lugano-dubbi-e-perplessita-sul-piano-b
Ti-Press/Archivio
C’è chi critica la scelta della Città di diventare la capitale della tecnologia Blockchain
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
5 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
9 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
11 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
13 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
13 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
22 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
04.03.2022 - 18:19
Aggiornamento: 19:25

Lugano, dubbi e perplessità sul ‘Piano B’

Raffica di domande sulla scelta municipale di puntare su Bitcoin e Blockchian. Foletti: questioni in gran parte ‘evase’ nella presentazione di giovedì

"È al corrente dei legami di Tether con Bitfinex e delle relative vicende giudiziarie? Chi ha verificato l’effettiva solidità e solvibilità di Tether, visto che questa resta comunque legata indirettamente al Bitcoin? Se sì, con quali esiti? Spetta all’esecutivo o al legislativo determinare le modalità di pagamento delle tasse e delle imposte?" Sono le prime domande poste al Municipio di Lugano dall’interpellanza firmata dalla consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) che, nell’atto parlamentare, pone tante questioni, attraverso le quali, si evince la sua forte perplessità sulla scelta dell’esecutivo di lanciare il Plan B e far diventare la Città la capitale europea del bitcoin, sostenendo le tecnologie Blockchain. Dal canto suo, il sindaco di Lugano Michele Foletti, interpellato da ‘laRegione’, ribatte sostenendo che la maggior parte delle questioni sono state evase dalla presentazione di giovedì sera al Palazzo dei Congressi.

Tra accuse, repliche e dupliche

Il sindaco di Lugano Michele Foletti ci rimanda alle risposte che verranno fornite durante una delle prossime sedute di Consiglio comunale ma è comunque noto (o dovrebbe esserlo) che le modalità di versamento delle imposte sono di competenza dell’esecutivo. L’interpellanza vuole sapere quale sono le motivazioni all’origine della scelta di Lugano per questo tipo di transazioni. Nel testo, si richiamano due articoli, il primo del ‘Sole 24 ore’, il secondo pubblicato su ’bloomberg.com’, che raccontano le vicende giudiziarie che hanno interessato le società con le quali la Città ha dichiarato di voler collaborare. Dal quotidiano italiano, la consigliera comunale riporta, tra l’altro, che "l’ufficio del procuratore generale ha quindi accertato che il Tether non è stato sempre garantito da corrispondenti riserve in dollari, contrariamente a quanto dichiarato dalla società, almeno fino a quando è stata avviata l’indagine. Tether Limited in determinati periodi ha quindi continuato a battere la sua moneta virtuale senza le adeguate e sbandierate coperture. Solo pochi mesi fa Tether ha modificato il disclaimer presente sul proprio sito: prima affermava che dietro ogni Tether vi era un dollaro americano, ora recita che i Tether sono garantiti da dollari e altri asset e credit. Va ricordato che a differenza del Bitcoin e delle altre criptovalute, il Tether viene definito ‘stablecoin’, ovvero una valuta virtuale stabile nel suo valore agganciato alla parità uno-a-uno con il dollaro". Nel sito ripreso dall’interpellanza si parla invece di una "recentissima (risalente allo scorso febbraio) scoperta della violazione (Hack) avvenuta negli Stati Uniti nel 2016 in cui sono stati ‘rubati’ un ammontare pari a 3.6 Bilioni di dollari, dopodiché sarebbero stati effettuati alcuni arresti".

Avessero problemi, non lavorerebbero

Il sindaco si limita a dire che, se la società citata negli articoli apparsi sui media, di cui riferisce l’interpellanza, avesse davvero problemi, non potrebbe operare negli Stati Uniti, dove lavora e tuttora opera con istituti bancari. D’altro canto, sempre Michele Foletti, ribadisce la consapevolezza che il mondo delle banche tradizionali, in particolare quelle più conservatrici, rema contro la diffusione di questa tecnologia, mentre una parte degli istituti privati ha già preso contatto con la Città, ha già manifestato un forte interessamento e investono in criptovalute da anni. È quindi evidente, secondo il sindaco, che questa modalità di operare dia un certo fastidio ad alcune banche. Non solo. Sull’accusa principale legata alla carenza delle corrispondenti riserve in dollari, nel sito di Tether Operations Limited (società con la quale la Città di Lugano ha siglato il protocollo d’intesa presentato giovedì sera), fa notare Foletti, figurano tutte le certificazioni ufficiali (rinnovate ogni sei mesi) relative alla liquidità disponibile in 24 ore, ossia l’80%. Per quanto riguarda il pagamento delle imposte, in Svizzera gli enti pubblici hanno l’obbligo di convertire immediatamente in franchi i pagamenti che ricevono sotto forma di moneta virtuale.

D’altra parte, sempre giovedì sera al Palazzo dei Congressi, abbiamo riferito che il procedimento si è concluso con un patteggiamento, per delle mancanze nella copertura in dollari delle monete virtuali. Tra le domande poste da Sara Beretta Piccoli, c’è anche il timore che l’utilizzo delle valute criptate per il pagamento delle imposte o tasse in criptovalute possa favorire l’evasione fiscale o il riciclaggio di denaro. Muove da questa preoccupazione la richiesta di sapere quali approfondimenti siano stati eseguiti dalla Città. La consigliera comunale chiede e si chiede, inoltre, alla luce della criticità del momento a causa della guerra in Ucraina, se non fosse stato meglio affrontare con maggiore prudenza questo passo compiuto dalle autorità cittadine in un settore finanziario molto volatile.

Leggi anche:

Lugano apre al bitcoin, ‘saremo capitale delle criptovalute’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bitcoin blockchain domande foletti interpellanza lugano perplessità scelta tether
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved