ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
8 ore

Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.

Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Spettacoli
8 ore

È San Valentino anche a teatro, ecco gli eventi al Foce

Dall’omaggio a Gaber ai balli caraibici, dagli spettacoli sulle e con le donne alla Riviera adriatica in foto
Culture
9 ore

‘Leggere Lolita a Teheran’, voce (e sostegno) alle donne

Al Lac una riflessione sulla situazione in Medioriente con brani dal libro di Azar Nafisi; ma anche la danza de ‘Gli anni’ con Marta Ciappina
Sanremo
10 ore

Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)

Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
11 ore

La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi

A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
11 ore

‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità

A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
13 ore

La solitudine di Ulisse e la cecità umana

Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
13 ore

Giorgia e Sanremo, parole dette bene

Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
15 ore

Sanremo s’è desta, Blanco devasta

Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
19 ore

Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)

Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Gallery
Sogno o son Festival
1 gior

Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)

Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Culture
1 gior

Torna il ‘Weekend di Quartetti’ di LuganoMusica

Da venerdì 10 a domenica 12 febbraio suoneranno l’ensemble Belcea, il Quatuor Diotima e il Quartetto della Scala
Culture
1 gior

Gli appuntamenti di Ticino Musica, in attesa del festival

Domenica 12 e lunedì 13 al Conservatorio a Lugano i primi due eventi di una serie di anteprime alla 27esima edizione, che si svolgerà dal 18 al 31 luglio
Scienze
1 gior

Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli

Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
1 gior

Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’

L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
1 gior

Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto

Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
1 gior

Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado

Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
1 gior

Il Festival di Rapallo

Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
1 gior

La lunga crisi della democrazia

Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Arte
2 gior

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
Illustrazione
2 gior

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
2 gior

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
2 gior

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
2 gior

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
2 gior

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
2 gior

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
Spettacoli
2 gior

La forza dei pregiudizi in ‘Andorra’ di Max Frisch

Il Theater Kanton Zürich mette in scena al Teatro Sociale di Bellinzona la storia del giovane Andri, martedì 7 febbraio alle 20.30 (introduzione alle 20)
Arte
2 gior

I ‘Nuovi orizzonti’ di Joan Miró in mostra a Berna

Il Centro Paul Klee ospita fino al prossimo 7 maggio un’esposizione che mette in luce le opere tardive dell’artista spagnolo
Musica
2 gior

‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’

Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
2 gior

L’album dell’anno è di Harry Styles. Måneskin a bocca asciutta

Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
2 gior

Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi

Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
Otium
laR
 
30.11.2022 - 22:30
Aggiornamento: 23:35

Il Forum per l’italiano in Svizzera

Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico

di pagina a cura di Massimo Danzi, Andrea Ghiringhelli e Aurelio Sargenti
il-forum-per-l-italiano-in-svizzera
Keystone
La lingua di Dante

Si chiama ‘Otium’ e vuole portare una ulteriore voce nel dibattito non solo svizzero-italiano. È una pagina ‘aperta’ a competenze e collaborazioni diverse, senza altre preclusioni che non siano quelle di una buona divulgazione culturale. Una riflessione che intende contribuire ad allargare gli spazi (sprovincializzandone, all’occasione, gli esiti) e che speriamo gradita al lettore ‘curioso’.

Forum per l’italiano in Svizzera

Nel corso del sesto Forum di dialogo tra Svizzera e Italia (Zurigo, 21-22 ottobre 2022), la ‘Fondazione CH’ ha consegnato al Forum per l’italiano in Svizzera il Premio per il federalismo 2022. La consigliera di Stato del Canton Neuchâtel, Florence Nater, presidente della ‘Fondazione CH’, ha elogiato l’impegno dell’organizzazione per la promozione della lingua e della cultura italiana. Il premio è stato ritirato dal consigliere di Stato Manuele Bertoli, presidente del Forum per l’italiano in Svizzera. Abbiamo chiesto al coordinatore del Forum, prof. Diego Erba, e al dott. Matteo Casoni, tra gli autori del volume ‘La posizione dell’italiano in Svizzera’, qual è lo stato di salute dell’italiano in Svizzera.

1

Dove l’italiano è più debole

di Matteo Casoni, ricercatore dell’OLSI

Le considerazioni sullo ‘stato di salute’ dell’italiano in Svizzera (una metafora ricorrente) emergono a cadenza regolare dacché l’italiano è lingua nazionale, quindi da più di un secolo e mezzo. Per certi aspetti (grado di tutela formale, risorse, quantità di informazioni disponibili) quella italofona può essere considerata una minoranza ‘di lusso’. Ciò non toglie la necessità di monitorare con regolarità la situazione: i dati e le indicazioni sono essenziali per il dibattito pubblico, ma soprattutto per poter promuovere in modo informato, là dove è necessario, iniziative di sostegno alla terza lingua nazionale nel contesto del plurilinguismo svizzero.

Numeri e aspetti demografici

Il monitoraggio è particolarmente pertinente nei territori dove l’italiano non è lingua tradizionale. Fuori dalla Svizzera italiana emerge in effetti un quadro sfaccettato. Un aspetto demografico rilevato – e spesso enfatizzato nel dibattito pubblico – è il fatto che un numero maggiore di italofoni risiede fuori dalla Svizzera italiana (circa 310mila a fronte dei 280mila residenti nel territorio). Questa è una condizione stabile almeno dagli anni Cinquanta: solo nel censimento del 2000 si era registrata una situazione inversa. Il dato è indicativo della presenza diffusa, ma minoritaria, degli italofoni fuori territorio (4.5% della popolazione) che costituiscono una realtà frammentata e trasversale, senza particolare tutela, unita solo nella lingua.

Sulla consistenza numerica degli italofoni in Svizzera incide storicamente il fattore migratorio, che contribuisce a mantenere per l’italiano il rango di terza lingua principale più diffusa. La ‘nuova immigrazione’, più contenuta nei numeri rispetto a quella degli anni Sessanta/Settanta, si caratterizza per un profilo diversificato dal punto di vista delle competenze professionali e linguistiche: accanto ai lavoratori nel settore manifatturiero (che ancora ci sono) si hanno oggi anche immigrati nel settore terziario con repertori plurilingui. I censimenti informano anche sull’uso delle lingue nei contesti della famiglia e del lavoro. Fuori dalla regione italofona, l’italiano è parlato in ambito familiare dal 5.1% della popolazione, più basso è l’uso sul posto di lavoro (4.7%). Indicatore fondamentale per la vitalità di una lingua è la misura in cui essa è trasmessa tra le generazioni. I dati demolinguistici non permettono di rilevare direttamente questo fenomeno, ma di osservare che l’italiano si mantiene nel repertorio dei parlanti dall’infanzia fino all’età adulta, sempre accanto alla lingua locale, anche se a livelli di competenza diversa. Le competenze bi-plurilingui contribuiscono quindi in modo significativo al mantenimento e alla diffusione complessiva dell’italofonia.

Acquisizione e insegnamento

Fuori dalle mura domestiche invece l’acquisizione dell’italiano rimane limitata, dato che non è veicolo dell’educazione. Questa è anche una conseguenza della politica educativa basata sul principio della territorialità. Per quanto riguarda l’italiano come materia d’insegnamento vanno segnalate lacune nella disponibilità e confrontabilità di dati su offerta e frequenza dei corsi per tutti i gradi e gli ordini scolastici. Accanto al monitoraggio dell’offerta formativa secondo ordinamenti e concordati, va considerata anche l’ampia e diversificata offerta extracurricolare, come i corsi di lingua e cultura d’origine e i programmi di mobilità e di scambi linguistici (tra i quali Movetia). Questi ultimi sono ormai parte integrante della politica linguistica nazionale: su di essi punta il Messaggio sulla cultura 2021-2024 del Consiglio federale. Se l’offerta è ampia, non ha però ancora espresso tutto il suo potenziale, per es. negli scambi di classe le strategie attuate sembrano favorire soprattutto le altre lingue nazionali. Ciò nonostante il modello della mobilità è valido e ampliabile anche al mondo del lavoro, in aziende attive a livello nazionale, alla stregua di quanto già fanno l’Amministrazione federale o la Posta per gli apprendisti.

Il principio di territorialità

In conclusione torniamo sul principio di territorialità, elemento alla base del federalismo e della politica linguistica in Svizzera, non solo per l’ambito educativo. Una sua applicazione rigida non va sempre a favore delle minoranze linguistiche e del loro sostegno fuori dai rispettivi territori. Vi sono però anche ambiti in cui si fa riferimento non al concetto di comunità territoriale ma a quello di comunità linguistica. Un esempio sono i valori di riferimento per la rappresentanza delle comunità linguistiche nel personale dell’amministrazione federale che corrispondono a quelli delle lingue principali a livello nazionale (tra il 6.5 e l’8.5% per l’italiano): se il riferimento fosse la Svizzera italiana, avremmo valori dimezzati. Un altro esempio è il meccanismo di distribuzione del canone radiotelevisivo, chiaramente sbilanciato a favore delle comunità minoritarie, poiché trascende l’aspetto demografico e territoriale basandosi su un sistema di perequazione e sul principio di solidarietà. Sono esempi virtuosi che stimolano a evitare posizioni di arroccamento nel proprio territorio e a mirare anche all’obiettivo costituzionale: favorire il plurilinguismo e la comprensione tra le comunità linguistiche.

2

Luci e ombre dell’italiano in Svizzera

di Diego Erba, coordinatore del Forum per l’italiano in Svizzera

Il Forum per l’italiano in Svizzera, associazione che comprende 38 organizzazioni che operano a favore della lingua italiana, ha promosso una ricerca per disporre di indicatori che permettessero di verificare se e in quale misura l’obiettivo che si era dato, ovvero «la corretta collocazione entro il 2020 dell’italiano nel quadro del plurilinguismo costituzionale della Svizzera» fosse stato o meno conseguito. È stato richiesto un rapporto che mettesse a confronto la situazione del 2012 (anno di avvio del Forum) con quella del 2020 e individuasse degli scenari per l’attività futura. La pubblicazione "La posizione dell’italiano in Svizzera", frutto di un approfondito lavoro di ricercatori e ricercatrici dell’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI), del Dipartimento formazione e apprendimento della SUPSI (DFA) e del Partenariato dell’Alta scuola pedagogica dei Grigioni (PHGR), è stato presentato nel novembre 2021 a Palazzo federale e ha suscitato l’interesse del mondo politico, culturale e dei media. L’edizione cartacea è praticamente esaurita, ma lo studio può essere scaricato dal sito www.forumperlitalianoinsvizzera.ch.

Molte sono le indicazioni che scaturiscono dalla lettura e dalle illustrazioni del rapporto. Mi limito qui a segnalare quei temi che coincidono con gli ambiti d’intervento del Forum e che trovano ora una puntuale risposta. Si tratta inizialmente del ruolo e della posizione dell’italiano come lingua ufficiale, vale a dire l’uso dell’italiano nella documentazione ufficiale della Confederazione (scritti, siti, traduzioni, ecc.), nell’Amministrazione federale e in quella dei Grigioni (visto che l’italiano è lingua cantonale minoritaria) e la presenza dell’italiano nel dibattito politico. Interessante è conoscere l’offerta d’insegnamento dell’italiano nelle scuole elementari e medie, nei licei e nelle scuole professionali della Svizzera tedesca e francese, come pure la domanda e l’offerta di corsi di lingua e cultura italiana promossi dalle autorità italiane e gli scambi linguistici di classi. Utili sono pure i risultati sulla presenza dell’italiano nelle manifestazioni culturali organizzate nella Svizzera tedesca e francese, nei luoghi di prestigio come la biblioteca nazionale, i musei delle principali città, le università e i media (italofoni e non).

Il quadro scaturito è fatto di luci e di ombre. Se è vero che l’italiano è ben tutelato dalle leggi, a far difetto è spesso l’applicazione. Si trova così conferma, ad esempio, che non sempre le disposizioni previste dalla Legge sulle lingue sono rispettate, come ha dichiarato recentemente il Consiglio federale per i Politecnici federali, oppure che - in ambito scolastico – alcuni cantoni non offrono l’italiano come prescritto da HarmoS e che non tutti i licei, in particolare della Svizzera tedesca, propongono l’italiano come disciplina fondamentale come indicato dall’Ordinanza sulla maturità. A preoccupare è anche il mancato intervento delle autorità competenti nel richiamare il rispetto delle leggi! In diversi ambiti mancano dati statistici sull’italiano e carente è l’informazione nella nostra lingua per chi visita alcuni musei d’Oltre Gottardo.

Un dato positivo non solo è la presenza maggioritaria di italofoni al di fuori della Svizzera italiana, ma pure quel 34% di persone che in quei territori dispone di una certa competenza dell’italiano. Se a ciò si aggiunge il saldo migratorio positivo di persone di nazionalità italiana a partire dal 2007 che interessa soprattutto l’Oltralpe (nel 2019 è di ca. 6900 persone), per il futuro c’è un certo ottimismo. Fuori dalla Svizzera italiana un ruolo importante lo possono e lo potranno svolgere sia la RSI - a condizione che sia sempre più Radio televisione svizzera di lingua italiana per tutti gli italofoni - come pure la fruizione degli altri media italofoni e delle pratiche di lettura affinché la competenza di chi ha dichiarato l’italiano fra le lingue conosciute non sia solo mantenuta ma ulteriormente sviluppata. L’impegno di tutti nel promuovere l’italiano in Svizzera rafforza anche un valore che ci contraddistingue: il nostro plurilinguismo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved