manuele-bertoli-chiusure-valuteremo-caso-per-caso
Manuele Bertoli, direttore del Decs (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
30 sec

Moghegno, cagnolino aggredito e ucciso sulla riva

Scena raccapricciante sotto gli occhi dei bagnanti (tra costoro, diversi i bambini). Un grosso husky si è avventato sul piccolo quadrupede, finendolo
Locarnese
50 sec

Locarno, una nuova direttrice per l’Irsol

Svetlana Berdyugina subentra a Michele Bianda, che va in pensione dopo aver guidato l’istituto per 35 anni
Grigioni
4 min

Il Coro Alto Ticino in concerto a Lodrino

Appuntamento per venerdì 20 maggio alle 20 nella chiesa parrocchiale
Bellinzonese
19 min

Tazio Marti espone le sue opere alla Galleria Job di Giubiasco

La mostra ‘Alfabeti’ dipinti acrilici, sarà inaugurata sabato 21 maggio alle 11 con la presentazione del poeta Massimo Daviddi
Locarnese
1 ora

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
2 ore

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati
Luganese
2 ore

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
2 ore

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
laR
 
17.01.2021 - 16:49

Manuele Bertoli: ‘Chiusure? Valuteremo caso per caso’

Il consigliere di Stato, responsabile della scuola, ricorda che non ha senso parlare ora di lezioni a distanza generalizzate

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Le misure più restrittive, per quanto riguarda lo sport dei giovani al di sotto dei 16 anni, sono rivolte per il momento solo al distretto del Mendrisiotto. La quarantena obbligatoria e l’insegnamento a distanza vale invece solo per la scuola media di Morbio Inferiore. Dobbiamo attenderci provvedimenti analoghi anche per altre scuole del Cantone? «Non mi chieda profezie. Per ora queste misure valgono solo per il Mendrisiotto. Qualora si presentassero altri casi della variante inglese del Covid, sentite preventivamente le autorità sanitarie, decideremo puntualmente. In questo momento non ha senso fare ulteriori previsioni», afferma Manuel Bertoli, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs). «Non è saggio di fronte alla pandemia che muta costantemente fare troppe ipotesi. Se ci sarà il caso e a seconda dei numeri, vedremo come agire rispettando i protocolli che abbiamo stilato. Nel caso della scuola media di Morbio Inferiore, come Dipartimento ci siamo attivati subito per la formazione a distanza e per mettere a disposizione i computer alle famiglie che ne sono sprovviste», continua Bertoli il quale precisa che se la Confederazione deciderà di decretare l’obbligo dell’insegnamento a distanza, almeno per le scuole post-obbligatorie, il Ticino si adeguerà. «Alla Conferenza dei direttori della pubblica educazione (Cde) ho tenuto però a precisare che non siamo solo di fronte a un’emergenza sanitaria, ma anche al rischio di un buco formativo per i giovani. Altro aspetto su cui secondo me non si riflette abbastanza è che lasciando a casa i ragazzi più grandi, questi non staranno buoni buoni dentro le mura domestiche. Abbiamo visto cosa hanno fatto sabato gli adulti, con i centri commerciali presi d’assalto in prospettiva della chiusura di molti negozi di domani. I ragazzi non hanno un grado di sopportabilità delle misure restrittive più elevato degli adulti», aggiunge ancora Bertoli.

‘I ragazzi sono più al sicuro a scuola’

Della stessa idea è anche Stefan Wolter, della task force Covid della Confederazione e direttore del Centro svizzero di coordinamento della ricerca educativa. Per l’esperto, i ragazzi sarebbero più al sicuro a scuola che a casa. “Se gli istituti scolastici venissero chiusi, i danni per i bambini sarebbero potenzialmente enormi”, argomenta Wolter intervistato dalla Nzz am Sonntag. Rischiano infatti lacune nell’istruzione e possibili problemi psicologici. “Soprattutto per i bambini e i giovani che stanno per cambiare scuola, questo può avere un serio impatto su tutta la loro carriera successiva”, ha affermato. Pensiero condiviso anche da Manuele Bertoli.

Infine c’è il problema dei trasporti pubblici. «Questa è una cosa che la Confederazione deve risolvere cambiando i parametri in tempi di pandemia. Se in periodi normali la capienza di un mezzo è di 100 persone, questo limite va ridotto quando c’è un problema sanitario. Ma è competenza di Berna deciderlo e non delle singole aziende di trasporto».

È da quasi un anno che si parla di questo problema, ma non si è ancora presa una decisione, probabilmente per ragioni finanziarie. «Non credo che sia quello l’ostacolo, ma è certo che dalla revisione dei parametri verrebbe una risposta convincente, perché tutte le altre sono in realtà soluzioni parziali», commenta Bertoli che comunque sottolinea che «se il problema è, per la variante inglese del Covid-19, l’effetto aerosol, non è che trasportando 50 persone invece di 100, si risolve qualcosa».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus manuele bertoli ragazzi scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved