pesticidi-politica-agricola-svizzera-a-un-bivio
Keystone
Acceso dibattito sulle iniziative in votazione il 13 giugno
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
18 ore

Ginevra vieta di fumare anche all’aperto

Sigarette, pipe e simili saranno banditi dalle fermate dell’autobus, di cortili delle scuole e nei centri sportivi
Svizzera
21 ore

‘Quarantene e telelavoro, probabile stop la prossima settimana’

Lo ha dichiarato il consigliere federale Alain Berset durante una visita all’ospedale cantonale di Aarau. Nessuna modifica per ora al certificato Covid.
Svizzera
21 ore

Si andrà a votare contro ogni obbligo vaccinale in Svizzera

L’iniziativa popolare “Per la libertà e l’integrità fisica” è formalmente riuscita: raccolte 125’015 firme valide
Svizzera
21 ore

Processo Vincenz, la difesa chiede la piena assoluzione

Il difensore dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz ha sostenuto stamani che tutte le accuse della procura sono infondate
Svizzera
22 ore

In Svizzera Omicron rappresenta quasi il 95% dei casi

Resta stabile la situazione ospedaliera, con i pazienti Covid che occupano poco meno di un quarto dei letti in cure intense. 14 decessi in 24 ore
Svizzera
1 gior

Aiuti ai media, sostegno sacrosanto o mela avvelenata?

Il 13 febbraio si vota su un pacchetto da 151 milioni per sette anni. I consiglieri nazionali Alex Farinelli (Plr) e Marco Romano (Centro) a confronto.
coronavirus
1 gior

Via la mascherina a scuola in alcuni cantoni romandi

Da lunedì prossimo non sarà più obbligatoria nelle elementari dei cantoni Vallese, Friburgo e Vaud
Svizzera
1 gior

Di nuovo fuori uso il registro donazione organi in Svizzera

Era tornato temporaneamente attivo dopo la scoperta di una falla nel sistema di sicurezza. Adesso è stato rimesso offline.
Svizzera
1 gior

Chiesti 6 anni di carcere da scontare per Vincenz e Stocker

Chiusa la requisitoria al quarto giorno del processo all’ex Ceo di Raiffeisen e al suo collega in affari. La Procura: si sono enormemente arricchiti
Svizzera
1 gior

Studio svizzero: Omicron non spingerà gli ospedali al limite

Uno studio, ancora senza verifica esterna, prospetta tre scenari: nel caso peggiore la situazione in cure intense non dovrebbe arrivare a essere critica
Svizzera
1 gior

Report settimanale: -11% di pazienti Covid in cure intense

Il numero di contagi è aumentato del 28,2%, con un livello di test record. Stabili i decessi
Svizzera
1 gior

Le casse malati avvertono: più costi porteranno a premi più cari

L’organizzazione degli assicuratori malattia Santésuisse mette in guardia in vista di un rialzo dei premi dovuti alla crescita delle spese
Svizzera
1 gior

Propaganda islamista, Illi e Blancho condannati in appello

I due membri del Consiglio centrale islamico svizzero erano accusati di aver pubblicato in Rete e promosso due video a sfondo jihadista
Svizzera
1 gior

In Svizzera record di casi ma gli ospedali tengono. 16 i decessi

Il numero di contagi giornalieri sfiora i 45’000 ma l’occupazione ospedaliera, soprattutto in cure intense, non subisce scossoni
Svizzera
2 gior

San Gallo, 10 arresti per oltre 9’000 certificati Covid falsi

Gli arrestati, tre dei quali si trovano in carcere preventivo, chiedevano come compenso dai 300 agli 800 franchi per certificato
Svizzera
2 gior

E la Svizzera scopre la promozione diretta dei media online

È la novità del pacchetto in votazione il 13 febbraio. Ma molti Paesi europei la conoscono già da tempo.
Svizzera
2 gior

‘In Svizzera le misure di gestione del lupo sono efficaci’

Secondo uno studio l’abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le predazioni. Valutato positivamente anche l’impiego dei cani da pastore.
Svizzera
2 gior

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen
Svizzera
2 gior

Più di 1’100 terremoti registrati lo scorso anno in Svizzera

Il Servizio sismico svizzero (Sed) fornisce cifre leggermente inferiori a quelle degli anni precedenti: ad aumentare, quelli mediamente forti.
Svizzera
2 gior

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
2 gior

Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi

A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
2 gior

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
Svizzera
2 gior

Dall’energia solare 15 volte più elettricità entro il 2050

Swissolar presenta un piano in 11 punti per l’espansione del fotovoltaico. Il presidente Grossen: ‘Occorre costruire di più e più rapidamente’.
Svizzera
2 gior

In Svizzera il balzo dei contagi non spinge sulle cure intense

Resta stabile intorno a un quarto dei posti letto totali, la presenza di pazienti Covid nei reparti per i pazienti più gravi. Segnalati 13 decessi
Svizzera
3 gior

Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti

Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
Svizzera
3 gior

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
3 gior

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
Svizzera
3 gior

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
3 gior

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
3 gior

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
4 gior

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
4 gior

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
4 gior

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
Svizzera
4 gior

Incidente mortale nel comprensorio di Zermatt

La vittima è un 46enne sciatore spagnolo. L’incidente si è verificato sul pendio a nord del Gornergrat, tra Hohtälli e Riffelberg
Svizzera
4 gior

In Svizzera in calo i letti Covid in cure intense

Nelle ultime 72 ore segnalati 35 nuovi decessi e 247 ulteriori pazienti Covid
24.04.2021 - 05:300

Pesticidi, politica agricola svizzera a un bivio

‘Estreme’ o salvifiche? L’essenziale da sapere sulle due iniziativa popolari in votazione il 13 giugno.

Di cosa parliamo?

Del tipo di agricoltura che vogliamo in Svizzera. In particolare, dell’utilizzo che viene fatto dei pesticidi (vedi sotto: ‘Il glossario’) in agricoltura, nell’intera filiera agroalimentare e in altri ambiti, nonché delle conseguenze che il loro impiego ha sull’ambiente e la salute di persone e animali.

Cosa chiedono le due iniziative?

Di ridurre significativamente o vietare l’utilizzo di pesticidi in Svizzera.

Perché fanno tanto discutere?

Temi come l’inquinamento delle acque sotterranee, l’impoverimento del suolo, la riduzione della biodiversità, la sicurezza e la qualità dell’acqua potabile e dei prodotti che finiscono sulle nostre tavole sono molto sentiti dalla popolazione. I timori sono diffusi e giustificati: le acque sotterranee in molte località del Paese sono contaminate da residui di pesticidi (come il clorotalonil, fungicida usato nell’agricoltura svizzera dagli anni Settanta) e la biodiversità accusa il colpo (moria di api, scomparsa di insetti e uccelli, ecc.). Se accolte, le due iniziative riorienterebbero radicalmente la produzione agricola e avrebbero conseguenze significative sull’intero settore agroalimentare e sulle attività in altri ambiti. Con un impatto rilevante in particolare su molti agricoltori e sui consumatori.

La Confederazione fa troppo poco in quest’ambito?

È lecito pensarlo, visti i risultati di svariati studi sull’inquinamento delle acque sotterranee e la perdita di biodiversità pubblicati negli ultimi anni. La Confederazione però è attiva da tempo su questo fronte. Ha reso man mano più severi gli oneri ambientali che da oltre vent’anni gli agricoltori devono adempiere per poter beneficiare dei pagamenti diretti. E già oggi sostiene con pagamenti diretti specifici le aziende che limitano l’impiego di pesticidi o adottano forme particolarmente rispettose di detenzione degli animali. Nel 2017 il Consiglio federale ha lanciato il ‘Piano d’azione dei prodotti fitosanitari’: 51 misure volte a ridurne l’utilizzo e a proteggere meglio le acque. E questa primavera il Parlamento ha adottato una sorta di controprogetto alle due iniziative: modifiche di legge che dovrebbero consentire di dimezzare entro il 2027 i rischi legati all’uso dei prodotti fitosanitari. Allo stesso tempo, però, le Camere hanno sospeso – seguendo la parola d’ordine della lobby dell’agricoltura tradizionale – la Politica agricola 2022+ (PA22+), il progetto con il quale il Consiglio federale voleva riformare il settore rafforzandone l’orientamento ecologico.

Quali sono le differenze fra le due iniziative?

Entrambe prendono di mira l’agricoltura intensiva. Ma il campo d’applicazione dell’iniziativa ‘Per una Svizzera senza pesticidi’ si estende oltre il settore primario. Questa inoltre punta su un divieto e prevede un periodo di transizione di 10 anni, mentre l’iniziativa sull’acqua potabile fa leva sull’incentivo dei pagamenti diretti e dà 8 anni di tempo agli agricoltori per adeguarsi alle nuove disposizioni.

Le due iniziative sono complementari?

In un certo senso sì, anche se nascono come proposte separate e il 13 giugno uno può dire ‘sì’ all’una e ‘no’ all’altra (nota bene: serve per entrambe la doppia maggioranza di popolo e cantoni). L’iniziativa ‘per l’acqua potabile’, che si concentra sui pagamenti diretti, lascia scoperti due fianchi: l’importazione di derrate alimentari prodotti utilizzando pesticidi; e la possibilità per un’azienda agricola di prescindere dai pagamenti diretti, optando per una produzione svincolata da qualsiasi restrizione riguardo all’impiego di pesticidi e antibiotici. L’iniziativa che vuole vietare i pesticidi sintetici – considerata più radicale – colma le due lacune, nella misura in cui ‘blinda’ il settore agricolo e l’intera filiera dell’agroalimentare: li forza in pratica a convertirsi al bio o a cessare tutta o parte della produzione (nessun’altra scappatoia possibile); e chiude la porta all’importazione di beni alimentari prodotti facendo ricorso a pesticidi sintetici o che ne contengono. L’iniziativa anti-pesticidi, per di più, colpisce tutti coloro che utilizzano questi prodotti sintetici, non soltanto gli agricoltori.

Anche i pesticidi naturali saranno messi al bando?

L’iniziativa sui pesticidi sintetici prende di mira esclusivamente i pesticidi fabbricati artificialmente. Quella sull’acqua potabile non lo precisa: nel testo figura un generico ‘pesticidi’. Per il Consiglio federale si applica quindi anche ai pesticidi utilizzati nell’agricoltura biologica (il verderame utilizzato come fungicida, ad esempio). I promotori, anche per non urtare gli agricoltori bio, hanno corretto il tiro: l’iniziativa – affermano – non colpisce le sostanze impiegate nell’agricoltura biologica, ma soltanto “i prodotti fitosanitari chimico-sintetici”.
Altra motivo di confusione: il foraggio. Il testo dell’iniziativa sull’acqua potabile è chiaro: potranno ricevere pagamenti diretti solo i contadini che detengono ‘un effettivo di animali che può essere nutrito col foraggio prodotto nell’azienda”. Un requisito impossibile da soddisfare per molti agricoltori. Anche su quest’aspetto adesso i promotori interpretano più generosamente il loro testo: affermano ormai che sarà sempre possibile acquistare e vendere foraggio in Svizzera. Nessuna autarchia, dunque.

Chi ha lanciato le iniziative?

Due diversi comitati della società civile. L’iniziativa ‘Per una Svizzera senza pesticidi sintetici’ è stata ideata da un gruppo di “cittadini impegnati” (in particolare agricoltori, viticoltori, imprenditori e scienziati) della Svizzera romanda. All’origine dell’iniziativa ‘per acqua potabile sicura e cibo sano’ vi è un gruppo composto di sette donne e un uomo. Il volto più noto è quello di Franziska Herren, 54enne bernese, ex direttrice di un centro fitness, diventata ormai “lo spauracchio dei contadini” (‘Blick’). Le iniziative sono sostenute da Ps, Verdi, Partito evangelico e numerosi gruppi ambientalisti. I Verdi liberali sostengono l’iniziativa per l’acqua potabile, mentre lasciano libertà di voto sull’altra. 

Chi le combatte?

Consiglio federale, Udc, Plr, Alleanza del Centro, le organizzazioni dell’economia, l’Unione svizzera dei contadini (Usc) e altre organizzazioni del mondo agricolo e della produzione alimentare.

Il mondo agricolo è unanime?

No. L’Usc e la Società svizzera economia alpestre (Ssea, che rappresenta 6’800 agricoltori di montagna) raccomandano di rifiutare entrambi i testi. Bio Suisse (il bio con la ‘gemma’), Demeter (agricoltura biodinamica) e l’Associazione dei piccoli agricoltori (Vkmb) sostengono l’iniziativa anti-pesticidi. Bio Suisse però raccomanda il ‘no’ all’iniziativa per l’acqua potabile (non da ultimo perché teme un ‘boom’ del bio e un conseguente crollo dei prezzi), mentre Demeter e Vkmb lasciano libertà di voto.

Gli argomenti del ‘sì’

• I pesticidi sintetici contaminano i fiumi, l’acqua potabile, il suolo e il cibo che mangiamo. Il loro utilizzo non è compatibile con un’agricoltura sostenibile, il mantenimento della biodiversità e la tutela della salute pubblica. 

• Il problema è evidente a livello di politica agricola. Quella attuale non va nella giusta direzione. I metodi agricoli intensivi – utilizzo massiccio di pesticidi, antibiotici e liquame – danneggiano il suolo, le acque sotterranee, la biodiversità e la salute di persone e animali. Un milione di persone in Svizzera beve acqua con un tenore di sostanze tossiche superiori ai limiti di legge. Eppure, tramite i pagamenti diretti (3,5 miliardi di franchi l’anno) “oggi sovvenzioniamo con le nostre imposte l’inquinamento delle nostre acque”, afferma Franziska Herren. Occorre quindi riorientare le sovvenzioni verso una produzione sostenibile, riservandole alle aziende che non fanno ricorso a pesticidi e antibiotici a titolo profilattico.

• Le misure adottate sin qui si sono rivelate ampiamente insufficienti. E il rinvio della PA22+ appena deciso dal Parlamento dimostra che non esiste la volontà politica di cambiare marcia e riorientare la politica agricola in un senso più ecologico.

• Le procedure di omologazione dei pesticidi sintetici sono troppo lassiste e favoriscono l’inquinamento ambientale. Non a caso dal 2011 in Svizzera sono stati messi al bando circa 200 prodotti fitosanitari.

• Il divieto di pesticidi di sintesi chiesto dall’iniziativa ‘Per una Svizzera senza pesticidi’ vale anche per tutte le derrate alimentari importate: si evita così una disparità di trattamento per gli agricoltori svizzeri.

• Gli agricoltori hanno tutto il tempo (8-10 anni) per adeguarsi. 

Gli argomenti del ‘no’

• Le iniziative sono “estreme”. La vendita di prodotti fitosanitari in Svizzera è in calo da anni. E la qualità dell’acqua potabile è ottima. Senza prodotti fitosanitari sarà più difficile rispettare le norme in materia di igiene: la sicurezza alimentare risulterà compromessa.

• Si indebolisce l’agricoltura svizzera. Dovendo rinunciare del tutto ai pesticidi e all’acquisto di foraggio, molte aziende agricole produrranno di meno, con effetti benefici sull’inquinamento ambientale. Tuttavia, per garantire l’approvvigionamento le importazioni aumenteranno. E così l’inquinamento ambientale verrà trasferito all’estero, indica uno studio di Agroscope.

• Un divieto dei pesticidi sintetici indebolisce anche l’industria alimentare dedita all’esportazione, poiché le materie prime svizzere (zucchero, oli vegetali, ecc.), diventeranno più costosi. I produttori elvetici saranno svantaggiati nei confronti dei concorrenti esteri.

• Gli agricoltori dovranno sopportare un aumento dei costi di produzione e un calo del reddito, i consumatori un aumento dei prezzi che colpirebbe soprattutto le famiglie con redditi medio-bassi. Il turismo degli acquisti verso l’estero si intensificherà.

• Una parte delle aziende agricole – soprattutto quelle che acquistano grandi quantità di foraggio (aziende detentrici di suini e pollame) e fanno regolare uso di prodotti fitosanitari (aziende orticole, frutticole e vitivinicole) – opterà per la rinuncia ai pagamenti diretti, spianando la strada a un maggior impiego di pesticidi e antibiotici.

• Andranno persi migliaia di posti di lavoro nell’agricoltura e nel settore agroalimentare.

• Il divieto di importare derrate alimentare prodotte utilizzando pesticidi sintetici viola gli accordi commerciali internazionali. Potrebbe quindi venir applicato solo alla Svizzera, creando uno svantaggio competitivo per gli agricoltori elvetici.

• La Svizzera sta già adottando misure per ridurre l’impiego di pesticidi e rafforzare l’orientamento ecologico dell’agricoltura.

 

Il glossario

Pagamenti diretti

Prestazioni pecuniarie della Confederazione in favore di aziende agricole, volte a sovvenzionare le prestazioni agricole che i prezzi dei prodotti non sono in grado di remunerare. Il presupposto per il versamento è il rispetto di esigenze ecologiche.

Pesticidi

Sono utilizzati per proteggere le piante, gli animali, le persone e i materiali da organismi e agenti patogeni nocivi o indesiderati. La maggior parte sono fabbricati artificialmente (pesticidi sintetici); se ne trovano tuttavia anche in natura. Sono suddivisi in prodotti fitosanitari e prodotti biocidi.

Prodotti fitosanitari

Proteggono le piante dalle malattie, dai danni causati da insetti e lumache, nonché dalle piante infestanti. Sono utilizzati ad esempio per proteggere le piante utili, per limitare la proliferazione di erbe infestanti tra i binari ferroviari e per la cura di parchi, campi sportivi e giardini.

Biocidi

Sono utilizzati per la disinfezione (ad es. delle mani, dei magazzini in cui sono conservate derrate alimentari o degli impianti di produzione del latte), per proteggere i materiali dagli attacchi di funghi e per lottare contro gli organismi nocivi (ad es. insetti, topi e ratti).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved