ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Locarno
4 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Ticino
6 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
6 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
6 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
15 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
16 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
16 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
16 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
17 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
17 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
18 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
18 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
03.03.2022 - 20:57
Aggiornamento: 22:55

Lugano apre al bitcoin, ‘saremo capitale delle criptovalute’

In futuro si potranno pagare tasse e servizi comunali con monete digitali. ‘Siamo innovatori a livello europeo’.

lugano-apre-al-bitcoin-saremo-capitale-delle-criptovalute
Ti-Press
Ad ottobre Lugano ospiterà un forum mondiale

«Bitcoin e blockchain sono termini che spaventano gli ambienti istituzionali e conservatori. A Lugano invece le vediamo come un’opportunità da cogliere», così si è espresso il sindaco Michele Foletti introducendo la presentazione al ‘Lugano’s plan B’, un progetto ambizioso che mira a trasformare la Città nella capitale europea delle criptovalute. «Sono diverse le metropoli nel mondo che si sono interessate a questa tecnologia. In Lugano vediamo il potenziale di una località situata nel cuore dell’Europa che gode di grande libertà», ha spiegato Paolo Ardoino, direttore tecnico (Cto) dell’azienda Tether che ha firmato un protocollo d’intesa con le autorità per l’applicazione di questa tecnologia. «In futuro i cittadini potranno pagare le tasse e tutti gli altri servizi comunali, come ad esempio le multe o i parcheggi, in criptovalute. Anche nei piccoli commerci vogliamo portare questa tecnologia», ha spiegato Ardoino alle centinaia di persone arrivate a Palazzo dei Congressi ad applaudire entusiaste le novità messe sul tavolo.

‘Pochi rischi per Lugano, al massimo ci rimettiamo la faccia’

Quello delle criptovalute è però un mondo che ha fatto (e fa ancora) discutere per alcune sue zone d’ombra. La stessa Tether era finita sotto processo a New York, poi concluso con un patteggiamento, per delle mancanze nella copertura in dollari delle monete virtuali. «Con noi sono sempre stati molto trasparenti. Siamo a conoscenza di quello che è successo in passato, ma ci fidiamo. Il rischio maggiore in questo momento se lo sta assumendo Tether. Noi al massimo ci rimettiamo la faccia», ha risposto il sindaco. Un caso che aveva suscitato scalpore è quello di El Salvador, dove il governo sudamericano aveva aperto alla possibilità di pagamenti in bitcoin, una decisione sconsigliata da alcuni organi bancari internazionali per la volatilità delle monete virtuali e le sue fluttuazione. «Non corriamo questo rischio. In Ticino abbiamo l’obbligo come autorità di convertire immediatamente in franchi i pagamenti che riceviamo», ha proseguito Foletti. Prossimamente verrà quindi aperto un concorso per assegnare a un attore esterno la conversione dei pagamenti che la Città riceverà attraverso questa formula. «Siamo degli innovatori. Noi per primi vogliamo che ci sia una regolamentazione in questo ambito. La situazione attuale mi ricorda molto l’invenzione dell’automobile: quando è arrivata non esistevano strade o regole per circolare e chi vendeva cavalli non era certo contento. Ma è il progresso e non possiamo fermarlo», ha puntualizzato Ardoino. «La nostra società ha creato gli ‘stablecoin’ che ora sono una realtà riconosciuta e lavoriamo con attenzione all’ecologia, che è una critica che riceviamo spesso». Ma come potranno convivere banche e aziende attive nel mondo delle criptovalute? «Non le vedo in concorrenza. Proprio come autorità possiamo fare da tramite. Vedo che già alcune banche hanno integrato in alcune loro attività l’utilizzo del Lvga points, il token della Città creato qualche anno fa», ha illustrato Foletti.

‘100 milioni per attirare aziende’

Nella visione dei suoi promotori Lugano è destinata a diventare centro pulsante in grado di attirare aziende del mondo virtuale. «In centro verrà realizzato il Lugano living lab, dove start-up e progetti potranno trovare spazi per implementare l’innovazione». A finanziare questo progetto c’è un gruppo di aziende guidate proprio da Tether. Verranno messi a disposizione 3 milioni di franchi destinati ai commerci di Lugano. «Con questi soldi gli imprenditori potranno aggiornare la loro attività, aprendo ai pagamenti in criptovalute senza dover spendere di tasca propria», ha detto il Cto di Tether. A questi si aggiunge un importante fondo di 100 milioni per attirare sul territorio aziende e società. «Dobbiamo stendere loro il tappeto rosso. Sono imprese ad alto valore aggiunto che pagano ottimi stipendi. Per Lugano si tratta davvero di un’opportunità». All’interno di ‘Lugano’s plan B’ sono anche previste 500 borse di studio che verranno messe a disposizione in collaborazione con gli atenei del territorio. «Sono tecnologie nuove e mancano persone formate in questo settore. Le aziende attive nelle criptovalute sono alla costante ricerca di personale». Lugano ospiterà nel mese di ottobre un forum mondiale sul bitcoin. «Porteremo in Ticino i principali leader della finanza digitale, creando così opportunità di collaborazione», ha concluso Ardoino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved