c-e-una-balena-in-riva-al-ceresio-ed-e-bene-ascoltarla
La baby blue whale di ‘Echoes’ (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
7 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
8 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
9 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
11 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
14 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
14 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
14 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
15 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
2 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Arte
22.06.2021 - 16:340
Aggiornamento : 18:41

C'è una balena in riva al Ceresio, ed è bene ascoltarla

Al Parco Ciani, fino al 12 ottobre, 'Echoes - a voice from uncharted waters' di Mathias Gmachl, ovvero l'impatto delle nostre azioni sull'ambiente

Di giorno, da lontano, pare una carlinga, ma i bimbi che già vi giocano attorno probabilmente hanno capito prima dei grandi che si tratta di una balena. Il cetaceo – un esemplare da 17 metri di lunghezza per 5 tonnellate di peso – è stato in acque austriache sino all’11 giugno e ora si trova in riva al Ceresio; da qui, il 12 ottobre, s’inabisserà verso il Canada. Installazione itinerante frutto della collaborazione tra Lac, MuseumQuartier di Vienna e Quartier del Spectacles di Montréal, ‘Echoes – a voice from uncharted waters’ (Echi - una voce dalle acque inesplorate) dell’artista austriaco Mathias Gmachl è visibile al Parco Ciani, a pochi metri dalla Biblioteca cantonale, tutti i giorni dal 25 giugno nell’ambito del programma Lac Edu. Visibile e ascoltabile, perché dall’esemplare le cui linee s’ispirano al ventre striato delle balene e i cui colori sono quelli di tutte le creature marine, viene diffuso il sonoro dei mari e degli oceani, catturato dagli idrofoni degli esperti; un suono ‘vivo’, perché l’opera, così come le balene, è dotata di un suo radar, un sensore che protegge lo spazio vitale entro il quale si svolge il quieto vivere dell’animale: se lo violeremo, però, la ‘musica’ del mare diventerà inquinamento acustico e, allo stesso modo, l’illuminazione diventerà più tenue, sino a scomparire, laddove il nostro agire dovesse diventare invasivo.

‘Echoes’ è l’artistico segnale d’attenzione verso la minaccia che incombe sulle creature marine almeno sin da ‘Save the Whales’, campagna di Greenpeace degli anni '70. «Le dimensioni sono quelle di una baby blue whale», spiega Mathias Gmachl presentando l’opera ai media, «quell’età in cui le giovani balene lasciano le madri per vivere da sole. Il loro suono invita il pubblico ad ascoltare e immaginare cosa può essere la vita negli oceani, parte dell’ecosistema del pianeta in cui viviamo ma assai diverso dal nostro mondo: nelle profondità marine la luce viaggia lentamente, e per le balene comunicare significa essenzialmente ascoltare ed emettere suoni». Oltre all'elemento sensoriale, ce n'è uno fisico: «La balena occupa uno spazio di Lugano destinato a noi, un modo per dirci che dobbiamo permettere ad altre specie di poter disporre, su questo pianeta, dello spazio che necessitano per vivere».

Legame tra scienza e pubblico

Gmachl è artista, designer e ricercatore interdisciplinare, fondatore dello studio londinese Loop.pH, col il quale ha realizzato installazioni urbane che fondono arte, design, architettura, scienza e tecnologia, con il pubblico al centro: «‘Echoes’ – spiega l’artista alla ‘Regione’ a margine della presentazione ufficiale – è un progetto su più fasi: il lavoro con i musei e la creazione del lavoro, una parte molto grande, e la fase in cui ci troviamo ora, in cui l’opera ha una sua vita autonoma. È la fase in cui vediamo come le differenti città e comunità reagiscono». Una fase che riserva sorprese non soltanto al pubblico: «A Vienna ho scoperto che Otto Neurath, mente brillante che visse cent’anni fa (sociologo, economista e filosofo austriaco, ndr), realizzò una mostra di questo tipo nel 1925, nel medesimo posto, usando la balena come simbolo d’interconnessione».

‘Echoes’ è arte e informazione allo stesso tempo: «Ho collaborato con molti scienziati – dice Gmachl – ed è un rapporto che amo perché sono molto preparati nel proprio campo, con il solo limite che, a volte, sapere così tanto rende difficile connettersi con il pubblico. E io mi sento come colui che aiuta a stabilire questo legame: mi siedo al tavolo degli scienziati, cerco di capirli e provo a tradurre le loro scoperte in una forma comprensibile a tutti». Gmachl lo chiama «un modo per far partire la conversazione, niente di più di quel che da noi (in Austria, ndr) accade nelle gasthaus». Vale a dire: «Apprezzo quanto esposto nei musei e nelle gallerie, è una conversazione affascinante, ma è sempre un dialogo specialistico. Spostato negli spazi pubblici, il dialogo può interessare l'arte ma anche altro, e un pubblico più ampio».


Mathias Gmachl (Ti-Press)

Collateralmente

Intorno a ‘Echoes’ si snodano i molti appuntamenti Lac Edu direttamente connessi, inizialmente concentrati sui bambini per due attività bisettimanali e una ogni due sabati mattina, in prossimità dell'opera bel tempo permettendo, oppure tra il Lac e il Museo cantonale di storia naturale. Si andrà da ‘Echi’, workshop a cura di Federica Dubbini sul suono delle balene e il rumore che inquina la Terra, a ‘Green percussion a cura di Stone Leaf, altro workshop sui suoni ricavati da materiali riciclati e nuove tecnologie; e da ‘La mia balena’, dialogo e creazioni artistiche sul cambiamento climatico a cura di Veronica Tanzi, a ‘Upcycling’ di Sara Marinari, realizzazione di animali marini con oggetti di riciclo. E ancora, workshop di danza ‘ecologica’, sul rapporto uomo-natura a cura del Museo cantonale di storia naturale, e quello dedicato all'osservazione ‘creativa’ della natura al microscopio. Il programma completo delle iniziative è su www.luganolac/echoes.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved