la-dura-vita-degli-infermieri-non-e-solo-colpa-del-covid
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
5 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
9 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
9 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
11 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
11 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
18 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
18 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
19 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
19 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
19 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
19 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
19 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
19 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
20 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
20 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
20 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
20 ore

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
Locarnese
22 ore

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
Bellinzonese
22 ore

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Locarnese
22 ore

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
Ticino
23 ore

Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità

Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Locarnese
23 ore

Ppd di Gordola, Comotti confermato presidente

Il vicesindaco René Grossi e Laura Lonni si sono intanto messi a disposizione del Distretto per la corsa al parlamento
Bellinzonese
23 ore

Monte Carasso, finissage della World Press Photo Exhibition

Lunedì 30 maggio, dalle 18, il pubblico potrà visitare gratuitamente la mostra con il meglio del fotogiornalismo mondiale
Locarnese
23 ore

Locarno, la Festa dei vicini

In programma musica, animazioni per i più piccoli, banco del dolce e maccheronata. A seguire, la proiezione di un filmato
Locarnese
23 ore

Locarno, i ghiacciai scendono in città

Nella sala multiuso del PalaCinema una mostra. Tra i temi affrontati, anche lo scioglimento causato dai cambiamenti climatici
Locarnese
1 gior

Anà con Togo: acqua, microprogetti e nomine

A Cavergno si è svolta l’assemblea dell’associazione attiva in Africa
Bellinzonese
1 gior

Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi

Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
1 gior

In piazza contro l’aumento delle spese militari

Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
1 gior

‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos

La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
laR
 
23.04.2021 - 05:30
Aggiornamento : 12:06

La dura vita degli infermieri (non è solo colpa del Covid)

Un‘infermiera di un reparto cure intense denuncia orari massacranti, paghe inadeguate e casi di burnout. Problemi strutturali già da prima della pandemia.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Il Covid è stato uno tsunami che ha travolto tutto e ha portato a galla le molte difficoltà del personale sociosanitario, in alcuni casi fino a renderle insopportabili». Parole di un’infermiera che chiameremo Matilde, ma preferisce non rivelare la sua identità perché «il cantone è piccolo, la gente mormora e io vorrei davvero continuare a fare un mestiere che mi ha sempre appassionato». Matilde è un’infermiera come quelli che applaudivamo dalle finestre, prima di dimenticarcene di nuovo e passare ad altro. Lavora in cure intense ma adesso è esausta, e non è solo colpa dell’onda anomala con la quale il virus ha destabilizzato l’intero settore delle cure ospedaliere: «Non si può più andare avanti in questo modo, sarebbe ora di affrontare sul serio le difficoltà strutturali: carenza di personale, turni spossanti, paghe inadeguate, un tasso di abbandono del mestiere elevatissimo». Il suo non sembra davvero un caso isolato: la Svizzera è terzultima tra i Paesi Ocse nel raffronto tra la paga degli infermieri e il salario medio nazionale; il 36% del personale è straniero e la metà del totale abbandona la professione entro i primi dieci anni.

‘Sono anni che si continua a tagliare il tagliabile’

L’anno pandemico per Matilde è stato quello «di una collaborazione fantastica coi colleghi, ma anche di stress crescente. A lungo andare, l’entusiasmo iniziale ha lasciato il posto alla stanchezza: in cure intense può ancora capitare di lavorare con un rapporto 3 a 1 tra pazienti e infermieri, anche quando quello corretto per i casi più gravi sarebbe di un infermiere e mezzo per ciascun paziente». Soprattutto dopo l’attenzione mediatica dei primi mesi di Covid, «ci aspettavamo che a lungo andare ci sarebbe stato concesso qualche miglioramento, ma così non è stato: ad esempio non sempre abbiamo potuto recuperare le ore straordinarie ottenendo qualche giorno di riposo pianificato, né è migliorata la situazione dei turni». Difficoltà che secondo lei sarebbe sbagliato imputare solo alla pandemia: «Sono anni che si continua a tagliare il tagliabile, a chiederci sempre di più senza neppure un riconoscimento economico». Le paghe ristagnano, il superlavoro aumenta.

Matilde colloca la situazione della sua categoria all’incrocio di un’annosa serie di problemi su molti fronti: risorse umane, investimenti, formazione. «Se così tanti abbandonano è perché è pressoché impossibile conciliare il mestiere con la vita fuori dall’ospedale. Per fare solo un esempio: non abbiamo neppure un asilo al quale lasciare i nostri bambini quando veniamo a lavorare, ovvero spesso attorno alle sei del mattino. Formazioni specialistiche come quella in cure intense richiedono due anni di scuola-lavoro, ma portano scatti salariali minimi. Per addestrare nuovi infermieri poi occorrono tempo e altri infermieri disposti a farlo, ma anche questo impegno è poco riconosciuto». La passione, a un certo punto, non basta più.

‘Siamo divisi’

A livello negoziale e politico i fronti aperti sono molti, a cominciare dalla richiesta di iscrivere nella Costituzione svizzera alcuni principi (vedi sotto): il riconoscimento delle cure infermieristiche come essenziali per l’assistenza sanitaria, l’impegno a garantire maggiore formazione per poter assistere un Paese sempre più anziano – entro il 2030 si teme che mancheranno in Svizzera 65mila operatori sanitari –, paghe e condizioni di lavoro più dignitose; principi rifiutati dal Consiglio federale, sui quali forse deciderà il voto popolare. Matilde però non è granché ottimista: «Purtroppo siamo una categoria storicamente divisa, un po’ perché operiamo in molti ambiti diversi, ma anche perché c’è uno storico divario tra residenti e frontalieri (circa il 13% del totale, ndr): non voglio fare polemiche discriminatorie, capisco bene le loro diverse esigenze, ma è chiaro che per un frontaliere la questione retributiva è secondaria, a differenza che per i residenti. Queste fratture rendono difficile ottenere un buon risultato comune nel rivendicare i nostri diritti». Intanto il rischio è quello di un esaurimento nervoso: «So di colleghi che vanno avanti ad antidepressivi, io stessa che mi credevo una donna forte mi trovo sempre più fragile, piango spesso, dormo male, trasferisco le difficoltà del lavoro sui miei rapporti famigliari», dice con la voce rotta.

Di mezzo poi ci vanno non solo gli infermieri, ma anche i pazienti: «La salute psicofisica del personale di cura influenza la qualità delle cure stesse, così come fa la differenza il tempo che possiamo dedicare ai pazienti. Pensi ai malati in terapia intensiva: per spostarne uno dal letto alla poltrona possono servire due infermieri per mezz’ora, insomma, occorrono tempo ed energie. Può sembrare una cosa secondaria, ma sappiamo che in determinati casi mettere il paziente seduto agevola il processo di guarigione». Gli applausi dai balconi fanno piacere, d’accordo. Ma non bastano più.

Le contromisure

Priorità alla formazione

Tra gli attori che possono contribuire a migliorare la situazione degli infermieri c’è sicuramente l’Ente ospedaliero cantonale, che sta ridiscutendo il contratto collettivo di categoria e che abbiamo contattato per comprendere meglio la situazione e capire problemi ed eventuali contromisure. La Direzione dell’ente ha affidato le sue risposte a una nota nella quale, parlando di burnout e stati di esaustione psicofisica, precisa: “La professioni sanitarie in Svizzera sono considerate maggiormente a rischio anche in tempi normali. È troppo presto per potere affermare che le ondate di pandemia abbiano aggravato questa situazione. Da parte nostra non abbiamo notato un incremento rispetto al passato e sin da inizio pandemia è stata data massima attenzione a proteggere la salute fisica e mentale degli operatori sanitari coinvolti nella rete di gestione dell’emergenza, implementando anche risorse di supporto emotivo per sostenere gli operatori che quotidianamente si confrontano con l’emergenza”.

Quanto alle accuse di ritmi spossanti e paghe inadeguate, l’Ente chiede di comprendere la difficoltà della situazione: “Durante i picchi pandemici vi possono essere sicuramente state giornate di lavoro dove gli orari sono stati particolarmente carichi fisicamente ed emotivamente. Il personale, curante e non, ha dimostrato un impegno straordinario e un attaccamento ai propri malati”. Tuttavia “la dotazione di personale è stata costantemente adeguata al variare quotidiano del carico di lavoro. Gli stipendi non hanno subito contrazioni o altro rispetto alle condizioni usuali previste dal contratto collettivo, che ricordiamo è riconosciuto dagli stessi sindacati quale modello esemplare”.

Neppure il tasso di abbandono del mestiere e dovrebbe essere motivo di grande preoccupazione in Ticino: “Per ora in Ticino non sentiamo ancora questa tendenza”. Quanto al difficile equilibrio vita-lavoro, l’Eoc riconosce che inevitabilmente “si tratta di una professione con importanti responsabilità, che richiede un lavoro a turni e che negli ultimi anni si è evoluta anche molto a livello accademico. Il lavoro a turni influenza certamente la vita privata e sociale dei curanti e richiede un’organizzazione importante anche a livello famigliare”. Ciononostante, prosegue la nota, “negli anni abbiamo posto particolare attenzione alla qualità del contesto di lavoro e questa attenzione ci permette di valutare e introdurre progressivamente altre misure che possano facilitare la conciliazione tra vita lavorativa e vita privata”, anche se non vengono forniti ulteriori dettagli. 

Una cosa sulla quale paiono essere tutti d’accordo è invece la priorità da dare alla formazione: “In questa pandemia si è visto come le capacità del nostro sistema sanitario dipendano fortemente dal personale per numero e competenze. È sicuramente necessario formare più infermieri in Svizzera e per questo necessitiamo del supporto della politica e del finanziamento per potere rendere la professione ancora più attrattiva”.

Venendo infine più specificamente alla questione delle terapie intensive e del presunto sovraccarico nel rapporto infermieri/pazienti, l’Ente fornisce una spiegazione meticolosa: “In medicina intensiva si calcolano due tipi di rapporto tra numero di infermieri e di pazienti curati. Il primo considera il numero di pazienti dei quali un infermiere da solo può prendersi cura. Generalmente più il paziente è grave, più necessita di cure infermieristiche. Nelle situazioni più gravi un paziente può addirittura essere curato da due infermieri. Il secondo criterio è la percentuale minima di infermieri specializzati in medicina intensiva necessari durante un turno di lavoro. Questa percentuale considera almeno un terzo di infermieri specializzati. I restanti due terzi possono essere composti da infermieri non specializzati”. L’Eoc spiega ancora che “per nostra precisa scelta, abbiamo da sempre dotato i servizi di medicina intensiva con personale esclusivamente formato nella specialità e con altri pochi infermieri in formazione. Questo ha permesso, nei momenti più critici delle ondate pandemiche, di aumentare massicciamente il numero di infermieri, attingendo a personale infermieristico di differenti orizzonti (anestesia, pronto soccorso, infermieri di base, …). In questo modo è stato possibile mantenere i criteri minimi di percentuale di infermieri specializzati in turno. Questo ha richiesto un enorme sforzo di coordinazione tra persone provenienti da sedi ospedaliere differenti e di una dedizione encomiabile da parte di ciascuno”.

Una coordinazione che si estenderebbe anche alla gestione di turni e straordinari, circa i quali l’Ente smentisce alcune fonti che ci hanno parlato di settimane di lavoro al 120%: “L’organizzazione del lavoro e il grande impegno di tutti i collaboratori di ogni reparto (non solo infermieristico)  ha permesso di evitare che ciò accadesse”. Quanto agli agognati turni di riposo e a una loro adeguata pianificazione, messi a durra prova dalla pandemia, la nota conclude: “sin dalla scorsa primavera tutte le funzioni – medici infermieri, logistica, servizi generali, ecc. – hanno dato il massimo. Certamente, come tutta la popolazione, cominciamo ad essere stanchi, provati da tutto quello che abbiamo visto, fatto e che stiamo ancora vedendo. Perché anche se avere a che fare con dolore e malattia è lavoro quotidiano per i collaboratori dell’Eoc, la pandemia da Covid-19 è qualcosa che non ha precedenti. Tuttavia stiamo lavorando, come sempre, per salvaguardare il diritto alla salute, per passione e senso del dovere. Anche dopo la prima ondata, l’attività Covid e non Covid è continuata a ritmi elevati. Grazia al fatto che in Eoc gli ospedali sono in rete si è riusciti, nei limiti imposti dall’emergenza sanitaria, a permettere ai curanti di poter avere giorni di riposo. La stessa modalità è stata adottata anche per le altre funzioni operanti nell’ospedale e comunque fortemente sotto pressione, anche se non personale curante”.   

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid infermieri lavoro pandemia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved