Atalanta
2
Venezia
0
1. tempo
(2-0)
Fiorentina
0
Sampdoria
1
1. tempo
(0-1)
Losanna
Ajoie
19:45
 
Zurigo
Friborgo
19:45
 
Davos
Langnau
19:45
 
Zugo
Ambrì
19:45
 
Lugano
Ginevra
19:45
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
La Chaux de Fonds
Kloten
19:45
 
chi-ha-ancora-paura-della-trap
Andrea Bertolucci, ‘Trap Game – I sei comandamenti del nuovo hip hop’ (Hoepli)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
33 min

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
47 min

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 ora

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 ora

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 ora

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
4 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
7 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
23 ore

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
23 ore

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
1 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
1 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
1 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
2 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
2 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
2 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
2 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
2 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
2 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
2 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
2 gior

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
2 gior

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
2 gior

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
2 gior

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
2 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
3 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
3 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
4 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
4 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
4 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
5 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
5 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Spettacoli
5 gior

La sorpresa Carrisi a Tutti i colori del giallo

Lo scrittore e regista italiano presenta, in anteprima, il suo nuovo romanzo ‘La casa senza ricordi’ al festival di Massagno
L’intervista
5 gior

Il Maestro e Di Battista (jazz e cinema in ‘Morricone Stories’)

Sabato 27 novembre il Cinema Teatro di Chiasso ospita Stefano Di Battista col progetto dedicato a Morricone: tutto ebbe inizio a Roma, qualche anno fa...
Spettacoli
5 gior

Olga, tra ginnastica e politica in sala il film di Elie Grappe

Dal Festival di Cannes alla candidatura svizzera agli Oscar, il giovane regista racconta di un’atleta ucraina in esilio durante la rivoluzione
Teatro
6 gior

‘Misericordia’ di Emma Dante al San Materno

Sabato 27 e domenica 28 novembre ad Ascona la storia di Anna, Nuzza, Bettina e Arturo, nello spettacolo dell’attrice, regista e drammaturga italiana
Spettacoli
6 gior

Max Lazzarin al Murrayfield Pub

Venerdì 26 novembre dalle 22 a Chiasso, il nuovo progetto del pianista e cantante
Spettacoli
6 gior

Lugano esiste: Ermal Meta al Palacongressi il 20 marzo 2022

In radio da venerdì 26 novembre col nuovo singolo ‘Milano non esiste’, il cantautore è atteso in Ticino con l’anno nuovo
Video
Musica
6 gior

Freaky Farm, in direzione ostinata e rotante

‘Coupled Spins’ è il titolo del nuovo brano della coppia Christian Schwarz-Marco Kohler, accompagnato da un bel volo a planare girato in Namibia
Culture
6 gior

Carine Bachmann alla guida dell’Ufficio federale della cultura

Nominata oggi dal Consiglio federale, sostituirà Isabelle Chassot (Alleanza del Centro), eletta al Consiglio degli Stati per il canton Friburgo
Video
Musica
6 gior

Calicantus, ‘Somebody to love’ tra Losone e Montreux

È ‘una botta di vita’ il tributo del coro diretto da Mario Fontana a Freddie Mercury, del quale oggi ricorrono i trent’anni dalla morte
Musica
 
28.01.2021 - 06:100
Aggiornamento : 11:12

Chi ha (ancora) paura della trap?

‘Per poter criticare una cultura prima la devi conoscere’. Un libro spiega la ‘Trap life’ per filo e per segno.

È il 5 luglio del 1971 e il Cantagiro, papà del defunto Festivalbar, decide di chiudere la tappa del Vigorelli di Milano, pista ciclistica al coperto già sede del concerto dei Beatles, ospitando i Led Zeppelin. Del cast nazionalpopolare proposto dal patron Ezio Radaelli – tra gli altri Lucio Dalla, Milva, I Ricchi e Poveri, i Vianella e il Cantamondo – i giovani giunti nella metropoli per ascoltare ‘il rock’ digeriscono soltanto i New Trolls: quando sale Gianni Morandi, fatto oggetto di pomodori e bottiglie di birra, piene o mezze piene, è la rivolta; quando salgono i Led Zeppelin è il caos. Solo la casualità fa sì che dalle molotov esplose a bordo palco, dai lanci di pietre e bulloni, dalla folla squassata dal tumulto, dal fuggi fuggi generale non ci scappi il morto. Trentaquattro feriti, un poliziotto che ci rimette l’occhio, cinquanta fermi, auto distrutte, semafori abbattuti.

È l’8 dicembre del 2018 e prima che una sola nota del concerto di Sfera Ebbasta sia suonata dentro la Lanterna Azzurra di Corinaldo (Ancona), il gruppo di delinquenti che passerà alla storia come ‘La banda dello spray’ (al peperoncino) spruzza la sostanza urticante in faccia a quelli già dentro il locale per fare incetta di orologi e smartphone: è il panico, e la struttura che può ospitare 450 persone non regge le 1’400 fatte entrare abusivamente in sala, che si precipitano fuori temendo qualsiasi cosa, anche il kamikaze. Cade un ponticello con quelli che aspettano di entrare: sei vittime, una mamma di 39 anni che accompagna la figlia di 11, più cinque fan sotto i 16 anni e sopra i 14. E 59 feriti, dato che non passerà alla storia.

‘Trap, quali colpe?’, scrive Andrea Bertolucci al termine di un libro, il suo, che porta il titolo di ‘Trap Game – I sei comandamenti del nuovo hip hop’ (Hoepli). Le sei vittime di Corinaldo sono le “sei piccole stelle” che Gionata Boschetti da Cinisello Balsamo, più noto come Sfera Ebbasta, "porta oggi tatuate sulla sua fronte”, scrive Bertolucci. Un po’ come per Gianni Morandi, che nel 1971 diventò una specie di capro espiatorio per la scampata tragedia e per il fatto che i Led Zeppelin non sarebbero tornati a suonare in Italia, Sfera diventò altrettanto: “Il responsabile era già sotto i loro occhi: quello strano ragazzo coi capelli colorati che veste costoso e parla sempre di droga nelle sue canzoni. Una figura ideale e pronta per la gogna”.

È dalla fine che inizia il libro di Bertolucci (nato “all'alba dei Novanta”) in quello che è un doppio intento: ricordare che – uno – «per poter criticare una cultura prima la devi conoscere», parole sante le sue, e che – due – Corinaldo poco c’entra con la trap se non che alla Lanterna Azzurra era in programma un concerto di musica trap. Sfera Ebbasta – interpretiamo liberamente – non è responsabile dei morti di Corinaldo così come Gianni Morandi non c'entrava coi proto-black block in cerca di disordini sociali; per assonanza, non fu colpa dei Pearl Jam al Roskilde Festival del giugno 2000 in Danimarca perché non a tutti i concerti in cui si poga sotto il palco muoiono nove persone. Nemmeno fu colpa di Orietta Berti se Luigi Tenco si sparò un colpo in testa a Sanremo (al sud direbbero “lo spararono”, non fu suicidio): in quella notte del '67, un biglietto falsamente autografo del cantautore morto accusava gli organizzatori di avere mandato in finale ‘Io tu e le rose’ e l’Italia se la prese con l’usignolo di Cavriago (l'Orietta). Per par condicio, anche la musica ha le sue colpe: dai rapmetallari Limp Bizkit che invitavano a fare a pezzi Woodstock 1999 al black metal norvegese che incendiava le chiese (grazie Marco Narzisi per questa Norvegia tutta da scoprire).

I did it my way

In un mondo che ha stampato magliette raffiguranti il caso umano Sid Vicious è atto dovuto leggere almeno l’introduzione di ‘Trap Game’. Con il contributo di nomi di punta della scena trap italiana – Lazza, Vegas Jones, Ketama126, Ernia, Beba e Maruego, la partecipazione di Filippo Agostinelli, la prefazione di Emis Killa e la copertina di Moab – Bertolucci, esperto di cultura giovanile, riesce a nascondere la sua passione per la trap consegnandoci un’analisi super partes per la quale “Oddio, un libro sulla trap” diventa “Aspetta a calare la pasta che mi mancano solo quindici pagine”. Un libro alla fine del quale potremmo anche continuare a non amarla, la trap, ma senza accusarla di strage, e avendo capito qualcosa in più sui nostri figli/nipoti. E su noi stessi.

Andrea Bertolucci, lo si capisce alla fine: questo libro parte da Corinaldo…

È così. Corinaldo mi ha dato l’impulso e il bisogno di raccontare questa cultura in maniera diversa da com'era stata raccontata. Nel 2018, da salotti come quello di Barbara D’Urso, uscirono titoli fuorvianti. C’è senz’altro della pericolosità nel messaggio che questa musica può condurre, ma ancor più ve n'è nel racconto errato che facciamo di essa.

Cosa ci spaventa, ancora, della trap?

La sua provocazione, che è anche il suo appeal. È una cultura che nasce in maniera provocatoria ed è anche il motivo per il quale decide di distaccarsi totalmente dall’hip hop. Sfera Ebbasta, in una delle sue prime interviste in radio – citata nel libro, ndr – fece finta di non conoscere i Sangue Misto, che sono una delle formazioni italiane rap più importanti. Ecco, in quel momento Sfera, che i Sangue Misto li conosceva benissimo, stava già recitando la parte del trapper, colui che deve prendere le distanze da tutto ciò che è avvenuto storicamente prima di sé, nella musica rap e non solo, e deve dire di esistere solo lui, di essere il primo a fare quello che fa. Alle persone da fastidio questo, o il suo salire sul palco del Primo Maggio con due orologi da 15mila euro…

… perdonami, era la Festa dei lavoratori. Anche a me ha dato fastidio...

Se analizziamo la cosa dal punto di vista della cronaca è una provocazione fastidiosa. Salvo vedere il trapper come artista, e già cambia lo storytelling. Vale anche per le sostanze, alle quali dedico un capitolo e dalle quali prendo le distanze. Per parlare di droghe chiamo in causa uno degli artisti più noti della trap italiana che è Ketama126 – Piero Baldini da Roma: la Ketamina non c’entra, c'entra chi lo definiva “acqua cheta”, ndr – che non nasconde il suo farne uso. Chiedendogli se non si sente di essere un esempio negativo per i giovani quando sale sul palco, lui mi ha risposto che non si sente un esempio. Se lo prendiamo in quanto artista che fa uso di sostanze è sicuramente un esempio negativo; se lo prendiamo in quanto ragazzo di 26 anni che ha fatto della sua passione la sua vita e il suo lavoro, la cosa cambia. L’idea che mi sono fatto io è quella di non farmela. Messa in ambiti artistici: negli anni '80 Vasco Rossi scriveva di sostanze e non erano esempi considerati positivi per l’epoca. La trap ha bisogno di tempo per essere capita, storicizzata e per ricevere dignità artistica. E storicizzare qualcosa che stiamo vivendo è cosa difficile a farsi.

Mi stai dicendo, come darti torto, che noi sulla cinquantina in fondo siamo andati a un sacco di concerti di eroinomani, cocainomani, alcolizzati o ex tali che, di conseguenza, perché mai dovremmo stupirci se Ketama126 assume sostanze?

Esatto. È lo specchio dei tempi. Anche se l'artista trap non utilizza eroina o cocaina ma piuttosto psicofarmaci, triste da dire.

Keta ti dice anche: “L’errore in Italia è stato di pensare che fino al 2016 non ci fosse niente, poi è arrivato Sfera Ebbasta ed ecco la trap”. È anche questo che ci spaventa?

È vero. In Francia, nelle banlieue, la musica trap si era già mescolata con elementi di musica africana dando vita alla cosiddetta afro trap molto prima del 2016. In Italia siamo stati colti impreparati anche dal punto di vista estetico. Diverso è in America dove questa cultura è nata e dove, come in Francia appunto, la masticavano da più tempo di noi.

Paragoni l’avvento della trap a quello del punk…

Con le debite proporzioni, ma a mio avviso così è. Il punk ha avuto una portata storica e musicale ancor più devastante, ha un suo prima e un suo dopo. Credo che anche la trap, soprattutto in quella cultura hip hop di cui parlavo prima, lascerà un segno indelebile. E il motivo l’ho identificato nella sua la capacità di mescolarsi a generi e culture al di fuori di sé e riuscendo a volte anche a modificarli. Dal drill, la sua parte violenta anche a livello estetico, fino ai ritmi latini che troviamo in vetta alla Billboard.

Da dove si può partire per capire la trap?

Consiglierei ‘Astro World’ di Travis Scott, colui che meglio è riuscito a mixare tutti gli elementi diversi di questa cultura, il suono, il flow e cioè il testo, la rappata classica, fino agli elementi estetici legati alla moda e ai brand.

Non tutti i trapper vengono dalla strada, non tutti hanno fatto la fame. Nel libro affronti il concetto della street credibility, della credibilità della strada…

Sì, c'è chi prova a costruire una narrazione su se stesso tramite escamotage estetici, ma la credibility non si costruisce. In Italia abbiamo ‘permesso’ ad alcuni artisti di raccontarsi in quel modo anche se non arrivavano dalla strada, principalmente perché non farebbe molto figo un trapper che arriva dai Parioli. In questa cultura, non lo dimentichiamo, è forte l’elemento del prima e del dopo, del riscatto sociale: prima devo fare la fame e dopo devo essere riuscito ad arricchirmi con la musica. Se l’artista è ricco prima, manca totalmente il racconto.

Street credibility e soldi, capitolo importante del libro.

Anche qui il messaggio che passa può essere negativo, oppure quello che il duro lavoro mescolato al talento ripaga. Fatti cinque anni di conservatorio, fatti altri cinque anni di battle di freestyle (gare tra rapper su testi improvvisati, ndr) nei locali fumosi di periferia e poi diventa Lazza (Jacopo Lazzarini, che è anche un pianista, ndr). Se oggi Lazza si compra un orologio da 15mila euro che posso dire, sono felice per lui. Dipende da quale lato guardiamo la questione. È la narrazione che, in modo diverso, molti artisti in altri ambiti hanno sempre fatto e ancora fanno.

‘Le scarpe che vuoi ce le ho già fra’. ‘Sti soldi son miei, non di papà’, dice Lazza. A parte il mito dell'orologio da 15mila euro, mettiamola così, nessuno gli rinfaccerà mai di avere chiesto soldi in giro…

Infatti, la credibility. “Trovati un lavoro e dai una mano in casa piuttosto che chiedere i soldi a tua mamma”, una frase che pare la predica di tuo padre e invece lo dice Sfera in ‘Tran Tran’. Questi aspetti della trap non vengono mai raccontati. Sempre la droga, i soldi, il lato scabroso delle cose, e il sottotesto mai raccontato.

Capitolo 'Donne'.

Sì, un altro, insieme alle sostanze, dei topoi per i quali la trap viene criticata. Giustamente. È senz’altro una cultura che mantiene una sua scorza maschilista e su questo non possiamo girarci attorno. Eppure la trap lascia molto più spazio alle donne di quanto non faccia invece la vecchia scena hip hop. Il 2019, anno di maggior diffusione del rap a livello internazionale, è l’anno in cui troviamo il maggior numero di rapper e trapper donne nella top 100 di Billboard. Aggiungo un altro elemento aneddotico: molti degli artisti trap adorano la mamma. Parlo di Ghali che ha messo la sua nella copertina del singolo ‘Ninna nanna’, di Sfera che la porta in giro come fosse la sua tour manager o di Tedua che ha nominato sua madre amministratrice del gruppo Whatsapp dei suoi fan. Sempre a proposito di mamme, sul mio profilo instagram in molte mi ringraziano per avere scritto questo libro. Alcune l’hanno letto di nascosto, altre con i propri figli, ma tutte dicono che sono state aiutate a capire. Forse sono riuscito a non dividere due età anagrafiche differenti, ma a unirle nella comprensione del fenomeno.

Forse dovevo chiedertelo prima: ma è la trap, al femminile, o il trap, come lo chiama Emis Killa nella prefazione?

È una discussione che va avanti da tempo. Io la chiamo trap perché è la cultura trap. Negli Stati Uniti è ‘trap life’, la vita trap. Per la sua natura così diversificata, ognuno riesce a trovare qualche elemento personale e a declinarla come più gli piace. Ognuno risponda come sente: la trap, per come la sento io, è ermafrodita.

Di Achille Lauro, Ghali, Madame la 18enne trapper in gara a Sanremo e tutto quel che non ci stava si parla nell'intervista integrale in onda sabato 30 gennaio in ‘Generi di conforto’, il podcast de laRegione su www.laregione.ch/generidiconforto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved