due-anni-di-pandemia-vissuti-dalle-badanti
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 min

Serata osservativa alla Capanna Gorda

Sabato 2 luglio si potranno osservare nebulose, ammassi e altri oggetti celesti. Con Francesco Fumagalli dell’Associazione astronomica astrocalina
Grigioni
30 min

25 first responder plus operativi in Mesolcina e Calanca

Soccorritori con una formazione aggiuntiva, entreranno in servizio a partire dal 1° luglio
Luganese
2 ore

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
2 ore

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
2 ore

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
2 ore

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
2 ore

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
2 ore

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
2 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
Ticino
2 ore

Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio

Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
Ticino
3 ore

Da Auto Tognetti ‘scuse senza se e senza ma’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco per il cartello sulla vendita di vetture, il garage di Gordola scrive ai suoi clienti
Ticino
3 ore

Ukraine Recovery Conference, domani volano gli F/A-18

Giornata di ‘prove generali’ domani nell’ambito dei preparativi per la sorveglianza dello spazio aereo in vista dell’appuntamnto di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Una vecchia vasca del depuratore di Rancate diventa un biotopo

Il progetto è promosso dal Dipartimento del territorio e prevede di ricreare un microclima naturale in una costruzione in calcestruzzo
Ticino
4 ore

‘Noi liberi di vendere in tutto il Ticino e pure oltralpe’

Cartello delle auto, la Garage Nessi Sa si smarca e valuta un eventuale ricorso contro la sanzione della Comco nei suoi confronti
Ticino
4 ore

‘Non tutti in passato hanno agito correttamente, me ne scuso’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco, il Managing Director della Amag Mathias Gabler chiede venia. E precisa: ‘Violazioni da parte di singoli’
Ticino
4 ore

Cartello delle auto, la Comco bacchetta 7 rivenditori ticinesi

Per i responsabili sanzioni per un totale di 44 milioni di franchi. Cinque imprese disposte a concludere il procedimento in conciliazione
Ticino
7 ore

‘Anche il Ticino istituisca una Corte dei conti indipendente’

Iniziativa parlamentare di Dadò (Centro) e Aldi (Lega): ‘Come a Vaud e Ginevra, combattere la poca chiarezza e le zone grigie con 3 o 5 magistrati’
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
laR
 
31.01.2022 - 05:30
Aggiornamento: 03.02.2022 - 16:20

Due anni di pandemia, vissuti dalle badanti

Storie di chi “chiuso in casa deve starci comunque”, ma ha dovuto affrontare la crisi alle prese con famiglie lontane e pazienti a rischio

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Ormai allo scadere dei due anni dall’arrivo della pandemia in Ticino, inauguriamo una serie di articoli su come hanno vissuto questo periodo alcune categorie professionali lontane dai riflettori del dibattito pubblico.

«Chiuse in casa noi badanti dobbiamo starci comunque, anche senza Covid. Ma almeno prima avevamo i nostri momenti per incontrarci tra noi, festeggiare un compleanno o un’altra ricorrenza, uscire per un attimo dalla dimensione dell’accudimento. Negli ultimi due anni ci è mancato molto, tutto questo». Si sente la stanchezza nella voce di Ioana*, che da qualche anno accompagna una signora ultranovantenne allo stadio più avanzato del morbo d’Alzheimer. «Questo periodo è stato una sofferenza per lei, ma forse ancora di più per la sua famiglia: la signora non è più in grado di esprimersi, non può usare il telefono, e per lunghi periodi i suoi hanno dovuto rinunciare anche all’ultimo contatto rimasto, quello della vicinanza fisica», ricorda Ioana, rumena. «E poi a un certo punto non li potevamo neanche portare ai centri diurni», aggiunge la sua connazionale Silvia Dragoi, che dieci anni fa si è lasciata dietro Timisoara, due lauree e trent’anni di insegnamento: «Gli anni passano, i nostri assistiti invecchiano, la loro condizione peggiora e tu ti trovi sempre lì, chiuso dentro. Intanto la tua famiglia è lontana e non puoi rivederla, perché non sai mai se sarà abbastanza sicuro, se non finirai per mettere a rischio la vita di chi accudisci o semplicemente se dovrai finire in quarantena. Le amiche – anche loro badanti, perlopiù – le senti solo al telefono, ma non è la stessa cosa».

«E poi una badante – dico ‘una’ perché il 99,9% sono donne – sviluppa come un senso di responsabilità materna, qualcosa che però, con la pandemia e il fatto di stare ancor più chiuse in casa, finisce per raddoppiare le preoccupazioni e la paura del contagio, rendendo tutto più stressante», aggiunge Carmen Chiric, che anche dopo una riqualifica continua a seguire le sue ex colleghe a nome del sindacato Unia: «Nonostante queste difficoltà, va detto che tra noi si è creata una bella rete di sostegno. Specie in questo periodo è stato importante condividere le informazioni sanitarie, di viaggio, ma soprattutto una rete di solidarietà che aiutasse tutte a ritrovare un lavoro in caso di necessità». Un lavoro vero, perché «nel nostro settore c’è anche il rischio di ritrovarsi in condizioni di illegalità, o di non vedersi riconosciuta la giusta retribuzione per le nostre mansioni, che possono variare molto: c’è chi deve ‘solo’ aiutare con la compagnia e la spesa, e chi invece non può spostarsi dal capezzale di un malato e deve intervenire attivamente per curarlo. Per fortuna, col contratto normale il lavoro nero è molto diminuito», nota Chiric. E anche se certe famiglie faticano a sostenere i costi dell’aiuto a domicilio – sebbene molte badanti prendano 3-4mila franchi al mese –, nel corso di questo biennio si è rivelato ancor più cruciale «il sostegno dei parenti dei pazienti: spesso con loro nasce un rapporto di fiducia e di solidarietà reciproca, molto importante se abbiamo un’emergenza, un imprevisto. Molto spesso sono stati proprio i famigliari dei pazienti a darci una mano». Intanto, prosegue Chiric, «ci siamo organizzati per aiutare quelli di noi che erano in condizioni di necessità: chi doveva capire che documenti compilare e che controlli fare per spostarsi, chi magari era ammalato, in quarantena e aveva bisogno della spesa. O ancora chi doveva tornare in Romania o in Polonia dopo la morte di un assistito: una fase importante per ricaricarci insieme alla famiglia, ma anche per ricordarci come mai ce ne siamo andate».

La sfida del lavoro

Con o senza pandemia, il mondo chiuso in quattro mura di molte badanti costituisce una sfida sociale seria per una società che conta sempre più anziani. «Un contratto normale di lavoro esiste, e permette di regolare il salario. Ma non è la stessa cosa per altre condizioni: la tredicesima, il diritto alla privacy così importante in condizioni di convivenza, la regolamentazione delle spese per il vitto e l’alloggio, la garanzia di non essere costretti a svolgere mansioni terapeutiche per le quali non si ha una formazione specifica sono tutte condizioni derogabili tramite un contratto individuale». Ce lo spiega Chiara Landi, sindacalista Unia responsabile del settore terziario, che ci riferisce di come il collettivo badanti sia «nato proprio per rispondere a queste difficoltà». L’ideale, spiega Landi, «sarebbe un contratto collettivo di lavoro, ma per sottoscriverne uno allo stato attuale non esiste neppure una controparte ‘padronale’. Per cui dobbiamo agire altrimenti per migliorare le condizioni di lavoro».

Una priorità, spiega, «è il sostegno pubblico ai famigliari delle persone assistite: solo con l’aiuto economico dello Stato certe famiglie possono evitare pressioni al ribasso sul salario e sulle condizioni lavorative delle badanti. Condizioni migliori – in particolare la possibilità di alternarsi in turni – sono pensabili solo se lo Stato riconosce il loro ruolo nella grande rete dell’assistenza agli anziani, cosa che ora non avviene nella giusta misura».

Nel frattempo, la pandemia ha colpito duro e «chi si è trovato impossibilitato a lavorare non ha potuto beneficiare neppure del lavoro ridotto». Tra l’altro «sempre più badanti vengono non più dall’Est Europa, ma dall’Italia, hanno spesso una formazione infermieristica, ma per mesi si sono trovate anch’esse isolate dalla famiglia d’origine a causa dei rischi di contagio. Nel frattempo, il ruolo fondamentale di tutte loro si è reso ancora più evidente, ragione in più perché la politica si faccia carico di una situazione difficile».

*Vero nome noto alla redazione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
due anni pandemia famiglie lavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved