liceo-bellinzona-gli-allievi-chiedono-un-approccio-diverso
Nozioni via computer: non per tutti una passeggiata (Ti-Press)
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
23 min

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
4 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
15 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
16 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
17 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
18 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
21 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
1 gior

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
1 gior

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
1 gior

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
1 gior

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
1 gior

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
1 gior

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
1 gior

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
09.07.2020 - 06:00
Aggiornamento : 14.07.2020 - 10:03

Liceo Bellinzona, gli allievi chiedono un approccio diverso

Da un sondaggio del Comitato studentesco emergono situazioni positive ma anche molti aspetti migliorabili. Appello a Direzione e corpo insegnante

Come ha funzionato il Liceo di Bellinzona durante i tre mesi di lockdown? Dopo le voci critiche raccolte dal nostro giornale fra genitori e allievi e pubblicate nell’edizione del 6 luglio, e in attesa dell’indagine conoscitiva che il Decs lancerà prossimamente nel settore dell’insegnamento medio-superiore con l’obiettivo di analizzare nel dettaglio i problemi vissuti nell’insegnamento a distanza, ma anche per trarre insegnamento dai comportamenti virtuosi di chi si è attivato con un approccio proattivo, diamo oggi spazio al sondaggio lanciato in aprile dal Comitato studentesco. Ventidue domande – cui hanno risposto 442 allievi su un totale di 700 – il cui scopo era tastare il polso della parte più sensibile della scuola e “riportare eventuali aspetti critici alla Direzione e alla psicologa di sede, in modo da attutire le difficoltà e i disagi e rafforzare e valorizzare maggiormente la formazione a distanza”. Va da sé che anche il Decs dovrebbe farne tesoro nell’ottica di un adeguato sostegno e coinvolgimento del corpo insegnante guardando alla sfida del prossimo autunno e inverno. Il documento di 17 pagine riporta infine una serie di conclusioni e di richieste.

Gli aspetti positivi

Partiamo dagli aspetti positivi. “Le istruzioni date dai docenti – si legge nelle conclusioni – sono comprensibili e permettono agli studenti di riuscire a capire il materiale in modo autonomo”. Tuttavia nel commento alle risposte viene evidenziato che “se si osservano i dati divisi per anni, nelle seconde e nelle quarte, per quanto le spiegazioni dei docenti sembrano essere chiare, sembra essere più complicato capire il materiale autonomamente. In generale gli argomenti che rientrano nella formazione a distanza sono più difficilmente assimilabili, in quanto l’allievo deve studiarli in maniera autonoma e senza la supervisione diretta di un docente”. Sempre fra gli aspetti positivi si evidenzia che “le piattaforme di Moodle e Microsoft Teams sembrano generalmente essere apprezzate dagli allievi”.

‘Piattaforme e disorganizzazione’

Più corposo il paragrafo che il Comitato riserva agli aspetti ritenuti negativi o critici – i quali contengono tuttavia ampie porzioni di risposte positive – partendo da quelli pratici: “Le comunicazioni date dalla Direzione e dal Decs non sembrano convincere gli allievi e non li rassicurano”. La piattaforma di Teams “ha un grande potenziale, ma non viene utilizzata molto dai docenti, o solo da pochi”, anche perché si possano vedere solo quattro persone contemporaneamente, il numero massimo di partecipanti è di 20 (le classi passerella hanno 25 allievi) e la qualità video è bassa. Quanto a Moodle, “sembra creare disturbo e confusione agli allievi il disordine e la mala organizzazione di vari docenti e della piattaforma in generale”, ciò che “ non permette sempre un ottimale scambio di materiale e informazioni”. Altri affermano di non apprezzare i metodi di insegnamento adottati, tanto da ritenerli “poco convincenti ed efficaci”: quindi, “meglio utilizzare di più le videolezioni”.

‘Rapporto docente-allievo non ottimale’

Al capitolo ‘Aspetti organizzativi’ viene ritenuta preoccupante la mole di lavoro, essendo “non proporzionale ai tempi previsti”: mentre l’1,8% la ritiene dosata bene e il 17,9% abbastanza bene, oltre il 40% trova che il materiale da svolgere sia troppo rispetto ai tempi, mentre il 39,5% si pone a metà. “La grande maggioranza (80,3%) tende verso una risposta negativa, abbastanza negativa o si distanzia da una risposta anche solo parzialmente positiva”. Altro punto critico il metodo di formazione: solamente il 4,5% lo trova incoraggiante e stimolante, il 44,2% si esprime negativamente e il 33% si posiziona a metà. “È dunque chiaro – si legge – che la maggioranza non si sente stimolata da come la formazione a distanza viene realizzata”. Tutto ciò induce a ritenere che il rapporto docente-allievo “non sia ottimale”: il 27,8% dichiara di non sentirsi sostenuto e compreso dalla maggioranza dei docenti; un terzo si dichiara abbastanza positivo, il 5,7% totalmente positivo e un altro terzo esprime un giudizio neutro. Il sondaggio tocca anche le lezioni svolte autonomamente: qui la situazione è ritenuta “meno allarmante”, tuttavia si denota che “più di un quarto degli allievi (28,6%) non si sente a proprio agio di fronte a uno svolgimento totalmente autonomo del materiale”, mentre il 43,8% dà una risposta abbastanza positiva o positiva. E gli esami finali: in quel momento non era ancora chiaro se si sarebbero tenuti o no (il Decs ha infine optato per il ‘no’), a ogni modo viene evidenziato che “la formazione a distanza impiega e supera spesso e volentieri l’orario scolastico e, considerando il sovraccarico, al momento ostacola la preparazione agli esami”. Non da ultimo “si sente il bisogno di un supporto maggiore da parte dei docenti che tengono materie d’esame”.

Sollecitati omogeneità e supporto emotivo

Segue un elenco di richieste. Per la situazione casa/famiglia “riteniamo che sia importante sensibilizzare e rendere consapevoli i docenti riguardo alle diverse situazioni familiari e dotazioni tecniche degli studenti”. Vi è poi l’aspetto psicologico individuale: “Auspichiamo una maggior sensibilità verso gli allievi considerando il generale e diffuso squilibrio psicologico emerso dai dati, aggravato in alcuni casi da dinamiche familiari nocive. Riteniamo pertanto fondamentale, ancor più oggi, che ogni insegnante si approcci ai suoi studenti con estremo rispetto e cautela e, laddove necessario, tenti di essere per loro fonte di supporto emotivo e psicologico”. Dal profilo pratico, “molti degli aspetti negativi riscontrati sarebbero risolti cercando il più possibile un’omogeneità nei metodi d’insegnamento a distanza e nell’utilizzo di Moodle. A tale scopo sarebbe d’aiuto un'organizzazione del materiale messo a disposizione degli allievi attraverso una suddivisione per lezioni o per tematiche. Inoltre un maggior utilizzo di Microsoft Teams permetterebbe un insegnamento più simile a quello a cui gli studenti sono abituati a scuola e un contatto più diretto e veloce tra docente e allievi”.

Più chiarezza e richieste di feedback

Quanto alle comunicazioni di Direzione e Decs, “si apprezzerebbero più chiarezza e concretezza”. Al capitolo ‘Aspetti organizzativi’ gli studenti ritengono che “sarebbe utile se ogni docente chiedesse un feedback ai suoi allievi, in modo da capire come ottimizzare la formazione a distanza per ambo le parti”. Un appello riguarda infine la questione degli esami (poi annullati) per ottenere “da parte di tutti i docenti informazioni più coincise e mirate”.

Più sensibilità e vicinanza

Preso atto del sondaggio, la Direzione ha recepito positivamente talune richieste, evidenziando che dal profilo informatico il nuovo sistema di far scuola “ha necessitato di un rodaggio e di una presa di confidenza da parte di docenti e allievi”. Fra di essi “vengono incoraggiati il confronto diretto e il dialogo continuo”. In presenza di aspetti non chiari o di un inadeguato sostegno didattico, s’invita a sollecitare senza esitare il docente interessato, in seconda battuta quello di classe e in terza la Direzione attraverso i responsabili di fascia. In replica, il Comitato studentesco ribadisce di ritenere “importante che ogni docente instauri un dialogo con le proprie classi, affinché possa verificare l’idoneità della mole di lavoro assegnata, considerando anche che molto spesso le classi stesse non esprimono il loro reale sentire (...). Sarà dunque fondamentale che i docenti tentino di sviluppare una sensibilità e una vicinanza nei confronti degli allievi, che vada oltre la convenzione e permetta loro di cogliere anche i non-detti”.

Più coinvolgimento

Infine, quanto al flusso di informazioni proveniente da Direzione e corpo insegnante e relativo ad aspetti pratici ed educativi, il Comitato studentesco sollecita una modalità migliore: “Non riteniamo sufficiente l’essere informati. Crediamo sia corretto, oltre che conveniente per il buon funzionamento della scuola in ogni sua forma, che venga coinvolta attivamente la maggioranza di individui che la compongono: gli allievi. Aspetto che se in presenza era già estremamente carente, è ora pressoché nullo”.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved