fra-edy-il-convento-in-valle-e-la-pandemia
Fra Edy Rossi-Pedruzzi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
1 ora

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
1 ora

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
1 ora

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
2 ore

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
2 ore

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
2 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
Ticino
2 ore

Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio

Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
Ticino
2 ore

Da Auto Tognetti ‘scuse senza se e senza ma’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco per il cartello sulla vendita di vetture, il garage di Gordola scrive ai suoi clienti
Ticino
2 ore

Ukraine Recovery Conference, domani volano gli F/A-18

Giornata di ‘prove generali’ domani nell’ambito dei preparativi per la sorveglianza dello spazio aereo in vista dell’appuntamnto di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Una vecchia vasca del depuratore di Rancate diventa un biotopo

Il progetto è promosso dal Dipartimento del territorio e prevede di ricreare un microclima naturale in una costruzione in calcestruzzo
Ticino
4 ore

‘Noi liberi di vendere in tutto il Ticino e pure oltralpe’

Cartello delle auto, la Garage Nessi Sa si smarca e valuta un eventuale ricorso contro la sanzione della Comco nei suoi confronti
Ticino
4 ore

‘Non tutti in passato hanno agito correttamente, me ne scuso’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco, il Managing Director della Amag Mathias Gabler chiede venia. E precisa: ‘Violazioni da parte di singoli’
Ticino
4 ore

Cartello delle auto, la Comco bacchetta 7 rivenditori ticinesi

Per i responsabili sanzioni per un totale di 44 milioni di franchi. Cinque imprese disposte a concludere il procedimento in conciliazione
Ticino
6 ore

‘Anche il Ticino istituisca una Corte dei conti indipendente’

Iniziativa parlamentare di Dadò (Centro) e Aldi (Lega): ‘Come a Vaud e Ginevra, combattere la poca chiarezza e le zone grigie con 3 o 5 magistrati’
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
laR
 
09.02.2022 - 09:00
Aggiornamento: 19:35

Fra Edy, il convento in valle e la pandemia

Come hanno attraversato questi anni il guardiano dei Cappuccini di Faido, i suoi confratelli e la comunità leventinese?

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Almeno credo», «magari mi sbaglio», «per quel che ho visto io», «ora però non voglio esagerare»: quando chiediamo a Fra Edy Rossi-Pedruzzi di stilare una sorta di bilancio dopo due anni di pandemia, capiamo subito che non sarà la predica d’uno che crede di avere la verità in tasca. Il parroco delle tredici comunità di Faido, guardiano dei Cappuccini locali, è di facile autoironia e soprattutto sta molto attento a non generalizzare quel che ha visto in valle, anche se un’idea se l’è fatta: «Ne usciremo tutti migliori, come dicevano alcuni all’inizio? Francamente non credo, semmai abbiamo accumulato qualche esperienza di cui far tesoro, abbiamo imparato ad apprezzare cose che si davano per scontate. Un po’ come i ragazzini ai quali insegno religione, che quando nel 2020 hanno chiuso le scuole saltavano di gioia – l’avrei fatto anch’io al posto loro, intendiamoci –, ma poi si sono accorti di cosa perdevano, di quanto gli mancassero i loro compagni. Da allora mi pare che vengano a scuola con molto più piacere. Almeno per rivedere gli amichetti, dico, non pretendo che sia per l’ora di religione…».

Il Covid, e in particolare il primo lockdown, hanno cambiato un po’ anche la vita del convento, che in tempi normali ospita viaggiatori e pellegrini e organizza varie attività, dal doposcuola al cineforum. «Però», aggiunge subito Fra Edy, «anche nei momenti peggiori non c’è mai stato il deserto. Quando non si poteva dir Messa incontravamo la gente che ci salutava dalle finestre, ci fermavamo in mezzo alla piazza a parlare con questo e con quello. Le dirò, per certi versi il numero di persone che ha instaurato un contatto con noi – non necessariamente religioso, ma quantomeno in cerca di ascolto – è aumentato. Forse ci si è accorti un po’ di più di quanto conta il prossimo, di quanto sia importante il tempo che ci dedichiamo a vicenda. Ne ha beneficiato l’ascolto, che insieme all’attività liturgica è poi un po’ il lavoro di noi religiosi, per così dire», commenta il Cappuccino liberando una risata benevola.

Ceri e avvocati

Fra Edy, insomma, non indulge in una lettura apocalittica o moralistica del biennio pandemico, di quelle che regalerebbero un bel titolone e poca sostanza. A sentir lui alcune cose sono andate meglio del previsto, altre no, ma così è la vita: «Lo si è visto anche nelle relazioni interne alle famiglie. Al primo lockdown feci una battutaccia, dissi che avremmo dovuto ordinare un bel po’ di candele per i battesimi in arrivo. Un mio confratello, meno ottimista, disse che semmai si sarebbe dovuta ordinare una scatola di avvocati… Magari avevamo ragione entrambi: i litigi ci sono stati, ma la scatola di candele mi è comunque tornata utile».

A colpire il frate è stata in particolare l’intensità delle emozioni durante i primi mesi di pandemia, quando non si capiva bene cosa stesse succedendo e «la solidarietà si manifestò con tanta forza, quando ad esempio si trattava di aiutare gli anziani con la spesa o altro. Poi, col passare del tempo, è subentrata la stanchezza per una condizione che sembrava non avere fine». Sempre a proposito di anziani, «sono stati probabilmente tra coloro che hanno fatto più fatica ad accettare la situazione e le restrizioni. Quelli che dicevano ‘ma tanto io il Covid non lo prendo mica’, oppure ‘ormai ho ottant’anni, se vado al Creatore pazienza’, o ancora – mosche bianche, per fortuna – quelli che quando non mettevamo l’acqua santa si arrabbiavano perché ‘ma tanto è benedetta’…»

Il lungo addio

Poi ‘al Creatore’ qualcuno ci è andato davvero, e in quel caso «la cosa più dura è stata l’elaborazione del lutto. Le salme venivano portate via all’istante, non c’era tempo né modo per quelle funzioni e quei riti – anche laici – che aiutano i famigliari nel momento del distacco. Spesso abbiamo ‘replicato’ le occasioni di commiato, organizzando in un secondo momento la deposizione delle ceneri o un semplice momento di commemorazione dei defunti, una volta che la situazione sanitaria era meno grave».

In fin dei conti, riflette Fra Edy, «il senso improvviso di enorme fragilità ha tirato fuori dalle persone il loro meglio e allo stesso tempo il loro peggio. Da una parte la solidarietà, lo spirito di adattamento, l’empatia. Dall’altra certe reazioni rabbiose, aggressive, saccenti. Specie in quest’ultimo periodo in cui siamo tutti stanchi e anche le famiglie e gli amici si trovano divisi tra Pro Vax e No Vax, con troppi che credono di essere informati e cedono alla tentazione di credersi medici, senza possibilità di un dialogo, di un confronto». Di quello, insomma, che «noi religiosi impariamo assistendo i malati: ciò che serve, delle volte, è solo sedersi e ascoltare».

Il 25 febbraio del 2020 arrivava la notizia del primo contagio in Svizzera, proprio in Ticino. Questa è la quarta puntata di una serie dedicata a categorie di persone spesso lontane dai media e al loro destino dopo due anni di pandemia. Le altre sono qui

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus due anni pandemia religione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved