Zurigo
1
Young Boys
0
fine
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
3
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
2. tempo
(0-0)
Lakers
2
Ajoie
1
1. tempo
(2-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
3
1. tempo
(0-3)
manuele-bertoli-chiusure-valuteremo-caso-per-caso
Manuele Bertoli, direttore del Decs (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 min

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del sì
Bellinzonese
22 min

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
30 min

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
51 min

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
1 ora

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
1 ora

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
1 ora

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
1 ora

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Luganese
1 ora

Manno, i giovani con Fazzini, Pestoni e Roos

Ricevimento a tinte sportive per i 18enni del Comune sul Vedeggio
Ticino
1 ora

In Ticino 65,3% di Sì alla Legge Covid, solo 3 comuni per il No

Il 56,1% dei ticinesi ha inoltre approvato l’iniziativa sulle cure infermieristiche. No al 63,4% all’iniziativa Giustizia, con soli due comuni favorevoli
Ticino
 
17.01.2021 - 16:490

Manuele Bertoli: ‘Chiusure? Valuteremo caso per caso’

Il consigliere di Stato, responsabile della scuola, ricorda che non ha senso parlare ora di lezioni a distanza generalizzate

Le misure più restrittive, per quanto riguarda lo sport dei giovani al di sotto dei 16 anni, sono rivolte per il momento solo al distretto del Mendrisiotto. La quarantena obbligatoria e l’insegnamento a distanza vale invece solo per la scuola media di Morbio Inferiore. Dobbiamo attenderci provvedimenti analoghi anche per altre scuole del Cantone? «Non mi chieda profezie. Per ora queste misure valgono solo per il Mendrisiotto. Qualora si presentassero altri casi della variante inglese del Covid, sentite preventivamente le autorità sanitarie, decideremo puntualmente. In questo momento non ha senso fare ulteriori previsioni», afferma Manuel Bertoli, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs). «Non è saggio di fronte alla pandemia che muta costantemente fare troppe ipotesi. Se ci sarà il caso e a seconda dei numeri, vedremo come agire rispettando i protocolli che abbiamo stilato. Nel caso della scuola media di Morbio Inferiore, come Dipartimento ci siamo attivati subito per la formazione a distanza e per mettere a disposizione i computer alle famiglie che ne sono sprovviste», continua Bertoli il quale precisa che se la Confederazione deciderà di decretare l’obbligo dell’insegnamento a distanza, almeno per le scuole post-obbligatorie, il Ticino si adeguerà. «Alla Conferenza dei direttori della pubblica educazione (Cde) ho tenuto però a precisare che non siamo solo di fronte a un’emergenza sanitaria, ma anche al rischio di un buco formativo per i giovani. Altro aspetto su cui secondo me non si riflette abbastanza è che lasciando a casa i ragazzi più grandi, questi non staranno buoni buoni dentro le mura domestiche. Abbiamo visto cosa hanno fatto sabato gli adulti, con i centri commerciali presi d’assalto in prospettiva della chiusura di molti negozi di domani. I ragazzi non hanno un grado di sopportabilità delle misure restrittive più elevato degli adulti», aggiunge ancora Bertoli.

‘I ragazzi sono più al sicuro a scuola’

Della stessa idea è anche Stefan Wolter, della task force Covid della Confederazione e direttore del Centro svizzero di coordinamento della ricerca educativa. Per l’esperto, i ragazzi sarebbero più al sicuro a scuola che a casa. “Se gli istituti scolastici venissero chiusi, i danni per i bambini sarebbero potenzialmente enormi”, argomenta Wolter intervistato dalla Nzz am Sonntag. Rischiano infatti lacune nell’istruzione e possibili problemi psicologici. “Soprattutto per i bambini e i giovani che stanno per cambiare scuola, questo può avere un serio impatto su tutta la loro carriera successiva”, ha affermato. Pensiero condiviso anche da Manuele Bertoli.

Infine c’è il problema dei trasporti pubblici. «Questa è una cosa che la Confederazione deve risolvere cambiando i parametri in tempi di pandemia. Se in periodi normali la capienza di un mezzo è di 100 persone, questo limite va ridotto quando c’è un problema sanitario. Ma è competenza di Berna deciderlo e non delle singole aziende di trasporto».

È da quasi un anno che si parla di questo problema, ma non si è ancora presa una decisione, probabilmente per ragioni finanziarie. «Non credo che sia quello l’ostacolo, ma è certo che dalla revisione dei parametri verrebbe una risposta convincente, perché tutte le altre sono in realtà soluzioni parziali», commenta Bertoli che comunque sottolinea che «se il problema è, per la variante inglese del Covid-19, l’effetto aerosol, non è che trasportando 50 persone invece di 100, si risolve qualcosa».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved