lugano-nessun-rapporto-economico-tra-tether-e-la-citta
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
7 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
8 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
8 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
8 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
10 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
10 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
10 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
10 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
11 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
11 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
Mendrisiotto
12 ore

Rotary Club Mendrisiotto, Matteo Quadranti presidente

Paola Brambillasca ha ceduto il testimone. Fil rouge del nuovo corso: “Mettersi in gioco, dare, ricevere, ricambiare: servire in amicizia”
Locarnese
12 ore

Incidente a Maggia: si cercano testimoni

Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Lugano
11.04.2022 - 18:44
Aggiornamento: 19:44

Lugano, nessun rapporto economico tra Tether e la Città

Il Municipio risponde alle perplessità e ai dubbi emersi sui problemi ambientali, legali e sulle opportunità delle criptovalute

Il ‘‘Plan B’ del Municipio di Lugano, che intende fare della città un luogo di riferimento per il mondo della blockchain e quindi anche delle criptovalute, è stato fin dalla sua presentazione oggetto di perplessità e timori: consumo eccessivo di energia e infiltrazioni del malaffare, in odor di riciclaggio di denaro, sono solo alcuni degli argomenti evidenziati dai più critici. Ben tre atti parlamentari sono piovuti dal Consiglio comunale sul tavolo del Municipio: due interpellanze, una delle quali trasformata in interrogazione, e un’altra interrogazione firmata da quattro consiglieri comunali socialisti. Ora, il Municipio fornisce una risposta unica, dopo che il sindaco Michele Foletti, al termine della seduta del 4 aprile, ha già risposto all’interpellanza del Plr (prima firmataria Morena Ferrari Gamba). Dodici pagine di risposte e precisazioni, cercano di sgombrare il campo dalle numerose preoccupazioni emerse. Tra i punti centrali della risposta municipale, la non esistenza di un rapporto economico fra la Città di Lugano la società Tether - multata negli Stati Uniti per una irregolarità - con cui esiste solo un accordo di intenti; la perfetta legalità formale della criptovaluta ’di casa’, la LVGApoint, e le opportunità offerte dal forte sviluppo di questo campo. Ma andiamo con ordine.

‘In Città nuove competenze’

Fra i maggiori rilievi di questo ‘piano’, il rischio di deterioramento ambientale dovuto al forte consumo di corrente elettrica del ‘mining’ la creazione di criptovalute, che richiede potenti calcolatori. In proposito, il Municipio precisa che il Plan B "non prevede di fare di Lugano la capitale europea del mining di criptovalute e nessuno lo ha mai dichiarato". L’intento, scrive, è quello di "portare a Lugano nuove competenze ed eccellenze nel campo del blockchain". Si tratterebbe, scrive il Municipio, di "studenti e ricercatori" il cui compito sarà anche quello di realizzare soluzioni di risparmio energetico in questo campo. Come quello su cui si basa la LVGApoints, creata dalla stessa Città. "Stesso discorso vale per Tether che si basa su una tecnologia poco invasiva come, la Proof of stake". Certo, il terzo pilastro del piano è basato sulla moneta Bitcoin che è invece stata criticata per il consumo energetico. Sono tuttavia in fase di sviluppo nuove tecniche per diminuire l’impatto ambientale del Bitcoin.

‘Tether non è bandita negli Usa’

D’altro canto, il Municipio sostiene che le criptovalute rappresentano pure "l’opportunità di portare inclusione finanziaria e democratizzazione al sistema finanziario tradizionale". Un sistema che è in realtà teatro del 98% di quei ‘loschi affari’ spesso associati alle criptovalute, chiosa l’esecutivo. E qui si lega il discorso sulle società dalla reputazione non esattamente specchiata. Qui la Tether sconta una disavventura in terra statunitense: tuttavia, sottolinea il Municipio, "Tether non è bandita dagli Usa come ipotizzato dagli interpellanti" ma deve presentare rendiconti trimestrali alla procura dello Stato di New York. In tutti i casi, "Non ci sono rapporti economici diretti tra la Città e la citata azienda ma un accordo di intenti sullo sviluppo futuro di Lugano in questo nuovo contesto tecnologico". Tra i motivi che hanno portato questa società a indirizzarsi su Lugano, oltre ai tradizionali fattori di attrattività svizzeri, viene segnalato che "la quasi totalità del management" di Tether vive nella nostra regione".

‘Serve personale specializzato’

Fondamentalmente, il piano B si propone di dare una risposta, almeno parziale, al forte calo di posti di lavoro nel campo delle tradizionali attività bancarie, che ha toccato in modo particolare Lugano. In questo senso, il Municipio annota che "diverse aziende (sia locali che internazionali come ad esempio Tether), lamentano un forte manco di personale specializzato adeguatamente preparato". Insomma di opportunità ce ne sono, "solo il tempo ci confermerà se questa visione avrà portato i frutti auspicati. Tuttavia - scrive sempre il Municipio - riteniamo che anche l’immobilismo comporti importantissimi rischi intrinseci".

Leggi anche:

Lugano, dubbi e perplessità sul ‘Piano B’

Lugano, la scommessa virtuale e le perplessità reali

Lugano, chiude in attivo il consuntivo 2021

‘Lugano casa per la comunità crypto: a che prezzo?’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bitcoin criptovalute lugano municipio tether
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved