jole-agostinetti-una-signora-da-palco
© Ti-Press / Samuel Golay
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
6 ore

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
5 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
5 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
6 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
6 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
1 sett

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
1 sett

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
1 sett

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
2 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
2 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
3 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
3 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Lo Scorpione

Avete un pungiglione, vero. A che vi serve però non si sa. Forse a difendervi dal mondo, perché non avete amici, “ma solo nemici” (cantavano i Litfiba)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Bilancia

Ok, per natura dovreste essere persone con un certo senso della giustizia, dicono... Ma dov’è finita? Vi hanno rubato anche quella? Buon Santo Stefano
Ticino7
4 sett

Sergio Piccaluga e l’eterna fanciullezza dell’artista

"Non osservo i fenomeni per dar conto delle mie emozioni (...). Il vero sforzo è vivere volta per volta attimi di eternità che poi vengono fatti cadere”
13.02.2021 - 18:320

Jole Agostinetti. Una signora da "palco"

Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

ʻHo iniziato nel 1973, l’altroieri quindiʼ, dice ridendo. Lei che per 47 anni ha lavorato presso i servizi del Gran Consiglio ticinese, inizialmente come funzionaria amministrativa e poi come segretaria.

“Sono un po’ emozionata”. Inizia così la chiacchierata con una donna gioviale, schietta e piena di energia, che per innumerevoli legislature è stata per tutti ‘la Jole’. “Nei primi tempi il rapporto con i deputati era strettamente lavorativo, anche perché vigeva un modo di fare più formale rispetto ad ora. I granconsiglieri arrivavano in giacca e cravatta e le signore erano elegantissime, e io, giovanissima, ne ero un po’ intimorita”, racconta. “Poi verso la fine degli anni Ottanta sono arrivati molti deputati giovani, che avevano circa la mia età, e il rapporto è diventato più rilassato. Con alcuni è nata un’amicizia, che condividiamo ancora adesso”. Crescendo, una timida Jole è diventata sempre più una donna schietta e ha superato il timore del “palco” grazie anche al teatro. “L’ho fatto a livello amatoriale per alcuni anni. Mi ha insegnato a nascondermi meno e a non essere intimorita a trovarmi sul palco del parlamento con 90 persone davanti”, dice, pensando alle sedute del Gran Consiglio. “I primi tempi, per non farmi riprendere, se dovevo andare da una parte all’altra della sala non l’attraversavo, uscivo da una porta e rientravo da quella sull’altro lato”. 

Passioni e ricordi

Inizialmente riservata ma sempre molto socievole: “Da giovane non stavo mai ferma, uscivo continuamente per stare in compagnia. Uno spirito libero insomma. Anche adesso ho molti amici e mi piace passare il tempo con loro”. Una vita sociale molto attiva ma… praticamente nessuna foto in rete. “Non mi piace farmi fotografare. Probabilmente si trova qualche scatto di me a Carnevale”. Sì, perché questa è un’altra grande passione di Jole Agostinetti, che per anni ha partecipato all’organizzazione della tendina degli Ex Malakoff-Pracarass al Rabadan di Bellinzona. “Il Carnevale mi è sempre piaciuto. Il nostro gruppo è andato avanti per parecchi anni, ma poi si è sciolto. Non c’erano più forze nuove e col passare degli anni si fa fatica. Bisogna metterci molte energie. Si cominciava a lavorare un mese prima per allestire il tutto. Ci si incontrava quasi tutte le sere. Poi c’era il lavoro durante il Carnevale stesso. Era un’attività molto divertente, ma anche molto impegnativa. Se stai dietro al bar devi stare attenta, gestisci soldi non tuoi e devi controllare la merce”. Quest’anno, causa Covid, non ci saranno i classici festeggiamenti, ma in generale è una passione che non è scemata del tutto: “Continua a piacermi. Magari adesso esco a cena e poi faccio un giretto nelle tendine. Però non sto più in giro fino alle sei di mattina. Ormai c’è un tempo per tutto”.
Giovialità e voglia di libertà che erano già presenti durante la sua infanzia: “Da piccolina chiedevo sempre ai miei genitori di portarmi dai nonni perché da loro avevo la massima libertà”. Soprattutto da quelli materni, dove la fame di libertà veniva saziata dallo stare all’aperto: “Erano contadini, c’erano gli animali e la stalla. Mi divertivo tantissimo”. Dai nonni paterni invece era un ambiente un po’ diverso: “Mio nonno faceva le parole crociate e così ho imparato anch’io e mia zia mi portava a teatro e in biblioteca; proprio da lì è nata la mia passione per la lettura. Erano due mondi differenti e probabilmente anche questo ha contribuito a creare il mio carattere, che si adatta un po’ a tutte le situazioni”.


© Ti-Press / Samuel Golay

Voltare pagina

Adesso la situazione nuova è quella della pensione. Temeva questo momento? “Un pochino sì, perché per 47 anni, cinque giorni alla settimana, per 8 ore e mezza, nove o anche dieci, ero lì. Però non starò ferma. Non sono la persona che resta chiusa in casa. Ovviamente ogni tanto ne ho bisogno, scelgo un giorno per ricaricarmi e sto da sola. Per il resto del tempo ho bisogno di avere gente attorno, di uscire, di parlare con le altre persone. Probabilmente farò del volontariato e magari, più in là, adotterò un cane”. Insomma non finirà in qualche Consiglio di amministrazione… “No no assolutamente, non voglio fare più la segretaria di nessuno. È stato bellissimo, ma è ora di dare una svolta”.
Bellissimo deve esserlo stato se è rimasta per quasi cinquant’anni. “Per me è stata una fortuna capitare lì. È un lavoro che ho apprezzato tantissimo perché molto variato, interessante, stimolante”, così tanto da stravolgere i suoi piani… “Inizialmente pensavo di lavorare un paio d’anni, risparmiare un po’ di soldi e poi andare via a imparare una lingua. Poi questo impiego mi ha affascinata. Ogni quattro anni cambia la legislatura e arrivano nuove persone da conoscere, avevo inoltre la possibilità di vedere tutto quello che succede nel nostro Cantone e le leggi che si formano. Inoltre, i temi sono variegati, vanno dalle scuole, agli ospedali, al clima, alle strade… è stato molto arricchente”. Una passione quindi, che anche se c’è la voglia di qualcosa di diverso, rimarrà: “Continuerò a mantenere l’interesse per quello che succede nel Cantone. A leggere i giornali, ascoltare la radio, guardare il telegiornale e il quotidiano. Sono aspetti che fanno parte della mia vita. Seguirò anche la politica, ma sempre dall’esterno”.


© Ti-Press / Samuel Golay

Mancherà (ne siamo certi)

Realtà politica che negli anni è molto cambiata. “Adesso la cosa più importante è diventata la visibilità. Quindi, per alcuni, l’importante è farsi vedere, poco importa quello che si dice. Conta solo fare l’intervento in aula, usandola quale palcoscenico personale alla costante ricerca di visibilità mediatica. La stampa, non me ne voglia, e i social svolgono un ruolo importantissimo adesso, e di conseguenza tutti vogliono visibilità. Ho sentito tanti interventi fatti solo per parlare. Molte volte basterebbe il voto, che ora è visibile e che rende palese l’opinione. Non è necessario intervenire ogni volta per dire la propria. Ecco vede… sono schietta”, dice ridendo. 
Insomma, un mondo politico che cambia, probabilmente come specchio anche della società: “Sia i membri del Gran Consiglio sia la gente fuori sono diventati molto critici e, a mio modo di vedere, la critica fine a se stessa non porta a nulla. Trovo comunque che manchi sempre più il rispetto nelle istituzioni. Sono in ogni caso persone che si mettono a disposizione e che dedicano parecchio tempo ed energie alla società. È difficile prendere decisioni, e lo è sempre di più, anche perché ogni scelta tocca tantissimi aspetti. Credo però che si potrebbe farlo con qualche parola in meno”. 
Società e politica sono cambiate, ma anche la tecnologia si è evoluta molto: “Nei primi anni di Gran Consiglio giravo ancora le bobine perché si registrava così”, ricorda con un sorriso che traspare anche dal telefono. “Ho vissuto la svolta tecnologica in maniera abbastanza graduale. In un primo momento ogni novità mi fa un po’ paura e mi mette un po’ d’ansia, ma poi la accetto e mi ci metto d’impegno. Sono una persona estremamente pratica, quindi se mi mostri come funziona qualcosa riesco a riprodurla, se me la spieghi in maniera astratta faccio più fatica. In ogni caso dobbiamo adattarci, perché tutto evolve in maniera molto rapida”. Aperta ai cambiamenti, allegra ed espansiva. Non è difficile immaginare quanto la sua presenza mancherà in Gran Consiglio. 

© Ti-Press / Samuel Golay
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved