NY Rangers
1
SJ Sharks
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
WIN Jets
3
NJ Devils
2
1. tempo
(3-2)
ARI Coyotes
VEGAS Knights
03:30
 
coltivare-il-dubbio-restando-con-i-piedi-per-terra
(Foto: Roberta Baria)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
8 ore

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
8 ore

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
9 ore

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
10 ore

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
13 ore

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
1 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
1 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
1 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
Spettacoli
1 gior

È morto Alvin Lucier, genio dell’avanguardia musicale

Il compositore statunitense che aveva messo i Beatles in una teiera è morto all’età di novant’anni. La svolta sperimentale avvenuta in Europa
Scienze
1 gior

Scoperto vicino a Trieste il primo sito di dinosauri in Italia

Venuti alla luce almeno 7 nuovi esemplari di dinosauri vissuti 80 milioni di anni fa. Il più completo è stato ribattezzato Bruno
Spettacoli
1 gior

Sweet Soul Gospel Revue, viaggio nel gospel al Lac

Sul palco una formazione di all star guidata da Michael Webb, martedì 21 dicembre e mercoledì 22 dicembre alle 20.30
Musica
1 gior

Moltiplicato per venti, Marco Santilli Rossi goes Shakespeare

Aspettando un ricco 2022, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ è la nuova canzone, per una versione ‘new prog’ del musicista
Social Media
1 gior

Twitter rimuoverà foto e video online se contro la privacy

Chiunque potrà richiederlo, non solo quelli con ‘la spunta blu’. È il primo atto dell’era Parag Agrawal, Ceo subentrato a Jack Dorsey, fresco d’addio.
Spettacoli
2 gior

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
2 gior

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
2 gior

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
2 gior

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
2 gior

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
2 gior

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
2 gior

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Pensiero
26.10.2021 - 09:090
Aggiornamento : 14:41

Coltivare il dubbio restando con i piedi per terra

Massimo Polidoro ci presenta ‘Pensa come unə scienziatə’, una guida al pensiero critico tra bias cognitivi e social media

Il pensiero critico non manca, nelle librerie: i libri che, partendo da vari approcci e discipline, affrontano il tema di come ragionare nella giusta maniera non sono certo una novità – e anzi vi possiamo inserire alcuni classici del pensiero come il ‘Discorso sul metodo’ di Cartesio –, ma la crisi della disinformazione online prima e la pandemia poi hanno portato a una crescita di queste pubblicazioni. Segno non solo di un’urgenza del tema, ma anche di un bisogno di “democratizzazione”: il pensiero critico è una cosa che riguarda tutti, non solo chi a vario titolo si occupa di ricerca o comunicazione.
Come potenziali vittime di disinformazione, come potenziali diffusori – condividendo qualcosa sui social media e anche più facilmente parlando con conoscenti e amici – di informazioni false o incomplete, tutti dobbiamo conoscere quegli “abbagli cognitivi” ai quali siamo inevitabilmente soggetti. Ci sono, come accennato, varie strade per arrivare a questo obiettivo, iniziando dalla filosofia e dalla psicologia. Massimo Polidoro – scrittore, giornalista e segretario nazionale del Cicap (Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze) – ne ha scelta una più generica: la scienza, non nel senso dei risultati, ma di quella “collezione di procedure e accortezze” che gli scienziati seguono (anche se non sempre) per evitare quegli abbagli cognitivi di cui si diceva. L’invito non è a diventare uno scienziato, ma a pensare come uno scienziato. Anzi, “come unə scienziatə” per citare il titolo del libro che ha appena pubblicato per Piemme e che si segnala – oltre che per l’utilizzo della scevà sulla quale torneremo – per lo stile accessibile, capace di affrontare in modo chiaro temi complessi come il metodo scientifico, la differenza tra scienza e pseudoscienza, la differenza tra un sano scetticismo e un “cinismo” che porta a non credere (apparentemente) a nulla. Il tutto facendo anche ricorso ad aneddoti curiosi ma sempre pertinenti, come il caso di Peter Sutcliffe, lo “Squartatore dello Yorkshire” che tra il ’75 e l’80 uccise numerose donne e ragazze. «Una storia che conoscevo a grandi linee e che ho approfondito per il libro, rimanendo sorpreso della cecità che può portare il seguire le proprie convinzioni» ci ha spiegato Polidoro. Sutcliffe venne fermato più volte dalla polizia e sempre rilasciato perché non corrispondeva al profilo che si erano fatti del colpevole, e questo nonostante le prove di cui disponevano. «Si distorcono i fatti per farli andare d’accordo con le teorie, anziché formulare teorie basate sui fatti, come insegna Sherlock Holmes».

Il libro si intitola ‘Pensa come unə scienziatə’. Perché fare ricorso alla scevà o schwa, invece del classico, per quanto da alcuni criticato, maschile sovraesteso?

Perché le scienziate sono sempre più numerose ma ancora non si è raggiunta la parità, soprattutto nelle posizioni apicali dove sono ancora una minoranza: rettori e capidipartimento sono quasi sempre uomini. Siccome c’è bisogno di scienziate, se c’è la possibilità di incoraggiare anche solo una ragazza in più a studiare sono contento. Titolare ‘Pensare come una scienzata o uno scienziato’ era troppo lungo e quindi abbiamo pensato di ricorrere a questo sistema, anche come piccola provocazione: leggi la schwa e magari ti fai qualche domanda, approfondisci il tema.
Poi il testo del libro non è scritto così, sarebbe stato troppo faticoso leggerlo…

Fa capire che il pensiero critico non è una cosa da maschi. Ma non è neanche una cosa da scienziate e scienziati.

Esatto: il libro non è invito a diventare scienziati e non è neanche un libro rivolto essenzialmente agli scienziati, anche se ovviamente la lettura può essere interessante anche per loro.
Lo spunto è avvicinare quante più persone possibile a una mentalità più critica, a porsi delle domande, a imparare come coltivare il dubbio. È una mentalità che è tipica della scienza, un modo per prendere decisioni basate sui fatti e non sull’emotività del momento, su quella reazione “di pancia” come purtroppo succede spesso e che porta a scelte, individuale e collettive, squilibrate e irrazionali.

Che cosa si intende con ‘coltivare il dubbio’? Spesso gli inviti a dubitare arrivano da complottisti e negazionisti.

Coltivare il dubbio non significa mettere in dubbio qualsiasi cosa ci sia, pensare che è tutto falso, pensare che c’è un complotto per decidere tutto quello che accade nel mondo. Significa essere vigili, capire che le conoscenze che abbiamo sono credibili in questo momento ma che nuove evidenze potrebbero cambiare la situazione. La storia della scienza ce lo dimostra: potremmo scoprire che le cose sono più complesse di quello che sembrava.
L’incoraggiamento è mantenere una mente aperta alle novità ma con i piedi per terra.

Non mettere tutto in discussione ma restare pronti a cambiare idea.

L’umiltà e il dubbio significano essere pronti a cambiare idea di fronte a nuove evidenze, senza arroccarsi. È un suggerimento a fare qualcosa in controtendenza con quanto i social media incoraggiano a fare: tutti sono competenti su tutto e il discorso pubblico non può che peggiorare con lo scontro tra granitiche certezze.

I social media non aiutano il pensiero critico, ma le difficoltà sono strutturali.

Sì, sono insite nell’Homo sapiens. È forse la difficoltà più grossa che dobbiamo affrontare, perché noi siamo fatti in modo di andare alla ricerca di conferme e facciamo invece fatica a cercare smentite di quello che pensiamo e crediamo. La ricerca di conferme è insita nel nostro modo di pensare e le capacità critiche che si sono sviluppate solo recentemente nella nostra specie fanno fatica a imporsi sulle reazioni istintive che ci arrivano da centinaia di migliaia di anni di evoluzione.

Cercare smentite anziché conferme. Altri consigli per il pensiero critico?

Uno stratagemma che tutti possiamo mettere in pratica, quando sui social media o di persona discutiamo con qualcuno che ha opinioni e idee diverse dalle nostre, è fermarsi un attimo, lasciando raffreddare la reazione di pancia, evitando quella risposta emotiva che annebbia la nostra capacità analitica.

Nel libro non troviamo regole da applicare, ma principi, massime, consigli…

Sarebbe bello avere una formuletta da usare ogni volta che abbiamo un dubbio, purtroppo non funziona così. Bisogna abituarsi a ragionare in maniera critica e sarebbe importante farlo fin da giovani, avere a scuola delle lezioni di mentalità scientifica, di argomentazione, di logica. Abituarsi a un metodo di ragionamento è più semplice da ragazzi che da adulti, quando il nostro modo di pensare segue certi binari dai quali è difficile, anche se non impossibile, uscire.
La stessa democrazia si basa sull’avere di cittadini critici, capaci di valutare le ragioni di chi ci governa e di chi protesta, valutarle in base ai fatti e non alle appartenenze ideologiche. Capisco che è abbastanza utopico, ma ogni tanto bisogna puntare un po’ in alto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved