liceo-bellinzona-gli-allievi-chiedono-un-approccio-diverso
Nozioni via computer: non per tutti una passeggiata (Ti-Press)
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
7 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
9 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
9 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
9 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
9 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
9 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
9 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
10 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
10 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
10 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
10 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
10 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
10 ore

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
Mendrisiotto
12 ore

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
Ticino
12 ore

Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre

Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
13 ore

Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati

Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Mendrisiotto
14 ore

Cinema sotto le stelle al Lido di Riva San Vitale

In programma tra luglio e la metà di agosto cinque appuntamenti con il grande schermo open air
Locarnese
14 ore

Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici

Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
14 ore

‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’

Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
15 ore

Rinviato al 2 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo

L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
Mendrisiotto
16 ore

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri
Ticino
16 ore

Pioggia e grandine spazzano le strade: diversi tratti chiusi

Caduta di alberi segnalate in Gambarogno e a Monte Carasso. E a Riazzino allagato il sottopassaggio delle Ffs
Bellinzonese
16 ore

Tunnel del Gottardo chiuso per un veicolo in avaria

Lo segnala il Tcs su Twitter
09.07.2020 - 06:00
Aggiornamento: 14.07.2020 - 10:03

Liceo Bellinzona, gli allievi chiedono un approccio diverso

Da un sondaggio del Comitato studentesco emergono situazioni positive ma anche molti aspetti migliorabili. Appello a Direzione e corpo insegnante

Come ha funzionato il Liceo di Bellinzona durante i tre mesi di lockdown? Dopo le voci critiche raccolte dal nostro giornale fra genitori e allievi e pubblicate nell’edizione del 6 luglio, e in attesa dell’indagine conoscitiva che il Decs lancerà prossimamente nel settore dell’insegnamento medio-superiore con l’obiettivo di analizzare nel dettaglio i problemi vissuti nell’insegnamento a distanza, ma anche per trarre insegnamento dai comportamenti virtuosi di chi si è attivato con un approccio proattivo, diamo oggi spazio al sondaggio lanciato in aprile dal Comitato studentesco. Ventidue domande – cui hanno risposto 442 allievi su un totale di 700 – il cui scopo era tastare il polso della parte più sensibile della scuola e “riportare eventuali aspetti critici alla Direzione e alla psicologa di sede, in modo da attutire le difficoltà e i disagi e rafforzare e valorizzare maggiormente la formazione a distanza”. Va da sé che anche il Decs dovrebbe farne tesoro nell’ottica di un adeguato sostegno e coinvolgimento del corpo insegnante guardando alla sfida del prossimo autunno e inverno. Il documento di 17 pagine riporta infine una serie di conclusioni e di richieste.

Gli aspetti positivi

Partiamo dagli aspetti positivi. “Le istruzioni date dai docenti – si legge nelle conclusioni – sono comprensibili e permettono agli studenti di riuscire a capire il materiale in modo autonomo”. Tuttavia nel commento alle risposte viene evidenziato che “se si osservano i dati divisi per anni, nelle seconde e nelle quarte, per quanto le spiegazioni dei docenti sembrano essere chiare, sembra essere più complicato capire il materiale autonomamente. In generale gli argomenti che rientrano nella formazione a distanza sono più difficilmente assimilabili, in quanto l’allievo deve studiarli in maniera autonoma e senza la supervisione diretta di un docente”. Sempre fra gli aspetti positivi si evidenzia che “le piattaforme di Moodle e Microsoft Teams sembrano generalmente essere apprezzate dagli allievi”.

‘Piattaforme e disorganizzazione’

Più corposo il paragrafo che il Comitato riserva agli aspetti ritenuti negativi o critici – i quali contengono tuttavia ampie porzioni di risposte positive – partendo da quelli pratici: “Le comunicazioni date dalla Direzione e dal Decs non sembrano convincere gli allievi e non li rassicurano”. La piattaforma di Teams “ha un grande potenziale, ma non viene utilizzata molto dai docenti, o solo da pochi”, anche perché si possano vedere solo quattro persone contemporaneamente, il numero massimo di partecipanti è di 20 (le classi passerella hanno 25 allievi) e la qualità video è bassa. Quanto a Moodle, “sembra creare disturbo e confusione agli allievi il disordine e la mala organizzazione di vari docenti e della piattaforma in generale”, ciò che “ non permette sempre un ottimale scambio di materiale e informazioni”. Altri affermano di non apprezzare i metodi di insegnamento adottati, tanto da ritenerli “poco convincenti ed efficaci”: quindi, “meglio utilizzare di più le videolezioni”.

‘Rapporto docente-allievo non ottimale’

Al capitolo ‘Aspetti organizzativi’ viene ritenuta preoccupante la mole di lavoro, essendo “non proporzionale ai tempi previsti”: mentre l’1,8% la ritiene dosata bene e il 17,9% abbastanza bene, oltre il 40% trova che il materiale da svolgere sia troppo rispetto ai tempi, mentre il 39,5% si pone a metà. “La grande maggioranza (80,3%) tende verso una risposta negativa, abbastanza negativa o si distanzia da una risposta anche solo parzialmente positiva”. Altro punto critico il metodo di formazione: solamente il 4,5% lo trova incoraggiante e stimolante, il 44,2% si esprime negativamente e il 33% si posiziona a metà. “È dunque chiaro – si legge – che la maggioranza non si sente stimolata da come la formazione a distanza viene realizzata”. Tutto ciò induce a ritenere che il rapporto docente-allievo “non sia ottimale”: il 27,8% dichiara di non sentirsi sostenuto e compreso dalla maggioranza dei docenti; un terzo si dichiara abbastanza positivo, il 5,7% totalmente positivo e un altro terzo esprime un giudizio neutro. Il sondaggio tocca anche le lezioni svolte autonomamente: qui la situazione è ritenuta “meno allarmante”, tuttavia si denota che “più di un quarto degli allievi (28,6%) non si sente a proprio agio di fronte a uno svolgimento totalmente autonomo del materiale”, mentre il 43,8% dà una risposta abbastanza positiva o positiva. E gli esami finali: in quel momento non era ancora chiaro se si sarebbero tenuti o no (il Decs ha infine optato per il ‘no’), a ogni modo viene evidenziato che “la formazione a distanza impiega e supera spesso e volentieri l’orario scolastico e, considerando il sovraccarico, al momento ostacola la preparazione agli esami”. Non da ultimo “si sente il bisogno di un supporto maggiore da parte dei docenti che tengono materie d’esame”.

Sollecitati omogeneità e supporto emotivo

Segue un elenco di richieste. Per la situazione casa/famiglia “riteniamo che sia importante sensibilizzare e rendere consapevoli i docenti riguardo alle diverse situazioni familiari e dotazioni tecniche degli studenti”. Vi è poi l’aspetto psicologico individuale: “Auspichiamo una maggior sensibilità verso gli allievi considerando il generale e diffuso squilibrio psicologico emerso dai dati, aggravato in alcuni casi da dinamiche familiari nocive. Riteniamo pertanto fondamentale, ancor più oggi, che ogni insegnante si approcci ai suoi studenti con estremo rispetto e cautela e, laddove necessario, tenti di essere per loro fonte di supporto emotivo e psicologico”. Dal profilo pratico, “molti degli aspetti negativi riscontrati sarebbero risolti cercando il più possibile un’omogeneità nei metodi d’insegnamento a distanza e nell’utilizzo di Moodle. A tale scopo sarebbe d’aiuto un'organizzazione del materiale messo a disposizione degli allievi attraverso una suddivisione per lezioni o per tematiche. Inoltre un maggior utilizzo di Microsoft Teams permetterebbe un insegnamento più simile a quello a cui gli studenti sono abituati a scuola e un contatto più diretto e veloce tra docente e allievi”.

Più chiarezza e richieste di feedback

Quanto alle comunicazioni di Direzione e Decs, “si apprezzerebbero più chiarezza e concretezza”. Al capitolo ‘Aspetti organizzativi’ gli studenti ritengono che “sarebbe utile se ogni docente chiedesse un feedback ai suoi allievi, in modo da capire come ottimizzare la formazione a distanza per ambo le parti”. Un appello riguarda infine la questione degli esami (poi annullati) per ottenere “da parte di tutti i docenti informazioni più coincise e mirate”.

Più sensibilità e vicinanza

Preso atto del sondaggio, la Direzione ha recepito positivamente talune richieste, evidenziando che dal profilo informatico il nuovo sistema di far scuola “ha necessitato di un rodaggio e di una presa di confidenza da parte di docenti e allievi”. Fra di essi “vengono incoraggiati il confronto diretto e il dialogo continuo”. In presenza di aspetti non chiari o di un inadeguato sostegno didattico, s’invita a sollecitare senza esitare il docente interessato, in seconda battuta quello di classe e in terza la Direzione attraverso i responsabili di fascia. In replica, il Comitato studentesco ribadisce di ritenere “importante che ogni docente instauri un dialogo con le proprie classi, affinché possa verificare l’idoneità della mole di lavoro assegnata, considerando anche che molto spesso le classi stesse non esprimono il loro reale sentire (...). Sarà dunque fondamentale che i docenti tentino di sviluppare una sensibilità e una vicinanza nei confronti degli allievi, che vada oltre la convenzione e permetta loro di cogliere anche i non-detti”.

Più coinvolgimento

Infine, quanto al flusso di informazioni proveniente da Direzione e corpo insegnante e relativo ad aspetti pratici ed educativi, il Comitato studentesco sollecita una modalità migliore: “Non riteniamo sufficiente l’essere informati. Crediamo sia corretto, oltre che conveniente per il buon funzionamento della scuola in ogni sua forma, che venga coinvolta attivamente la maggioranza di individui che la compongono: gli allievi. Aspetto che se in presenza era già estremamente carente, è ora pressoché nullo”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved