il-post-pandemia-ci-riporta-l-inflazione
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
8 ore

Mobilezone migliora i risultati nel primo semestre

Risultati globalmente in rialzo nella prima parte dell’anno: tra gennaio e fine giugno, il gruppo ha realizzato un fatturato di 499,6 milioni
Economia
4 gior

Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse

Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
4 gior

Cambio franco-euro, battuto un nuovo record

Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
4 gior

Produzione e import, prezzi in calo in luglio

Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
1 sett

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
2 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
2 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
2 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
2 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
2 sett

Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno

L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
3 sett

Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise

Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
3 sett

Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno

L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
Economia
3 sett

Sulzer chiude il semestre in rosso. Ma era tutto previsto

I risultati operativi sono segnati dagli oneri legati alla chiusura dei siti polacchi e dall’abbandono di tutte le attività in Russia
Economia
3 sett

Perdita di 95 miliardi nel primo semestre per la Bns

Dopo il deficit di 32,8 miliardi annunciato al termine del primo trimestre, aumenta ulteriormente il passivo della Banca nazionale svizzera
04.09.2021 - 15:05

Il post pandemia ci riporta l’inflazione

Prezzi alla produzione e al consumo in forte aumento in Usa e Cina. Segnali di aumenti anche nella zona euro e in Svizzera

I segnali di un cambio di passo nella dinamica dei prezzi al consumo erano giunti già lo scorso maggio, quando Cina e Stati Uniti, le due economie il cui peso orienta quello delle altre, hanno registrato tassi annui di aumento dei prezzi che non si ricordavano, almeno dal 2008, ovvero prima della crisi finanziaria d’inizio secolo. In Cina i prezzi alla produzione crescono al 9% l’anno, negli Stati Uniti, quelli al consumo al 5% l’anno. In Europa, il rialzo è più contenuto: l’ultimo ‘Bollettino della Banca centrale europea (Bce)’ lo definisce “moderato” e “temporaneo”. Ciò non toglie che alcuni aumenti particolarmente rapidi di prodotti essenziali per il settore manifatturiero abbiano implicazioni molto negative per certi comparti e imprese. Un allarme lanciato da varie associazioni economiche anche in Ticino. La settimana scorsa la Società svizzera impresari costruttori, durante l’assemblea annuale, ha sottolineato il rincaro di molti materiali della costruzione. Anche la Camera di commercio del Cantone Ticino, nella sua ultima newsletter, si dice preoccupata per l’aumento dei prezzi e per la scarsità di talune materie prime.  

“In questo contesto l’importante aumento dei costi di trasporto costituisce un ulteriore fattore aggravante che tocca tutti i settori, dall’automobile all’agroalimentare, dall’elettronica al tessile. Basti pensare che i circa 5mila pezzi che compongono un’automobile arrivano da molti Paesi diversi sparsi in tutto il mondo. Acciaio, plastica, componenti elettronici, elementi meccanici ecc. devono essere trasportati per via marittima, fino a qualche tempo fa la meno costosa”, si legge. Una via che è diventata viepiù cara tanto che rispetto allo scorso anno le tariffe per trasportare un container sono quasi quintuplicate. La Camera di commercio fa l’esempio della tratta Shanghai-Le Havre, in Francia: 17mila dollari contro i duemila dollari necessari prima della crisi pandemica. Inoltre, essendo i porti sovraccarichi, non capita di rado che un trasporto invece di attraccare al porto previsto, faccia rotta su un altro porto aumentando i costi e allungando i tempi di fornitura. Con costi di produzione più elevati, i consumatori si ritrovano a pagare di più per gli stessi beni di prima della pandemia.

È già avvenuto in passato che al termine di una situazione eccezionale si verificassero aumenti di prezzi, anche e soprattutto per strozzature dal lato dell’offerta, mentre la domanda tenta di tornare ai livelli di consumo che precedevano la calamità. La diffusione di strumenti di comunicazione elettronica durante la pandemia è stata molto più rapida della produzione di semiconduttori, con la conseguenza che in un comparto in cui i prezzi diminuivano da anni ci sono ora aumenti. Ancora più grave il settore che impiega microchip (tra cui l’industria automobilistica) perché la produzione è concentrata in particolar modo a Taiwan e non riesce a tenere testa all’aumento della domanda. Se a questo aggiungiamo anche gli aumenti dei prezzi petroliferi, i segnali inflattivi non sono da sottovalutare. 

Nella storia 

L’ufficio studi della Banca d’Inghilterra ha condotto una ricerca in cui conclude che un anno dopo la fine della pandemia si è di solito in inflazione. Un aumento rapido dei prezzi si verificò dopo la ‘peste nera’ del tardo Medioevo: carenza di beni essenziali e corsa all’accaparramento. Anche dopo l’influenza ‘spagnola’ del 1918-20 ci fu una forte inflazione che è stata una delle cause determinanti dell’avanzata di movimenti autoritari in numerosi Paesi europei. Ora, la situazione è diversa. Da anni, soprattutto nella zona euro, si cerca di stimolare un minimo d’inflazione per dare un po' di benzina alla ripresa economica tanto è vero che le politiche monetarie della Banca centrale europea sono e restano espansive. La domanda che ci si pone è se questi focolai d’inflazione ‘post pandemia’ abbiano o no degli effetti sul servizio del debito pubblico e se cominciano a incidere sui tassi d’interesse. Nel più lungo termine, dobbiamo interrogarci sul modello d’integrazione economica internazionale e sulla concentrazione in pochi Paesi della produzione di beni essenziali per le nostre economie.

I dati in Europa e Svizzera

L’inflazione nella zona Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), per esempio, è cresciuta al 4,2% in luglio, contro il 4% di giugno: lo ha reso noto negli scorsi giorni lo stesso organismo internazionale con sede a Parigi. Il rincaro dei prezzi al consumo della zona euro, salito al 2,2% a luglio contro l’1,9% di giugno, è comunque rimasto nettamente inferiore a quello dell’insieme della zona Ocse e soprattutto a quello degli Stati Uniti (5,4%).

In luglio, prosegue l’organismo parigino, l’inflazione annuale è cresciuta fortemente in Germania (3,8% dopo 2,3% a giugno) Canada (3,7% contro 3,1%) e in Italia (1,9% contro 1,3%). È invece rimasta stabile, al 5,4%, negli Stati Uniti dopo sei mesi di aumento consecutivi mentre è rallentata nel Regno Unito (2,1% contro 2,4%) e in Francia (1,2% contro 1,5%).

In Svizzera i prezzi al consumo sono saliti ad agosto dello 0,9%, contro lo 0,7% di luglio e lo 0,6% di giugno. Anche se più moderata rispetto ad altri Paesi, la tendenza al rialzo è chiara.

Stando ai dati pubblicati dell’Ufficio federale di statistica (Ust), si è di fronte al quinto aumento annuo consecutivo, dopo che aprile aveva messo fine a una serie di 14 mesi in calo, con il loro apice negativo in maggio e giugno 2020 (-1,3%). Vista in un’ottica internazionale l’inflazione elvetica può comunque essere considerata limitata: nell’Eurozona l’ultimo dato è del +3%, negli Stati Uniti del +5,4%.

Tornando nella Confederazione, secondo l’Ust la progressione mensile di agosto va ricondotta a vari fattori, tra cui l’aumento del costo degli affitti e delle abitazioni. Sono diventati più cari anche i trasporti aerei, come pure i pernottamenti in albergo. Hanno invece inciso meno sul portafogli il noleggio di veicoli e i medicamenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
inflazione pandemia segnali
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved