italiano-in-svizzera-situazione-complessa-si-puo-fare-meglio
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
9 ore

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
10 ore

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
11 ore

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
12 ore

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
13 ore

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
13 ore

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
14 ore

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
15 ore

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
Svizzera
1 gior

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
1 gior

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
1 gior

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
1 gior

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
1 gior

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
1 gior

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
08.11.2021 - 10:39
Aggiornamento : 17:47

Italiano in Svizzera: situazione complessa, si può fare meglio

L’8,4% della popolazione è di madrelingua italiana, e il 33% ha una competenza parziale. Migliorabile la situazione nell’Amministrazione federale

L’italiano è la lingua principale per l’8,4% degli svizzeri e ben il 33% di essi ritiene di averne una competenza parziale a vari livelli. A rafforzare la posizione di questo idioma nel paese contribuisce la migrazione, principalmente quella dall’Italia. Sono alcune delle conclusioni a cui giunge il rapporto “La posizione dell’italiano in Svizzera: uno sguardo sul periodo 2012–2020 attraverso alcuni indicatori”, stando al quale più della metà degli italofoni vive al di fuori della Svizzera italiana.

Il rapporto, pubblicato oggi, è stato redatto da un consorzio di ricercatori dell’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI), del Dipartimento formazione e apprendimento della SUPSI (SUPSI-DFA) e dell’Alta scuola pedagogica dei Grigioni (PHGR) su mandato del Forum per l’italiano in Svizzera.

La corposa indagine - 360 pagine che spaziano dall’analisi sociolinguistica al ruolo dell’italiano come lingua ufficiale, dall’insegnamento alla sua presenza in ambito culturale - si basa su diversi indicatori e ha permesso di tratteggiare un “quadro sfaccettato della posizione dell’italiano in Svizzera, in particolare fuori del suo territorio tradizionale, ovvero la Svizzera italiana”.

Lingua madre per l’8,4% della popolazione

I dati relativi alla distribuzione territoriale hanno evidenziato il fatto che la maggioranza degli italofoni (ca. 53%) risiede al di fuori della Svizzera italiana. Essi vengono così a trovarsi in una situazione “minoritaria senza particolare tutela e costituendo una comunità frammentata e trasversale”, unita solo nella lingua.

Gli indicatori demolinguistici mettono in luce l’incidenza del fattore migratorio sulla diffusione dell’italiano soprattutto a Nord delle Alpi. L’immigrazione dall’Italia contribuisce a mantenere il rango di terza lingua principale più diffusa sul territorio nazionale e l’uso della lingua in ambito familiare e in misura minore sul posto di lavoro.

Se l’italiano è lingua principale per l’8,4% della popolazione, ben il 33% di essa dichiara di possederne una competenza parziale (lingua secondaria) a vari livelli.

Terza lingua ufficiale

Il rapporto rileva che dal punto di vista formale (legislativo) l’italiano è una delle lingue nazionali minoritarie meglio tutelate al mondo, mentre da quello funzionale (uso effettivo come lingua ufficiale) emerge invece una situazione sfaccettata. Vi è infatti una grande differenza fra il parlato e lo scritto: se l’italiano risulta a tutti gli effetti lingua ufficiale a livello di comunicati stampa, di testi di legge e di testi delle offerte di lavoro, molto più limitata è invece la valenza comunicativa a livello orale.

Dall’indagine emerge una buona rappresentanza della comunità italofona fra gli impiegati nell’Amministrazione federale (AF), nei quadri degli enti parastatali e nel processo di reclutamento. Malgrado ciò vi sono molti casi in cui, soprattutto nei livelli salariali più elevati, il personale non ha alcuna competenza, neppure passiva. Sono in atto interventi di politica linguistica all’interno dell’AF per promuovere la lingua di Dante.

Solo materia facoltativa a Nord delle Alpi

Dato che il sistema educativo svizzero è caratterizzato da una forte autonomia cantonale, la situazione riguardo all’insegnamento dell’italiano è piuttosto frammentata. In generale comunque nelle scuole dell’obbligo - con l’eccezione dei Cantoni Grigioni e Uri - esso è offerto solo a partire dalla scuola media come materia facoltativa o opzionale.

Per quanto riguarda il livello post-obbligatorio, il rapporto rileva che le informazioni sono lacunose soprattutto riguardo alla formazione professionale, mentre l’italiano è ancora insegnato nei licei. A livello delle cattedre di italianistica in Svizzera la ricerca ha evidenziato l’aumento del numero di posti di seconda fascia a discapito di quelli di prima fascia. L’offerta di corsi di lingua e cultura italiana extacurricolari mostra una realtà molto diversificata.

Internet, radio e TV importanti per mantenimento

Il rapporto ha anche valutato le pratiche della popolazione incentrate sulla fruizione e la produzione di contenuti culturali: da ciò è emerso che la lettura e l’uso dei media radiotelevisivi e di internet sono attività diffuse e importanti per il mantenimento di competenze dell’italiano fuori del territorio, soprattutto per le persone che hanno l’italiano come lingua principale. Lo sono meno per chi lo ha come lingua secondaria.

Riguardo alla produzione cinematografica, l’indagine constata che in ogni regione linguistica domina la fruizione di film la cui lingua originale corrisponde alla lingua locale; fuori del territorio tradizionale i film in italiano sono visti da un numero ridotto di spettatori. Per quanto concerne i musei infine, solo un quinto di quelli a vocazione sovraregionale e con sede al di fuori del territorio italofono dichiara di accogliere i visitatori in italiano. Solo circa un quarto di questi dispone di un sito internet con una versione parziale o totale in italiano.

La ricerca incentivata dal Forum costituisce un punto di partenza: gli indicatori utilizzati possono essere spunto per possibili sviluppi dell’indagine e sono un invito a mantenere viva l’attenzione sulla situazione della terza lingua nazionale e un incentivo per nuove iniziative di promozione del plurilinguismo federale, concludono i ricercatori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
italia lingua italiana svizzera svizzera italiana
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved