autogestione-a-lugano-quale-forza-di-mobilitazione
Una veduta panoramica aerea durante la manifestazione dello scorso 5 giugno (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
22 min

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
3 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
4 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
4 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
4 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
4 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
5 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
5 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
6 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
22.10.2021 - 19:080
Aggiornamento : 21.12.2021 - 10:23

Autogestione a Lugano, quale forza di mobilitazione?

A cinque mesi dall’abbattimento di un edificio dell’ex Macello, il Molino torna in piazza mentre è atteso a breve l’esito dell’inchiesta penale

La manifestazione in programma domani a Lugano è una sorta di ‘prova del nove’ per l’autogestione, orfana del centro sociale all’ex macello, dopo lo sgombero e la demolizione di un edificio nella notte fra il 29 e il 30 maggio scorsi. A cinque mesi dall’abbattimento su cui sta indagando il procuratore generale Andrea Pagani affiancato dal procuratore pubblico capo Arturo Garzoni, il numero di partecipanti sarà la cartina di tornasole per dimensionare l’entità del movimento e la sua capacità di mobilitare simpatizzanti e non. Difficilmente scenderanno in piazza così tante persone, oltre duemila, come successo il 5 giugno.

Intanto, emergono altri dettagli sulla notte delle ruspe. Il bisettimanale ‘Area’ ha pubblicato i contenuti di alcune mail che si sono scambiati i vertici della Polizia cantonale e delle forze dell’ordine della Città, risalenti al marzo scorso dopo la manifestazione con tafferugli alla stazione di Lugano ma prima della decisione del Municipio di inviare la disdetta della convenzione siglata a fine 2002 fra Municipio, Consiglio di Stato e associazione Alba. Nei messaggi, già allora si parlava esplicitamente di demolire uno degli stabili del sedime: “Si potrebbe chiamare l’impresa per farlo subito appena effettuato l’intervento??? Il vicecomandante della Polizia di Lugano conferma, aggiungendo però che una demolizione prevede una licenza per poter procedere. Non penso che in questo caso qualcuno sollevi la questione, comunque è bene informare chi di dovere”.

E proprio la comunicazione fra forze dell’ordine e Municipio è il mistero che l’inchiesta penale dovrà sviscerare per attribuire eventuali responsabilità. Un’inchiesta che dovrebbe concludersi fra poco (quasi sicuramente prima del voto sul referendum contro il Polo sportivo e degli eventi del 28 novembre) ma che, stando alle indiscrezioni pubblicate da tio.ch, starebbe faticando a dipanare le incomprensioni nella catena di comando che ha autorizzato lo sgombero e la demolizione di un edificio dell’ex Macello. “Il confuso intreccio di ordini e indicazioni” sarebbe tale che “potrebbe determinare un decreto di abbandono per il reato, quello politicamente più pesante, di abuso di autorità”. Le altre ipotesi di reato, prospettate contro ignoti, sono la violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia e l’infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente. Risposte evasive sono peraltro state fornite anche ai media da parte dei politici interrogati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved