ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
44 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
46 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
3 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
3 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
3 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
30.12.2021 - 13:50
Aggiornamento: 14:10

Ex Macello, le spiegazioni del Municipio di Lugano

Il sindaco Michele Foletti ha ricevuto delega di ordinare l’evacuazione. Si cerca di convincere la persona rimasta sul tetto a scendere

ex-macello-le-spiegazioni-del-municipio-di-lugano
Ti-Press
Si cerca di convincerla a scendere

Il Municipio di Lugano ha preso posizione sulla rioccupazione abusiva dell’ex Macello avvenuta nel pomeriggio di ieri e che vede ancora la presenza di una persona sul tetto. “Sono in atto tentativi di convincerla a scendere a tutela della propria incolumità”, si legge in un comunicato.

Nella giornata di ieri il Municipio di Lugano si è riunito due volte e ha deciso di presentare denuncia penale per violazione di domicilio e impedire l’ulteriore entrata di occupanti all’interno dell’ex Macello. Ha inoltre “dato delega al sindaco Michele Foletti di ordinare l’evacuazione dell’ex Macello, dopo verifica delle condizioni operative con la polizia, quando possibile e a dipendenza dell’opportunità, nel pieno rispetto del principio della proporzionalità e di tutte le regole applicabili alle operazioni di polizia”. Il vicesindaco Roberto Badaracco è invece stato incaricato di “ricontattare gli occupanti – che lo avevano raggiunto telefonicamente nel pomeriggio con una richiesta di recupero degli effetti personali rimasti nell’ex Macello – per ribadire loro la totale disponibilità del Municipio a riconsegnare masserizie ed effetti personali ai legittimi proprietari, secondo le modalità già concordate con l’avvocato Costantino Castelli nel corso dell’estate”.
Quanto deciso dal Municipio “è stato messo in opera”.

Dopo l’evacuazione, su ulteriore richiesta di chi ancora rimaneva sul tetto, “il vicesindaco si è recato sul posto, ricevendo – oltre alla richiesta del recupero degli effetti personali – anche quella della liberazione dei due occupanti arrestati dalla magistratura a seguito del ferimento di un agente”. Quest’ultimo tema, sottolinea ancora la nota, “è evidentemente di competenza dell’autorità giudiziaria e non del Municipio”.

In merito alla richiesta degli effetti personali, “il Municipio precisa che fin da subito, dopo lo sgombero di fine maggio, è stata offerta la possibilità di recuperare gli oggetti rimasti negli spazi dell’ex Macello secondo una modalità definita con l’avvocato Castelli, al fine di procedere con una riconsegna ordinata degli oggetti ai legittimi proprietari ed evitare ulteriori denunce penali, come invece paventato dall’avvocazo Castelli”. Quest’ultimo “non ha mai dato seguito a quanto previsto e fino a oggi il Municipio non ha più avuto alcun riscontro o richiesta in merito”.

Sul canale Telegram ‘Controinforma-ti’ intanto si fa sapere che “la compagna continua a resistere sul tetto, richiedendo la scarcerazione dei due compas detenuti alla Farera e la liberazione di tutte le persone arrestate questa mattina”. All’esterno continua invece il presidio in solidarietà.

Leggi anche:

Gli autogestiti rioccupano l’ex Macello

Sgomberato l’ex Macello

Ex Macello, due arresti provvisori e 11 fermi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved