COB Jackets
NY Rangers
01:00
 
PIT Penguins
Seattle Kraken
01:00
 
NY Islanders
LA Kings
01:00
 
FLO Panthers
VEGAS Knights
01:00
 
TB Lightning
NJ Devils
01:00
 
OTT Senators
CAR Hurricanes
01:00
 
MON Canadiens
ANA Ducks
01:00
 
le-sfide-che-la-scuola-deve-cogliere
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

Manuele Bertoli fiero, solitario y final

Il direttore del Decs è andato nel modo più nobile verso una sconfitta annunciata. Ricreazione finita per chi l’ha provocata, Plr in primis: ora riforme
Calcio
18 ore

Goldküste o Sonnenstube, l’importante è l’Fc Lugano

Il nuovo presidente del club bianconero, Philippe Regazzoni, vive a Küsnacht e non parla italiano. Una scelta inaspettata, ma non per forza sbagliata.
il commento
1 gior

L’Ucraina e la civetta di Minerva

Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
2 gior

Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol

Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
2 gior

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
3 gior

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
5 gior

La mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
6 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 sett

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
1 sett

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 sett

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
 
18.06.2020 - 19:500

Le sfide che la scuola deve cogliere

Non va taciuto che in alcune sedi la didattica a distanza non è stata impeccabile, e il lassismo di alcuni docenti lo hanno pagato allievi e famiglie

Perché la responsabilità individuale richiesta alla popolazione possa poggiare su una fiducia reciproca che porti, appunto, il cittadino a vedere un senso nel proprio sforzo è imprescindibile che le istituzioni - lo Stato in senso lato, la scuola nel caso concreto - compiano un passo verso il cittadino stesso. Chiedere senza offrire è pericoloso. E ciò che deve essere offerto è il senso di sicurezza, in tutte le sue accezioni.

Per questo motivo si accoglie con favore l’intenzione del Decs di far riprendere la scuola in presenza, con il nuovo anno scolastico che vedrà il via il 31 agosto. Ancor più lascia tirare un sospiro di sollievo l’assicurazione giunta sempre dal Decs che per i docenti saranno previste formazioni particolari, sul piano didattico e su quello digitale, cosicché se si dovesse nuovamente tornare a una modalità d’insegnamento ibrida - in presenza e a casa - si possa evitare di ripetere quanto non ha funzionato. Analizzare i punti dolenti di queste settimane è utile a tutti. Anche nell’interesse dei moltissimi docenti che si sono sforzati con creatività e inventiva di rendere più coinvolgente e didatticamente denso il periodo a casa degli allievi. Un lavoro, questo, messo un po’ in ombra da quei docenti che hanno sottovalutato il loro compito di accompagnamento dei giovani nella fase a distanza e ibrida. Perché non va taciuto che in alcune sedi l’organizzazione non è stata fatta con tutti i crismi, portando alcuni insegnanti a un certo lassismo pagato dagli allievi. Con una grave conseguenza, cioè creare disparità nell’apprendimento e alimentando disuguaglianze. Laddove la famiglia ha potuto sopperire, essendo in casa e fornendo tutti i mezzi anche tecnologici, è andata bene. In contesti più complicati invece i ragazzi rischiano di essere lasciati troppo soli a fronteggiare momenti, psicologicamente e non solo, difficili.

Ebbene, compito della scuola in questa estate di consultazioni e di analisi di possibili scenari futuri è quello sì di lavorare a pieno ritmo per farsi trovare pronta nel caso in cui la pandemia riprendesse forza. Ma correggendo tutto quello che non ha funzionato. Capendo, anche a livello di sede e non solo di direttiva dall’alto, come evitare che ci siano differenze tra ‘stili’, chiamiamoli così, d’insegnamento e soprattutto agire affinché le famiglie non abbiano più la percezione che i loro figli non siano abbastanza seguiti. Ascoltando non solo i graditi plausi, ma le critiche che se ben interpretate potranno fare solo il bene degli allievi e di tutta l’istituzione scuola. Facendo quel passo, con orecchio teso e disponibile, verso la cittadinanza di cui si diceva prima. Esattamente come fatto con il progetto ‘Più duale plus’ in difesa dei posti di apprendistato. Sostegno economico alle aziende formatrici e più flessibilità amministrativa aiuteranno a superare certe reticenze nell’offrire contratti, figlie della paura del momento. Importante sarà anche l’anno base, in particolare per quei settori particolarmente colpiti come ristorazione e albergheria che permetterà l’inserimento in azienda a partire dal secondo anno di apprendistato.

Questa pandemia, con le relative chiusure decise dalla politica per fronteggiarla, a livello globale accrescerà le disuguaglianze. Formare i giovani è il primo passo per garantire loro un futuro, per fornirgli le competenze ma anche gli elementi per vivere e combattere appieno le sfide che ci aspettano. È tendere una mano alle famiglie preoccupate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved