lingue-elvetismi-come-lo-dici-nel-tuo-italiano
Qualcuno li chiama "braccioli", altri invece...
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
6 ore

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
5 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
6 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
6 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
6 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
2 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
2 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
2 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
3 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
3 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
10.08.2021 - 10:40
Aggiornamento : 15:00

Lingue & elvetismi. Come lo dici nel tuo italiano?

Alcune volte ci prendono in giro per quelle parole ed espressioni che con la lingua di Dante avrebbero poco a che fare. Ma non crediate, non siamo così soli...

di Lorena Scettrini

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Nel 1956 il linguista e ricercatore svizzero Robert Rüegg pubblica il volume Sulla geografia linguistica dell’italiano parlato, frutto delle sue indagini sul campo (in Svizzera e in Italia) volto a capire meglio le variazioni della lingua italiana nelle diverse regioni. Nel novembre del 2020 l’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (Olsi; www4.ti.ch/decs/dcsu/olsi/olsi/) e i suoi ricercatori (Laura Baranzini e Matteo Casoni) lanciano, in collaborazione con la Supsi-Laboratorio di Cultura Visiva, un nuovo strumento di raccolta dati che permette all’utente di contribuire alla ricerca standosene comodamente seduto a casa. Lo scopo, però, è il medesimo: disegnare una mappa della variazione geografica dell’italiano che tenga conto anche delle caratteristiche anagrafiche e sociali dei partecipanti (età, grado di istruzione ecc.). Si chiama lìdatè e, dalla partenza del progetto a oggi, sono circa 900 le persone iscritte. 

Lìdatè

Acronimo di “L’italiano dal territorio”, con due accenti voluti per farlo diventare un marchio e per ammiccare alla pronuncia regionale svizzero-italiana e lombarda della “e”, lìdatè si rivolge a tutte le persone di lingua italiana che – anche se al momento non vi risiedono – provengono da aree geografiche in cui si parla ufficialmente l’italiano. Il funzionamento è molto semplice. Dopo essersi iscritti su lidate.ch ogni settimana attraverso il sondaggio “come lo dici” i partecipanti possono indicare quali sono le espressioni e le parole da loro usate per designare un oggetto o esprimere un concetto, confrontandole con quelle degli altri e visualizzandone i risultati sulle mappe. 


La locandina di una mostra itinerante dedicata agli elvetismi (varianti tipicamente svizzere dell’italiano, del francese e del tedesco) inaugurata al Centre Dürrenmatt di Neuchâtel (CDN) nel 2019. Nel novembre del 2020 giunse alla Biblioteca cantonale di Bellinzona.

Lo ‘svizzero’

Il progetto si interessa alla variazione della lingua su tutto il territorio italofono, con un’attenzione particolare all’italiano in Svizzera e alle sue peculiarità, osservando la diffusione dei cosiddetti elvetismi: si fermano tutti alla frontiera politica o vi sono casi in cui il confine linguistico va tracciato oltre la dogana? Alcuni elvetismi sono attestati nei dizionari: per esempio, lo Zingarelli 2021 ne documenta una trentina tra cui quello forse più famoso, azione, di cui segnala l’uso in alternativa a offerta speciale e la derivazione dal tedesco Aktion. Ma gli elvetismi sono parecchi di più, si trovano soprattutto nel lessico ma non solo. Si veda per esempio la locuzione preposizionale “a dipendenza di” che, nell’italiano svizzero convive con “a seconda di”. Le informazioni raccolte con lìdatè saranno anche da stimolo per la realizzazione di un Vocabolario dell’italiano della Svizzera italiana. Il progetto ha inoltre un obiettivo di divulgazione e di approfondimento delle conoscenze sulla realtà e le caratteristiche linguistiche dell’italiano in Svizzera, anche per una promozione della terza lingua nazionale.

Il quiz

Nell’ottica della divulgazione (ma anche di un approccio ludico) mensilmente lìdatè propone un quiz nel quale gli utenti possono mettere alla prova le proprie conoscenze sui vari temi linguistici, sfidarsi tra loro e vincere un premio: basta rispondere correttamente alle cinque domande nel minor tempo possibile. Per informazioni: lidate.ch.

UNA MAPPA DELLE ESPRESSIONI
Rispondendo alle domande proposte sulla web app di lìdatè gli utenti contribuiscono a un aggiornamento continuo delle mappe linguistiche. Più risposte si raccolgono e più queste saranno dettagliate. Le mappe permettono agli utenti di esplorare la diffusione delle diverse forme e varietà
di italiano. Facciamo un esempio riportando la mappatura di braccioli/alette. La mappa restituisce un quadro piuttosto chiaro: la forma braccioli è diffusa su tutto il territorio italofono, mentre alette sembra concentrarsi nel territorio della Svizzera italiana – anche se si segnalano alcune attestazioni nel Milanese –, dove convive con la prima forma.

E TU, COME LO DICI?
Questi termini fanno riferimento all’oggetto rappresentato qui sotto. E tu, come lo chiami: spillatrice, graffatrice, agrafeuse, pinzatrice oppure cucitrice?

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
canton ticino elvetismi lìdatè osservatorio linguistico olsi svizzera territorio
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved