lugano-casa-per-la-comunita-crypto-a-che-prezzo
Ti-Press
Un altro mondo?
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
4 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
9 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
11 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
12 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
12 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
21 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
16.03.2022 - 17:19
Aggiornamento: 19:03

‘Lugano casa per la comunità crypto: a che prezzo?’

Interpellanza al Municipio di Lugano chiede lumi sul progetto della Città avviato con il Gruppo Tether e sugli aspetti nocivi delle criptovalute

"Lugano casa per la comunità crypto: con chi e a che prezzo?". Questo il titolo di un’interpellanza interpartitica – prima firmataria, Morena Ferrari Gamba (Plr) – inoltrata al Municipio di Lugano. Il tema si riferisce al recente progetto presentato dalla città di Lugano con il gruppo Tether. Gli autori dell’interpellanza avanzano numerose perplessità ed evidenziano come il progetto sia in contrasto con il progetto Luganosostenibile, dal momento che le criptovalute sono considerate altamente anti-ecologiche.

7 domande alla Città

Si evidenzia inoltre nell’interpellanza: "Mediante la presentazione del 4 marzo intitolata "Plan B" il Sindaco di Lugano ha associato la città di Lugano al gruppo privato Tether di Giancarlo Devasini. Ma come si è scelta quest’azienda quando su di essa vi sono molti lati ancora oscuri e solleva molti dubbi? Negli Stati Uniti, dove probabilmente Tether non può più operare, hanno avviato diverse indagini sul Gruppo Tether e mosso accuse sulla reale capacità di copertura dei propri volumi di emissione, senza dimenticare i trascorsi penali. Questioni giuridiche e penali su cui non vogliamo entrare, ma che ci portano alla prudenza e sollevano dubbi se il Municipio abbia fatto i dovuti accertamenti e valutazioni, o per la foga di "fare" si è abboccato all’amo del miglior offerente, rischiando di mettere a rischio il futuro del nome, ma anche dell’economia della Città". Ecco le domande rivolte all’Esecutivo cittadino: 1. Per un progetto così importante, il Municipio non ha ritenuto necessario coinvolgere il Consiglio Comunale?; 2. Usi e Supsi in che misura collaborano in questo progetto?; 3. L’Associazione Bancaria è stata coinvolta o sentita per questo progetto e sul Gruppo coinvolto?; Qual è il suo parere?; 4. Come riportato dai media, il Municipio ha verificato gli importi e per quali motivi il Gruppo Tether ha versato somme a titolo di patteggiamento alle autorità giudiziarie e regolamentari americane?; 5. Chi e come è stato verificato: a. Se il consumo energetico che sarà collegato a questa iniziativa tiene conto delle attuali e future carenze energetiche, visto l’elevato consumo della blockchain?; b. Se questo progetto è conforme ai piani di riduzione rispettivamente azzeramento delle emissioni di CO2 già previsto dalla Confederazione?; c. Si tiene conto delle previste misure restrittive in discussione nel parlamento svizzero di fronte alla pericolosità dell’abuso di criptovalute?; d. È possibile conoscere il gruppo di lavoro, i promotori di questa iniziativa, elencando le loro conoscenze ed esperienze in questo settore?; 6. È già stato ottenuto un preavviso favorevole per la autorizzazione da parte della Finma e dell’autorità cantonale sull’esercizio dell’attività di fiduciario e di intermediario finanziario?; 7. Quali sono le misure concrete che sono già state adottate per garantire il rispetto delle misure antiriciclaggio, prevenire truffe ed estorsioni?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
criptovalute interpellanza lugano municipio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved