pandemia-e-prostituzione-un-biennio-difficile
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
1 ora

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
1 ora

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
1 ora

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
1 ora

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
1 ora

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
2 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
Ticino
2 ore

Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio

Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
Ticino
2 ore

Da Auto Tognetti ‘scuse senza se e senza ma’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco per il cartello sulla vendita di vetture, il garage di Gordola scrive ai suoi clienti
Ticino
2 ore

Ukraine Recovery Conference, domani volano gli F/A-18

Giornata di ‘prove generali’ domani nell’ambito dei preparativi per la sorveglianza dello spazio aereo in vista dell’appuntamnto di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Una vecchia vasca del depuratore di Rancate diventa un biotopo

Il progetto è promosso dal Dipartimento del territorio e prevede di ricreare un microclima naturale in una costruzione in calcestruzzo
Ticino
3 ore

‘Noi liberi di vendere in tutto il Ticino e pure oltralpe’

Cartello delle auto, la Garage Nessi Sa si smarca e valuta un eventuale ricorso contro la sanzione della Comco nei suoi confronti
Ticino
4 ore

‘Non tutti in passato hanno agito correttamente, me ne scuso’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco, il Managing Director della Amag Mathias Gabler chiede venia. E precisa: ‘Violazioni da parte di singoli’
Ticino
4 ore

Cartello delle auto, la Comco bacchetta 7 rivenditori ticinesi

Per i responsabili sanzioni per un totale di 44 milioni di franchi. Cinque imprese disposte a concludere il procedimento in conciliazione
Ticino
6 ore

‘Anche il Ticino istituisca una Corte dei conti indipendente’

Iniziativa parlamentare di Dadò (Centro) e Aldi (Lega): ‘Come a Vaud e Ginevra, combattere la poca chiarezza e le zone grigie con 3 o 5 magistrati’
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale getta l’àncora: il porto si farà

Individuata la zona (Sant’Antonio), saranno creati ulteriori 75 posti barca e recuperate le rive del lago. Messi in consultazione piani e rapporti
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
04.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:44

Pandemia e prostituzione: un biennio difficile

Una professionista del settore ci racconta le sue difficoltà tra clienti impauriti, timore del contagio e difficoltà economiche

La chiameremo Camilla, visto che il suo vero nome non possiamo scriverlo, perché «io sono una escort di classe, mica una da dieci franchi e via, nel mio lavoro la privacy è fondamentale». Eppure anche per lei – residente in Svizzera, attiva in Ticino e a Ginevra, con le sue origini brasiliane ad addolcire un italiano fluente – il biennio pandemico «è stato un periodo brutto, te lo dico in tutta sincerità. Brutto brutto. C’è la crisi, la gente ha perso il lavoro. Sono stata ferma per mesi, e anche ora guadagno forse il 40% di quanto prendevo prima. Mi salvano solo i clienti più affezionati, per fortuna che ci sono loro!».

I lockdown e la paura del contagio continuano a ostacolare il mestiere di Camilla, che peraltro quando è possibile è spesso all’estero, al seguito dei clienti. Anche ora che molti sono vaccinati la ‘domanda’ langue, e gli aiuti dello Stato non bastano: «Tra affitto e cassa malati dove vuoi che vada, se per la perdita di guadagno ricevevo solo 600 franchi? Ho dovuto dar fondo ai miei risparmi, ormai sto quasi a zero» (altre professioniste ci hanno invece segnalato cifre maggiori, ndr). Anche perché «un giorno vorrei passare dal permesso C al passaporto svizzero, ma con le nuove leggi non si può fare se hai ricevuto gli aiuti sociali. E io non voglio che qualcuno pensi che voglio approfittare della Svizzera. Non sono un parassita. Io voglio lavorare, se posso».

Anche volendo non sarebbe facile trovare un altro mestiere, reinventarsi: «Ho sette diplomi come massaggiatrice, ma dove andavo se tutti i terapisti erano chiusi? E poi c’è ancora un pregiudizio forte contro di noi, in pochi ci accettano». Sicché «quando la polizia ci ha permesso di ricominciare, ho fatto il possibile e ho girato tutta la Svizzera per guadagnare qualcosa. C’era sempre la paura di prendere il virus e che mi succedesse qualcosa di brutto, ma cosa vuoi farci? Lavorare si deve». Però, prosegue, «la sai una cosa strana? Prima la polizia mi controllava sempre – il domicilio, il permesso, le regole… – e invece durante il Covid neanche una volta, da nessuna parte in Svizzera».

Il problema, nel ramo di Camilla, è anche che «alla fine puoi proteggerti solo fino a un certo punto: finché faccio un massaggio posso tenere la mascherina, ma quando faccio altre cose ovviamente no. E so che devo essere io a premunirmi anche per i clienti, loro vogliono star bene e basta, in quei momenti non vogliono più pensare al virus». Per questo, spiega, «oltre alle docce, al dare aria alla stanza e a tutto quello che facevo anche prima, mi procuro il disinfettante come quello degli ospedali. Anche i fazzolettini sono Sterillium, mica quelli del discount. Il mio medico, che è bravissimo, mi ha dato molti consigli. Vorrei sapere se anche quelle che fanno questo lavoro senza permessi rispettano tutte queste regole».

Quando è arrivato il vaccino, Camilla non ha avuto dubbi: «Ho sempre fatto attenzione alla mia salute e a quella degli altri, faccio già tutti i test ogni tre mesi per Hiv, epatite, clamidia, sifilide. Siccome avevo avuto anche qualche problema cardiaco in passato, appena è stato possibile sono corsa a farmi vaccinare. Prima, seconda dose e booster, già a dicembre. Ci sono diversi clienti che mi chiedono il Covid pass, e io glielo mostro». Che fare, però, coi clienti No Vax che pretendono prestazioni? «Tesoro, io faccio quello che posso per proteggere anche loro, ma mica posso obbligarli…».

Zonaprotetta

‘Aiutare le donne, difendere la salute’

A confermare le molte difficoltà di questo biennio è Vincenza Guarnaccia, responsabile del progetto Primis per Zonaprotetta, associazione che offre sostegno alle persone che lavorano nel settore erotico: «Fino a settembre, almeno chi si trova qui con regolare permesso e ha le carte in regola per esercitare poteva beneficiare delle indennità per perdita di guadagno».

Da ottobre invece «non è più così: secondo la Confederazione l’attuale mancanza di opportunità non sarebbe più dovuta alle restrizioni imposte, sebbene sia chiaro che è piuttosto difficile operare quando Berna richiede a tutti mascherine e telelavoro, così come è comprensibile che tanto i clienti quanto le operatrici abbiano paura».

Guarnaccia – la cui associazione ha già elargito molti aiuti nei casi di emergenza, «anche solo per fare la spesa», ma ora sta esaurendo i fondi – auspica che «si possa tornare a godere delle Ipg e che si prolunghi la prestazione ponte Covid, come richiesto anche dal governo cantonale» (la prestazione ponte sostiene proprio le persone in condizione di emergenza, in particolare indipendenti, ma anche dipendenti che non beneficiano delle indennità previste dalla Legge sull’assicurazione contro la disoccupazione; il Consiglio di Stato ha chiesto che la si prolunghi ancora di almeno sei mesi).

Per Guarnaccia «occorre mettere le persone nelle condizioni di svolgere il proprio lavoro con la responsabilità che d’altronde hanno sempre dimostrato. Ma questo è molto difficile senza un sostegno». La responsabile di Primis teme in particolare che «insieme all’indebitamento aumentino lo sfruttamento e l’accettazione di rapporti a rischio, con prevedibili conseguenze per la salute pubblica».

Questa è la seconda uscita di una rubrica dedicata a categorie di persone spesso lontane dai media e al loro destino dopo due anni di pandemia. La prima ‘puntata’ la trovate qui.

Leggi anche:

Due anni di pandemia, vissuti dalle badanti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus due anni pandemia prostituzione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved