniziativa "Per una Svizzera senza pesticidi di sintesi".

Gli agricoltori che non usano pesticidi di sintesi dimostrano che è possibile essere economicamente redditizi pur proteggendo la salute pubblica e l'ambiente, hanno detto le tre organizzazioni in una conferenza stampa a Kirchlindach (Be). Demeter promuove l'agricoltura biodinamica, Bio Suisse rappresenta gli agricoltori biologici e Vkmb parla a nome di 8'000 famiglie di agricoltori.

Riorientare la politica agricola

Oggi, i pesticidi di sintesi sono ovunque. Riducono la fertilità del suolo, impoveriscono la biodiversità e danneggiano la nostra salute, ha dichiarato Christian Vessaz, viticoltore e membro di Demeter. Per lui, che è passato con successo all'agricoltura biodinamica dal 2013, "è fondamentale che i nostri suoli e le nostre acque conservino la loro capacità di produrre cibo sano. Questo obiettivo può essere raggiunto solo fermando l'uso della chimica di sintesi".

L'iniziativa offre l'opportunità di indirizzare la politica agricola - attualmente in fase di stallo in Parlamento - in una direzione sostenibile, ha aggiunto il consigliere nazionale Kilian Baumann (Verdi/Be).

Il testo chiede il divieto dei pesticidi di sintesi sia in agricoltura che nella manutenzione di aree come giardini privati, parchi pubblici e binari ferroviari. La disposizione vale anche per tutte le derrate alimentari importate in Svizzera, evitando così una disparità di trattamento per gli agricoltori svizzeri, sottolinea Bio Suisse.

Il mondo agricolo ha dieci anni per cambiare le sue pratiche, un tempo sufficiente per adattarsi ed evitare che alcune aziende rimangano indietro, secondo Regina Fuhrer-Wyss, presidente dell'associazione Vkmb. La ricerca dovrà anche lavorare su soluzioni per una produzione e un'industria alimentare sostenibile, ma redditizia.

Divisi sull'acqua potabile

Le tre organizzazioni hanno invece posizioni diverse sulla seconda iniziativa "Per acqua potabile e il cibo sano". Bio Suisse raccomanda di respingerla, mentre Demeter e l'Associazione dei piccoli agricoltori lasciano libertà di voto.

"Sosteniamo la direzione generale di questa seconda iniziativa, ma l'iniziativa per il divieto dei pesticidi è la variante migliore secondo noi", ha detto a Keystone-Ats Patricia Mariani, co-direttrice di Vkmb. Tiene conto delle importazioni e si rivolge a tutti gli utilizzatori di pesticidi.

L'Usc contraria

L'Unione svizzera dei contadini (Usc) respinge entrambe le iniziative che giudica "estreme". Quella sui pesticidi di sintesi è incompatibile con le regole dell'Omc, sottolinea. C'è da temere quindi che venga applicata solo alla Svizzera, creando un enorme svantaggio competitivo per l'agricoltura elvetica. Farebbe inoltre lievitare i prezzi, poiché i costi della produzione biologica sono più alti.

L’iniziativa "Per acqua potabile e il cibo sano" causerebbe enormi problemi agli allevamenti di pollame e di maiali, dato che queste aziende spesso non sono in grado di procurarsi il proprio foraggio. Gli agricoltori si troverebbero allora di fronte a un dilemma: rinunciare ai pagamenti diretti per continuare a lavorare o dovrebbero abbandonare determinate attività, aumentando la dipendenza dalle importazioni, afferma l'Usc.

Anche la Società svizzera economia alpestre (Ssea), che rappresenta circa 6'800 agricoltori di montagna, si oppone ai due testi. In un comunicato odierno, la Ssea sostiene che le iniziative mettono in pericolo le aziende di montagna e gli alpeggi, ostacolando la cooperazione tra aziende.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved