scienza-e-filosofia-vaccini-per-l-infodemia
Antonietta Mira (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
7 ore

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
11 ore

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
11 ore

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
15 ore

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
22 ore

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
1 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
1 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
1 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
1 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
1 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
1 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
2 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
2 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
2 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
2 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
2 gior

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
2 gior

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
2 gior

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
2 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
laR
 
22.09.2021 - 20:51
Aggiornamento: 22:26

Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia

Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Crescita esponenziale, sensibilità e specificità di un test, falsi positivi e falsi negativi, R0e Rt, indici di infettività e suscettibilità, media mobile e l’elenco potrebbe proseguire: sono termini da cui siamo bombardati quotidianamente, da un anno e mezzo di pandemia. Termini che «non è detto il pubblico sia pronto ad affrontare» ci spiega Antonietta Mira, professoressa di statistica all’Università della Svizzera italiana, dove dirige il Data Science Lab. E non è un problema solo per le persone comuni: «Il calcolo delle probabilità può essere molto controintuitivo e anche gli esperti possono commettere errori».

Gli esempi che propone Antonietta Mira sono molti: se le mascherine sono efficaci al 50 per cento e una persona ne incontra un’altra infetta, le probabilità di contagiarsi se entrambe indossano la mascherina non è la metà, ma un quarto rispetto all’assenza di protezioni. E ancora: un esito positivo a un tampone affidabile al 99 per cento non significa che sono malato con una probabilità del 99%, perché bisogna tenere conto della diffusione della malattia. «Bisogna applicare il Teorema di Bayes che non è immediato comprendere: quando lo spiego a lezione, spesso i miei studenti sbagliano come a volte sbagliano medici o giudici quando prendono una decisione e infatti si parla di “fallacia del procuratore”». O ancora pensiamo alla difficoltà di comprendere che cosa è una crescita esponenziale, termine spesso usato come sinonimo di crescita rapida. «L’esempio che faccio per spiegare questo concetto è quello della ninfea nello stagno che ogni giorno raddoppia il numero delle sue foglie coprendo lo specchio d’acqua. Se in una settimana la ninfea ha riempito tutto lo stagno, dopo quanti giorni ne avrà occupato metà? La risposta, controintuitiva, è 6 giorni!».

Questi esempi – approfonditi e spiegati meglio di come si è potuto fare qui – li possiamo trovare nel libro ‘La pandemia dei dati. Ecco il vaccino’ che Antonietta Mira ha scritto con il filosofo e giornalista scientifico Armando Massarenti (Mondadori Università) e che i due autori presenteranno giovedì 23 settembre alle 18 alla Biblioteca cantonale di Lugano in un incontro organizzato dalla Fondazione Möbius. Alcuni temi li troveremo anche nell’esposizione ‘Diamo i numeri’ ospitata fino a giugno all’Ideatorio dell’USI a Cadro, una mostra-laboratorio realizzata alcuni anni fa e di cui Mira è la responsabile scientifica.

Professoressa Mira, come è nato questo libro?

All’inizio della pandemia, Massarenti mi aveva chiesto se ero interessata a tenere una rubrica per il Sole24ore sui dati del coronavirus. L’idea mi era piaciuta, anche perché stavo iniziando una serie di ricerche proprio sui “coronadata” con colleghi della Harvard School of Public Health e della Queensland University of Technology. Ma alla fine ho preferito fare un passo indietro: approfondendo i dati mi sono resa conto quanto fossero difficili da interpretare e confrontare. Ho tuttavia proseguito le ricerche scientifiche con un team interdisciplinare e Massarenti, che dirige anche la collana Scienza e filosofia per Mondadori, mi ha proposto di scrivere un libro spiegando sostanzialmente i motivi per cui è difficile capire questi dati. Ho accettato ma mi serviva un aiuto per la parte filosofica fondamentale per inquadrare tanti temi delicati. Massarenti mi è sembrata la persona ideale e così siamo diventati coautori.

Il libro però è andato oltre i dati sul coronavirus, e tocca concetti e competenze utili anche in tempi non pandemici.

È vero, partiamo dai coronadati ma allarghiamo il focus fornendo degli strumenti utili a orientarsi anche nel contesto dei ‘big data’ come quelli che tutti noi generiamo quando ci affidiamo alla tecnologia ad esempio installando una app sullo smartphone. L’idea è stata quella di scrivere un “libro-vaccino”, dove il vaccino, ovviamente mentale, è il pensiero critico. Un vaccino composto da due ingredienti: il primo è la filosofia che ci insegna a essere aperti, antidogmatici e ad amare la conoscenza. Il secondo ingrediente è costituito dalle competenze quantitative – matematica, probabilità, statistica – che ci permettono di passare dai dati all’informazione e dall’informazione alla conoscenza che ci guida nelle decisioni. Si tratta, secondo noi, di una guida sicura in un mondo dominato dall’incertezza.

Strumenti utili a orientare il nostro pensiero e le decisioni.

E anche a rassicurare: è una cosa che abbiamo notato noi stessi lavorando al libro. Man mano che studiavo i dati mi sentivo più tranquilla e questo “effetto ansiolitico” abbiamo cercato di trasferirlo anche al lettore, aiutandolo a gestire l’ansia determinata dall’incertezza e da un eccesso di dati di difficile interpretazione. Abbiamo utilizzato uno stile chiaro e accessibile, con esempi semplici, illuminanti e dove possibile divertenti. La nostra scommessa è che mano a mano si procede nella lettura del libro, il vaccino mentale aumenti la sua efficacia e permetta innanzitutto di orientarsi nella giungla dei dati e poi anche di sfuggire alle trappole mentali e distorsioni cognitive generate dal modo in cui il nostro cervello elabora le informazioni.

Non è troppo ottimistico pensare che queste conoscenze bastino per diventare persone razionali?

Ognuno ci deve mettere del suo. Noi forniamo degli strumenti, attraverso il libro e non solo. È l’inizio di un percorso che poi ciascuno deve portare avanti autonomamente. Cerchiamo quantomeno di trasmettere la consapevolezza che esistono degli strumenti e degli atteggiamenti che aiutano a fare chiarezza e ad affrontare meglio queste situazioni. Per questo è stato importante affiancare la filosofia alla scienza dei dati: la filosofia crea quella forma di apertura mentale che predispone ad accogliere questi strumenti, ad accettare e ponderare opinioni diverse, a difendere le proprie idee e anche a cambiarle. Spesso si crede che cambiare idea sia qualcosa di negativo, ma è sempre il Teorema di Bayes che ci dice quanto sia importante aggiornare le proprie opinioni alla luce di nuovi dati. Come è accaduto con il sapere scientifico durante questa pandemia: abbiamo continuamente aggiornato le nostre conoscenze, cosa che purtroppo ha lasciato alcuni disorientati.

Strumenti intellettuali che da soli non bastano, ma che sono un buon punto d’inizio.

Esatto: è come un allenamento per non cadere più in certe trappole mentali. Se metto in guardia una persona su alcuni paradossi e fallacie legate alle probabilità e all’interpretazione dei dati, magari non segue tutta la spiegazione ma quantomeno diviene consapevole delle difficoltà e, quando incontrerà una situazione simile, saprà di non doversi fermare alla risposta che intuitivamente viene in mente ma di dover andare più in profondità scandagliando la situazione con i radar fornito dal pensiero critico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
antonietta mira armando massarenti filosofia infodemia statistica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved