coltivare-il-dubbio-restando-con-i-piedi-per-terra
(Foto: Roberta Baria)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
6 ore

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
8 ore

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
10 ore

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
10 ore

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
10 ore

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
14 ore

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
15 ore

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
16 ore

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
1 gior

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
1 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
1 gior

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
1 gior

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
2 gior

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
2 gior

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
2 gior

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
2 gior

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
2 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
26.10.2021 - 09:09
Aggiornamento: 14:41

Coltivare il dubbio restando con i piedi per terra

Massimo Polidoro ci presenta ‘Pensa come unə scienziatə’, una guida al pensiero critico tra bias cognitivi e social media

Il pensiero critico non manca, nelle librerie: i libri che, partendo da vari approcci e discipline, affrontano il tema di come ragionare nella giusta maniera non sono certo una novità – e anzi vi possiamo inserire alcuni classici del pensiero come il ‘Discorso sul metodo’ di Cartesio –, ma la crisi della disinformazione online prima e la pandemia poi hanno portato a una crescita di queste pubblicazioni. Segno non solo di un’urgenza del tema, ma anche di un bisogno di “democratizzazione”: il pensiero critico è una cosa che riguarda tutti, non solo chi a vario titolo si occupa di ricerca o comunicazione.
Come potenziali vittime di disinformazione, come potenziali diffusori – condividendo qualcosa sui social media e anche più facilmente parlando con conoscenti e amici – di informazioni false o incomplete, tutti dobbiamo conoscere quegli “abbagli cognitivi” ai quali siamo inevitabilmente soggetti. Ci sono, come accennato, varie strade per arrivare a questo obiettivo, iniziando dalla filosofia e dalla psicologia. Massimo Polidoro – scrittore, giornalista e segretario nazionale del Cicap (Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze) – ne ha scelta una più generica: la scienza, non nel senso dei risultati, ma di quella “collezione di procedure e accortezze” che gli scienziati seguono (anche se non sempre) per evitare quegli abbagli cognitivi di cui si diceva. L’invito non è a diventare uno scienziato, ma a pensare come uno scienziato. Anzi, “come unə scienziatə” per citare il titolo del libro che ha appena pubblicato per Piemme e che si segnala – oltre che per l’utilizzo della scevà sulla quale torneremo – per lo stile accessibile, capace di affrontare in modo chiaro temi complessi come il metodo scientifico, la differenza tra scienza e pseudoscienza, la differenza tra un sano scetticismo e un “cinismo” che porta a non credere (apparentemente) a nulla. Il tutto facendo anche ricorso ad aneddoti curiosi ma sempre pertinenti, come il caso di Peter Sutcliffe, lo “Squartatore dello Yorkshire” che tra il ’75 e l’80 uccise numerose donne e ragazze. «Una storia che conoscevo a grandi linee e che ho approfondito per il libro, rimanendo sorpreso della cecità che può portare il seguire le proprie convinzioni» ci ha spiegato Polidoro. Sutcliffe venne fermato più volte dalla polizia e sempre rilasciato perché non corrispondeva al profilo che si erano fatti del colpevole, e questo nonostante le prove di cui disponevano. «Si distorcono i fatti per farli andare d’accordo con le teorie, anziché formulare teorie basate sui fatti, come insegna Sherlock Holmes».

Il libro si intitola ‘Pensa come unə scienziatə’. Perché fare ricorso alla scevà o schwa, invece del classico, per quanto da alcuni criticato, maschile sovraesteso?

Perché le scienziate sono sempre più numerose ma ancora non si è raggiunta la parità, soprattutto nelle posizioni apicali dove sono ancora una minoranza: rettori e capidipartimento sono quasi sempre uomini. Siccome c’è bisogno di scienziate, se c’è la possibilità di incoraggiare anche solo una ragazza in più a studiare sono contento. Titolare ‘Pensare come una scienzata o uno scienziato’ era troppo lungo e quindi abbiamo pensato di ricorrere a questo sistema, anche come piccola provocazione: leggi la schwa e magari ti fai qualche domanda, approfondisci il tema.
Poi il testo del libro non è scritto così, sarebbe stato troppo faticoso leggerlo…

Fa capire che il pensiero critico non è una cosa da maschi. Ma non è neanche una cosa da scienziate e scienziati.

Esatto: il libro non è invito a diventare scienziati e non è neanche un libro rivolto essenzialmente agli scienziati, anche se ovviamente la lettura può essere interessante anche per loro.
Lo spunto è avvicinare quante più persone possibile a una mentalità più critica, a porsi delle domande, a imparare come coltivare il dubbio. È una mentalità che è tipica della scienza, un modo per prendere decisioni basate sui fatti e non sull’emotività del momento, su quella reazione “di pancia” come purtroppo succede spesso e che porta a scelte, individuale e collettive, squilibrate e irrazionali.

Che cosa si intende con ‘coltivare il dubbio’? Spesso gli inviti a dubitare arrivano da complottisti e negazionisti.

Coltivare il dubbio non significa mettere in dubbio qualsiasi cosa ci sia, pensare che è tutto falso, pensare che c’è un complotto per decidere tutto quello che accade nel mondo. Significa essere vigili, capire che le conoscenze che abbiamo sono credibili in questo momento ma che nuove evidenze potrebbero cambiare la situazione. La storia della scienza ce lo dimostra: potremmo scoprire che le cose sono più complesse di quello che sembrava.
L’incoraggiamento è mantenere una mente aperta alle novità ma con i piedi per terra.

Non mettere tutto in discussione ma restare pronti a cambiare idea.

L’umiltà e il dubbio significano essere pronti a cambiare idea di fronte a nuove evidenze, senza arroccarsi. È un suggerimento a fare qualcosa in controtendenza con quanto i social media incoraggiano a fare: tutti sono competenti su tutto e il discorso pubblico non può che peggiorare con lo scontro tra granitiche certezze.

I social media non aiutano il pensiero critico, ma le difficoltà sono strutturali.

Sì, sono insite nell’Homo sapiens. È forse la difficoltà più grossa che dobbiamo affrontare, perché noi siamo fatti in modo di andare alla ricerca di conferme e facciamo invece fatica a cercare smentite di quello che pensiamo e crediamo. La ricerca di conferme è insita nel nostro modo di pensare e le capacità critiche che si sono sviluppate solo recentemente nella nostra specie fanno fatica a imporsi sulle reazioni istintive che ci arrivano da centinaia di migliaia di anni di evoluzione.

Cercare smentite anziché conferme. Altri consigli per il pensiero critico?

Uno stratagemma che tutti possiamo mettere in pratica, quando sui social media o di persona discutiamo con qualcuno che ha opinioni e idee diverse dalle nostre, è fermarsi un attimo, lasciando raffreddare la reazione di pancia, evitando quella risposta emotiva che annebbia la nostra capacità analitica.

Nel libro non troviamo regole da applicare, ma principi, massime, consigli…

Sarebbe bello avere una formuletta da usare ogni volta che abbiamo un dubbio, purtroppo non funziona così. Bisogna abituarsi a ragionare in maniera critica e sarebbe importante farlo fin da giovani, avere a scuola delle lezioni di mentalità scientifica, di argomentazione, di logica. Abituarsi a un metodo di ragionamento è più semplice da ragazzi che da adulti, quando il nostro modo di pensare segue certi binari dai quali è difficile, anche se non impossibile, uscire.
La stessa democrazia si basa sull’avere di cittadini critici, capaci di valutare le ragioni di chi ci governa e di chi protesta, valutarle in base ai fatti e non alle appartenenze ideologiche. Capisco che è abbastanza utopico, ma ogni tanto bisogna puntare un po’ in alto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
massimo polidoro pensiero critico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved