liceo-di-bellinzona-23-docenti-offrono-lezioni-di-recupero
L'iniziativa partirà nei prossimi giorni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
11 min

Scontro fra treni nella Vereina: fu negligenza

All’origine dell’incidente tra il convoglio navetta e uno passeggeri l’inosservanza di un segnale d’arresto
Grigioni
47 min

Scorribanda del lupo in Mesolcina: uccise nove pecore

La macabra scoperta risale a ieri, in località Ogreda. Dove cinque anni fa a far parlare di sé era stato M75
Bellinzonese
2 ore

Diploma d’onore a quattro agenti della Polizia cantonale

Sono stati premiati dalla Fondazione Carnegie per i salvatori di vite umane per aver impedito che un conducente in contromano provocasse un incidente
Mendrisiotto
4 ore

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Luganese
4 ore

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
4 ore

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
11 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
11 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
15 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
15 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
10.03.2021 - 12:07

Liceo di Bellinzona, 23 docenti offrono lezioni di recupero

Iniziativa spontanea e gratuita di un gruppo d'insegnanti per dare una mano agli studenti maggiormente in difficoltà

Una ventina di docenti del Liceo di Bellinzona si è rimboccata le maniche per allestire un progetto di sostegno didattico a favore degli allievi in difficoltà. Si tratta di un’iniziativa personale, volontaria e gratuita che la Direzione appoggia garantendo il supporto logistico. Nel testo inviato nei giorni scorsi al corpo studentesco viene specificato che si tratta di un aiuto “limitato ma concreto” che “pur non potendo offrire alcuna garanzia di successo, consentirà verosimilmente di recuperare fiducia e studiare con maggiore efficacia”. La lodevole iniziativa parte da una constatazione di fondo secondo cui il percorso liceale “non è semplice” specie considerando gli ostacoli supplementari aggiuntisi durante l’ultimo anno: “Da un lato le condizioni del passaggio all’ordine scolastico o alla classe successivi sono state meno restrittive; dall’altro la preparazione tramite la didattica a distanza si è rivelata in generale meno efficace”.

Opinioni a confronto

Al tema, ricordiamo, la scorsa estate la redazione bellinzonese della ‘Regione’ ha dedicato quattro pagine di approfondimento partendo dalle severe critiche espresse da alcuni genitori nei confronti di quei ‘prof’ che durante il lockdown avevano drasticamente ridotto l’insegnamento; critiche cui alcuni docenti hanno replicato evidenziando l’impegno profuso e le difficoltà generali dell’insegnamento in remoto; dibattito cui ha preso parte anche il Sindacato degli studenti che ha sollecitato il Decs affinché avviasse corsi di recupero; pure messo in luce un sondaggio fra studenti sulla qualità dell'insegnamento offerto a distanza.

Il perché della mano tesa

Su questi punti, la riflessione messa ora nero su bianco dagli insegnanti che hanno deciso di attivarsi spontaneamente, è che “potrebbero essere emerse l’impressione di non aver potuto approfittare nel modo giusto delle lezioni in remoto, nonché l’esigenza urgente di rivedere in modo puntuale alcune tematiche affrontate in quel modo inedito”. A queste riflessioni si aggiunge il fatto che le incertezze economiche “pesano su alcune famiglie più che su altre: si pensi per esempio ai nuclei familiari monoreddito, o a genitori che lavorano nei settori maggiormente colpiti dalle misure restrittive di protezione”. Famiglie per le quali “il ricorso alle lezioni private può risultare troppo oneroso”.

Non esclusa la necessità di selezionare

Da qui ha preso vita l’iniziativa di 23 docenti che durante le prossime settimane metteranno a disposizione gratuitamente una novantina di ore (quattro ciascuno) in tutti gli ambiti disciplinari. Gli allievi potranno iscriversi tramite il formulario ottenibile in segreteria; qualora la richiesta fosse oltremodo elevata, sarà fatta una scelta basata sulle priorità dettate dal profitto del singolo allievo a dalla sua capacità di definire le proprie difficoltà.

Leggi anche:

Liceo di Bellinzona, dure critiche al corpo insegnante

Liceo di Bellinzona e lockdown: ora parlano i docenti

Liceo di Bellinzona e lockdown, 'bilancio in chiaro-scuro'

Liceo Bellinzona, gli allievi chiedono un approccio diverso

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
difficoltà liceo bellinzona recupero studenti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved