ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
7 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
7 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
8 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
8 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
8 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
9 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
9 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
9 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
9 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
laR
 
17.01.2021 - 16:49

Manuele Bertoli: ‘Chiusure? Valuteremo caso per caso’

Il consigliere di Stato, responsabile della scuola, ricorda che non ha senso parlare ora di lezioni a distanza generalizzate

di Generoso Chiaradonna
manuele-bertoli-chiusure-valuteremo-caso-per-caso
Manuele Bertoli, direttore del Decs (archivio Ti-Press)

Le misure più restrittive, per quanto riguarda lo sport dei giovani al di sotto dei 16 anni, sono rivolte per il momento solo al distretto del Mendrisiotto. La quarantena obbligatoria e l’insegnamento a distanza vale invece solo per la scuola media di Morbio Inferiore. Dobbiamo attenderci provvedimenti analoghi anche per altre scuole del Cantone? «Non mi chieda profezie. Per ora queste misure valgono solo per il Mendrisiotto. Qualora si presentassero altri casi della variante inglese del Covid, sentite preventivamente le autorità sanitarie, decideremo puntualmente. In questo momento non ha senso fare ulteriori previsioni», afferma Manuel Bertoli, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs). «Non è saggio di fronte alla pandemia che muta costantemente fare troppe ipotesi. Se ci sarà il caso e a seconda dei numeri, vedremo come agire rispettando i protocolli che abbiamo stilato. Nel caso della scuola media di Morbio Inferiore, come Dipartimento ci siamo attivati subito per la formazione a distanza e per mettere a disposizione i computer alle famiglie che ne sono sprovviste», continua Bertoli il quale precisa che se la Confederazione deciderà di decretare l’obbligo dell’insegnamento a distanza, almeno per le scuole post-obbligatorie, il Ticino si adeguerà. «Alla Conferenza dei direttori della pubblica educazione (Cde) ho tenuto però a precisare che non siamo solo di fronte a un’emergenza sanitaria, ma anche al rischio di un buco formativo per i giovani. Altro aspetto su cui secondo me non si riflette abbastanza è che lasciando a casa i ragazzi più grandi, questi non staranno buoni buoni dentro le mura domestiche. Abbiamo visto cosa hanno fatto sabato gli adulti, con i centri commerciali presi d’assalto in prospettiva della chiusura di molti negozi di domani. I ragazzi non hanno un grado di sopportabilità delle misure restrittive più elevato degli adulti», aggiunge ancora Bertoli.

‘I ragazzi sono più al sicuro a scuola’

Della stessa idea è anche Stefan Wolter, della task force Covid della Confederazione e direttore del Centro svizzero di coordinamento della ricerca educativa. Per l’esperto, i ragazzi sarebbero più al sicuro a scuola che a casa. “Se gli istituti scolastici venissero chiusi, i danni per i bambini sarebbero potenzialmente enormi”, argomenta Wolter intervistato dalla Nzz am Sonntag. Rischiano infatti lacune nell’istruzione e possibili problemi psicologici. “Soprattutto per i bambini e i giovani che stanno per cambiare scuola, questo può avere un serio impatto su tutta la loro carriera successiva”, ha affermato. Pensiero condiviso anche da Manuele Bertoli.

Infine c’è il problema dei trasporti pubblici. «Questa è una cosa che la Confederazione deve risolvere cambiando i parametri in tempi di pandemia. Se in periodi normali la capienza di un mezzo è di 100 persone, questo limite va ridotto quando c’è un problema sanitario. Ma è competenza di Berna deciderlo e non delle singole aziende di trasporto».

È da quasi un anno che si parla di questo problema, ma non si è ancora presa una decisione, probabilmente per ragioni finanziarie. «Non credo che sia quello l’ostacolo, ma è certo che dalla revisione dei parametri verrebbe una risposta convincente, perché tutte le altre sono in realtà soluzioni parziali», commenta Bertoli che comunque sottolinea che «se il problema è, per la variante inglese del Covid-19, l’effetto aerosol, non è che trasportando 50 persone invece di 100, si risolve qualcosa».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved