laRegione
Nuovo abbonamento
bentornata-scuola-quanto-ci-sei-mancata
Giù le sedie (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
1 ora

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
3 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
11.08.2020 - 06:000

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi

La scuola riparte. Il 31 agosto tutti gli istituti scolastici del cantone riapriranno le proprie porte per accogliere le allieve e gli allievi ticinesi. Un auspicato ritorno alla scuola in presenza che, come indicato ieri dal direttore del Decs Manuele Bertoli, verrà accompagnato da tutta una serie di misure di prevenzione definite seguendo le linee guida fornite dalle autorità, ma tenendo anche conto delle specificità di ogni singola sede, le quali saranno chiamate ad allestire ognuna un proprio piano di protezione.

Si chiuderebbe quindi così, o almeno per ora, la parentesi della scuola a distanza. Un’esperienza ritenuta positiva da alcuni e un po’ meno da altri. Ma di questo se n’è già discusso parecchio. Quello che è certo è che il periodo del lockdown ha messo in evidenza l’importanza della scuola nella sua forma classica, in almeno tre dimensioni: le prime due riguardano gli scopi più evidenti dell’ambito scolastico, ovvero la didattica e la socialità. A queste però andrebbe aggiunta una terza dimensione, premessa in un certo senso delle altre due, che potrebbe essere chiamata fisiologica. Cosa s’intende? La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: dà loro una struttura chiara, univoca, che si ripete giorno dopo giorno, settimana dopo settimana. La sveglia alle sette, l’entrata alle otto, la pausa, il pranzo, l’uscita, i compiti, lo svago, la sera. A letto non si va troppo tardi poi, perché il giorno dopo la sveglia suonerà di nuovo alle sette e così ricomincia il ciclo. Questa sequenza, che può sembrare banale, è invece una delle funzioni primarie della scolarizzazione. Una funzione che purtroppo è venuta meno per diversi mesi. Ben venga quindi il ritorno a questo ritmo fondamentale per la salute dei nostri ragazzi.

Ci sarebbe poi un ultimo aspetto da evidenziare, oltre alle pertinenti rivendicazioni del Sisa (mascherine gratis per gli studenti e corsi di recupero pubblici). La scuola a distanza si è basata su una didattica, in un certo senso, ‘statica’. Per carità, viste le limitazioni date dalla situazione straordinaria, non c’è motivo per dubitare delle buone intenzioni messe in campo. Il punto è che la didattica, a volte, sa essere ‘statica’ anche nella scuola in presenza. È qui, dunque, dove varrebbe la pena spendere una riflessione. Numerosi studi dimostrano che i contenuti hanno molte più probabilità di diventare conoscenza, se il processo di apprendimento è associato a un’esperienza intensa. Un esempio a caso: è molto più probabile che farò “miei” i poemi omerici interpretando il ruolo di Achille o di Ettore in una recita teatrale (ragazzi, datemi retta: scegliete Ettore!), che non imparando a memoria i nomi di tutti i personaggi dell’Iliade. Questo per dire che ora che la situazione sanitaria ci consente di riaprire per davvero le scuole, sarebbe interessante non rinchiuderci in modi di fare che non stimolano i ragazzi a imparare. Insomma, sarebbe davvero un peccato che loro non trovassero grosse differenze tra lo studio in presenza e quello a distanza.

In ogni caso l’avvio del prossimo anno scolastico nelle modalità annunciate ieri dal governo, in questo periodo che vuol essere sempre di più post-pandemico, resta una notizia da celebrare. Bentornata, scuola!

© Regiopress, All rights reserved