ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
1 ora

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
1 ora

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
8 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
11 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
11 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
11 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
11 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
12 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
12 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
12 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
13 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
13 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
laR
 
24.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:08

La pandemia, raccontata da una postina

Intreccia i fili della comunità di valle, ha visto ammalarsi e morire i suoi compaesani, ma non si perde d’animo

la-pandemia-raccontata-da-una-postina
Keystone

I gabinetti dei bar. «Se non fai il postino magari non ci pensi, ma quella è stata una cosa che ci è molto mancata durante i lockdown, quando facevamo il nostro giro ed era tutto chiuso. Poi per fortuna ci hanno messo a disposizione i bagni nelle case municipali e nei parchi pubblici». Postina da vent’anni in Valle di Muggio – per la precisione a Sagno, Morbio Inferiore e Superiore – Patrizia Bossi è una persona ottimista per natura, e quando le chiediamo come è cambiato il suo lavoro durante la pandemia non rinuncia a sdrammatizzare. Poi, certo, c’è stato molto altro: il grande aumento nel numero di pacchi consegnati – quando era tutto chiuso e molti di noi aspettavano i postini come fossero Babbo Natale –, le difficoltà nei turni dovute ai colleghi bloccati a casa, la paura del contagio tra quegli anziani che «alla fine sono le persone che noi postini vediamo più spesso, quelle che di noi si fidano e con noi si confidano, mentre chi lavora non è a casa quando passiamo». Però Patrizia ci tiene a specificare subito che «alla fine ci siamo venuti tutti incontro, anche tra colleghi. Magari in certi momenti dovevamo fare parecchi straordinari, però siamo riusciti a cavarcela. E poi a me piace sempre questo mestiere!»

Una famiglia in giallo

E dire che aveva cominciato quasi per caso, «quando ho saputo che la postina del paese lasciava. Allora, visto che i miei due figli cominciavano le scuole, ho pensato che fosse un lavoro che poteva fare per me»; oggi anche la figlia fa la postina. Per Patrizia «la cosa più bella è la libertà di gestirsi quando si parte per il proprio giro. Certo, rispetto a una volta, con gli scanner e la riorganizzazione dei giri, ci siamo sentiti un po’ più sotto pressione. Però resta ancora quel senso di autonomia, e poi c’è il contatto con le persone che è sempre bello». Soprattutto nelle valli, si sa, quel contatto contribuisce a intrecciare i fili della comunità: «Una cosa strana è che vedi proprio come cambia la società attorno a te. Le persone che crescono, invecchiano, le malattie e magari le guarigioni, le aspettative e i bisogni che si trasformano».

Quando è scoppiata la pandemia, Patrizia era a casa con un braccio rotto per via di una brutta caduta in bicicletta, quindi «all’inizio non ho vissuto lo shock e le difficoltà sul lavoro. Però poi sono tornata, e come tutti ho dovuto fare i conti coi cambiamenti». I pacchi, dicevamo: «Una quantità enorme. Volumi che fino al 2019 avevamo visto solo a Natale». In ogni caso, precisa, «non è che abbiamo mai lavorato in quelle condizioni spaventose di certi fattorini di cui leggiamo sui giornali (laRegione ha scritto spesso dei problemi presso il colosso privato Dpd, ndr). Io alcuni di quegli autisti li vedo, capita che cerchiamo lo stesso indirizzo, però a dire il vero non c’è mai stato il tempo per parlarsi».

Positiva, in senso buono

Patrizia è sempre allegra, sicché quasi ci scordiamo l’elefante nella stanza: la malattia e la morte che spesso hanno suonato alle stesse porte visitate dai postini. «Va detto che quello con la morte, per noi, è un rapporto più frequente di quanto magari si potrebbe pensare», ci spiega. «Oltre all’anzianità delle persone che incontriamo più spesso, c’è proprio l’abitudine di far precedere al nostro giro la lettura dei funebri sui giornali. Un modo per arrivare già preparati all’uso di una certa sensibilità, che può passare dalle condoglianze alle questioni più urgenti relative al nostro servizio». Durante la pandemia, comunque, «è chiaro che vedere tutti quei morti faceva effetto, angosciava. Ci sono stati grandi e piccoli dispiaceri, come il fatto che da due anni sia chiusa l’agenzia che avevamo alla casa anziani di Morbio Inferiore: è sempre brutto perdere il contatto con persone che ormai si conoscono, anche se è per il loro bene». Ma la postina che ogni giorno attraversa la valle in auto o in scooter non si è scoraggiata. «Mi dicevo: pensa a tutti quelli che rischiano di rimanere senza lavoro, e tu invece no. Poi ho sempre pensato che prima o poi ne saremmo usciti». D’altronde, quando le chiediamo quale sia la dote più preziosa per un postino, Patrizia usa una parola che in questi due anni aveva assunto connotazioni sinistre, restituendola a più rosei significati: «La positività».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved