iniziative-sui-pesticidi-la-scossa-e-meglio-del-cerotto
Keystone
Si vota il 13 giugno
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
10 ore

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
3 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
1 sett

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
laR
 
26.05.2021 - 05:30
Aggiornamento : 19:43

Iniziative sui pesticidi, la scossa è meglio del cerotto

Spetta alla politica, non ai contadini, creare le condizioni quadro per una produzione agricola sostenibile. Un compito che sin qui non ha assolto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Tra gli agricoltori i nervi sono a fior di pelle. Le due iniziative sui pesticidi li chiamano in causa. Lo fanno a ragion veduta: l’85-90% dei prodotti fitosanitari venduti in Svizzera sono impiegati nel settore primario. Il 13 giugno in gioco c’è “la reputazione della Svizzera agricola, forse addirittura il suo mito”, ha scritto la ‘Nzz’: “Il contadino, dai tempi della Difesa spirituale, viene considerato come il perfetto svizzero. Come può allo stesso tempo essere peccatore?”.

Già. L’Unione svizzera dei contadini, col ministro dell’agricoltura-ex viticoltore Guy Parmelin (19 anni nel Cda del gigante dell’agro-business Fenaco), suona l’allarme. Facendo di tutta l’erba un fascio, esorta a votare ‘2xNO’ alle “iniziative agricole estreme”.

Parliamo di agricoltura, d’accordo. Ma teniamo presente una cosa: quella dei pesticidi è anzitutto una questione di salute pubblica e ambientale, non agricola. E come tale va trattata. Facendo anche i dovuti distinguo.

Si prenda l’iniziativa per l’acqua potabile. L’obiettivo non fa una grinza: evitare che i soldi dei contribuenti vadano a finanziare una produzione che nuoce al suolo, alle acque e (potenzialmente) alle persone. L’iniziativa lascia però troppi fianchi scoperti. Ad esempio: tace sugli alimenti importati, spalancando la porta a prodotti esteri a basso prezzo, non in linea con gli standard che gli agricoltori svizzeri dovrebbero rispettare. E ancora: prende di mira l’agricoltura intensiva, quando sarebbero proprio le grandi aziende convenzionali a poter rinunciare più facilmente ai pagamenti diretti, svincolandosi dalle esigenze ecologiche che questi pongono quale contropartita e ‘guadagnandosi’ il diritto di spruzzare pesticidi sintetici come o più di prima.

L’iniziativa che li vuole proibire invece non lascia scappatoie. Il divieto vale per tutti i contadini, ma non solo per loro; e si applica anche ai prodotti importati. Vengono concessi dieci anni per adeguarsi. Un lasso di tempo ragionevole, durante il quale potranno essere definite le dovute eccezioni (casi di rigore) e predisposte adeguate misure accompagnatorie (aiuti diretti più cospicui, investimenti pubblici, riorientamento di ricerca e formazione). Politicamente non sarebbe un problema: la potente lobby agricola tornerebbe a far sentire la sua voce; e non c’è motivo di dubitare che la maggioranza del Parlamento, un’altra volta, la assecondi.

Negli ultimi 20 anni molto è cambiato – in meglio – nel settore primario. I contadini in genere compiono sforzi enormi per produrre in maniera più sostenibile. Che lo si riconosca o no, la realtà però è questa: “L’impiego attuale di pesticidi causa un pregiudizio considerevole all’ambiente, in particolare alla biodiversità” (Accademia svizzera delle scienze naturali). E “andare avanti così non è un’opzione” (Lucius Tamm, istituto di ricerca Fibl).

Spetta alla politica, non ai contadini, trovare il giusto equilibrio tra produzione e salvaguardia dell’ambiente e della salute. Ma le misure che il Parlamento ha approvato in extremis questa primavera – dopo aver respinto l’idea di un controprogetto alle iniziative e aver ‘congelato’ la Politica agricola 2022+, che rafforzava l’indirizzo ‘verde’ del settore – sono poco più di un cerotto. Ben vengano quindi due iniziative (ne basterebbe una, quella sui pesticidi) che danno la scossa. Poi anche i consumatori e la grande distribuzione dovranno fare la loro parte, in un mercato dove i lauti margini di guadagno di quest’ultima incidono sul divario di prezzo tra prodotti bio e convenzionali. Ma questa è – fino a un certo punto – un’altra storia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
contadini iniziative pesticidi svizzera votazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved