GOLUBIC V. (SUI)
ZHANG S. (CHN)
06:15
 
STL Blues
5
NAS Predators
3
fine
(2-2 : 2-0 : 1-1)
VEGAS Knights
3
PIT Penguins
4
3. tempo
(3-0 : 0-2 : 0-2)
iniziative-sui-pesticidi-la-scossa-e-meglio-del-cerotto
Keystone
Si vota il 13 giugno
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
40 min

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
10 ore

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
2 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
3 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
6 gior

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
 
26.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 19:43

Iniziative sui pesticidi, la scossa è meglio del cerotto

Spetta alla politica, non ai contadini, creare le condizioni quadro per una produzione agricola sostenibile. Un compito che sin qui non ha assolto

Tra gli agricoltori i nervi sono a fior di pelle. Le due iniziative sui pesticidi li chiamano in causa. Lo fanno a ragion veduta: l’85-90% dei prodotti fitosanitari venduti in Svizzera sono impiegati nel settore primario. Il 13 giugno in gioco c’è “la reputazione della Svizzera agricola, forse addirittura il suo mito”, ha scritto la ‘Nzz’: “Il contadino, dai tempi della Difesa spirituale, viene considerato come il perfetto svizzero. Come può allo stesso tempo essere peccatore?”.

Già. L’Unione svizzera dei contadini, col ministro dell’agricoltura-ex viticoltore Guy Parmelin (19 anni nel Cda del gigante dell’agro-business Fenaco), suona l’allarme. Facendo di tutta l’erba un fascio, esorta a votare ‘2xNO’ alle “iniziative agricole estreme”.

Parliamo di agricoltura, d’accordo. Ma teniamo presente una cosa: quella dei pesticidi è anzitutto una questione di salute pubblica e ambientale, non agricola. E come tale va trattata. Facendo anche i dovuti distinguo.

Si prenda l’iniziativa per l’acqua potabile. L’obiettivo non fa una grinza: evitare che i soldi dei contribuenti vadano a finanziare una produzione che nuoce al suolo, alle acque e (potenzialmente) alle persone. L’iniziativa lascia però troppi fianchi scoperti. Ad esempio: tace sugli alimenti importati, spalancando la porta a prodotti esteri a basso prezzo, non in linea con gli standard che gli agricoltori svizzeri dovrebbero rispettare. E ancora: prende di mira l’agricoltura intensiva, quando sarebbero proprio le grandi aziende convenzionali a poter rinunciare più facilmente ai pagamenti diretti, svincolandosi dalle esigenze ecologiche che questi pongono quale contropartita e ‘guadagnandosi’ il diritto di spruzzare pesticidi sintetici come o più di prima.

L’iniziativa che li vuole proibire invece non lascia scappatoie. Il divieto vale per tutti i contadini, ma non solo per loro; e si applica anche ai prodotti importati. Vengono concessi dieci anni per adeguarsi. Un lasso di tempo ragionevole, durante il quale potranno essere definite le dovute eccezioni (casi di rigore) e predisposte adeguate misure accompagnatorie (aiuti diretti più cospicui, investimenti pubblici, riorientamento di ricerca e formazione). Politicamente non sarebbe un problema: la potente lobby agricola tornerebbe a far sentire la sua voce; e non c’è motivo di dubitare che la maggioranza del Parlamento, un’altra volta, la assecondi.

Negli ultimi 20 anni molto è cambiato – in meglio – nel settore primario. I contadini in genere compiono sforzi enormi per produrre in maniera più sostenibile. Che lo si riconosca o no, la realtà però è questa: “L’impiego attuale di pesticidi causa un pregiudizio considerevole all’ambiente, in particolare alla biodiversità” (Accademia svizzera delle scienze naturali). E “andare avanti così non è un’opzione” (Lucius Tamm, istituto di ricerca Fibl).

Spetta alla politica, non ai contadini, trovare il giusto equilibrio tra produzione e salvaguardia dell’ambiente e della salute. Ma le misure che il Parlamento ha approvato in extremis questa primavera – dopo aver respinto l’idea di un controprogetto alle iniziative e aver ‘congelato’ la Politica agricola 2022+, che rafforzava l’indirizzo ‘verde’ del settore – sono poco più di un cerotto. Ben vengano quindi due iniziative (ne basterebbe una, quella sui pesticidi) che danno la scossa. Poi anche i consumatori e la grande distribuzione dovranno fare la loro parte, in un mercato dove i lauti margini di guadagno di quest’ultima incidono sul divario di prezzo tra prodotti bio e convenzionali. Ma questa è – fino a un certo punto – un’altra storia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved