liceo-di-bellinzona-dure-critiche-al-corpo-insegnante
Insegnamento a distanza al Liceo, qualcosa non ha funzionato: dito puntato sui docenti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
5 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
7 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
7 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
11 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
14 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
18 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
1 gior

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
1 gior

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
1 gior

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
1 gior

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
1 gior

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
1 gior

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
1 gior

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
laR
 
06.07.2020 - 06:10
Aggiornamento : 13:09

Liceo di Bellinzona, dure critiche al corpo insegnante

Alcune testimonianze raccolte dalla redazione sul periodo di lockdown parlano di docenti assenti e menefreghisti verso i bisogni didattici degli studenti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Se da una parte un discreto numero di studenti iscritti al Liceo di Bellinzona ha marinato le lezioni in tempo di coronavirus dopo la comunicazione del Decs secondo cui la promozione a fine anno sarebbe stata assicurata in virtù delle note ricevute sino a inizio marzo, e che per quelli di quarta non vi sarebbero stati esami di maturità, dall’altra un buon numero di docenti – stando a informazioni raccolte dalla 'Regione' – ha adottato un profilo basso. Lo ha fatto palesandosi unicamente via mail con l’invio – sporadico o massiccio a dipendenza dei casi, ma in ogni caso non coordinato – di esercizi, schede ed elementi nuovi senza un adeguato accompagnamento didattico che avrebbe richiesto spiegazioni tramite videolezioni e/o telefonate. Comportamento che ha obbligato lo studente a trasformarsi in autodidatta e che, proprio per questo, raccoglie le critiche oltre che dei liceali stessi, anche di alcuni genitori sentiti dalla redazione. Un agire avvenuto in barba alle direttive emanate dal Decs secondo cui “nel periodo d’insegnamento a distanza i docenti devono avere contatti personali regolari di interazione diretta con ogni allievo (ad esempio tramite telefono, videochiamata, ecc.) e prestare attenzione particolare ai riscontri delle classi e dei singoli allievi, come pure alle situazioni di fragilità e rischio. È necessario avere un occhio di riguardo anche per gli allievi che si ha l’impressione fatichino a seguire la didattica a distanza”. 

C’è chi si dice schifato dall’atteggiamento

Genitori delusi e preoccupati dunque per quanto accaduto, considerando anche le incognite sulla ripartenza scolastica immaginabile a settembre. Qualcuno si dice addirittura «schifato» - questo il termine usato - dall’atteggiamento del corpo insegnante. Stando alle testimonianze raccolte emerge che in media solo un docente su quattro o cinque si sia attivato proponendo videolezioni e interagendo con contatti frequenti. Per contro si sente parlare bene di come abbiano gestito il lockdown altre scuole medie superiori come Commercio, Arti e mestieri, Centro professionale sociosanitario.  

‘Un pessimo esempio per le nuove generazioni’

«Nel momento in cui ampie fette della popolazione hanno dovuto reagire e organizzarsi in mille modi per portare a casa almeno parte del salario - solleva la madre di un’allieva di prima - qui abbiamo visto una categoria di dipendenti dello Stato ricevere la paga al 100% prendendosi però la libertà di decidere come non proporre un adeguato insegnamento a distanza. Ritengo che il messaggio giunto dall’alto, che garantiva il salario pieno, sia stato disincentivante. Anche per una questione di solidarietà nei confronti di molte categorie di dipendenti e imprenditori fattisi in quattro per non affondare, più opportuno sarebbe stato condizionare una parte dello stipendio all’effettivo impegno dimostrato nel seguire le classi e gli studenti. Stiamo parlando di una categoria di professionisti che, pur considerando le difficoltà che essi stessi possono aver avuto tra le mura domestiche durante il lockdown, ha mancato l’occasione per dare l’esempio di come si può affrontare un periodo di crisi. In troppi casi l’esercizio si è limitato all’invio di materiale didattico, mentre è stata assente la parte dell’ascolto e la voglia di portare correttivi e migliorie nell’insegnamento a distanza laddove necessario. Settimana dopo settimana si è percepito chiaramente che l’opinione espressa dagli studenti, a volte singolarmente e altre volte in modo collettivo, non andava a sollecitare nel corpo insegnante alcuna riflessione o dibattito bidirezionale». L’impressione, conclude la nostra interlocutrice, «è che al Liceo di Bellinzona sia mancato un leader che sapesse indicare una strategia comune interna all’istituto, da strutturare coinvolgendo e motivando il corpo insegnante verso la sfida comune». 

La farsa dell’ultimo incontro a scuola

Per fare qualche esempio, il padre di un allievo di seconda rimarca la decisione di una docente di far svolgere una ricerca abbastanza importante, «infine valutata superficialmente con un laconico ‘bene’ o ‘male’, senza aggiungere indicazioni di dettaglio né correzioni utili a comprendere la qualità di quanto proposto dall'allievo. Nell’evoluzione scolastica di mio figlio, questo approccio contribuisce davvero poco. Ciliegina sulla torta la farsa dell’ultimo incontro di tre ore in presenza, al quale metà dei docenti era assente». In un caso – nel quale peraltro la maggior parte della classe non ha lesinato critiche verso il docente di classe e i suoi colleghi – risultano essere stati presenti solo due insegnanti su dodici. Tale atteggiamento, aggiunge il genitore, «non ha fatto altro che rafforzare l’opinione critica che molti allievi avevano del corpo insegnante già prima del lockdown. Molto apprezzato invece l’impegno di coloro, troppo pochi, che hanno proseguito l’insegnamento in video, una modalità nuova per tutti e recepita positivamente, specie dagli studenti che già avevano dimestichezza con i mezzi informatici». E sono la maggior parte.

Due sms contraddittori

Problematica – aggiunge il padre di un allievo di quarta ‘maturato’ senza esami finali – è stata la libertà d’azione lasciata ai singoli insegnanti: «Quando il Decs ha comunicato che non vi sarebbero stati gli esami finali, qualche istante dopo mio figlio ha ricevuto sul cellulare due messaggi. Nel primo un docente riteneva praticamente chiuso l’anno scolastico, nel secondo un suo collega indicava la volontà di proseguire l’insegnamento sino a fine anno. Considerando che le direttive del Decs erano chiare, mi chiedo se le abbia fatte rispettare intervenendo sulla Direzione dell’istituto, affinché questa spronasse il corpo insegnante ad applicarsi richiamando all’ordine i negligenti». Facendo un bilancio, «ritengo che la parte che ha lavorato seriamente farà meno rumore di quella che si è bellamente imboscata. La Direzione in realtà non ha controllato a sufficienza i docenti; per contro ho visto che la classe stessa vigilava e spronava taluni allievi, un po’ latitanti, a una maggiore presenza online».

Dal Decs in arrivo un sondaggio

Per capire cosa non abbia funzionato a dovere al Liceo di Bellinzona nell'insegnamento a distanza e invitati a interpellare il Dipartimento educazione, cultura e sport dal direttore Omar Gianora cui ci siamo rivolti in prima battuta, abbiamo contattato il direttore della Divisione della scuola Emanuele Berger, il quale non intende al momento esprimersi sul caso specifico dell’istituto scolastico bellinzonese. A tal proposito Berger anticipa che settimana prossima è previsto il lancio di un sondaggio sull’insegnamento a distanza nel livello post obbligatorio, sulla falsariga di quello effettuato dal Centro competenze innovazione e ricerca sui sistemi educativi (Cirse) tra famiglie, allievi e docenti delle scuole obbligatorie ticinesi. In quel caso il sondaggio ha coinvolto 18’629 famiglie, 2’913 docenti e 175 quadri scolastici, le cui risposte intermedie (il rapporto finale è previsto a fine agosto) hanno espresso perlopiù soddisfazione, ricorda Berger. «È difficile basarci su singole testimonianze. Abbiamo deciso di commissionare il sondaggio anche per le scuole medie superiori di tutto il cantone proprio per poter avere un quadro completo di com’è andata l’esperienza», risponde il coordinatore del Decs.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved