due-anni-di-pandemia-vissuti-dalle-badanti
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
15 min

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
1 ora

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
1 ora

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
2 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
3 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
4 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
Locarnese
5 ore

Vergeletto, evento benefico alla pista

Sabato dalle 11 si presenta al pubblico l’Associazione Dsa Adhd. Maccheronata e giochi allietano la giornata
Grigioni
5 ore

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
Mendrisiotto
6 ore

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
Grigioni
6 ore

Niente fuochi d’artificio neppure a Ferragosto a San Bernardino

Le pessime condizioni idriche e il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto rimandano la ricorrenza all’anno prossimo
Mendrisiotto
6 ore

Cucina, musica e sport per le feste della Sav Vacallo

L’appuntamento si terrà all’ex asilo Riva e inizierà mercoledì 17 agosto con la proiezione di ‘Spider-Man’
Mendrisiotto
7 ore

Serata al chiar di luna alle scuole di Lattecaldo

L’evento, con entrata libera, si terrà venerdì 19 agosto nell’anfiteatro del centro scolastico
Grigioni
7 ore

A San Bernardino si danno i numeri a suon di musica

Domenica 14 agosto dalle 17 alle 19 verrà organizzata una tombola a ritmo delle melodie della fisarmonica, ricchi premi della regione in palio
Ticino
7 ore

Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni

L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Locarnese
7 ore

Locarno, lavori di pavimentazione stradale

Interesseranno da mercoledì prossimo a fine settembre la via Rinaldo Simen
Locarnese
8 ore

Minusio, miniferrovia in funzione

I convogli elettrici e a vapore circoleranno domenica dalle 20 alle 21.30
Luganese
9 ore

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand di Iseo

Appuntamento sabato 13 agosto allo stand di 300 metri. Sarà ancora possibile sparare sabato 27 agosto
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
laR
 
31.01.2022 - 05:30
Aggiornamento: 03.02.2022 - 16:20

Due anni di pandemia, vissuti dalle badanti

Storie di chi “chiuso in casa deve starci comunque”, ma ha dovuto affrontare la crisi alle prese con famiglie lontane e pazienti a rischio

Ormai allo scadere dei due anni dall’arrivo della pandemia in Ticino, inauguriamo una serie di articoli su come hanno vissuto questo periodo alcune categorie professionali lontane dai riflettori del dibattito pubblico.

«Chiuse in casa noi badanti dobbiamo starci comunque, anche senza Covid. Ma almeno prima avevamo i nostri momenti per incontrarci tra noi, festeggiare un compleanno o un’altra ricorrenza, uscire per un attimo dalla dimensione dell’accudimento. Negli ultimi due anni ci è mancato molto, tutto questo». Si sente la stanchezza nella voce di Ioana*, che da qualche anno accompagna una signora ultranovantenne allo stadio più avanzato del morbo d’Alzheimer. «Questo periodo è stato una sofferenza per lei, ma forse ancora di più per la sua famiglia: la signora non è più in grado di esprimersi, non può usare il telefono, e per lunghi periodi i suoi hanno dovuto rinunciare anche all’ultimo contatto rimasto, quello della vicinanza fisica», ricorda Ioana, rumena. «E poi a un certo punto non li potevamo neanche portare ai centri diurni», aggiunge la sua connazionale Silvia Dragoi, che dieci anni fa si è lasciata dietro Timisoara, due lauree e trent’anni di insegnamento: «Gli anni passano, i nostri assistiti invecchiano, la loro condizione peggiora e tu ti trovi sempre lì, chiuso dentro. Intanto la tua famiglia è lontana e non puoi rivederla, perché non sai mai se sarà abbastanza sicuro, se non finirai per mettere a rischio la vita di chi accudisci o semplicemente se dovrai finire in quarantena. Le amiche – anche loro badanti, perlopiù – le senti solo al telefono, ma non è la stessa cosa».

«E poi una badante – dico ‘una’ perché il 99,9% sono donne – sviluppa come un senso di responsabilità materna, qualcosa che però, con la pandemia e il fatto di stare ancor più chiuse in casa, finisce per raddoppiare le preoccupazioni e la paura del contagio, rendendo tutto più stressante», aggiunge Carmen Chiric, che anche dopo una riqualifica continua a seguire le sue ex colleghe a nome del sindacato Unia: «Nonostante queste difficoltà, va detto che tra noi si è creata una bella rete di sostegno. Specie in questo periodo è stato importante condividere le informazioni sanitarie, di viaggio, ma soprattutto una rete di solidarietà che aiutasse tutte a ritrovare un lavoro in caso di necessità». Un lavoro vero, perché «nel nostro settore c’è anche il rischio di ritrovarsi in condizioni di illegalità, o di non vedersi riconosciuta la giusta retribuzione per le nostre mansioni, che possono variare molto: c’è chi deve ‘solo’ aiutare con la compagnia e la spesa, e chi invece non può spostarsi dal capezzale di un malato e deve intervenire attivamente per curarlo. Per fortuna, col contratto normale il lavoro nero è molto diminuito», nota Chiric. E anche se certe famiglie faticano a sostenere i costi dell’aiuto a domicilio – sebbene molte badanti prendano 3-4mila franchi al mese –, nel corso di questo biennio si è rivelato ancor più cruciale «il sostegno dei parenti dei pazienti: spesso con loro nasce un rapporto di fiducia e di solidarietà reciproca, molto importante se abbiamo un’emergenza, un imprevisto. Molto spesso sono stati proprio i famigliari dei pazienti a darci una mano». Intanto, prosegue Chiric, «ci siamo organizzati per aiutare quelli di noi che erano in condizioni di necessità: chi doveva capire che documenti compilare e che controlli fare per spostarsi, chi magari era ammalato, in quarantena e aveva bisogno della spesa. O ancora chi doveva tornare in Romania o in Polonia dopo la morte di un assistito: una fase importante per ricaricarci insieme alla famiglia, ma anche per ricordarci come mai ce ne siamo andate».

La sfida del lavoro

Con o senza pandemia, il mondo chiuso in quattro mura di molte badanti costituisce una sfida sociale seria per una società che conta sempre più anziani. «Un contratto normale di lavoro esiste, e permette di regolare il salario. Ma non è la stessa cosa per altre condizioni: la tredicesima, il diritto alla privacy così importante in condizioni di convivenza, la regolamentazione delle spese per il vitto e l’alloggio, la garanzia di non essere costretti a svolgere mansioni terapeutiche per le quali non si ha una formazione specifica sono tutte condizioni derogabili tramite un contratto individuale». Ce lo spiega Chiara Landi, sindacalista Unia responsabile del settore terziario, che ci riferisce di come il collettivo badanti sia «nato proprio per rispondere a queste difficoltà». L’ideale, spiega Landi, «sarebbe un contratto collettivo di lavoro, ma per sottoscriverne uno allo stato attuale non esiste neppure una controparte ‘padronale’. Per cui dobbiamo agire altrimenti per migliorare le condizioni di lavoro».

Una priorità, spiega, «è il sostegno pubblico ai famigliari delle persone assistite: solo con l’aiuto economico dello Stato certe famiglie possono evitare pressioni al ribasso sul salario e sulle condizioni lavorative delle badanti. Condizioni migliori – in particolare la possibilità di alternarsi in turni – sono pensabili solo se lo Stato riconosce il loro ruolo nella grande rete dell’assistenza agli anziani, cosa che ora non avviene nella giusta misura».

Nel frattempo, la pandemia ha colpito duro e «chi si è trovato impossibilitato a lavorare non ha potuto beneficiare neppure del lavoro ridotto». Tra l’altro «sempre più badanti vengono non più dall’Est Europa, ma dall’Italia, hanno spesso una formazione infermieristica, ma per mesi si sono trovate anch’esse isolate dalla famiglia d’origine a causa dei rischi di contagio. Nel frattempo, il ruolo fondamentale di tutte loro si è reso ancora più evidente, ragione in più perché la politica si faccia carico di una situazione difficile».

*Vero nome noto alla redazione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
due anni pandemia famiglie lavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved