autogestione-a-lugano-quale-forza-di-mobilitazione
Una veduta panoramica aerea durante la manifestazione dello scorso 5 giugno (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
6 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
6 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
6 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
6 ore

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
6 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
7 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
22.10.2021 - 19:08
Aggiornamento: 21.12.2021 - 10:23

Autogestione a Lugano, quale forza di mobilitazione?

A cinque mesi dall’abbattimento di un edificio dell’ex Macello, il Molino torna in piazza mentre è atteso a breve l’esito dell’inchiesta penale

La manifestazione in programma domani a Lugano è una sorta di ‘prova del nove’ per l’autogestione, orfana del centro sociale all’ex macello, dopo lo sgombero e la demolizione di un edificio nella notte fra il 29 e il 30 maggio scorsi. A cinque mesi dall’abbattimento su cui sta indagando il procuratore generale Andrea Pagani affiancato dal procuratore pubblico capo Arturo Garzoni, il numero di partecipanti sarà la cartina di tornasole per dimensionare l’entità del movimento e la sua capacità di mobilitare simpatizzanti e non. Difficilmente scenderanno in piazza così tante persone, oltre duemila, come successo il 5 giugno.

Intanto, emergono altri dettagli sulla notte delle ruspe. Il bisettimanale ‘Area’ ha pubblicato i contenuti di alcune mail che si sono scambiati i vertici della Polizia cantonale e delle forze dell’ordine della Città, risalenti al marzo scorso dopo la manifestazione con tafferugli alla stazione di Lugano ma prima della decisione del Municipio di inviare la disdetta della convenzione siglata a fine 2002 fra Municipio, Consiglio di Stato e associazione Alba. Nei messaggi, già allora si parlava esplicitamente di demolire uno degli stabili del sedime: “Si potrebbe chiamare l’impresa per farlo subito appena effettuato l’intervento??? Il vicecomandante della Polizia di Lugano conferma, aggiungendo però che una demolizione prevede una licenza per poter procedere. Non penso che in questo caso qualcuno sollevi la questione, comunque è bene informare chi di dovere”.

E proprio la comunicazione fra forze dell’ordine e Municipio è il mistero che l’inchiesta penale dovrà sviscerare per attribuire eventuali responsabilità. Un’inchiesta che dovrebbe concludersi fra poco (quasi sicuramente prima del voto sul referendum contro il Polo sportivo e degli eventi del 28 novembre) ma che, stando alle indiscrezioni pubblicate da tio.ch, starebbe faticando a dipanare le incomprensioni nella catena di comando che ha autorizzato lo sgombero e la demolizione di un edificio dell’ex Macello. “Il confuso intreccio di ordini e indicazioni” sarebbe tale che “potrebbe determinare un decreto di abbandono per il reato, quello politicamente più pesante, di abuso di autorità”. Le altre ipotesi di reato, prospettate contro ignoti, sono la violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia e l’infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente. Risposte evasive sono peraltro state fornite anche ai media da parte dei politici interrogati.

Leggi anche:

Clima festoso, oltre 2000 in centro per l'autogestione

Lugano agli autogestiti: 20 giorni per sgomberare

Borradori sentito 5 ore: sono tranquillo, la verità uscirà

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved