giacomo-poretti-storia-di-un-infermiere
‘E comunque in reparto non ero spiritoso’ (foto: Federico Buscarino)
ULTIME NOTIZIE Culture
L’INCONTRO
27 min

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
57 min

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
57 min

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
4 ore

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
5 ore

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
6 ore

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
17 ore

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
22 ore

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
1 gior

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
1 gior

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
1 gior

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
1 gior

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
1 gior

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
1 gior

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
1 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
1 gior

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
L'intervista
laR
 
15.10.2021 - 05:25

Giacomo Poretti, storia di un infermiere

Prima di Aldo e Giovanni, Giacomo ha lavorato all’Ospedale di Legnano, 11 anni in corsia finiti in ‘Chiedimi se sono di turno’, stasera e domani al Lac

Nato nel 1956 da una famiglia di operai, appassionato di teatro sin dalla tenera età, prima di diventare il 33,33 per cento di Aldo Giovanni e Giacomo (il terzo dei tre), Giacomo Poretti comincia a recitare tra gli 8 e gli 11 anni tentando invano di farsi assumere in pianta stabile dai Legnanesi, ma di legnanese trova soltanto un posto d’infermiere all’ospedale di Legnano.

La breve e un tantino irrispettosa nota biografica (ma Poretti, è noto, ha il dono dell’ironia) ci serve per raccontare della causa scatenante che lo ha portato a scrivere lo spettacolo ‘Chiedimi se sono di turno’, titolo che ammicca a episodi cinematografici del trio, restando cosa profondamente a sé. Gli undici anni d’infermiere dell’attore, comico e sceneggiatore lombardo, dal 2019 anche direttore del Teatro Oscar di Milano, sono confluiti in un monologo che giunge al Lac di Lugano questa sera e domani, forte anche, da settembre, della sua versione letteraria intitolata ‘Turno di notte’ (Mondadori).

Dica la verità, Poretti: lei del Covid sapeva tutto prima, come i cinesi...

No, ahimè non sono cinese. È solo l’ingenuità del lombardo che ha pensato di mettere in forma, dapprima di spettacolo e poi di romanzo, le vicende d’ospedale che mi hanno coinvolto. Mi sembrava una cosa molto interessante. Poi, coi primi mesi di rappresentazione è arrivato il Covid. E subito dopo l’ho anche preso...

Un corto circuito: qual è stato il suo primo pensiero?

Il mio primo pensiero è andato all’emergenza assoluta dei primi mesi, quelli del sovraffollamento delle sale di rianimazione. Ho pensato alla fatica enorme, ma anche all’angoscia, non solo dei malati ma anche dei medici e del personale infermieristico. Per molto tempo, forse ancora adesso, non sono esistiti e non esistono protocolli terapeutici pienamente definiti. E l’evolversi della situazione non faceva che aumentare il livello della mia preoccupazione.

Si è mai immaginato malato di Covid in una di quelle corsie d’ospedale, sapendo meglio di altri cosa succede in un reparto di rianimazione?

Grazie a Dio mi sono ammalato senza finire in ospedale, fermandomi un millimetro prima dell’entrata, dopo 8-9 giorni di febbre molto alta. Erano pronti a ricoverarmi e per fortuna è finito tutto. Al di là del conoscere le dinamiche ospedaliere, ho semplicemente avuto una paura molto forte, andavo a dormire cercando di capire quali fossero le condizioni del mio respiro, e come si sarebbero evolute nelle ore successive, la mattina dopo.

Undici anni d’infermiere sono tanti. In ‘Chiedimi se sono di turno’ è riuscito a farceli entrare tutti?

Riassumere undici anni di quell’esperienza sarebbe stato molto difficile. Ho cercato di condensare gli aspetti che mi parevano più significativi, che da un lato possono risultare molto divertenti, come credo siano, ma che come potrà immaginare sono drammatici e davvero tristi.

Che infermiere è stato Giacomo Poretti?

Mi definirei un infermiere abbastanza diligente. Ho sempre sofferto una condizione comune tanto agli infermieri quanto ai medici, che è in fondo la più difficile da sopportare, il doversi tenere in bilico tra il cinismo e l’affezione totale verso gli ammalati. Con alcuni dei quali, si sa, si entra fortemente in empatia, con tutta una serie di conseguenze che si possono immaginare. La cosa più difficile è proprio mantenere quell’equilibrio, e cioè curare gli ammalati come fossero tuoi amici, ma senza permettere, senza permetterti, che lo diventino per davvero.

Come si passa da infermiere a comico? Ci sono affinità che non conosciamo?

Nemmeno una, almeno per quanto mi riguarda. Forse è un luogo comune errato quello di assegnarmi le parole “Ah, chissà quanto li facevi divertire gli ammalati!”. L’ammalato, vorrei specificare, non ha tanta voglia di ridere. Preferisce casomai stare in compagnia. Ma una compagnia silenziosa, perché troppa gli potrebbe dare fastidio. E comunque, nei miei anni d’infermiere non ero per niente spiritoso in reparto, in particolare con gli ammalati. Quello dell’umorismo è un aspetto che ho coltivato soltanto più tardi. E la spiritosaggine con la comicità non ha nulla in comune, si esplicano in ambiti completamente differenti.

Da infermiere è diventato attore, autore, scrittore, ora anche direttore di teatro: gli allentamenti la rasserenano?

La ripresa è stata graduale, ma molto lunga. Dall’11 di ottobre, grazie a Dio si può entrare a teatro con il Green Pass, al 100 per cento della capienza, qualcosa che mancava da un anno e mezzo, una sofferenza indescrivibile per il mio come per molti altri settori. Siamo contenti, abbiamo patito tanto, ma si è trattato di un male che ha pervaso tutta la società.

Le confesso che negli ultimi tempi rivedo l’immagine del suo Tafazzi un po’ ovunque. E non sono certo di vederci solo i no-vax...

Volendo fare una battuta sì, gliela si potrebbe pure applicare, ma il perché si concentri tanta rabbia sociale attorno a qualcosa che non avremmo mai immaginato ha motivazioni assai più complesse. Ci saremmo immaginati sollevazioni di popolo per altre cose, per gli stipendi bassi, per gli aumenti delle bollette, ma questo aspetto che si lega spesso a teorie complottistiche mi fa rimanere più spaventato che sconcertato. Perché in termini di logica stringente, non ci sarebbe discussione, fatti salvi i pericoli che in medicina ci sono sempre. Ma mai avrei immaginato che si sarebbero create così tante teorie differenti intorno a questa cosa. È un dato molto negativo che a mio parere non si fermerà qui. Il Covid è soltanto il tramite dei motivi che hanno esacerbato gli animi sino a questo punto.

Gli stipendi bassi, gli aumenti delle bollette: forse siamo stati tutti troppo Tafazzi, ci siamo percossi le parti basse da soli, senza fare nulla...

Da una parte sì, ma dall’altra trovo curioso che a livello di società diffusa vengano meno certi punti fermi legati prettamente alla fiducia. La fiducia nella medicina e non, attenzione, l’ossequio totale. Lo stesso vale per le istituzioni. Credo che entrambe abbiano perso completamente di credibilità, per colpa degli interpreti da un lato, e dall’altro per qualcosa di più generale che non saprei dire, se non che noi uomini moderni non crediamo più a niente, e quindi nemmeno alla medicina. Trovo la cosa preoccupante.

Possiamo continuare a credere nell’arte. Magari venendo a Lugano stasera e domani...

Non voglio assolutamente incensarmi mentre lo dico, ma ogni tentativo di produrre arte, spettacolo, non è finalizzato a proporre verità assoluta, ma a indagare la nostra esistenza e porre domande che aiutino a trovare le risposte, o quanto meno la strada che porta a esse. Mi permetto di dire che questo spettacolo va anche in questa direzione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aldo giovanni giacomo giacomo poretti infermiere lac ospedale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved